entity
id:1138776
revid:101167877
size:48962
Bertrand Russell
OKNo issues detected

Abstract

sections_text:
<empty>
Content:Fu anche un autorevole esponente del movimento pacifista e un divulgatore della filosofia. In molti hanno guardato a Russell come a una sorta di profeta della vita creativa e razionale; al tempo stesso la sua posizione su molte questioni fu controversa. Russell è stato avvicinato alle correnti filosofiche del razionalismo, dell'antiteismo e del neopositivismo.
Biografia
Content:
Famiglia
Content:Bertrand Russell nacque da una delle più prestigiose e potenti famiglie dell'aristocrazia britannica, i Duca di Bedford, Conte e duchi, le cui origini risalgono al XII secolo. Tra coloro che portarono il titolo connesso a questa famiglia vi fu Giovanni di Lancaster ai tempi di Enrico VI dInghilterra. I suoi nonni paterni erano John Russell, I conte di Russell (ex Primo ministro del Regno britannico, che ricevette come cadetto il titolo di Earl, cioè conte del Regno Unito) nonché figlio terzogenito di John Russell, VI duca di Bedford e della scozzese Lady Frances Anna-Maria Elliot-Murray-Kynynmound (che ebbe molta influenza su di lui), figlia di Gilbert Elliot-Murray-Kynynmound, II conte di Minto e zia di Gilbert Elliot-Murray-Kynynmound, IV conte di Minto, già Governatore Generale del Canada e poi Viceré dIndia.La madre era Katherine Louisa Stanley, figlia di Edward Stanley, II Barone di Alderley, ex ministro del Commercio; sorelle di sua madre erano Rosalind Frances Stanley, che sposò George Howard, IX conte di Carlisle e Henrietta Blanche Stanley, consorte di Conte di Airlie e nonna di Clementine Hozier, la moglie di Winston Churchill. Altre parentele comprendevano il socialista inglese Esmond Romilly e suo fratello Giles (entrambi figli di una sorella di Clementine, Nellie Hozier), le celebri Famiglia Mitford, tra le quali spiccano Deborah Mitford, la socialista Jessica Mitford (moglie dello stesso Esmond Romilly), la scrittrice Nancy Mitford e le filo-fasciste Diana Mitford e Unity, la prima, moglie del politico fascista Sir Oswald Mosley, e la seconda, amica di Adolf Hitler.Tra la folla di illustri congiunti spiccano infine Sir Angus Ogilvy, marito della Principessa Alexandra, onorevole Lady Ogilvy, cugina della Regina Elisabetta II del Regno Unito e, per parte di madre, i monarchi Carlo II dInghilterra e suo fratello Giacomo II dInghilterra, attraverso sua nonna Henrietta Dillon, di antica famiglia Irlanda Giacobitismo. Per parte di padre manteneva poi legami parentali con il Charles Spencer-Churchill, IX duca di Marlborough e suo cugino Winston Churchill, il John Montagu Douglas Scott, VII duca di Buccleuch, il Henry Petty-Fitzmaurice, V marchese di Lansdowne e il Victor Cavendish, IX duca di Devonshire. Dopo aver perduto la madre all'età di due anni e il padre a quattro, fu cresciuto dal nonno John e dalla nonna Frances. Il padrino di battesimo di Russell fu John Stuart Mill, il grande filosofo utilitarismo e liberalismo del XIX secolo. Grazie alle origini famigliari, Russell occupò un seggio alla Camera dei Lords, dal quale poté difendere le sue posizioni.
Educazione
Content:L'infanzia e l'adolescenza di Russell, anche a causa di un'oppressiva educazione Puritani, non furono felici. L'unica gioia si rivelò per lui, in quegli anni, lo studio della matematica, come egli stesso racconta: A quindici anni cominciò ad appassionarsi anche di filosofia, emancipandosi via via da quella religiosità a cui era molto legato ma dalla quale si sentiva soffocare.Bertrand Russell, La mia filosofia, trad. Francesca Pasquini, Newton, 1995, pp. 28-36. Dal 1890 studiò filosofia e logica presso l'Università di Cambridge. A 17 anni incontrò Alys Pearsall Smith, quaccheri statunitense. I due si sposarono nel dicembre del 1894, ma si separarono nel 1911. Russell non fu fedele; ebbe relazioni, tra le altre, con Lady Ottoline Morrell e Constance Malleson. Nel 1908 divenne assistente al Trinity College (Cambridge) dell'Università di Cambridge, sotto la direzione di John Ellis McTaggart.
L'attivismo e l'insegnamento
Content:File:Russell1907-2.jpg: File:Honourable Bertrand Russell.jpg: Allo scoppio della prima guerra mondiale, le sue idee pacifismo lo assorbirono completamente, costandogli– per la pubblicazione, nel 1916, dei Principi di riforma sociale – l'allontanamento dall'insegnamento e la rottura del contratto con il Trinity College; fu inoltre a causa di un articolo pacifista che, nel 1918, scontò sei mesi di carcere, durante i quali– convintosi che non vi fosse più alcuna azione pacifista che egli potesse portare avanti utilmente– scrisse lIntroduzione alla filosofia matematica.Bertrand Russell, La mia filosofia, op. cit., p. 7 (nota bio-bibliografica) e p. 111. Nel 1920 fece un viaggio in Unione Sovietica e successivamente fu invitato per un anno a Pechino. Nel 1921 divorziò da Alys e sposò Dora Russell, attivista femminista e scrittrice, che dopo il matrimonio firmò i propri lavori col cognome del marito. Da Dora ebbe il figlio John e la figlia Kathrine. In quegli anni si mantenne scrivendo testi divulgativi su fisica, etica e pedagogia. Insieme con la moglie scrisse vari testi e nel 1927 fondò la scuola sperimentale per bambini e bambine di Beacon Hill.Dopo avere divorziato anche da Dora, nel 1936 si sposò con una studentessa di Università di Oxford, Patricia ("Peter") Spence. Nel 1939 si trasferì negli Stati Uniti per un incarico presso l'UCLA di Los Angeles. Nel 1944 fece ritorno in Inghilterra presso il Trinity College. Nel 1948, a 76 anni, riuscì a salvarsi a nuoto da un incidente aereo.Bertrand Russell, La mia filosofia, op. cit., p. 8 (nota biobibliografica). Nel 1952 divorziò anche da Patricia e sposò Edith, che conosceva dal 1925. Negli Anni 1960 Russell scrisse la sua autobiografia in tre volumi che portò a termine prima di morire a causa di una bronchite acuta all'età di quasi 98 anni. Come da sua volontà, non fu celebrato alcun funerale e le sue Cremazione furono disperse sulle colline del GallesSimon Critchley Il libro dei filosofi morti, 2009 Garzanti, p.244.Al sopraggiungere della morte, Russell era anche una voce autorevole nel campo della morale e dell'etica, conseguentemente alla sua presa di posizione contro le armi nucleari e contro la guerra del Vietnam. Nel 1950, Russell fu insignito del Premio Nobel per la letteratura "quale riconoscimento ai suoi vari e significativi scritti nei quali egli si leva in alto a campione degli ideali umanitari e della libertà di pensiero".
L'opera logica e filosofica di Russell
Content:
La logica
Content:Nella logica matematica Russell fissò il paradosso che successivamente prese da lui il nome di paradosso di Russell. Il paradosso minava irrimediabilmente il progetto di Gottlob Frege di ridurre la matematica alla logica. Nondimeno, Russell difese la teoria del logicismo e tentò in prima persona di realizzare la riduzione logicista assieme a Alfred North Whitehead, nei Principia Mathematica, un sistema assiomatico con cui tutte le affermazioni della matematica potevano essere costruite, ma che restarono incompleti. Nemmeno i Principia Mathematica, che pure si sottraevano alle aporia contro le quali si era infranto il sogno di Frege, poterono resistere ai teoremi di incompletezza di Gödel di Kurt Gödel che provavano che nessun sistema logico finito poteva risolvere dentro di sé tutte le verità della matematica.File:Bertrand Russell leads anti-nuclear march in London, Feb 1961.jpg: Successivamente Russell sviluppò, anche a seguito del dialogo filosofico con l'allievo Ludwig Wittgenstein, la visione filosofica dell'atomismo logico, secondo la quale il mondo è costituito da elementi minimi indivisibili di natura logica, i fatti atomici.
La filosofia del linguaggio
Content:Il principale contributo di Russell alla filosofia del linguaggio è la teoria delle descrizioni. Essa è normalmente illustrata con l'argomento de "l'attuale re di Francia", usata per esempio nell'enunciato "L'attuale re di Francia è calvo". A chi si riferisce questo enunciato dal momento che attualmente non esiste alcun re di Francia? Alexius Meinong aveva suggerito che noi dovessimo presupporre un mondo delle "entità non esistenti" a cui poterci riferire quando ricorriamo a enunciati simili; ma si tratta di una teoria quanto meno curiosa. Frege pensava invece che potessimo rifiutare come "non sensi" tutti gli enunciati le cui parole si riferiscono apparentemente a oggetti che non esistono. D'altra parte una frase come "se l'attuale re di Francia è calvo, allora l'attuale re di Francia non ha capelli sulla testa" non solo non sembra priva di senso ma sembra indubbiamente vera. Infine lo stesso problema si porrebbe se ci fossero due re di Francia: a quale dei due l'espressione "l'attuale re di Francia" si riferisce? File:Bertrand Russell (c. April 1940).jpg: Il problema è posto dalle "descrizioni definite". Esse comprendono tutte le espressioni che cominciano con "il" e alle volte anche i nomi, come "Walter Scott". Qual è la forma logica delle descrizioni definite? Come, in termini fregeani, possiamo parafrasarle così da mostrare che la verità dell'intero dipende dalla verità delle singole parti? Le descrizioni definite sono simili a nomi che per natura denotano esattamente un oggetto, né più né meno.La soluzione di Russell è di analizzare non le singole parti ma l'intero enunciato che contiene una descrizione definita. "L'attuale re di Francia è calvo", può essere tradotto in: "Esiste un unico X tale che X è l'attuale re di Francia ed è calvo".Russell ritiene che ogni "descrizione definita" contenga un'affermazione di esistenza e un'affermazione di unicità, ma esse possono essere distinte e trattate separatamente dal predicato che è contenuto nell'enunciato in cui compaiono. L'enunciato contiene tre dichiarazioni circa un oggetto: la descrizione definita ne contiene due, il resto dell'enunciato contiene la terza. Se l'oggetto non esiste, o se non è unico, allora l'enunciato è falso, ma non privo di significato.Una delle maggiori critiche mosse alla teoria di Russell è stata formulata da Peter Frederick Strawson: le descrizioni definite non affermano che il loro oggetto esiste, esse semplicemente presuppongono che esso esista.
L'epistemologia
Content:La riflessione Epistemologia di Russell è passata attraverso diverse fasi. Russell pensa che l'uomo possa conoscere solo i dati sensoriali, percezioni momentanee e soggettive di colori e suoni, e che ogni altra cosa, compresi gli stessi oggetti fisici cui vengono riferite le nostre percezioni sensoriali, non possono essere conosciute direttamente.
L'influenza di Russell
Content:Russell è generalmente considerato uno dei fondatori della filosofia analitica. Assieme a George Edward Moore è stato protagonista della "rivoluzione contro l'idealismo" della filosofia anglosassone d'inizio XX secolo (che fu echeggiata trent'anni dopo a Vienna, dalla "rivoluzione contro la metafisica" del positivismo logico). Russell e Moore hanno lottato per eliminare quello che essi ritenevano una filosofia incoerente e priva di significato e per raggiungere la chiarezza e la precisione del ragionamento. Gli scritti logici redatti assieme a Alfred North Whitehead hanno continuato questo progetto.Russell fu maestro di Ludwig Wittgenstein tra il 1911 e il 1914, e lo aiutò a trovare un editore per la pubblicazione del Tractatus logico-philosophicus oltre che garantirgli un incarico all'Università di Cambridge. Tuttavia, Russell disapprovò l'approccio ai problemi filosofici dell'ultimo Wittgenstein, che a sua volta accusò il suo antico maestro di essere "superficiale e falso". L'opera e il pensiero di Russell hanno influenzato i lavori di Willard Van Orman Quine, Karl Popper e molti altri.
L'attivismo di Russell
Content:
Politica
Content:File:Russel Keynes Strachey 2.jpg: Bertrand Russell fu un convinto pacifismo. Riteneva che il miglior governo fosse una governo mondiale tra stati liberi. Si oppose alla partecipazione del Regno Unito alla prima guerra mondiale. Per la sua posizione fu prima allontanato e poi perse la cattedra al Trinity College (Cambridge) dell'Università di Oxford; infine fu incarcerato per sei mesi nella prigione di Bixton in quanto "dissidente".
Il pacifismo relativo
Content:Negli anni immediatamente precedente la seconda guerra mondiale, Russell fu fautore di una politica di pacificazione, tendente anche al dialogo con i nazisti per impedire un nuovo conflitto, ma alla fine, nel 1940, riconobbe che Adolf Hitler doveva essere combattuto. Russell chiamò la sua posizione "pacifismo relativo": egli riteneva che la guerra fosse un male, ma anche che, in circostanze estreme (ad esempio, quando Hitler minacciava di occupare l'Europa intera), la guerra stessa potesse essere il male minore.Rempel, Richard A. (dicembre 1978). "I dilemmi dei pacifisti britannici durante la seconda guerra mondiale". The Journal of Modern History 50 (4): D1213-D1229. doi : 10,1086 / 241842 . JSTOR 1.877.299 Una posizione analoga avrà nei confronti di Stalin.
Socialismo democratico
Content:Politicamente sostenitore del socialismo democratico e socialismo riformista, per un certo periodo aperto sostenitore del Partito Laburista (Regno Unito), ma avvicinatosi dopo la guerra al socialismo liberale e al liberalismo sociale, apparso per la prima volta in un articolo pubblicato sul New York Times Magazine del 16 dicembre 1951 dal titolo: "La migliore risposta al fanatismo: il liberalismo". È stato poi incluso nella Autobiografia di Bertrand Russell, Vol. 3, 1944-1967, Russell criticò duramente il totalitarismo di Stalin, tanto che fino alla morte del dittatore (1953) mantenne un atteggiamento di netto contrasto al blocco sovietico, ritenendo il marxismo un "sistema dogmatico" e nemico della libertà, al pari del capitalismo senza freni.Bertrand Russell, Saggi impopolari (1950), p.19, Simon e Schuster Fu anche amico di John Maynard Keynes, di cui condivise alcune economia keynesiana socio-liberali e per un certo periodo seguace della fabianesimo, ma l'abbandonò dopo che i fabiani cominciarono a sostenere un sistema di intese militari internazionali in funzione anti-tedesca, che secondo lui avrebbero portato alla guerra aperta, che all'epoca Russell cercava assolutamente di prevenire.
Controversia sull'Unione Sovietica
Content:Russell sostenne in una conferenza pubblica del 1948 la possibilità che ci fosse la necessità di un attacco nucleare preventivo, su obiettivi militari e non civili, contro l'Unione Sovietica, al fine di eliminare lo stalinismo e impedire che ottenesse la bomba atomica. Russell aveva visitato l'Unione sovietica negli anni venti, osservandone l'involuzione dittatoriale e temeva un espandersi del comunismo in Occidente.A partire dagli Anni 1950 divenne però assieme ad Albert Einstein, una volta compresi i danni collaterali delle radiazioni atomiche, un sostenitore autorevole del disarmo nucleare. Secondo alcuni, come Nicholas Griffin della McMaster Universitynel libro da lui curato, Lettere selezionate di Bertrand Russell, 1914-1970, il discorso di Russell, di cui si procurò il testo esatto, non implicava l'uso effettivo della bomba (alla cui realizzazione si era opposto, a differenza di Einstein che l'aveva supportata, pur pentendosene) ma semplicemente il suo utilizzo come minaccia o deterrente, in modo da esercitare una massiccia pressione diplomatica sulle azioni dei sovietici. File:Russell Manifest.jpg: L'interpretazione di Griffin è stata contestata da Nigel Lawson, ex cancelliere dello Scacchiere durante il governo Partito Conservatore (Regno Unito) di Margaret Thatcher e che era presente al discorso come studente (all'epoca era sedicenne), che ha sostenuto che fu abbastanza chiaro che Russell stava appoggiando un vero e proprio attacco a sorpresa.Qualunque fosse l'interpretazione corretta, Russell abbandonò quasi subito questa linea, sostenendo il disarmo reciproco da parte delle potenze nucleari.
L'opposizione alle guerre
Content:Nel 1961 Russell fu processato e condannato a due mesi di carcere, di cui scontò una settimana in prigione sempre a Bixton, in seguito al suo arresto in una manifestazione a Londra contro il proliferare delle armi nucleari. Il giudice gli concesse, data l'età avanzata (89 anni), di avere la libertà condizionale se avesse garantito sull'onore il suo "buon comportamento" futuro, ma Russell rispose di no; rinunciò inoltre al suo privilegio, come Parìa britannica, di essere esentato dall'arresto senza autorizzazione della Camera dei Lords.Bertrand Russell Peace Foundation, Bertrand Russell, 1872–1970 [1970], p. 12La guerra in Vietnam fu l'ultimo obiettivo polemico del pacifismo di Russell, che insieme con il filosofo comunista esistenzialismo Jean-Paul Sartre fondò tribunale Russell per processare gli Stati Uniti dAmerica per crimini di guerra.
Critica delle "filosofie totalitarie"
Content:File:Bertrand Russell.jpeg Il filosofo sostenne inoltre che il totalitarismo, in special modo quello di Hitler ma anche di Stalin, era derivato dall'idea della volontà generale di Jean-Jacques Rousseau, poi accolta con diversi nomi in altre filosofie, come quella di Hegel e Marx. Russell riconosceva invece la democrazia moderna come figlia del pensiero illuminista classico, in particolare di John Locke e Voltaire.
Altre prese di posizione
Content:Russell criticò anche la ricostruzione dell'assassinio di John Fitzgerald Kennedy; lo scritto 16 Questions on the Assassination pubblicato nel 1964 è ancora considerato un buon riassunto delle lacune presenti nella versione ufficiale del caso fornita dalla Commissione Warren, versione che sosteneva la colpevolezza del solo Lee Harvey Oswald (pista del "cecchino solitario", ritenuta da molti come inverosimile)., Originally published in: The Minority of One, 6 September 1964, pp.6–8.Una delle sue ultime battaglie, fu quella per la depenalizzazione dell'omosessualità nel Regno Unito, che avrebbe visto realizzata nel 1967.
Morale
Content:Russell criticò la nozione età vittoriana di moralità. Nei suoi scritti giovanili espresse l'opinione che l'amore tra un uomo e una donna che non sono sposati non è necessariamente immorale se essi si amano veramente. Ciò fu sufficiente a sollevare vigorose proteste e denunce in occasione della sua prima visita negli USA (la vita privata di Russell fu più edonismo di quanto i suoi scritti non rivelassero ma al tempo non era ancora sufficientemente conosciuta). Nei suoi saggi sulla morale diede avvio a una serie di concezioni morali che divennero popolarissime. Va ricordato, in particolare, il dibattito che si innescò a partire dal suo saggio Matrimonio e morale (Russell), pubblicato nel 1929.
L'esempio del ''tacchino induttivista''
Content:Il tacchino induttivista è una celebre metafora ideata da Bertrand Russell e ripresa da Karl Popper, mirata a confutare le pretese di validità dell'induzione per enumerazione, cardine dell'empirismo tradizionale di filosofi come Francesco Bacone, John Stuart Mill e delle disquisizioni del Wiener Kreis, il Circolo di Vienna dei filosofi positivisti logici tenutosi nella prima metà del XX secolo (composto da pensatori come Otto Neurath e Rudolf Carnap).
Religione
Content:In materia di religione, Russell si dichiarava filosoficamente agnosticismo e ateismo nella vita pratica. Il suo atteggiamento verso il Dio cristiano era identico a quello verso gli dei dell'antica Grecia: persuaso della mancanza di prove dell'esistenza di entrambi, con il celebre paragone della Teiera di Russell egli mostra come si possa inculcare nella mente delle persone qualcosa che si voglia far passare per "verità". Sostiene inoltre che affermare l'esistenza di qualcosa che non è dimostrabile è normalmente vista come un'affermazione probabilmente falsa (dice: «si penserebbe giustamente che sto dicendo fesserie»). Diversamente invece avviene quando «la teiera viene affermata nei libri antichi, insegnata ogni domenica come la sacra verità, instillata nelle menti dei bambini a scuola, l'esitazione nel credere alla sua esistenza diverrebbe un segno di eccentricità e porterebbe il dubbioso all'attenzione dello psichiatra in un'età illuminata o dell'Inquisitore in un tempo antecedente»., by Bertrand Russell (commissioned-but not published-by Illustrated Magazine in 1952) La sua posizione è spiegata nei saggi Io sono un ateo o un agnostico? e Perché non sono cristiano.Le posizioni di Russell, da alcuni definite antireligiose, furono oggetto di forti critiche e di pesanti ostracismi. Famoso, ad esempio, è il caso dell'incarico al City College of New York di New York che destò l'avversione dei clericali del tempo e che diede inizio ad alcune ripercussioni.
Scienza e religione
Content:Nel 1935 Russell pubblica il saggio Scienza e religione (titolo originale: Religion and Science). L'autore delinea il rapporto tra questi due aspetti sociali della vita dell'uomo, facendo particolare riferimento a come la scienza è andata progressivamente emancipandosi dalla religione, liberandosi del peso della superstizione e acquistando un metodo suo proprio. Attraverso l'esposizione delle più classiche tematiche di scontro tra scienza e religione, Russell mostra quali siano i legittimi terreni di indagine delle due: la religione non può essere toccata dalla scienza solo laddove si occupa di un "modo di sentire" e non del vero e del falso, cosa che invece pertiene alla scienza. Alla scienza, inoltre, non si può chiedere (com'è stato fatto invece in alcuni celebri casi nella storia) di soggiacere con fede a dogmi, evinti da qualche testo sacro: la metodologia e l'approccio della scienza sono essenzialmente diversi. Viene infine riconosciuta alla religione più antica (l'autore si riferisce in realtà quasi sempre al cristianesimo) l'essere stata in grado di purificarsi dalla superstizione e di essere divenuta benefica, in grado cioè di non limitare il progresso della scienza, cosa che non vale per le "nuove religioni" politiche (nazismo e comunismo), che nascevano e prendevano il sopravvento mentre scriveva.
Critiche
Content:Russell venne attaccato e diffamato dagli ambienti religiosi cristiani, descritto come «propagandista antireligioso e antimorale e che, in particolar modo, difende l'adulterio» e l'omosessualità.citato in: Paul Edwards: "Come fu vietato a Bertrand Russell l'insegnamento al "City College" di New York, in "Why I Am Not a Christian and Other Essays on Religion and Related Subjects" di Bertrand Russell, 1957, London, George Allen & Unwin. trad it. Perché non sono cristiano, 2003, TEA.Oltre a questi attacchi, Russell è stato criticato anche da altre aree. Il filosofo idealismo liberalismo Benedetto Croce, anti-positivismo, a proposito dello sviluppo novecentesco della logica matematica e dell'introduzione dei formalismi simbolici, da parte di matematici e filosofi come Gottlob Frege, Giuseppe Peano e appunto Bertrand Russell, dichiarerà: Il reazione (politica) tradizionalismo (filosofia) Julius Evola scrisse invece: Per il suo atteggiamento ondivago verso l'URSS, la Germania nazista e le armi nucleari, è stato pesantemente criticato anche dall'attivista e teorie del complotto Lyndon LaRouche., Schiller Institute, 1994
Influenza
Content:Il pensiero politico e filosofico di Russell ha ispirato la corrente del nuovo ateismo, in particolare Richard Dawkins e Piergiorgio Odifreddi, influenzato anche dalla logica russelliana., Rai.tv Ha ispirato anche Noam Chomsky, specialmente per il pacifismo e la filosofia del linguaggio, e molti altri.
Riferimenti
Content:Un tratteggio di Russell è contenuto nel poema di Mario Luzi dal titolo Su Fondamenti Invisibili.
Opere
Content:Principali lavori di Russell in ordine cronologico. @an0:''The Principles of Mathematics''@an0:Luiss University Press]]), Longanesi ISBN 978-88-304-2248-3 @an0:Laterza@an0:Storia della filosofia occidentale@an0:Laterza Nota: nei lavori su riportati non sono compresi pamphlet, introduzioni, articoli e lettere che possono essere trovati nelle antologie o nelle raccolte. Tra tutte segnaliamo per importanza The Collected Papers of Bertrand Russell, che la McMaster University cominciò a pubblicare nel 1983. Questa raccolta di lavori più brevi o non pubblicati fino a oggi consta di 18 volumi, e diversi altri si aggiungeranno. Inoltre solo per la sua bibliografia sono stati necessari 3 volumi. Gli archivi di Russell presso la McMaster University contengono più di 30.000 lettere.
Onorificenze
Content:
Note
Content:
Bibliografia
Content:
Studi sulla filosofia di Russell
Content:
Libri biografici
Content:@an0:John Lewis
Voci correlate
Content:
Altri progetti
Content:
Collegamenti esterni
Content:@an0:http://www.mcmaster.ca/russdocs/russell.htm@an1:The Bertrand Russell Archiveslingua:enurl: https://plato.stanford.edu/entries/russell/titolo:Bertrand Russellautore:Andrew David Irvinesito:Stanford Encyclopedia of Philosophylingua:en@an0:http://turnbull.mcs.st-and.ac.uk/history/Mathematicians/Russell.html@an1:Voce dedicata nel sito web della School of Mathematical and Computational Sciences University of St Andrewslingua:en1:http://www.positiveatheism.org/tochruss.htm2:Voce con alcuni saggi di Russelllingua:enContent:
Opere disponibili in rete
Content:@an0:http://scepsis.ru/eng/articles/russell3.php@an1:''Mysticism''@an0:http://www005.upp.so-net.ne.jp/russell/index-e.htm@an1:"Contents Recommended"@an0:https://www3.nd.edu/~afreddos/courses/264/fmw.htm@an1:A Free Man's Worship1:http://www.positiveatheism.org/hist/russell8.htm2:''Am I an Atheist or an Agnostic?''accesso:6 luglio 2005urlarchivio:https://web.archive.org/web/20050622001026/http://www.positiveatheism.org/hist/russell8.htmdataarchivio:22 giugno 2005urlmorto:sì1:http://www.solstice.us/russell/icarus.html2:''Icarus: The Future of Science''accesso:29 maggio 2007urlarchivio:https://web.archive.org/web/20070529182822/http://www.solstice.us/russell/icarus.htmldataarchivio:29 maggio 2007urlmorto:sì1:http://www.solstice.us/russell/religionciv.html2:''Has Religion Made Useful Contributions to Civilization?''accesso:13 ottobre 2008urlarchivio:https://web.archive.org/web/20081013171622/http://www.solstice.us/russell/religionciv.htmldataarchivio:13 ottobre 2008urlmorto:sì1:http://www.solstice.us/russell/ideas_harm.html2:''Ideas that Have Harmed Mankind''accesso:15 ottobre 2008urlarchivio:https://web.archive.org/web/20081015044506/http://www.solstice.us/russell/ideas_harm.htmldataarchivio:15 ottobre 2008urlmorto:sì@an0:http://www.zpub.com/notes/idle.html@an1:In Praise of Idleness@an0:http://nobelprize.org/literature/laureates/1950/russell-lecture.html@an1:Nobel Lectureurl: http://onlinebooks.library.upenn.edu/webbin/gutbook/lookup?num=4776titolo:''Political Ideals''@an0:https://ia600304.us.archive.org/3/items/portraitsfrommem005918mbp/portraitsfrommem005918mbp.pdf@an1:''Portraits from Memories and other Essays''url: http://www.philosophyarchive.com/text.php?era=1900-1999&author=Russell&text=Problems%20of%20Chinatitolo:''The Problem of China''urlmorto:sìurlarchivio:https://web.archive.org/web/20070311184431/http://www.philosophyarchive.com/text.php?era=1900-1999&author=Russell&text=Problems%20of%20Chinadataarchivio:11 marzo 2007@an0:http://www3.hku.hk/philodep/misc/russell/@an1:''The Problems of Philosophy''@an0:http://www.zpub.com/notes/rfree10.html@an1:Proposed Roads to Freedom1:http://karws.gso.uri.edu/JFK/the_critics/russell/Sixteen_questions_Russell.html2:"16 Questions on the Assassination" (of President Kennedy)accesso:15 dicembre 2012urlarchivio:https://archive.is/20121215180909/http://karws.gso.uri.edu/JFK/The_critics/Russell/Sixteen_questions_Russell.htmldataarchivio:15 dicembre 2012urlmorto:sìurl: http://onlinebooks.library.upenn.edu/webbin/gutbook/lookup?num=2529titolo:''The Analysis Of Mind''1:http://www.positiveatheism.org/hist/russell0.htm2:''Why I am not a Christian''accesso:19 novembre 2006urlarchivio:https://web.archive.org/web/20061119081311/http://www.positiveatheism.org/hist/russell0.htmdataarchivio:19 novembre 2006urlmorto:sì@an0:http://fair-use.org/bertrand-russell/the-elements-of-ethics@an1:The Elements of Ethics@an0:http://fair-use.org/bertrand-russell/the-principles-of-mathematics@an1:The Principles of Mathematicsurl: http://www.hti.umich.edu/cgi/t/text/text-idx?c=umhistmath;cc=umhistmath;view=toc;idno=AAT3201.0001.001titolo:The Principles of Mathematics Categoria:Autori fantasy Categoria:Studenti del Trinity College (Cambridge) Categoria:Vincitori del premio Nobel per la letteratura Categoria:Pacifisti Categoria:Filosofi atei Categoria:Scienziati atei Categoria:Socialisti Categoria:Bertrand Russell Categoria:Medaglia De Morgan Categoria:Medaglia Sylvester Categoria:Nati in Galles Categoria:Morti in Galles Categoria:Scrittori di fantascienza britannici Categoria:Uomini universali Categoria:Filosofi del XX secolo

References

The Right HonourableOMFRSCamera dei lordGiorgio VEdoardo VIIIGiorgio VIElisabetta IIIndipendenteSocialismo liberaleLiberalismo socialelogicafilosofiaUniversità di Cambridgeateismoattivistasaggistamovimento pacifistafilosofiarazionalismoantiteismoneopositivismoRussell di BedfordcontiduchiXII secoloGiovanni di Lancaster, I Duca di Bedford, reggente di Francia e InghilterraEnrico VIJohn Russell, I conte di RussellPrimo ministroRegno UnitoJohn Russell, VI duca di BedfordGilbert Elliot-Murray-Kynynmound, II conte di MintoGilbert Elliot-Murray-Kynynmound, IV conte di MintoGovernatore Generale del CanadaViceré dIndiaGeorge Howard, IX conte di CarlisleDavid Ogilvy, X Conte di AirlieClementine Ogilvy HozierWinston Churchillsorelle MitfordDeborah, Duchessa di DevonshireJessicaNancyDianafascistaOswald MosleyAdolf HitlerAlexandra di KentElisabetta IICarlo IIGiacomo IIirlandesegiacobitaIX Duca di MarlboroughWinston ChurchillVII Duca di BuccleuchV marchese di LansdowneIX Duca di DevonshireJohn Stuart MillutilitaristaliberaleXIX secoloCamera dei LordsinfanziaadolescenzapuritanamatematicaLa conquista della felicitàLonganesifilosofia1890logicaUniversità di Cambridgequacchera18941911Ottoline MorrellConstance Malleson1908Trinity CollegeUniversità di CambridgeJohn Ellis McTaggartRussell nel 1907: Russell nel 1916: prima guerra mondialepacifiste191619181920Unione SovieticaPechino1921Dora Blackpedagogia1927Beacon Hill1936Oxford1939UCLALos Angeles1944194819521925anni sessantabronchite acutafuneraleceneriGallesSimon CritchleyGarzantimoraleeticaguerra degli USA in Vietnam1950Premio Nobel per la letteraturalibertà di pensierologica matematicaparadossoparadosso di RussellGottlob FregelogicismoAlfred North WhiteheadPrincipia Mathematicasistema assiomaticoaporieteoremi di incompletezzaKurt GödelBertrand Russell guida una marcia antinuclearista (Londra, febbraio 1961): Ludwig Wittgensteinatomismo logicofilosofia del linguaggioteoria delle descrizionienunciatoAlexius MeinongRussell nell'aprile 1940: descrizioni definiteWalter ScottPeter Frederick Strawsonepistemologicafilosofia analiticaGeorge Edward MooreidealismoNovecentoViennapositivismo logicoWhiteheadLudwig Wittgenstein19111914Tractatus logico-philosophicusUniversità di CambridgeWillard Van Orman QuineKarl PopperJohn Maynard KeynesLytton StracheyFile:Russel Keynes Strachey 2.jpg: pacifistafederazione mondialeRegno Unitoprima guerra mondialeTrinity Collegeseconda guerra mondialenazistiHitlerStalinsocialismo democraticoriformistaPartito Laburistasocialismo liberaleliberalismo socialetotalitarismoStalinblocco sovieticomarxismolibertàcapitalismoJohn Maynard Keynesimpostazioni economicheSocietà Fabiana1948Unione Sovieticastalinismobomba atomicacomunismoanni cinquantaAlbert Einsteindisarmo nucleareNicholas GriffinManifesto Russell-Einstein contro la proliferazione nuclerare: Nigel Lawsoncancelliere dello ScacchiereconservatoreMargaret Thatcher1961libertà condizionalePari dInghilterraCamera dei LordsVietnamcomunistaesistenzialistaJean-Paul Sartreil tribunale che prese il suo nomeStati Uniti dAmericathumb|left|Bertrand Russellvolontà generaleRousseauHegelMarxdemocraziailluministaJohn LockeVoltaireassassinio di John Fitzgerald Kennedy16 Questions on the Assassination1964Commissione WarrenLee Harvey OswalddepenalizzazioneomosessualitàRegno Unitovittorianaedonisticaconcezioni moraliMatrimonio e Morale1929tacchino induttivistaKarl Popperinferenza induttivaFrancesco BaconeJohn Stuart MillCircolo di ViennaNovecentoOtto NeurathRudolf CarnapreligioneagnosticoateoDioGreciateiera celestialeIo sono un ateo o un agnostico?Perché non sono cristianoCity CollegeNew YorkScienza e religioneidealistaliberaleBenedetto CrocepositivistaGottlob FregeGiuseppe PeanoreazionariotradizionalistaJulius Evolateorico del complottoLyndon LaRouchenuovo ateismoRichard DawkinsPiergiorgio OdifreddiNoam ChomskyMario LuziSu Fondamenti Invisibili1896German Social Democracy1897An Essay on the Foundations of Geometry1900Esposizione critica della filosofia di LeibnizLonganesi1900Sur la logique des relations avec des applications à la théorie des séries1901On the Notion of Order1902On Cardinal NumbersAlfred North WhiteheadAmerican Journal of Mathematics 231903I principi della matematicaThe Principles of MathematicsThe Principles of MathematicsLonganesi1910Philosophical Essays19101913Principia MathematicaAlfred North Whitehead1912I problemi della filosofiaThe Problems of Philosophy1914La conoscenza del mondo esternoOur Knowledge of the External World as a Field for Scientific Method in PhilosophyLonganesi1916Principles of Social Reconstruction1916Justice in War-time1917Le idee politichePolitical IdealsLonganesi1918Misticismo e logicaMysticism and Logic and Other EssaysLonganesi1918Socialismo, anarchismo, sindacalismoLonganesi1919Introduzione alla filosofia matematicaLonganesi1920The Practice and Theory of Bolshevism1921The Analysis of Mind1922The Problem of China1923The Prospects of Industrial Civilization1923The ABC of Atoms1924Icarus, or the Future of Science1925LABC della relativitàLonganesi1925What I Believe1926On Education, Especially in Early Childhood1927The Analysis of Matter1927An Outline of Philosophy1927Perché non sono cristianoWhy I Am Not a Christian1927Selected Papers of Bertrand Russell1928Saggi scetticiSceptical Essays1929Matrimonio e moraleMarriage and MoralsLonganesi1930La conquista della felicitàThe Conquest of Happiness1931La visione scientifica del mondoThe Scientific OutlookLaterza1932Education and the Social Order1934Freedom and Organisation, 1814-1914Storia delle idee del secolo XIX1935Elogio dellozioIn Praise of IdlenessLonganesi1935Religion and Science1936Which Way to Peace?1937The Amberley Papers: The Letters and Diaries of Lord and Lady Amberley1938Power: A New Social Analysis1940An Inquiry into Meaning and Truth1945Storia della filosofia occidentaleHistory of Western Philosophy1948La conoscenza umana. Le sue possibilità e i suoi limitiHuman Knowledge: Its Scope and LimitsLonganesi1949Autorità e individuoAuthority and the Individual1951New Hopes for a Changing World1952The Impact of Science on Society1953Satan in the Suburbs and Other Stories1954Unetica per la politicaLaterza1954Nightmares of Eminent Persons and Other Stories1956Ritratti a memoriaPortraits from Memory and Other Essays1956Logic and Knowledge: Essays 1901-19501957Perché non sono cristianoWhy I Am Not a Christian and Other Essays on Religion and Related SubjectsLonganesi1958Understanding History and Other Essays1959Common Sense and Nuclear Warfare1959My Philosophical Development1959Wisdom of the West1960Bertrand Russell Speaks His Mind1961The Basic Writings of Bertrand Russell1961Fact and Fiction1961Has Man a Future?1963Essays in Skepticism1963Unarmed Victory1965On the Philosophy of Science1967Russells Peace Appeals1967War Crimes in Vietnam19671969The Autobiography of Bertrand Russell1969Dear Bertrand Russell... A Selection of his Correspondence with the General Public 1950-1968The Collected Papers of Bertrand RussellMcMaster University19831949Ivor Grattan-GuinnessRay MonkRay MonkJohn LewisA. J. AyerRonald W. ClarkCome fu vietato a Bertrand Russell linsegnamento al City College di New YorkLogicomixMatrimonio e moraleTeiera di RussellCategoria:Autori fantasyCategoria:Studenti del Trinity College (Cambridge)Categoria:Vincitori del premio Nobel per la letteraturaCategoria:PacifistiCategoria:Filosofi ateiCategoria:Scienziati ateiCategoria:Socialisti*Categoria:Medaglia De MorganCategoria:Medaglia SylvesterCategoria:Nati in GallesCategoria:Morti in GallesCategoria:Scrittori di fantascienza britanniciCategoria:Uomini universaliCategoria:Filosofi del XX secoloCategoria:Russell

Categories

wikitext-dom:<empty>