entity
id:2563338
revid:103222399
size:135083
Francia
Error

Abstract

La Francia (; in lingua francese: France, ), ufficialmente Repubblica francese (in francese: République française), è uno Stato principalmente situato nell'Europa occidentale, ma che possiede ugualmente Francia doltremare. La Francia è una repubblica Costituzione Stato unitario avendo un Repubblica semipresidenziale. Parigi è la sua capitale (città), la lingua ufficiale è il Lingua francese, le monete ufficiali sono l'euro e il Franco CFP nei territori dell'oceano Pacifico. Il motto della Francia è «Liberté, Égalité, Fraternité», e la sua Bandiera della Francia è costituita da tre bande verticali di uguali dimensioni di colore blu, bianco e rosso. L'inno nazionale è La Marsigliese.La Francia è uno stato formatosi all'inizio dell'Alto Medioevo, che prende il suo nome dal popolo dei Franchi. Dall'inizio del XVII secolo alla prima metà del XX secolo, ha posseduto un vasto Impero coloniale francese. Nella seconda metà del secolo è stata uno degli stati fondatori dell'Unione europea. Inoltre è la terza Stati con armi nucleari mondiale, uno dei cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e uno dei membri della Organizzazione del Trattato dellAtlantico del Nord. Ugualmente è membro del G7, del G20 (paesi industrializzati), della zona euro, dello Spazio Schengen e ospita la sede del Consiglio dEuropa, del Parlamento europeo e dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per leducazione, la scienza e la cultura. La Francia possiede un'influenza notevole in materia Politica della Francia, Economia della Francia, Armée française e culturale in Europa e nel resto del globo.La Francia esercita la sua sovranità su territori presenti su tre Oceano e quattro Continente, la sua presenza geopolitica è importante a livello mondiale, perché possiede un gran numero di Ambasciata e Consolata, secondo solo agli Stati Uniti dAmerica, e dispone di Base militare su tutti i continenti. La Francia possiede la prima zona economica esclusiva (spazio marittimo) al mondo, al quale si aggiunge un'estensione piattaforma continentale di 579.000km² nel 2015.La Francia è, nel 2014, la terza Unione europea dopo la Germania e il Regno Unito, e la sesta PIL (nona a parità di potere dacquisto), e possiede un livello di vita molto elevato. Figura tra i leader mondiali nei settori dell'Agroalimentare, dell'aeronautica, dell'automobile, dei Lusso, turismo e del Energia nucleare. Il 1º gennaio 2016 la popolazione totale della Francia è di circa 67,2 milioni d'abitanti, secondo le stime pubblicate dall'Institut national de la statistique et des études économiques, di cui 64.513.000 nelle Francia metropolitana e 2.114.000 nelle Dipartimento doltremare, così come 604.400 nelle Collettività doltremare e in Nuova Caledonia.La Francia è il secondo stato più popolato dell'Unione europea dopo la Germania. Inoltre è anche la più vasta dell'Unione europea e il terzo paese più vasto d'Europa, sul sito delle nazioni unite. Antica Impero coloniale francese, la sua cultura e la sua civiltà sono diffuse dai paesi francofoni attraverso il mondo, uniti nell'Organizzazione Internazionale della Francofonia. Il Lingua francese è la seconda lingua più studiata al mondo ed è una delle lingue con la più larga diffusione, tradizionalmente utilizzata come lingua della diplomazia. Inoltre è una delle sei Lingua ufficiale e una delle due lingue di lavoro con l'Lingua inglese dell'Organizzazione delle Nazioni Unite, e la lingua ufficiale o del lavoro di molte organizzazioni internazionali o regionali.
sections_text:
<empty>
Content:
Geografia
Content:
Localizzazione e frontiere
Content:La parte europea della Francia è chiamata Francia metropolitana ed è situata ad una delle estremità occidentali dell'Europa. È bagnata dal Mare del Nord al nord, la canale della Manica a nord-ovest, l'oceano Atlantico ad ovest e il mar Mediterraneo a sud-est. Confina con il Belgio e il Lussemburgo a nord-est, la Germania e la Svizzera ad est, l'Italia e Principato di Monaco a sud-est, la Spagna e Andorra a sud-ovest.Le frontiere al sud e ad est del paese corrispondono a dei massicci montuosi, i Pirenei, le Alpi, il massiccio del Giura, la frontiera ad est corrisponde al Reno, invece la frontiera nord e nord-est non si fonda su nessuno elemento naturale. La Francia metropolitana comprende molte isole, soprattutto la Corsica e le isole costiere. Si trova tra le latitudini 42°19'46" N e 51°5'47" N, e le longitudini 4°46' O e 8°14'42" E. File:Acta Eruditorum - III mappe Francia, 1703 – BEIC 13363829.jpg: La sua parte continentale si estende su circa 1.000km da nord a sud e da est ad ovest. La Francia è inoltre composta da numerosi territori situati fuori del continente europeo, correntemente chiamati Francia doltremare, che le permette di essere presente in tutti gli oceani del mondo, salvo l'oceano Artico. Questi territori hanno statuti speciali nell'Suddivisioni della Francia e sono situati: @an0:continente sud-americano@an0:Saint-Martin@an0:Saint-Barthélemy@an0:Wallis-et-Futuna@an0:Riunione@an0:Isole Sparse@an0:Saint-Paul e Nuova AmsterdamLa Francia possiede inoltre delle frontiere terrestri con il Brasile e il Suriname in Guyana francese, così come con i Paesi Bassi per la parte francese di Saint-Martin. La superficie totale della Francia è di circa 675.000km2, che corrisponde ad un ettaro per abitante. Questa superficie non comprende la Terra Adelia, sulla quale la sovranità francese è contestata. È il quarantaduesimo più grande stato del mondo sulla superficie terrestre. Inoltre è anche il terzo paese più grande d'Europa, dopo la Russia e l'Ucraina, o il secondo se si includono i dipartimenti oltremare, e il più grande dell'Unione europea. L'estensione del suo litorale, oltremare incluso è di 8.245km2
Storia
Content:
Preistoria, protostoria e antichità
Content:File:Siege-alesia-vercingetorix-jules-cesar.jpg: File:Charlemagne et Louis le Pieux.jpg: La presenza umana sul territorio dell'odierna Francia risale addirittura al Paleolitico#Paleolitico inferiore. Uno dei siti più antichi anni fa), contestato da alcuni storici, è il sito di Chilhac (Alta Loira). Il territorio francese presenta un numero significativo di grotte decorate del Paleolitico superiore, di cui la più famosa è probabilmente Grotte di Lascaux (Dordogna, anni fa). A partire da circa anni fa, tutta la regione entra nel Neolitico, il più antico villaggio noto fu il sito di Courthézon (Vaucluse), datato 4560 a.C.Arrivati in Francia intorno al 900 a.C. i Celti (Galli) ne occuparono gran parte del territorio verso il III secolo a.C. Nel 680 a.C. circa la costa mediterranea vide l'arrivo dei primi coloni greci, con la fondazione di una colonia presso Antibes.La regione più meridionale della Gallia passò sotto la Impero romano nel 125 a.C. (Gallia Narbonense), e successivamente il resto del territorio nel 51 a.C., dopo la Conquista della Gallia. Sotto l'Impero romano, si sviluppò una civiltà gallo-romana prospera, portando alla Francia una base di cultura latina e indirettamente, alla successiva cristianizzazione, che si verifica lentamente tra il secolo II e il VI secolo.
La Francia nel Medioevo (V-XV secolo)
Content:Dopo la caduta dellImpero romano dOccidente la Gallia fu occupata da varie popolazioni germaniche: gli Alemanni a nord, i Burgundi nel sud-est (da cui deriva il nome della regione della Borgogna) e soprattutto i Franchi che presero il sopravvento sulle altre popolazioni del Paese ed espansero ulteriormente i loro domini.Gran parte delle regioni che costituiscono l'attuale Francia vennero unite sotto Clodoveo (Merovingi), nel 507. A partire dalla metà dell'VIII secolo Pipino il Breve, divenne il primo re dei Franchi non merovingio. Il Regno dei Franchi si estendeva considerevolmente, e venne eretto a Impero durante il regno di suo figlio Carlo Magno. Dopo la morte del figlio di Carlo Magno, Ludovico il Pio, l'autorità centrale crollò rapidamente. Con il giuramento di Strasburgo dell'842 e il trattato di Verdun dell'843 l'impero verrà diviso in tre parti: la Francia orientalis (a est), la Francia occidentalis (a ovest), e fra le due l'effimero regno di Lotario I. La parte orientale corrispondeva a ciò che più tardi sarebbe divenuto il Sacro Romano Impero Germanico e la parte occidentale alla Francia. Il giuramento di Strasburgo è stato spesso presentato come l'atto fondatore della Francia (e della Germania).I discendenti di Carlo Magno - i Carolingi - mantennero una simbolica influenza sui territori che grosso modo corrispondono alla Francia fino al 987, quando Ugo Capeto, iniziatore della dinastia dei Capetingi, duca di Francia e conte di Parigi, venne incoronato re. I suoi discendenti governarono fino al 1792, quando, con la rivoluzione francese, il Paese si diede una forma di governo repubblica (forma statuale), deponendo Luigi XVI.I primi re della dinastia estesero progressivamente il dominio reale rafforzando il regno franco malgrado l'opposizione dei Plantageneti, che si materializzò con la guerra dei centanni. Ma fu solo verso la fine del XII secolo, con Filippo II di Francia, che l'autorità dei re franchi riuscì a estendersi, per la terza volta in un millennio, dai Pirenei al la Manica. E fu in questo momento che si iniziò a utilizzare il termine regno di Francia, che acquisisce un peso paragonabile a quella d'Inghilterra o del Sacro Romano Impero Germanico. Gli ultimi secoli del Medioevo, segnato dalla crisi della guerra dei centanni e dalla peste nera, in ultima analisi, rafforzarono l'autorità reale, che diventò innegabile nel XV secolo, con Luigi XI di Francia.
Rinascimento e assolutismo (XV-XVIII secolo)
Content:File:Louis XIV of France.jpg: Nel tardo Medioevo i re cattolici di Spagna e possedimenti degli Asburgo si unirono dando vita all'impero di Carlo V. Francesco I di Francia e suo figlio Enrico II di Francia lottarono contro questo nuovo potere alternando successi a battute d'arresto. Ma sarà solo con Enrico IV di Francia e Luigi XIII di Francia e il suo ministro Armand-Jean du Plessis de Richelieu, che la preponderanza spagnola verrà messa in discussione a vantaggio della Francia.Sul fronte del dominio coloniale, nonostante le iniziali espansioni portate in America con la spedizione di Jacques Cartier sotto Francesco I di Francia e gli insediamenti nel mar dei Caraibi, Louisiana francese, e Senegal sotto Luigi XIV di Francia, la mancanza di determinazione di Luigi XV di Francia farà pendere l'ago della bilancia in favore dell'Inghilterra in India e in CanadaIl più grande esponente dell'assolutismo francese è di certo Luigi XIV di Francia, definito "Re Sole" per il gran potere che aveva.Luigi XIV avviò diverse campagne militari molto dispendiose, da prima contro il Ducato di Borgogna, poi contro la Repubblica delle Sette Province Unite in cui la Francia perse. Le perdite economiche e militari diedero inizio alla decadenza della monarchia francese.
Rivoluzioni, Repubbliche e Imperi (1789-1914)
Content:Nel 1789 vi fu la Rivoluzione francese, che finì con la presa del potere da parte di Napoleone Bonaparte.Nel 1830 e 1848 vi furono in Francia delle rivolte (moti) popolari.Il 2 dicembre 1851 il Presidente della Repubblica, Napoleone III di Francia, nipote di Napoleone Bonaparte, organizzò un colpo di stato. Il 4 gennaio 1852 venne proclamato imperatore con il nome di Napoleone III di Francia. Moriva la Seconda Repubblica francese, e nasceva il Secondo Impero francese.Inizialmente il paese visse un'importante fase di industrializzazione, guidato da una politica liberale in campo economico, basata su una forte struttura capitalistica (banche, imprese ferroviarie e marittime, tessili e industrie pesanti, grandi magazzini, ecc.). Napoleone III si assicurò la fiducia nel Regno Unito (Guerra di Crimea), aumentò l'influenza della Francia in Medio Oriente, e le sue azioni in Italia contro l'Austria permisero l'annessione delle regioni piemontesi della Savoia (regione storica) e di Nizza. Ma gravi battute d'arresto offuscarono notevolmente l'immagine del regime e la lotta contro la Prussia di fatto ne causò la caduta. Nel 1870 dopo la sconfitta di Battaglia di Sedan, e la perdita di Alsazia-Lorena aumentarono il risentimento nazionale. Altro fatto significativo riguardava il fronte demografico, la Francia non era più il paese più popoloso d'Europa, come prima della Rivoluzione francese, ma si vedeva oramai sopravanzato dalla popolazione tedesca.Nel 1871 si costituì la Comune di Parigi (1871) che portò alla nascita della Terza Repubblica francese. Gli ultimi decenni dell'800 furono noti in Francia e fuori come Belle Époque.
La Terza Repubblica
Content:Terza Repubblica francese fu il nome assunto dallo Stato repubblicano nato in Francia dopo la battaglia di Sedan.Questa forma di governo, che sostituì quella del Secondo Impero francese, durò quasi settant'anni, fino all'Campagna di Francia del 1940.La politica interna della Terza Repubblica fu caratterizzata da governi instabili, a causa di maggioranze divise o poco superiori di numero alle opposizioni. Il disorientamento per la sconfitta subita e l'instabilità politica favorirono vari scandali finanziari (Scandalo di Panama, Stavisky, ecc.) ed episodi di antisemitismo come l'affare Dreyfus.Il nazionalismo di alcuni ambienti militari alimentò inoltre scontri istituzionali che portarono a situazioni vicine al colpo di Stato (come per il caso Georges Boulanger o per le ripercussioni dell'affare Dreyfus). Non mancarono, tuttavia, vaste riforme sociali, attuate soprattutto dalla Sinistra (politica).La politica estera fu caratterizzata dall'espansionismo coloniale (Africa e Indocina francese), dal sentimento di rivalsa nei confronti della Impero tedesco (revanscismo) e da un isolamento che perdurò fino a quando Impero russo e Regno Unito non riscontrarono nella Germania un pericolo maggiore della Francia.
La Francia nelle due guerre mondiali (1914-1945)
Content:
La prima guerra mondiale
Content:In seguito all'attentato di Sarajevo del 28 giugno 1914, l'Austria-Ungheria dichiarò guerra alla Serbia alla fine di luglio. Intanto stavano per mobilitarsi la Russia, la Germania e la Francia. La Germania era la nazione militarmente più preparata all'evento bellico. In seguito, come un effetto domino, la Russia dichiarò guerra all'Austria-Ungheria, la Germania dichiarò guerra alla Russia, la Francia e la Gran Bretagna dichiararono guerra alla Germania. La Germania occupò il Lussemburgo il 2 agosto 1914 e pose un ultimatum al neutrale Belgio: doveva permettere all'esercito tedesco il passaggio per invadere la Francia. I belgi rifiutarono e la Germania, in pochissimo tempo, riuscì ad occupare il Belgio.File:French bayonet charge.jpg: I tedeschi presero Bruxelles il 20 agosto 1914. Poche settimane dopo riuscirono ad occupare una larga porzione di territorio francese nel nordest. Il piano originale prevedeva di continuare verso sudovest ed attaccare Parigi da ovest. Nel mese di settembre, l'esercito tedesco era a poche decine di chilometri da Parigi, così il governo francese fu costretto a trasferirsi a Bordeaux. Le armate dell'Intesa riuscirono a fermare l'avanzata tedesca nei pressi del Marna (fiume).Sul fronte occidentale, le prime improvvisate trincea dei primi mesi diventarono ben presto sempre più complesse, diventando il principale sistema difensivo. Il paesaggio era dominato dalla guerra di trincea. La guerra di movimento diventò guerra di posizione. Si susseguivano attacchi e contrattacchi da ambo le parti. Nessuna delle parti avanzava molto, ma entrambe pativano numerose perdite in vite umane.La guerra nel fronte occidentale venne combattuta soprattutto in Francia e fu caratterizzata da battaglie estremamente violente, spesso con nuovi mezzi di distruzione. Tra le battaglie combattute in Francia vi furono la prima battaglia della Marna, di Battaglia di Verdun, della Battaglia della Somme e la seconda battaglia della Marna.Quando la Russia abbandonò la guerra nel 1917, gli imperi centrali arrivarono a controllare i Balcani e potevano riversare tutte le loro forze nel fronte occidentale. Intanto stavano entrando in guerra gli Stati Uniti dAmerica, a fianco degli alleati dell'Intesa. Nel marzo 1918 la Germania lanciò una vasta offensiva sul fronte occidentale. A maggio i tedeschi raggiunsero ancora una volta la Marna, come nel settembre 1914. Nella seconda battaglia della Marna, gli alleati furono in grado di difendere e anche di contrattaccare. Questo successo alleato fu dovuto in parte all'esaurimento dell'esercito tedesco, in parte all'aiuto fondamentale delle truppe statunitensi. I tedeschi vennero respinti oltre i loro confini. Intanto cadevano anche l'Austria-Ungheria e l'Impero ottomano. Ai primi di ottobre venne chiesto l'armistizio.Nel Trattato di Versailles (1919), dove vennero presi gli accordi, fu Georges Clemenceau a negoziare per conto della Francia. Alla Germania venne attribuita la responsabilità del conflitto e dovette pagare i danni di guerra.
La seconda guerra mondiale
Content:File:De Gaulle-OWI.jpg: L'invasione tedesca della Polonia, iniziata il 1º settembre 1939, causò la reazione di Francia e Gran Bretagna, le quali dichiararono guerra alla Germania. Inizialmente gli alleati franco-britannici non lanciarono attacchi massicci e stanziarono in difesa. La battaglia di Francia iniziò nel maggio 1940. Nel 1940, inoltre, si tenne il celebre Appello del 18 giugno da parte del generale Charles de Gaulle. La Wehrmacht riuscì a superare la linea Maginot, marciando attraverso la foresta delle Ardenne. Una seconda armata tedesca venne inviata in Belgio e nei Paesi Bassi. In sei settimane di selvaggi combattimenti, i francesi persero novantamila uomini. I leader francesi si arresero alla Germania nazista il 24 giugno 1940, dopo che le forze britanniche ebbero lasciato il continente tramite il porto di Dunkerque. La Germania nazista occupò tre quinti del territorio francese, lasciandone il resto, collocato a sud-est, alla Francia di Vichy: Stato fantoccio collaborazionista con la Germania, venne fondato il 10 luglio 1940 e alla sua guida era Philippe Pétain, eroe della Prima guerra mondiale. Terminava così la Terza Repubblica francese.Il 6 giugno 1944 è ricordato come il D-Day (o Sbarco in Normandia).
Dopo la Liberazione (dal 1945)
Content:Alla fine della seconda guerra mondiale la Francia fu inclusa a pieno titolo tra le potenze vincitrici, in virtù del costante sforzo diplomatico e militare antitedesco sostenuto, soprattutto dopo il 1942, sia nelle colonie sia in patria dalla resistenza e dalle forze francesi libere. Nella Conferenza di Potsdam furono infatti riconosciuti a Parigi una zona d'occupazione in Germania e un settore di Berlino (ambedue ritagliati dalla zona britannica). La Quarta Repubblica francese fu promulgata il 27 ottobre 1946, ma dovette affrontare gravi difficoltà nell'impero coloniale, prima in Indocina e poi in Guerra dAlgeria, oltre alla decolonizzazione attraverso negoziati. Nonostante l'instabilità politica il Paese partecipò attivamente alla creazione della CECA nel 1950, e alla firma del Trattati di Roma#Il trattato di Roma del 1957 come membro fondatore del Comunità Europea. Inoltre, la politica di sviluppo del nucleare, sia civile sia militare, contribuì a una politica indipendente negli anni sessanta.La Costituzione della Quinta Repubblica francese, venne adottata il 4 ottobre 1958 rendendo la Repubblica più resistente alle instabilità. Dal 1950 fino al 1973 l'economia francese ha conosciuto uno sviluppo fenomenale, poi un susseguirsi di crisi economiche e dei periodi di crescita lenta, con frequente alternanza al potere. Dagli anni 1950, la riconciliazione e la cooperazione con la Germania (ricordiamo il Trattato dellEliseo, del 22 gennaio 1963, che pose termine al conflitto tra le due nazioni) hanno consentito alla Francia di svolgere un ruolo di forza trainante nel processo di integrazione europea, in particolare con la Comunità economica europea. È diventata il secondo paese dell'Unione europea, a favore di un'Europa politica forte, anche se ha respinto la Costituzione europea con il 55% dei voti il 29 maggio 2005.E il 10 dicembre 1948 venne firmata a Parigi la Dichiarazione universale dei diritti umani.
Geografia fisica
Content:File:France relief location map.jpg: File:EEZ France.png: Con i suoi e i 67 milioni di abitanti (compresi i territori oltremare), la Francia è il secondo Stato più vasto e il terzo più popolato d'Europa. È inoltre il 47º Stato per superficie terrestre considerando solo la Francia metropolitana, il 41º comprendendo i territori extraeuropei e il 2º per superficie della Zona Economica Esclusiva dietro solo agli Stati Uniti dAmerica. , Le Figaro, pubblicato il 21 agosto 2006.La Francia confina a nord con il Belgio, la Germania e Lussemburgo, a est con la Svizzera, a sud-est con l'Italia e con il Principato di Monaco e a sud-ovest con Spagna e Andorra. Il suo territorio è bagnato a ovest dall'oceano Atlantico, a nord dal Canale della Manica, che la separa dal Regno Unito e dal Mare del Nord e a sud dal Mar Mediterraneo.
Morfologia e idrografia
Content:File:Mont Ventoux et lavandes by JM Rosier.JPG: La Francia metropolitana possiede una grande varietà di paesaggio, che spaziano dalle grandi pianure costiere del nord e dell'ovest, alle catena montuosa che caratterizzano il sud-est (Alpi) e il sud-ovest (Pirenei). Le Alpi francesi si elevano fino a toccare il punto più elevato dell'Europa occidentale in comune con l'Italia, il Monte Bianco, che culmina a sul livello del mare. Ci sono anche altre regioni montane di più antica formazione, come le montagne della Corsica, il Massiccio Centrale, il Massiccio del Giura, i Vosgi, il Massiccio armoricano e le Ardenne che sono una regione molto rocciosa e boscosa. La Francia possiede anche un ampio sistema fluviale che è composto principalmente da fiumi quali la Loira (fiume), il Rodano (le cui sorgenti sono in Svizzera), la Garonna (le cui sorgenti sono in Spagna), la Senna, parte del Reno, della Mosa (fiume), della Mosella, della Somme (fiume), della Vilaine, che costituiscono propri bacini fluviali.La Francia metropolitana è anche spesso chiamata l'Hexagone ("esagono") in virtù della sua somiglianza con la esagonoTra le altre menzioni, Léopold Senghor, "Le Français, langue de culture", Esprit, 1962: Nos valeurs font battre, maintenant les livres que vous lisez, la langue que vous parlez: le français, Soleil qui brille hors de l'Hexagone..
Clima
Content:File:France climats.png: La Francia metropolitana ha quattro grandi zone climatiche:@an0:clima semi-continentale@an0:Giura Fatta eccezione per il sud, che vede generalmente estati secche, la pioggia è uniformemente distribuita durante tutto l'anno.Nelle regioni d'oltremare, vi sono tre grandi tipi di clima: File:Beauce 3.jpg| Le pianure del Beauce (clima oceanico) File:Weinberg Cote de Nuits.jpg | Vigneti in Borgogna File:Lavender field.jpg|Vegetazione (Lavandula) Mar Mediterraneo in Provenza File:Lac Vert de Fontanalbe.jpg|Clima alpino (estate) nel Parco nazionale del Mercantour File:Aiguille du Dru 3.jpg|Clima alpino (inverno) nelle Alpi francesi File:Piana Dardo dans les Calanche.jpg|Clima semi-arido in Corsica File:Bora Bora - Mt Otemanu.jpg|Clima tropicale a Bora Bora (Polinesia Francese)
Società
Content:
Evoluzione demografica
Content:File:Densité départements-France-it.svg File:Population of France.svg I dati al 1º gennaio 2010 rivelano che la Repubblica francese possedeva di abitanti, di cui residenti nella Francia metropolitana.Cifra per tutta la Repubblica francese dal , di cui abitanti nella Francia metropolitana (circa l'1% della popolazione mondiale). Un censimento generale nazionale è stato organizzato a intervalli regolari dal 1801, ma dal gennaio 2004, il censimento è permanente.La nuova procedura è esplicata sul .La crescita della popolazione francese si presentava come una delle più forti dell'Europa, combinando una tasso di natalità superiore alla media europea nascite a fronte di morti), e un saldo migratorio positivo (circa individui l'anno): la popolazione francese era quindi cresciuta dello 0,61% su base annua. Per quanto riguarda il tasso di fecondità, era pari a 2,14 bambini per donna fertile, mentre il tasso medio in Europa era nello stesso periodo di 1,52 figli per donna. La Francia si presenta come il paese (area geografica) più prolifico nel continente assieme all'Irlanda. La piramide delle età all'inizio del XXI secolo presenta una struttura caratterizzata da una quota di popolazione anziana in espansione, dovuto sia all'aumento della speranza di vita, la Francia gode di una delle speranze di vita più elevate del mondoIl CIA World Factbook la stima a 80,98 anni, ponendo la Francia all'ottavo posto a livello mondiale ()., sia all'arrivo alla terza età della generazione del baby boom (demografia).Nel 2010 l'Istituto nazionale di statistica e degli studi economici (Institut national de la statistique et des études économiques) stima che ci siano 6,7 milioni di immigrati (stranieri nati al di fuori del territorio), che rappresentano l'11% della popolazione. Questo la pone al sesto posto nel mondo, dopo gli Stati Uniti dAmerica (42,8 milioni), la Russia (12,3), l'Arabia Saudita (7,3), il Canada (7,2), la Germania (7,1) precedendo il Regno Unito (6,5) e la Spagna (6,4). I figli d'immigrati, discendenti diretti di uno o due immigrati, rappresentano nel 2008 6,5 milioni di persone, cioè un altro 11 % della popolazione. Tre milioni di loro avevano entrambi i genitori immigrati., Insee Première, N° 1287, mars 2010, Catherine Borel et Bertrand Lhommeau, Insee La percentuale di stranieri in Francia è paragonabile ad altri paesi dell'Europa occidentale, come Regno Unito (11,4%), Germania (8,7%), Spagna (12,2%), e inferiore a Paesi Bassi (20,6%), e Svizzera (22,1%). Gli immigrati sono principalmente originari dell'Unione europea (34%), del Maghreb (30%), dell'Asia (14%, di cui un terzo della Turchia) e dell'Africa subsahariana (11%).L'immigrazione in Francia ha inizio nel XIX secolo stranieri residenti nel 1851). , Quid, quid.fr La maggior parte degli immigrati provengono dall'Europa (Belgio, Germania, Italia, Spagna, Portogallo, Grecia, Armenia, ma anche Polonia, Romania e dagli Stati nati dallo scioglimento dell'ex-Jugoslavia), dai paesi del Maghreb e dell'Africa sub-sahariana, Impero coloniale francese, della Cina cinesi in Francia nel 2007Stima. , chine-informations.com), della Turchia nel 2007 , Le Figaro, 15 ottobre 2007) e dell'ex Indocina francese, soprattutto del Vietnam nel 2008 ). Gli zingari che vivono in Francia sono più di , EurActiv.com, 7 dicembre 2005 ma secondo il rapporto di Dominique Steinberger del 2000 in Francia vivrebbero almeno un milione di zingari di Claudia Fusani, La Repubblica, 3 giugno 2007 (moltissimi sono francesi da varie generazioni). I Rom (popolo) di origini rumene e bulgare presenti in Francia sono circa 15000, Affaritaliani.it, 19 agosto 2010 (rom irregolari).Secondo uno studio condotto nel 1999, quasi 14 milioni di persone avevano almeno un genitore o un nonno nato all'estero (23 % della popolazione francese).Una stima della popolazione d'origine straniera in Francia nel 1999, M. Tribalat, in Population 2004 nº 1, INED, ()Secondo uno studio pubblicato dalla rivista La France africaine Jean-Paul Gourévitch, , Pré aux Clercs (24 mars 2000) (2000), il 13% della popolazione francese è di origine Maghreb e Africa subsahariana (8/9 milioni di persone; meno di 4 milioni nel 1975).
Religione
Content:File:NotreDameDeParis.jpg: La Francia è un paese laico e la libertà di religione è un diritto costituzionale. Vi è una rigorosa separazione tra Chiesa e Stato e la vita pubblica è mantenuta completamente laica.Il cattolicesimo è la religione predominante da più di un millennio, anche se oggi non è praticata attivamente come un tempo. Tra i 47.000 edifici religiosi che si possono trovare in Francia, il 94% sono cattolici. Mentre nel 1965 l'81% dei francesi si dichiarava cattolico, nel 2009 questa percentuale era scesa al 64%. Inoltre, mentre il 27% dei francesi nel 1952 si recava alle funzioni religiose almeno una volta alla settimana, questo dato era solo del 5% nel 2006. – La Croix. 29 December 2009 La stessa indagine ha rilevato che i protestantesimo rappresentano il 3% della popolazione, con un aumento rispetto alle rilevazioni precedenti, e il 5% aderisce ad altre religioni, con il restante 28% che afferma di essere ateismo. Il protestantesimo evangelico sembra essere la religione in più rapida crescita del paese.La rivoluzione francese ha comportato un cambiamento radicale nello status della Chiesa cattolica per via di una brutale Culti della Ragione e dellEssere Supremo. Dopo il susseguirsi di governi monarchici cattolici e governi repubblicani laici nel corso del XIX secolo, nel 1905 è stata promossa la legge che sanciva la laicità dello Stato e la sua separazione dalle Chiese.Secondo un sondaggio del gennaio 2007, solo il 10% di chi si è dichiarato cattolico frequenta regolarmente le funzioni religiose. Il sondaggio ha mostrato anche , Cotidianul 11 January 2007 che il 51% degli intervistati si identificava come cattolico, il 31% come agnostico o ateo (un altro sondaggioLa Vie, issue 3209, 1 March 2007 stima la percentuale di atei pari al 27%), il 10% appartenente ad altre religioni o senza opinione, il 4% come musulmano, il 3% come protestanti, l'1% buddismo e l'1% come ebraismo. Un altro sondaggio del dicembre 2006 afferma che solo il 27% dei francesi crede nell'esistenza di un qualche dio, contro un 32% di agnostici e un altro 32% di atei. Nel frattempo, una stima indipendente dal politologo Pierre Bréchon del 2009 ha concluso che la percentuale dei cattolici era scesa al 42%, mentre il numero di atei e agnostici era salito al 50%.Le stime sul numero dei musulmani in Francia variano molto. Nel 2003, il Ministero dell'Interno francese ha stimato il numero totale di persone di origine musulmana tra i 5 e i 6 milioni (8-10%)., The Guardian In Francia ci sono luoghi di culto islamici (2008)L'Annuaire musulman, édition 2008, Orientica su un totale di oltre 9000 luoghi di culto islamici in tutta Europa., panorama.it, 24 novembre 2009Secondo il World Jewish Congress, la comunità ebraica francese conta circa 600.000 fedeli ed è la più grande d'Europa. , , 8 novembre 2007Dal 1905 il governo francese ha seguito il principio di laicità, in cui è vietato riconoscere alcun diritto specifico ad una comunità religiosa (ad eccezione di statuti precedenti come quello dei cappellani militari e della legge locale in Alsazia-Mosella). Invece, si limita a riconoscere le organizzazioni religiose, secondo criteri giuridici formali che non rispondono alla dottrina religiosa. Al contrario, le organizzazioni religiose dovrebbero astenersi dall'intervenire nel processo decisionale.Joy of Sects, Sam Jordison, 2006, p. 166 Alcuni organismi, come Scientology, figli di Dio, Testimoni di Geova, la Chiesa dellUnificazione o l'Ordine del Tempio Solare sono considerati setta religiosa ("sectes" in francese), e, pertanto, non hanno lo stesso status delle religioni.
Lingue
Content:File:Langues de la France.svgLa lingua ufficiale è il lingua francese. Esistono diverse lingue locali (lingua basca, lingua bretone, lingua catalana, lingua corsa, lingua olandese (fiammingo), lingua alsaziana, lingua occitana e lingua francoprovenzale), ma il governo francese e il sistema scolastico ne hanno scoraggiato l'uso fino a poco tempo fa. Nelle regioni dell'Alsazia e della Lorena si parla anche il Lingua tedesca. Le lingue della Francia vengono ora insegnate in alcune scuole, anche se il francese rimane l'unica lingua ufficiale in uso dal governo, locale o nazionale.Con la legge costituzionale del 1992, adottata per consentire il Trattato di Maastricht, è stata aggiunta infatti la previsione secondo cui «La lingua della Repubblica è il francese», nel timore che il processo di integrazione europea potesse favorire l'espansione di altre lingue a danno del francese. La tutela delle minoranze linguistiche è quindi sempre stata malvolentieri accettata, se non proprio rifiutata, in quanto lesiva del principio di eguaglianza e di indivisibilità del popolo francese. In applicazione della legge costituzionale, venne approvata nell'agosto del 1994 la legge Toubon, dichiarata poi parzialmente incostituzionale dalla Corte Costituzionale, in quanto in contrasto con il principio della libera comunicazione del pensiero e delle idee proclamato dalla Dichiarazione dei diritti delluomo e del cittadino. A oggi il legislatore può regolare unicamente il vocabolario impiegato dalle persone giuridiche di diritto pubblico e dalle persone di diritto privato nel compimento di una missione di servizio pubblico. L'influenza rimane comunque notevole, dato il ruolo svolto dal servizio pubblico nella vita economica e quotidiana dei privati e delle imprese (servizio radiotelevisivo, amministrazione pubblica, ecc.).Una tendenza al superamento di questa visione accentratrice, la si ha a partire dal 1998, quanto si concede alla Nuova Caledonia di avere maggiori competenze e assemblee provinciali decentralizzate. Minor fortuna ha avuto il tentativo di introdurre all'articolo 2 il comma "La Repubblica riconosce e valorizza le lingue e le culture regionali". Tale modifica, resa necessaria dalla ratifica da parte della Francia della Carta europea per le lingue regionali e minoritarie, venne osteggiata dallo stesso Presidente Jacques Chirac, il quale nel 1999 disse che non l'avrebbe sostenuta in quanto lesiva dei principi fondamentali della Repubblica. La Carta è stata così ratificata solo in via amministrativa.
Ordinamento dello Stato
Content:
Suddivisione amministrativa
Content:Le principali divisioni amministrative francesi sono le regioni, che sono 18 (di cui 13 nella Francia metropolitana), i dipartimento francese (101 di cui 5 d'oltremare) e gli arrondissements (circondari, cioè suddivisioni amministrative dei dipartimenti).Questi circondari (arrondissements) sono divisi in cantoni (per i collegi elettorali) e in comuni (per un totale di per l'amministrazione locale territoriale. I cantoni corrispondono per la maggior parte a comuni completi, tuttavia, alcuni importanti comuni sono suddivisi in più cantoni, che possono anche comprendere altri comuni limitrofi meno popolati.Infine, alcune importanti comuni (Parigi, Lione, Marsiglia) sono a loro volta suddivisi in circoscrizioni di comuni per l'amministrazione locale con sindaci locali con a disposizione una certa autonomia finanziaria e amministrativa all'interno dello stesso Consiglio comunale.Il dipartimento di Parigi comprende un solo comune. Le 5 regioni d'oltremare (Guadalupa, Martinica, Guyana francese, Riunione (isola), Mayotte) dispongono ciascuno a un singolo dipartimento. La regione della Corsica (che comprende due dipartimenti) ha uno speciale status di collettività territoriali leggermente diverso rispetto alle altre regioni Francia metropolitana. Queste regioni sono tuttavia parte integrante dell'Unione europea.In seguito alle leggi Gaston Defferre del 1982-1983 e Jean-Pierre Raffarin del 2003-2004, la Francia è uno Stato decentralizzato. La riforma costituzionale del febbraio 2003 ha affermato che l'organizzazione della Repubblica è decentralizzata. Il decentramento, che è stato in prima accompagnato dalla devoluzione (politica), sostiene ora pienamente l'emergere di un vero potere locale il cui equilibrio è ancora dibattuto.A parte le amministrazioni locali con piena realizzazione, quali sono i comuni, i dipartimenti e le regioni, esiste anche un'organizzazione intercomunale che è portata a esercitare sempre maggiori competenze (quali lo sviluppo economico, l'uso del territorio, la politica degli alloggi, il trasporto pubblico, l'igiene). Infatti i comuni sono invitati a unirsi sotto il regime dell'intermunicipalità che dispone oramai di un'autonomia finanziaria e fiscale propria, oltre che a un riconoscimento giuridico (établissement public de coopération intercommunale o EPCI). Nel 2006, comunità (comunità di comuni, le comunità di agglomerazioni e comunità urbane) hanno ricomposto il territorio nazionale, rappresentano il 90% di comuni e l'85% della popolazione francese. Certe intermunicipalità includono comuni di differenti dipartimenti o regioni, allo scopo anche di agevolare la gestione delle attrezzature comuni, o per politiche in materia di trasporti.La Francia è "una e indivisibile"; ma questa formula crea qualche tensione in alcuni "paesi" o "regioni" le cui specificità, tra cui le lingue locali, non sono sufficientemente riconosciute secondo alcuni movimenti regionalisti (Alsazia, Bretagna, Catalogna del Nord, Corsica, Fiandre, Paesi Baschi, Occitania, ecc).
Costituzione
Content:L'attuale Costituzione della Francia risale al 4 ottobre 1958 con l'entrata in vigore della
Territori d'oltremare
Content:Costituzione francese del 1958 File:Overseasfrancemap.png: Nel corso del XIX secolo la Francia dispose di un vasto impero coloniale. Il processo di decolonizzazione iniziato verso la metà del XX secolo ha portato all'autodeterminazione della maggior parte delle sue ex-colonie. Una parte scelse, tramite referendum, di rimanere all'interno della nazione francese, con statuti molto diversi. L'insieme di questi territori, generalmente definito come Francia doltremare, è composto da cinque dipartimenti doltremare, da collettività doltremare con status che offrono un'ampia autonomia, dalla Nuova Caledonia a statuto speciale, e da diversi territori disabitati, come le Terre australi e antartiche francesi.I dipartimenti e le regioni d'oltremare hanno status identico a quello dei dipartimenti della Francia metropolitana e sono anche regioni ultraperiferiche dell'Unione europea. Essi sono Guadalupa, Martinica, Guyana francese, Riunione (isola) e Mayotte.Le collettività d'oltremare sono dei territori con status molto diversi di autonomia. Attualmente godono di questo regime Polinesia Francese, Saint-Pierre e Miquelon, Wallis e Futuna, Saint-Martin (Francia) e Saint-Barthélemy (collettività doltremare). La comunità di Saint-Pierre e Miquelon ha un'amministrazione locale che unisce le funzioni conferite di solito alle regioni e ai dipartimenti metropolitani. Questa collettività, anche se posta fuori dall'Unione europea utilizza l'euro come moneta. La collettività di Wallis e Futuna è costituita da tre monarchie tradizionali, i cui re governano con consigli eletti e condividendo il potere con il rappresentante dello Stato francese. Il sistema giudiziario in materia penale e civile è costituito dall'unico tribunale di primo grado che è competente per l'intero territorio. Questo territorio non è amministrativamente diviso in comuni, ma in circoscrizioni, il soggetto a capo della circoscrizione ha poteri equivalenti a quelle di un sindaco. La Polinesia Francese ha un alto grado di autonomia, che comporta un governo territoriale e un'assemblea in grado di gestire il bilancio del territorio, l'imposizione fiscale, e la legislazione sull'arcipelago. L'amministrazione di alcune funzioni (quali difesa, polizia, giustizia, e tesoro pubblico) è affidata allo Stato francese, rappresentato sul territorio da un Alto Commissario della Repubblica.Nell'ambito dei Territori francesi doltremare, la Nuova Caledonia ha uno status particolare. Anche se ancora organizzata su una divisione in amministrazioni comunali, la Nuova Caledonia non è divisa in dipartimenti, ma in province e villaggi (in base a una tradizione locale) con funzioni normalmente assegnate, sul continente e nelle regioni d'oltremare, ai dipartimenti e ai comuni, in particolare nei settori della giustizia, dell'istruzione e della cittadinanza. Inoltre, la funzione della regione è trasferita a un governo locale. In futuro è previsto un referendum per determinare se il territorio rimarrà entro la Repubblica francese con ampia autonomia, o diverrà indipendente, con una possibile associazione. Utilizza il Franco CFP, adottato insieme alla Polinesia Francese e a Wallis e Futuna.Altri territori d'oltremare francese, poco o per nulla abitati, sono gestiti da un amministratore nominato dallo Stato e costituiscono le Terre australi e antartiche francesi (TAAF, Oceano Indiano meridionale); le Isole sparse nellOceano Indiano (nell'Oceano Indiano, sparse tra il Madagascar, Mayotte, e Mauritius) sono governate dall'amministrazione della Riunione; infine Clipperton (nell'Oceano Pacifico orientale, al largo del Messico) è amministrata dal governo Polinesia Francese. Queste terre non possiedono un'amministrazione locale propria.
Città principali
Content:File:Map_of_urban_areas_of_France,_with_communes_and_departments.svg ]] File:France cities.png: La Francia è un paese altamente urbanizzato; nel 2018, secondo l'INSEE le sue città più grandi (di più di 200.000 abitanti, in termini di popolazione legale del comune) sono Parigi (2.206.488), Marsiglia (861.635), Lione (513.275), Tolosa (471.941), Nizza (342.522), Nantes (303.382), Montpellier (277.639), Strasburgo (277.270), Bordeaux (249.712), Lilla (232 741) e Rennes (215.366). L'emigrazione rurale è stata una questione politica molto sentita per la maggior parte del XX secolo.Tableheader:@an0:Parigi@an1:2206488@an2:10706072@an3:12532901@an4:Marsiglia@an5:861635@an6:1585498@an7:1752398@an8:Lione@an9:513275@an10:1639558@an11:2291763@an12:Tolosa@an13:471941@an14:948433@an15:1330954@an16:Nizza@an17:342522@an18:943354@an19:1005891@an20:Nantes@an21:303382@an22:633690@an23:949316@an24:Montpellier@an25:277639@an26:428909@an27:599365@an28:Strasburgo@an29:277270@an30:461101@an31:780515@an32:Bordeaux@an33:249712@an34:904359@an35:1215769@an36:Lilla@an37:232741@an38:1039397@an39:1184708@an40:Rennes@an41:215366@an42:330871@an43:719840class:"sortbottom"colspan:"4"Fonte:Institut national de la statistique et des études économiques1L'agglomerazione e l'area metropolitana sono denominateMarsiglia-Aix-en-Provence2Città transfrontaliera i cui dati sono riferiti solo alla parte franceseAltre principali città della Francia di più di 100.000 abitanti sono (in ordine descrescente di popolazione legale comunale): : Reims, Le Havre, Saint-Étienne, Tolone, Grenoble, Digione, Angers, Nîmes, Villeurbanne, Saint-Denis (Senna-Saint-Denis), Le Mans, Aix-en-Provence1, Clermont-Ferrand, Brest (Francia), Tours, Limoges, Amiens, Annecy, Perpignano, Boulogne-Billancourt, Metz, Besançon, Orléans, Saint-Denis (Riunione), Argenteuil, Mulhouse, Rouen, Montreuil (Senna-Saint-Denis), Caen, Saint-Paul (Riunione) e Nancy.Altre principali agglomerazione della Francia sono (in ordine descrescente di popolazione): : Tolone, Grenoble, Douai-Lens (Francia), Rouen, Avignone, Saint-Étienne, Béthune, Tours e Valenciennes2.Altre principali area metropolitana della Francia sono (in ordine descrescente di popolazione): : Grenoble, Rouen, Tolone, Douai-Lens (Francia), Avignone, Saint-Étienne, Tours, Clermont-Ferrand e Nancy.
Istituzioni, enti e associazioni
Content:
Forze armate
Content:File:French military images.jpg: Le Armée française (Armées Françaises) sono forze militari e paramilitari sotto il comando supremo del Presidente della Repubblica francese. Esse sono costituite dall'Armée de terre (esercito), dalla Marine nationale (marina militare), dall'Armée de lair (aeronautica militare) e dalla forza paramilitare ausiliaria, (la Gendarmerie nationale), e sono tra le più grandi forze armate nel mondo. Mentre amministrativamente le forze armate francesi sono di competenza del Ministero della Difesa, la Gendarmeria è operativamente collegata al Ministero dellInterno (Francia).La gendarmeria è una forza di polizia militare. Essa comprende le unità antiterrorismo come l'Escadron Parachutiste d'Intervention de la Gendarmerie Nationale e il Groupe d'intervention de la Gendarmerie nationale. Delle due unità di intelligence francesi, la Direction générale de la sécurité extérieure riferisce al Ministero della Difesa, mentre la Direction centrale du renseignement intérieur riporta direttamente al Ministero degli Interni. Dal 1997 non vi è alcuna coscrizione. – La documentation française La Francia vanta inoltre un corpo militare d'élite, la Legione straniera francese, che si compone di cittadini stranieri provenienti da oltre 140 paesi.La Francia è membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e dal 1960 è riconosciuto come uno Stati con armi nucleari. La Francia ha firmato e ratificato il Trattato di bando complessivo dei test nucleari e il Trattato di non proliferazione nucleare. Nel 2011, le spese militari della Francia sono state di 62,5 miliardi di dollaro statunitense, pari al 2,3%, del PIL rendendola la quinta nazione per budget militare al mondo dopo gli Stati Uniti dAmerica, la Cina, la Russia e il Regno Unito.La forza di dissuasione nucleare francese, precedentemente conosciuto come "force de frappe", si basa su una completa indipendenza e conta quattro sottomarini classe Le Triomphant dotati di missili SLBM. Oltre alla flotta sottomarina, si stima che la Francia possieda circa 60 ASMP, missili aria-terra a medio raggio, con testate nucleari, Centre de Documentation et de Recherche sur la Paix et les Conflits, di cui circa 50 impiegati dalla aeronautica sugli aerei d'attacco a lungo raggio Dassault Mirage 2000N mentre circa 10 sono schierati sui Dassault Super Étendard, aerei d'attacco della Marina francese, che operano dalla portaerei a propulsione nucleare Charles de Gaulle (R 91). Il nuovo velivolo Dassault Rafale sostituirà gradualmente tutti Mirage 2000N e Super Étendard nel ruolo di attacco nucleare.La Francia possiede grandi industrie militari e una delle più grandi industrie aerospaziali del mondo. Le sue aziende hanno realizzato, tra le altre cose, il Rafale, la portaerei Charles de Gaulle, il missile Exocet e il carro armato Leclerc (carro armato). Nonostante il ritiro dal progetto Eurofighter Typhoon, la Francia sta attivamente investendo in iniziative militari comuni europee, come il Eurocopter Tiger, la Fregata (nave) classe FREMM, l'aeromobile a pilotaggio remoto Dassault nEUROn e l'Airbus A400M. La Francia è anche un grande venditore di armi: la maggior parte del suo arsenale è a disposizione per il mercato estero, con l'eccezione dei mezzi a propulsione nucleare. – 20 minutesLa parata militare che si tiene a Parigi ogni 14 luglio, in occasione della Festa nazionale francese, è la più antica e la più grande parata militare a svolgimento regolare in Europa.Mail Online, Harrowing loss of Afghanistan troops overshadows France's Bastille Day military parade, 14 July 2011. .
Ricerca scientifica
Content:La Francia ha due importanti istituti di ricerca con il Centre national de la recherche scientifique e Commissariat à lénergie atomique et aux énergies alternatives. Francia ospita sul suo territorio importanti strumenti di ricerca internazionali, come European synchrotron radiation facility o Institut Laue-Langevin e rimane un membro chiave del CERN.
Università
Content:Una delle più antiche università d'Europa e del mondo e tra le più antiche,(se non la più antica) università francese, è l'Università di Parigi, o la Sorbona: l’universitas magistrorum et scholarium Parisiensis ("gruppo di insegnanti e studenti di Parigi") è inizialmente una corporazione di insegnanti e studenti che è apparsa a Parigi intorno al 1150. Il primo atto che gli conferisce uno status ufficiale è una carta del 15 gennaio 1200 con la quale re Filippo II di Francia concede la "comunità". L'Università venne riconosciuta da Papa Innocenzo III da una bolla del 1215, bolla confermata da Papa Gregorio IX nel 1231.
Politica
Content:File:Pano-lux1.jpg: File:Paris Assemblee Nationale DSC00074.jpg: La Francia è una Repubblica Costituzione, "indivisibile, laicità, democrazia e sociale" (articolo I della Costituzione del 1958) a regime parlamentare semipresidenzialismo (con forti poteri in mano al Presidente della repubblica). La riforma costituzionale del 28 marzo 2003 (Atto II del decentramento), ai sensi dello stesso articolo, ha aggiunto che l'organizzazione della Repubblica fosse decentrata.Prima del 1962 il presidente della Repubblica francese era eletto a suffragio universale indiretto da un collegio elettorale ampliato, al fine di evitare il predominio del potere legislativo sul potere esecutivo che si era prodotto nell'ambito della quarta Repubblica e che aveva causato il blocco istituzionale. Nel novembre 1962, il presidente indisse un referendum per poter essere eletto a suffragio universale diretto, in base all'articolo 11 della Costituzione (e non all'articolo 89). L'articolo 11 consente di sottoporre a referendum leggi in materia di governo, organizzazione delle istituzione e trattati internazionali, mentre l'articolo 89 consente di presentare una revisione costituzionale da parte del popolo, ma dopo l'approvazione del Parlamento riunione in Congresso.Nella Costituzione francese del 1958 della Quinta Repubblica, il potere esecutivo è rafforzato a scapito del potere legislativo. Il Presidente ha acquisito competenze proprie come ad esempio il diritto di sciogliere l'Assemblée nationale (Francia) (articolo 12 della Costituzione), il diritto di indire un referendum (articolo 11 della Costituzione), il potere di nominare il Primo ministro (articolo 8 della Costituzione), in quanto, a differenza del sistema presidenziale (si pensi agli Stati Uniti dAmerica), egli non è anche capo dell'esecutivo. Per quanto riguarda il governo, ne determina e ne dirige la politica. Stabilisce anche i 3/4 degli ordini del giorno dell'Assemblée nationale (Francia). Il presidente è eletto per cinque anni a suffragio universale diretto (prima era 7 anni).L'ordinamento politico della quinta Repubblica prevede una Camera dei deputati (Assemblée nationale (Francia)) di 577 membri, eletti per 5 anni a suffragio universale diretto, e un Senato (Senato (Francia)) composto di 331 senatori (che saranno 346 nel 2010 e rinnovati da questa data per la metà ogni tre anni), eletti per 6 anni a suffragio universale indiretto. Il potere legislativo del Senato (Francia) è limitato; l'Assemblée nationale (Francia) ha l'ultima parola in caso di disaccordo tra le due camere.I cittadini francesi all'estero vedono i loro interessi difesi in Parlamento da parte dell'Assemblea dei francesi dell'estero (Assemblée des Français de l'Étranger).
Relazioni internazionali
Content:La Francia è un membro delle Organizzazione delle Nazioni Unite e siede come uno dei membri permanenti del Consiglio di Sicurezza dellONU con diritto di veto. È anche membro dell'Organizzazione mondiale del commercio (WTO), del Segretariato della comunità del Pacifico (SPC) e della Commissione dellOceano Indiano (COI). È un membro associato della Associazione degli Stati caraibici (ACS) e membro di spicco della Francofonia (OIF) che raggruppa cinquantuno paesi francofoni in tutto il mondo. La Francia ospita la sede di importanti organizzazioni internazionali quali Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, Organizzazione delle Nazioni Unite per lEducazione, la Scienza e la Cultura, Interpol, Alliance Base e l'Bureau international des poids et mesures.La politica estera francese è stata in gran parte influenzata dall'adesione all'Unione europea, di cui è membro fondatore. A partire dagli anni 1990, la Francia ha sviluppato stretti legami con la Germania riunificata al fine di creare un influente blocco trainante dell'Unione europea. Nei primi anni ‘90, il paese ha attirato forti critiche dalle altre nazioni per i suoi test nucleare sotterraneo nella Polinesia Francese. La Francia si oppose vigorosamente all'invasione dell'Iraq nel 2003, stringendo relazioni bilaterali con Stati Uniti dAmerica e Regno Unito. La Francia mantiene una forte influenza politica ed economica verso le ex colonie africane. In particolare ha fornito aiuti economici e sostegno militare alle missioni di pace in Costa dAvorio e Ciad.
Economia
Content:File:Dette publique france percent du PIB.png: Come si è già avuto modo di segnalare, l'economia francese è una delle più forti del mondo e seconda in Europa dopo quella Germania. Pur essendo di tipo capitalismo è caratterizzata da un significativo intervento dello Stato, soprattutto a partire dalla fine della seconda guerra mondiale. Tuttavia, dalla metà degli anni ottanta, riforme successive hanno portato a un progressiva privatizzazione di diverse impresa pubblica. Grazie all'utilizzo di tecniche altamente sofisticate, la Francia è al primo posto in Europa, e tra i primi nel mondo, per la quantità e la qualità dei suoi prodotti nel campo dell'agricoltura e dell'allevamento. L'industria si articola in un fitto tessuto di piccole e medie imprese legate al territorio ma anche nei grandi colossi legati principalmente ai settori automobilistico, informatico, cosmetico, farmaceutico, gastronomico, della moda e dell'industria della musica. Il settore terziario impiega la maggior parte della forza lavoro e prospera grazie alla quantità e qualità dei servizi offerti dallo Stato e al turismo (la Francia occupa il quarto posto mondiale per introiti derivati dal turismo). Le stime del PIL nominale per l'anno 2012 pongono infatti la Francia al quinto posto tra i paesi più ricchi del globo.Il suo peso economico è stato in grado di assicurare alla Francia un ruolo di primo piano sulla scena internazionale. Il Paese ha beneficiato innegabilmente dalla sua posizione geografica al centro d'Europa e lungo i principali flussi commerciali che attraversano il continente, con importanti porti sul mar Mediterraneo, la Manica e oceano Atlantico.Il comunità Europea istituito nel 1957 ha rappresentato un forte motore di sviluppo per le imprese francesi, che hanno beneficiato, nel contempo, dei forti legami commerciali che le ex-colonie hanno mantenuto con l'antica madrepatria.
Settore primario
Content:La Francia è il primo produttore agricolo dell'Unione europea con il 23% della produzione agricola nel 1999, è seguita a debita distanza da Italia (15,4%) e Germania (15,2%). Le colture principali sono i cereale (grano e mais), zucchero, vino, prodotti latte-caseari, frutta, verdura, l'allevamento animale e la produzione di carne.Il settore ha subito un ammodernamento che ha aumentato la sua produttività. La popolazione attiva in agricoltura continua a diminuire dai massimi dell'Seconda guerra mondiale, tuttavia si segnala un relativo ringiovanimento della forza lavoro, legata principalmente al massiccio pensionamento: nel 2000 il 53% dei proprietari di azienda agricola avevano meno di 50 anni, contro il 42,6% del 1988. Le attività agricole si sviluppano sul 60% della Francia metropolitana corrispondenti a circa 28 milioni di ettari, ma solo la metà di questa superficie è posta a coltura. File:0509 Myans vignoble.JPG: Tableheader:class="toccolours" border="0" cellpadding="2" cellspacing="10" align="center" style="margin:0.5em;"valign:"top" style="font-size: 90%"Nel 2000, secondo INSEE, il valore di ciascuna produzione agricola è stato il seguente: # Prodotti vegetali diversi (piante foraggere, piante e fiori): 10,8% # Frutta e verdura: 10,4% # Altri prodotti di origine animale (prodotti lattiero-caseari, conigli, ecc.): 13,3% # Prodotti avicoli: 6,4% # Allevamenti: 18,4% # Pinte industriali: 6,8% # Cereali: 15,5% # Vini: 14,2% # Servizi (agriturismo, ecc.): 4,2%In termini di produzione, l'allevamento, con 11,9 miliardi di euro in valore nel 2000, si pone al primo posto nel panorama agricolo francese, davanti ai cereali (10 miliardi di euro e 66 milioni di tonnellate) e alle produzioni vinicole (8,9 miliardi di euro). Con 22,6 miliardi di litri di latte prodotti nel 2000, sebbene in calo rispetto al 1990, la Francia rappresenta un quinto del totale europeo. Se la pesca ha oggi un peso ridicolo sia a livello europeo sia mondiale tonnellate nel 1999, principalmente tonno tropicale) la flotta è costituita da circa navi e circa marinai. Infine, il legname raccolto, pari a 36,2 milioni di metri cubi nel 1999, alimentando un settore (segherie, lavorazione del legno, produzione di carta e cartone), che impiega circa persone. La produzione agricola alimenta inoltre il settore delle industrie di trasformazione alimentare, che alla fine del 1999 assommava a circa aziende che davano lavoro a dipendenti, dove l'industria legata alla lavorazione della carne impiegava da sola persone.
Settore secondario
Content:Il settore secondario rappresenta il 20,6% del prodotto interno lordo francese nel 2006 e occupava il 24,4% della forza lavoro.La Francia è una delle più grandi potenze industriali del mondo. Nelle loro attività, diversi gruppi francesi occupano un posto di primo piano rispetto ai loro concorrenti stranieri, come nel caso LOréal, Michelin e Alcatel.I rami che occupano il più grande numero di lavoratori dipendenti sono le industrie della meccanica, elettrica ed elettronica (25% nel 1998), dei prodotti in metallo (11,7%) e il settore legno, carta e stampa (10,2%). Inoltre il settore automobilistico riveste una notevole importanza, con una produzione annuale di circa 5 milioni di veicoli, forte di circa dipendenti, con grandi gruppi quali PSA Peugeot Citroën e Renault.Con l'88% delle imprese con meno di 200 dipendenti nel 1998, l'industria francese appare scarsamente concentrata. A fianco dei gruppi di grandi dimensioni coesistono e prosperano molte piccole e medie imprese (piccola e media impresa) che spesso lavorano in subappalto.
La produzione di energia
Content:L'industria nucleare francese è ora un settore leader dell'economia e uno dei pilastri della sua politica energetica. La Francia è il secondo maggior produttore di energia nucleare del mondo dietro solo agli Stati Uniti dAmerica. Con 59 Reattore nucleare a fissione, tutte gestite dall'Électricité de France, la Francia possiede il secondo parco al mondo (preceduta sempre dagli USA), mentre la quota di energia nucleare sulla produzione totale di energia elettrica corrisponde a quasi il 79%, ponendo la Francia come leader a livello mondiale. File:Nuclear Power Plant Cattenom.jpg: Tableheader:class="toccolours" border="0" cellpadding="2" cellspacing="10" align="center" style="margin:0.5em;"valign:"top" style="font-size: 90%"'''Caratteristiche del nucleare francese, secondo il Ministero dell'Ecologia:''', documento di analisi per il Ministero dell'ecologia, e del Ministero dell'economia, delle finanze e del lavoro, 2006.@an0:GWe@an0:€@an0:€@an0:1 100@an0:1 200@an0:EDFLa scelta strategica di puntare sulle centrali nucleari di potenza ha costantemente ridotto la bolletta energetica della Francia. Inoltre, il tasso di indipendenza energetica del paese è in netta crescita: il 26% nel 1973, circa il 50% dalla fine degli anni ‘80. L'energia nucleare ha anche permesso al paese di ridurre le emissioni che contribuiscono all'effetto serra. La Francia ha così uno dei più bassi tassi di emissioni di anidride carbonica fra i paesi dell'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico. Le sue emissioni di anidride carbonica causate dalla produzione energetica sono pari a 1,68 tonnellate pro capite nel 2002, contro le 2,30 tonnellate della media dei paesi dell'Unione europea a 15 (di cui 2,80 tonnellate per la Germania e 2,44 tonnellate per il Regno Unito) e le 5,36t. per gli Stati Uniti dAmerica. La Francia, in tal modo, ha emissioni di gas serra pro capite del 21% al di sotto della media europea, e dal 30% al 40% inferiori a quelli dei suoi principali paesi confinanti.
Settore terziario
Content:Il settore terziario ha un posto di rilievo nell'economia francese a immagine degli sviluppi compiuti negli altri principali paesi industrializzati. Il settore terziario impiega il 71,5% della popolazione attiva, più di 18 milioni di francesi. Questo è il settore che contribuisce maggiormente alla crescita economica. Mentre il settore commerciale è stato caratterizzato negli ultimi anni da strategie di mercato da cui ha tratto vantaggio la grande distribuzione, spesso attraverso fusioni e acquisizioni di grandi dimensioni.
Commercio con l'estero
Content:File:2006French exports.PNG: Per 30 anni l'industria francese si è considerevolmente internazionalizzata. Lo sviluppo delle esportazione però varia notevolmente da un settore all'altro: Molto importante per la bilancia commerciale è il settore agroalimentare, che ha prodotto 9,4 miliardi di euro di eccedenza nel 2000. In questo settore figurano produzioni quali quello delle bevande alcoliche (champagne, vino, cognac (distillato)), seguita dalle produzioni cerealicole (frumento) e dell'allevamento animale e delle carni. In termini di saldo esportazioni-importazioni, l'agroalimentare è seguito dall'industria automobilistica (9,3 miliardi di euro).I principali partner commerciali della Francia sono ovviamente i paesi dell'Unione europea, con i quali presentava un surplus commerciale, concentrando il 62% delle esportazione e il 60% delle importazione nel 2000. A distanza i Europa sono seguiti dall'americhe e dall'Asia.Per quanto riguarda le importazioni francesi ruolo principale veste il settore dell'energia. I principali fornitori di petrolio sono Norvegia, Arabia Saudita, Russia e la vicina Gran Bretagna. Altre merci d'importazione sono gli elettrodomestici e i prodotti dell'abbigliamento-cuoio.A partire dal 2004, la Francia ha conosciuto un disavanzo della sua bilancia commerciale sempre più importante.
Altri aspetti socio-economici
Content:Il tasso di disoccupazione, al 7,5% nel marzo 2008, è fra i più elevati d'Europa, e da circa 30 anni questo problema è ufficialmente una priorità del governo, indipendentemente dal partito al potere. La disoccupazione colpisce in particolare le donne, le persone oltre i 50 anni e la gioventù (anche se le stime sono leggermente alterate dal fatto che solamente una minoranza cerca un lavoro prima dei 22 anni).Nel 2008 3,68 milioni di persone (6,4% della popolazione) vivevano al di sotto della soglia di povertà del 50%, e 7,13 milioni di persone (12,1% della popolazione) vivono al di sotto della soglia di povertà del 60%. La povertà assoluta è in costante declino in Francia, ma la povertà relativa diminuisce in maniera inferiore (la povertà relativa è definita in relazione alla media del tenore di vita, e difficilmente può scomparire).Il 15% delle famiglie più ricche possiedono il 55,8% del totale del patrimonio nazionale (e nella maggior parte dei casi sono delle persone anziane)., Osservatorio dell'illegalità, 7 giugno 2007.
Situazione dell'amministrazione pubblica
Content:Il deficit pubblico, come il deficit di bilancio, sono molto elevati: per il 2007 lo stato delle spese nette ammontava a 271 miliardi di euro, mentre il totale delle entrate nette ammontano a 228 miliardi di euro. Secondo il ministero delle Finanze francese, il disavanzo era pari a circa 42 miliardi di euro.Ministero dell'Economia, delle Finanze e del Lavoro (MINEFE), Il debito pubblico del governo (Stato, enti locali, Sicurezza sociale, ODAC) era pari a miliardi di euro alla fine del 2006, che costituisce il 64,2% in rapporto al PIL (i criteri del Patto di stabilità e di crescita del trattato sull'Unione europea limita il disavanzo al 3,0% del PIL e il debito al 60% del PIL).
Caratteristiche del sistema economico
Content:File:Poissy - PSA Pôle tertiaire.jpg: L'organizzazione economica è tipico capitalista con un forte intervento statale (neo-colbertismo) dalla fine della seconda guerra mondiale, tanto che si parla spesso di capitalismo francese.Per quanto riguarda il sistema di produzione, la Francia è il quarto esportatore del mondo (come somma di tutti i prodotti), nonostante l'intrinseca debolezza, dal momento che non controlla il sistema di produzione, dominata a monte da parte di coloro che producono macchine utensili. L'economia francese è prevalentemente un'economia dei servizi, per i quali è il secondo più grande esportatore del mondo (è al primo posto nel mondo come destinazione turistica con più di 60 milioni di visitatori stranieri l'anno).Il settore terziario impiega il 72% della forza lavoro. Ma è soprattutto nel sistema della distribuzione che la Francia si distingue: la grande distribuzione in Francia ha un peso molto forte per l'economia.È il secondo più grande esportatore mondiale di prodotti alimentari, dietro gli Stati Uniti dAmerica, anche se il settore primario (agricoltura, pesca (attività)) rappresenta solo il 4% della forza lavoro.La Francia possiede un importante apparato industriale. Fra i settori di punta vi sono la produzione di treni commerciali per l'alta velocità e una potente industria automobilistica (PSA Peugeot Citroën, Renault, Michelin). Possiede il primo gruppo globale per la costruzione di centrali nucleari, collabora nel settore aeronautico e aerospaziale con gruppi quali Airbus, Eurocopter, Programma Ariane, Safran, ha importanti aziende farmaceutiche (Sanofi Aventis, Istituto Pasteur). Presenta eccellenze nel settore gastronomico e nel settore di lusso. Il settore secondario occupa il 24% della forza lavoro.
Turismo
Content:File:Eiffel trocadero i.jpg: La Francia è il paese più visitato nel mondo (per numero di visitatori stranieri, da 37 anni), e soprattutto Parigi, che è la prima città turistica in termini di arrivi (da 75 anni) e, infine, la Torre Eiffel che è il monumento più visitato del mondo. La Francia è al 4º posto per siti riconosciuti dall'Unesco (patrimonio artistico dell'umanità) preceduta da Spagna, Cina e Italia (che ne presenta 11 in più). I siti sono 39 per la Francia (insieme alla Germania anch'essa a 39 siti), 44 per la Spagna, 47 per la Cina e 51 per l'Italia. Il Paese si presenta come leader indiscusso in questo settore ed offre una grande varietà di monumenti e siti di notevole interesse. Tuttavia le entrate del turismo internazionale sono più elevate negli Stati Uniti dAmerica (81,7 miliardi di dollari) rispetto alla Francia (42,3 miliardi di dollari).Da un lato i soggiorni in Francia sono generalmente di breve durata e, in secondo luogo, il tipo di turismo è differente rispetto agli Stati Uniti d'America(un turismo familiare invece che un turismo d'affari). Nel 2000 è stato segnato il record assoluto con 75,5 milioni di arrivi. La bilancia turistica francese è in positivo: nel 2000 si sono generate entrate per 32,78 miliardi di euro, mentre i turisti francesi nei viaggi all'estero hanno contribuito a una spesa di soli 17,53 miliardi di euro. La grande varietà di paesaggi, la lunghezza di costa (5500 chilometri), il numero e la diversità dei monumenti presenti, oltre al prestigio della cultura francese (cucina, stile di vita, ecc.) e il ricco patrimonio (letteratura, pittura) spiega senza dubbio l'attrattività del paese, anche se si prevede che lo sviluppo del turismo in Cina potrebbe strappare nei prossimi anni il trono alla Francia come paese più visitato del mondo.Secondo i dati del 2003 i siti turistici più visitati sono stati: Torre Eiffel (6,2 milioni), Museo del Louvre (5,7 milioni), reggia di Versailles (2,8 milioni), Museo dOrsay (2,1 milioni), Arco di Trionfo (Parigi) (1,2 milioni), Centre Georges Pompidou (1,2 milioni), Mont Saint-Michel (1 milione), Castello di Chambord Sainte-Chapelle Castello di Haut-Kœnigsbourg Puy de Dôme (vulcano) Musée National Picasso di Parigi Carcassonne
Trasporti
Content:File:Hgv netz.jpg: La rete ferroviaria della Francia, che si estende per è la più ampia dell'Europa occidentale. È gestita dalla SNCF, e i treni ad alta velocità comprendono il Thalys, l'Eurostar (Eurotunnel) e il TGV, che viaggia sino a sulle linee ad alta velocità o "lignes à grande vitesse - LGV". L'Eurostar unisce la Francia al Regno Unito attraverso il Eurotunnel, e il Thalys con il Belgio. Esistono collegamenti ferroviari con tutti gli altri paesi limitrofi, con l'eccezione di Andorra.Approssimativamente ci sono di rete stradale in Francia. La regione di Parigi è avvolta dalla più fitta rete di strade e autostrade che la collegano con tutte le altre parti del paese. Le strade francesi supportano un certo traffico internazionale, con collegamenti verso le città dei paesi vicini come Andorra, Belgio, Germania, Italia, Lussemburgo, Principato di Monaco, Spagna e Svizzera. Non vi è in uso nessuna tassa annuale di circolazione, tuttavia, l'utilizzo delle autostrade è regolamentato attraverso il pagamento di un pedaggio. Il mercato dell'auto è dominato dai marchi nazionali, come la Renault (27% delle autovetture vendute in Francia nel 2003), Peugeot (20,1%) e Citroën (13,5%).L'automobile magazine, hors-série 2003/2004 page 294 Oltre il 70% delle nuove autovetture vendute nel 2004 montava motore Diesel, di gran lunga più contenuti i motori a benzina o a GPL. La Francia possiede il più alto ponte stradale del mondo: il viadotto di Millau, e ha costruito molti ponti importanti fra i quali il Ponte di Normandia.Nel paese sono presenti 478 tra aeroporto e aerodromo. L'aeroporto di Parigi-Roissy situato nelle vicinanze di Parigi è il più grande e trafficato aeroporto di Francia e il secondo d'Europa dopo Aeroporto di Londra-Heathrow, e movimenta la stragrande maggioranza del traffico commerciale del paese e collega Parigi praticamente con tutte le principali città del mondo. L'Air France è la compagnia aerea di bandiera, anche se diverse compagnie aeree private offrono voli nazionali e internazionali. Ci sono dieci grandi porti in Francia, il più grande dei quali è a Marsiglia. Si contano di corsi d'acqua e canali navigabili, compreso il Canal du Midi, che collega il mar Mediterraneo con l'oceano Atlantico tramite il fiume Garonna.
Cultura
Content:La cultura francese è ricca, varia e antica, e riflette le sue culture regionali e l'influenza delle ondate migratorie avvenute nel corso delle varie epoche. La sua capitale, Parigi - la Ville lumière - è stata a lungo un crocevia culturale importantissimo (la Sorbona), accogliendo artisti provenienti da ogni settore. Alcuni di questi siti sono dedicati alle tematiche più diverse (il museo del Louvre) e questa ricca cultura ha fatto della Francia, e di Parigi, le prime località turistiche del mondo.Patria di molti filosofi (il XVII secolo o Grand Siècle, e il XVIII secolo, o Età dei Lumi, sono stati i secoli d'oro per la Francia), la cultura francese ha lasciato al mondo la lingua della diplomazia, alcune delle concezioni universali dell'uomo, oltre a numerose scoperte e realizzazioni tecniche e mediche.Dopo aver inventato il cinema a Lione, la Francia ha sviluppato una delle poche industrie cinematografiche in Europa a resistere alla macchina hollywoodiana. , Le Figaro, pubblicato il 22 maggio 2007 (consultato il 30 luglio 2007)..E nasce proprio in Francia nel 1982 grazie al politico francese Jack Lang la Festa della musica, che si svolge, anche in Italia, ogni anno il 21 giugno per celebrare il solstizio d'estate.La Francia viene anche considerata, accanto all'Italia, la patria della moda e del lusso, avendo dato i natali a creatori come Coco Chanel, Christian Dior e Yves Saint-Laurent.Nel campo artistico, la Francia è la patria dell'architettura gotica che nacque intorno a Parigi nel XII secolo prima di diffondersi in tutt'Europa ma anche del rococò e del neoclassicismo durante il Settecento nonché dell'arte moderna, con i movimenti d'avanguardia dell'impressionismo, del fauvismo, del cubismo e del surrealismo tra la fine del Ottocento e l'inizio del Novecento. Nella prima metà dell'Ottocento, la fotografia fu inventata da Nicephore Niepce che scattò in Borgogna nel 1827 la prima fotografia della storia.
Arte
Content:
Pittura
Content:La Francia, in ambito pittorico, ha espresso importanti personalità: nel XV secolo spicca la figura di Jean Fouquet, pittore di corte che realizzò la sintesi dell'arte italiana e fiamminga, producendo ritratti di un notevole naturalismo e molti libri miniati. Nel XVII secolo, sono degni di nota Nicolas Poussin, uno dei grandi maestri del classicismo, Claude Lorrain, uno dei più famosi paesaggisti dell'epoca e Georges de La Tour, un originalissimo continuatore del caravaggismo. Nel XVIII secolo, si affermò il neoclassicismo con Jacques-Louis David e il rococò con Antoine Watteau, François Boucher, Jean-Siméon Chardin e Jean-Honoré Fragonard. Il XIX secolo espresse, tra gli altri, Eugène Delacroix e Théodore Géricault, tra i maggiori esponenti dell'arte romantica, e Jean-Auguste-Dominique Ingres, grande esponente del neoclassicismo.Nel XIX secolo il pre-impressionismo trova un importante esponente nella pittura di Édouard Manet. Il realismo (arte) ha come importanti esponenti Gustave Courbet, Jean-François Millet, Honoré Daumier e Rosa Bonheur. Nella seconda metà del XIX secolo si afferma in Francia il simbolismo con Pierre Puvis de Chavannes, Gustave Moreau e Odilon Redon, l'impressionismo con Claude Monet (con la pittura paesaggistica e la pittura en plein air), Pierre-Auguste Renoir, Edgar Degas, Camille Pissarro e Gustave Caillebotte. E ancora il post-impressionismo con l'opera di Paul Cézanne, Paul Gauguin, Georges Seurat e Paul Signac (fondatori del divisionismo), Henri de Toulouse-Lautrec e pittori del movimento dei Nabis (Paul Sérusier, Maurice Denis, Pierre Bonnard, Edouard Vuillard).Nel XX secolo, Parigi è la capitale dell'arte moderna e delle avanguardie. Si ricorda le figure fondamentali di Henri Matisse e dei suoi amici del Fauves, con André Derain, Maurice Vlaminck e Raoul Dufy. Il fauvismo è seguito dal cubismo, sviluppato a Parigi dallo spagnolo Pablo Picasso e dal francese Georges Braque e poi da Fernand Léger, Robert Delaunay e Sonia Delaunay. Marcel Duchamp è la figura centrale del dadaismo e del surrealismo accanto a Francis Picabia. I principali pittori surrealisti francesi sono André Masson e Yves Tanguy. Nel secondo dopoguerra spiccano le personalità di Jean Dubuffet, Yves Klein, Nicolas de Staël (di origine russa) e la figura di Niki de Saint Phalle, importante realizzatrice anche di plastici.
Scultura
Content:Durante il Rinascimento, nel XVI secolo, si fanno spazio i scultori Germain Pilon, Jean Goujon e Ligier Richier.Nel Seicento, Pierre Puget è il massimo rappresentante della corrente barocca in Francia, mentre François Girardon et Charles Antoine Coysevox sviluppano il classicismo francese all'epoca di Luigi XIV.Durante il Settecento, la prima metà del secolo è dominata da scultori di gusto rococo (Guillaume Coustou) poi seguiti dalla reazione neoclassica (Jean-Baptiste Pigalle, Edmé Bouchardon, Etienne Maurice Falconet e Jean-Antoine Houdon).Uno dei più illustri esponenti della scultura francese fu Auguste Rodin (1840-1917), principale iniziatore della scultura moderna.E ancora da ricordare la figura dello scultore Auguste Bartholdi, autore della Statua della Libertà, donata dalla Francia agli Stati Uniti (trasportata a New York il 17 giugno 1885) e inaugurata nel 1886 e le figure di Jean-Baptiste Carpeaux, rappresentante dell'eclettismo e di Camille Claudel, amica intima di Rodin.Nel Novecento, le principali figure della scultura moderna sono Raymond Duchamp-Villon, Henri Laurens, Jean Arp e Louise Bourgeois.
Architettura
Content:
Scienza
Content:La Francia è patria di numerosi e importanti matematici e scienziati tra cui Cartesio, Blaise Pascal, Pierre de Fermat, Antoine Lavoisier, Évariste Galois, Pierre Simon Laplace, Siméon-Denis Poisson, Gaspard Monge, François Arago, Joseph Liouville, Augustin-Louis Cauchy, Guillaume François Antoine marchese de lHôpital, Joseph Fourier, Émile Borel, Nicolas Bourbaki, Adrien-Marie Legendre, Camille Jordan, Henri Lebesgue, Charles Hermite, Claude-Louis Navier, Benoît Mandelbrot, Ferdinand Monoyer, Augustin-Jean Fresnel, Nicolas Léonard Sadi Carnot, André-Marie Ampère, Jean-Baptiste Biot, Claude Bernard, Louis Pasteur, Félix Savart, Henri Poincaré, Henri Becquerel, Marie Curie, Pierre Curie, Louis-Victor Pierre Raymond de Broglie ecc.
Chimica e fisica
Content:@an0:Legge della conservazione della massa@an0:radio@an0:Pierre
Matematica
Content:
Medicina
Content:
Tecnologia
Content:
Progressi tecnologici
Content:
Ingegneria
Content:url: http://www.storiadeisordi.it/2012/11/27/de-lepee-carlo-michele-grande-educatore-dei-sordi-deuropa/url: http://www.calendarlabs.com/holidays/international/world-braille-day.php@an0:Roland Garros
La nascita della fotografia
Content:url: http://www.fotografiamoderna.it/dagherrotipo-storia-fotografia/@an0:Daguerre Tra i fotografi del XX secolo ricordiamo Robert Doisneau (1912-1994) (Bacio davanti all'hotel De Ville, foto scattata nel 1950).
La Francia nello spazio
Content:@an0:Asterix
Filosofia
Content:Notevole è anche la tradizione filosofica con Pierre Abélard, Giovanni Calvino, Jean Bodin, Cartesio, Blaise Pascal, Jean-Jacques Rousseau, Montesquieu, Voltaire, Denis Diderot, Jean Baptiste Le Rond dAlembert, Auguste Comte. Il Novecento vide svilupparsi i pensieri di Henri Bergson, Maurice Merleau-Ponty, Gaston Bachelard, Claude Lévi-Strauss, Jean-Paul Sartre, Jacques Lacan, Michel Foucault, Gilles Deleuze, Jacques Derrida, Jean-François Lyotard e Jean Baudrillard. E ancora tra il XX e il XXI secolo si è distinta la figura del religioso Abbé Pierre.
Diritto
Content:
Il movimento femminista
Content:Un aspetto importante ha avuto anche il movimento femminista francese che trae le sue origini, in particolare, dalla Rivoluzione francese
Letteratura
Content:File:Molière - Nicolas Mignard (1658).jpg: La littérature gode ancora oggi di una grande importanza nella cultura francese, i più grandi scrittori essendo figure nazionali a tutti note mentre i premi letterari come il Premio Goncourt scatenano ogni anno i media e le passioni del pubblico. D'altro canto, l'influenza della letterature francese nel mondo occidentale è stata essenziale sin dal Medioevo e in particolare dal Seicento in poi, cosicché la Francia viene talvolta considerata come il "paese della letteratura".I primi rudimenti di cultura francese risalgono al Medioevo, quando l'area dell'odierna Francia non possedeva ancora un'unica e uniforme lingua e di conseguenza gli scrittori si cimentarono con le diverse lingue e dialetti. Gli autori di molti testi medievali francesi non sono noti, come nel caso di Tristano e Isotta (mito) e Lancillotto in prosa. Gran parte della letteratura e della poesia medievale francese venne ispirata da leggende del ciclo carolingio, come la Chanson de Roland. Il "Roman de Renart", scritto nel 1175 da Perrout de Saint-Cloude, è un altro esempio dell'epoca. Alcuni nomi di autori di questo periodo sono Chrétien de Troyes, Guglielmo IX dAquitania, che scrisse in occitano, e il poeta François Villon.Importanti scrittori del XVI secolo furono François Rabelais che influenzò il moderno vocabolario francese, i poeti Pierre de Ronsard e Joachim du Bellay e l'umanista Michel de Montaigne.File:Victor Hugo.jpg: Nel corso del XVII secolo un patrimonio importante in campo teatrale venne lasciato da Pierre Corneille, Jean Racine, Molière, e i filosofi Blaise Pascal e René Descartes, che influenzò la morale e la filosofia e gli autori dei decenni successivi. Nel genere della favola si distinse Jean de La Fontaine, importante poeta di questo secolo, mentre per la fiaba si affermò Charles Perrault, prolifico scrittore di racconti per bambini (Il gatto con gli stivali (fiaba), Cenerentola, La bella addormentata (fiaba) e Barbablù). E ancora ricordiamo i poeti classicisti François de Malherbe e Nicolas Boileau. La letteratura francese e la poesia fiorirono nel XVIII secolo-XIX secolo. Il XVIII secolo vide le opere di scrittori, filosofi e moralisti come Voltaire, Montesquieu, Denis Diderot e Jean-Jacques Rousseau. Il teatro si espresse attraverso le opere di Marivaux e Beaumarchais.Nel XIX secolo la letteratura francese fu attraversata da varie correnti letterarie come il romanticismo, Realismo (letteratura), il Naturalismo (letteratura) e il simbolismo che testimoniano della sua vitalità. Videro la luce molti romanzi francesi di fama mondiale con Victor Hugo (I miserabili), importante esponente del Romanticismo francese, Alexandre Dumas (padre) (I tre moschettieri (romanzo) e Il Conte di Montecristo), Gustave Flaubert (Madame Bovary), esponente del naturalismo (letteratura), tra i più noti, ma anche Honoré de Balzac, Émile Zola, Guy de Maupassant, Théophile Gautier e Stendhal. La poesia cosiddetta "decadente" e "simbolismo" fu un movimento importante nella letteratura francese che avrebbe influenzato la letteratura moderna occidentale, con poeti come Charles Baudelaire, autore de I fiori del male, Paul Verlaine, Arthur Rimbaud e Stéphane Mallarmé.Nel XIX secolo si assiste anche all'affermazione del romanzo scientifico con Jules Verne, autore di capolavori quali Ventimila leghe sotto i mari e Il giro del mondo in 80 giorniImportanti scrittori del XX secolo Marcel Proust, Louis-Ferdinand Céline, André Breton, il padre del surrealismo, Louis Aragon, Albert Camus (esponente dell'esistenzialismo ateo), e Jean-Paul Sartre, importante esponente dell'esistenzialismo. Antoine de Saint-Exupéry scrisse Il piccolo principe, che rimase popolare per decenni tanto per la letteratura per ragazzi, quanto fra gli adulti di tutto il mondo.
Fumetti
Content:Per quanto riguarda il genere del fumetto:
Musica
Content:La Francia fu uno dei centri europei della Musica medievale con la Scuola di Notre-Dame del XII secolo seguita dall'Ars Nova nel Trecento, con compositori come Guillaume de Machaut. Nel Rinascimento la cosiddetta scuola franco fiamminga fu una delle più innovative d'Europa, influenzando notevolmente la produzione europea ulteriore: il suo rappresentante più famoso fu Josquin Desprez. Nel Seicento e Settecento i più importanti compositori sono Jean-Baptiste Lully (di origine italiana), Marin Marais, Marc-Antoine Charpentier, François Couperin e Jean-Philippe Rameau. Per l'Ottocento e il Novecento sono degni di nota Hector Berlioz, Gabriel Fauré, Georges Bizet, Jacques Offenbach, Claude Debussy e Camille Saint-Saëns. Nel Novecento emergono le figure di Maurice Ravel, Erik Satie, Francis Poulenc, Arthur Honegger, Pierre Boulez, Charles Trenet e il chitarrista jazz Django Reinhardt.Nel XX secolo spicca, inoltre, la musica di Édith Piaf, Dalida e Charles Aznavour.Nel corso del XXI secolo, in campo musicale, sono da ricordare anche David Guetta e Bob Sinclar, disc jockey di fama internazionale e la cantante Caroline Loeb (con Cest la ouate) e Alizée (con il singolo Moi... Lolita).
Danza
Content:
La nascita del balletto moderno
Content:Uno dei danzatori e coreografi francesi più apprezzati nel mondo della danza, a livello internazionale, è probabilmente Jean-Georges Noverre (1727-1810), il creatore del balletto moderno: il giorno del suo compleanno, il 29 aprile, viene celebrato nel mondo con la Giornata internazionale della danza.
Cinema
Content:
La nascita del cinema
Content:Il campo della cinematografia francese è uno dei più apprezzati del panorama mondiale ed è in Francia che nasce il cinema, a Parigi il 28 dicembre 1895 con la proiezione pubblica di alcuni film di quelli che vengono considerati i padri del cinema: i Auguste e Louis Lumière, mentre, spesso, viene considerato come secondo padre un altro francese Georges Méliès, autore del primo film di fantascienza, Viaggio nella Luna, del 1902
L'egittologia
Content:Altro contributo culturale importante fu la nascita e lo sviluppo dell'egittologia. Nel 1822 vennero decifrati i geroglifici egizi dal francese
Emblemi della Francia
Content:Jean-François Champollion
Locuzioni indicanti la Francia
Content:Sono da tempo diffuse numerose locuzioni con le quali si fa riferimento alla Francia, ecco le più note: @an0:rivoluzione@an0:tedeschi@an0:secolo dei Lumi@an0:De Gaulle@an0:Churchill@an0:belga@an0:frontiera franco-belga
Sport
Content:
Calcio
Content:File:Olympique de Marseille Olympique lyonnais 14 08 2005.jpg: Lo sport più seguito in Francia è il Calcio (sport), il campionato calcistico più importante è la Ligue 1. I maggiori club francesi per blasone sono il Paris Saint-Germain Football Club, il Olympique de Marseille, il Olympique Lyonnais, il Football Club des Girondins de Bordeaux e il Association Sportive de Saint-Étienne Loire. La Nazionale di calcio della Francia, come anche la Nazionale di rugby, sono soprannominate Les Bleus in riferimento al colore della divisa. La squadra di calcio ha vinto due Campionato mondiale di calcio, nel Campionato mondiale di calcio 1998 e nel Campionato mondiale di calcio 2018. Inoltre ha vinto due Campionato europeo di calcio, nel Campionato europeo di calcio 1984 e nel Campionato europeo di calcio 2000 e annovera talenti internazionali quali, tra gli altri, Michel Platini, Just Fontaine, Raymond Kopa, Thierry Henry, capocannoniere della Nazionale francese con 51 reti e Zinédine Zidane.
Rugby
Content:La squadra nazionale di rugby ha raggiunto per tre volte la finale di Coppa del Mondo di rugby, uscendone altrettante volte sconfitta, e prende parte annualmente al torneo delle Sei Nazioni, che ha vinto per sedici volte.
Pallamano
Content:La nazionale di pallamano francese ha vinto per sei volte il Campionato mondiale di pallamano maschile e una volta quello femminile.
Tennis
Content:Nella disciplina tennistica possiamo ricordare, tra gli altri, Suzanne Lenglen, vincitrice di ben 25 titoli del Grande Slam (tennis) e prima celebrità femminile in questa disciplina.
Altri sport
Content:Altri sport popolari sono il ciclismo e, in alcune regioni, la pallacanestro e l'hockey su ghiaccio.
Eventi sportivi
Content:La Francia ha ospitato eventi di rilievo internazionale, come la Campionato mondiale di calcio nel Campionato mondiale di calcio 1938 e nel Campionato mondiale di calcio 1998, e la Coppa del Mondo di rugby nel Coppa del Mondo di rugby 2007. Il principale stadio francese è lo Stade de France di Parigi, sede della finale della Campionato mondiale di calcio del 1998 e della Coppa del mondo di rugby dell'ottobre 2007. Inoltre, la Francia ospita l'annuale Tour de France, la più famosa corsa di ciclismo su strada di tutto il mondo. Altri eventi sportivi di rilievo sono la 24 Ore di Le Mans, corsa automobilistica di resistenza che si tiene nel dipartimento della Sarthe, e la regata velica del Vendée Globe, che parte ogni quattro anni dal porto atlantico di Les Sables-dOlonne. Si svolgono anche diversi grandi tornei di tennis, fra cui il Paris Masters e l'Open di Francia, detto Roland Garros, uno dei quattro tornei del Grande Slam (tennis).
La Francia e le Olimpiadi
Content:La Francia ha una stretta associazione con le Giochi olimpici, in quanto patria del barone Pierre de Coubertin, che suggerì la rinascita dei Giochi olimpici alla fine del XIX secolo. Parigi ospitò la Giochi della II Olimpiade nel 1900. Parigi fu anche la prima sede del Comitato Olimpico Internazionale, prima che questa fosse trasferita a Losanna. Dopo l'edizione del 1900, la Francia ospitò le Olimpiadi in altre quattro occasioni: le Giochi della VIII Olimpiade (sempre a Parigi) e tre Giochi Olimpici invernali (, e ).La prima medaglia olimpica francese fu vinta il 6 aprile 1896 da Alexandros Touferis, medaglia d'argento nel salto triplo.Il primo campione olimpico francese fu invece Eugène-Henri Gravelotte, oro nel fioretto ai Giochi olimpici di Atene 1896L'atleta francese più medagliato dei Giochi olimpici moderni è Martin Fourcade, nel biathlon, con 5 ori e 2 argenti
I Giochi della Francofonia
Content:Ricordiamo infine l'evento sportivo che coinvolge i paesi francofoni: i
Tradizioni e folclore
Content:Giochi della Francofonia
Gastronomia
Content:Tra i testi di letteratura culinaria francese spicca la Fisiologia del gusto (Physiologie du Goût) (1825), uno dei testi della cucina borghese, di Anthelme Brillat-Savarin.Un piatto tipico della Francia è la zuppa di cipolle, gli ingredienti sono: cipolle, fette di pane integrale e spezie, e oltre a questo esistono molte pietanze che caratterizzano le varie zone della Francia. Tra queste, troviamo le lumache (escargot) che si possono trovare cucinate in differenti modi, famosi sono i dolci, e le creme sia dolci che salate. Tra queste ultime troviamo il soufflé.Tra i simboli della gastronomia francese ricordiamo il Camembert (formaggio), tipico formaggio, inventato, secondo la leggenda, da Marie Harel nel 1791.
Festività
Content:
Classifiche internazionali
Content:Tableheader:class="wikitable" class="sortable wikitable"style:"background:#efefef"DataNome ItalianoNome LocaleNote1º gennaioCapodannoJour de l'An ;20 marzoGiornata della lingua francese nelle Nazioni UniteJournée de la langue française aux Nations uniesper celebrare la lingua francese e lafrancofonianel mondo-PasquaPâquesDomenica, data variabile (non è una festa pubblica)-Lunedì dellAngeloLundi de Pâquesil lunedì dopo Pasqua1º maggioFesta dei lavoratoriFête du Travail8 maggioGiornata della vittoria (Paesi dellEuropa occidentale)Victoire 1945fine dellaseconda guerra mondialeseconda Domenica di MaggioFesta nazionale di Giovanna d'Arco e del PatriottismoFête nationale de Jeanne d'Arc et du patriotismeLiberazione dall'assedio di Orléans, nel 1429-Ascensione di GesùAscensiongiovedì, 40 giorni dopo Pasqua-PentecostePentecôtedomenica, 50 giorni dopo Pasqua (non è una festa pubblica)-Lunedì di PentecosteLundi de Pentecôteil lunedì dopo Pentecoste (non è più una festa pubblica)14 luglioFesta nazionale franceseFête NationalePresa della Bastiglia(1789) / Festa della Federazione (1790)15 agostoAssunzione di MariaAssomption ;1º novembreOgnissantiToussaint ;11 novembreGiorno dei veteraniGiorno dell'armistizioGiorno del ricordoArmistice 1918Fine dellaprima guerra mondiale25 dicembreNataleNoël
Note
Content:
Voci correlate
Content:
Altri progetti
Content:
Collegamenti esterni
Content:@an0:http://www.france.fr/it@an1:Sito ufficiale della Francia@an0:Assemblée nationale@an0:de@an1:en@an2:es@an3:fr@an0:Sito ufficiale dell'ufficio del Presidente francese1:http://www.premier-ministre.gouv.fr/fr/2:Sito ufficiale dell'ufficio del Primo Ministro franceselingua:de, en, es, fraccesso:18 settembre 2005urlarchivio:https://web.archive.org/web/20110120220408/http://www.premier-ministre.gouv.fr/fr/dataarchivio:20 gennaio 2011urlmorto:sì@an0:de@an1:en@an2:es@an3:fr@an0:Sénat@an0:de@an1:en@an2:es@an3:fr@an0:Sito ufficiale del servizio pubblico francese@an0:Scheda della Francia dal sito Viaggiare Sicuri@an0:Visita la Francia

Sections

 Geografia 
	 Localizzazione e frontiere 
 Storia 
	 Preistoria, protostoria e antichità 
	 La Francia nel Medioevo (V-XV secolo) 
	 Rinascimento e assolutismo (XV-XVIII secolo) 
	 Rivoluzioni, Repubbliche e Imperi (1789-1914) 
		 La Terza Repubblica 
	 La Francia nelle due guerre mondiali (1914-1945) 
		 La prima guerra mondiale 
		 La seconda guerra mondiale 
	 Dopo la Liberazione (dal 1945) 
 Geografia fisica 
	 Morfologia e idrografia 
	 Clima 
 Società 
	 Evoluzione demografica 
	 Religione 
	 Lingue 
 Ordinamento dello Stato 
	 Suddivisione amministrativa 
	 Costituzione 
	 Territori d'oltremare 
	 Città principali 
	 Istituzioni, enti e associazioni 
		 Forze armate 
		 Ricerca scientifica 
		 Università 
 Politica 
	 Relazioni internazionali 
 Economia 
	 Settore primario 
	 Settore secondario 
	 La produzione di energia 
	 Settore terziario 
	 Commercio con l'estero 
	 Altri aspetti socio-economici 
	 Situazione dell'amministrazione pubblica 
	 Caratteristiche del sistema economico 
	 Turismo 
	 Trasporti 
 Cultura 
	Arte
		Pittura
		Scultura
		Architettura
	 Scienza 
		Chimica e fisica
		Matematica
		Medicina
	Tecnologia
		Progressi tecnologici
		Ingegneria
		La nascita della fotografia
		La Francia nello spazio
	 Filosofia 
	Diritto
	Il movimento femminista
	 Letteratura 
	Fumetti
	 Musica 
	 Danza 
		 La nascita del balletto moderno 
	 Cinema 
		 La nascita del cinema 
	 L'egittologia 
	 Emblemi della Francia 
	 Locuzioni indicanti la Francia 
 Sport 
	Calcio
	Rugby
	Pallamano
	Tennis
	Altri sport
	Eventi sportivi
	La Francia e le Olimpiadi
	I Giochi della Francofonia
 Tradizioni e folclore 
	 Gastronomia 
	 Festività 
 Classifiche internazionali 
 Note 
 Voci correlate 
 Altri progetti 
 Collegamenti esterni 

Links

Insee - Populations légales 2008 - 75056-ParisRapport sur le développement humain 2010«La France veut accroître son domaine maritime»Bilancio demografico 2009sito dellINSEEINSEE 2006: La Francia, oggi uno dei paesi più fecondi dEuropasourceEtre né en France dun parent immigréEnquêtes annuelles de recensement 2004 et 2005 - Près de 5 millions dimmigrés à la mi-2004Gli stranieri in Francia, dal 1851Limplantation des Chinois de France...Lappel dErdogan aux Turcs de FranceAafv.orgLa situation des roms en France atteint un point critiqueI rom e lEuropa, dal rigore tedesco alla Francia modello bastone e carotaCaccia ai rom: in Francia continuano le espulsioni. Critica lUerésuméLa France africaineLa France reste catholique mais moins pratiquanteFranţa nu mai e o ţară catolicăFrance to train imams in French IslamMattoni per la religione: linvasione delle moscheeComme un Juif en Franceupjf.orgLa fin du service militaire obligatoireEtat des forces nucléaires françaises au 15 août 2004Arms sellings explode in 2009France proudly celebrates Bastille Day despite deaths of its soldiers in Afghanistan overshadowing annual parade | Daily Mail OnlineLa produzione di elettricità a partire dalle fonti rinnovabili, 8° inventario - edizione 2006EDFL’energia NuclearePatrimonio: chi possiede cosa?Budget dello Stoato 2007Le Monde.fr: ArchiviLa Cina diverrà la prima destinazione turistica mondiale nel 2014Il cinema francese detronizza HollywoodAssemblée nationaleSito ufficiale dellufficio del Presidente franceseSénatSito ufficiale del servizio pubblico franceseScheda della Francia dal sito Viaggiare SicuriVisita la Francia

References

Liberté, Égalité, FraternitéFranceselistaRepubblica semipresidenzialeEmmanuel MacronÉdouard PhilippePresidente della RepubblicaPrimo ministro1945ONU1945Consiglio di Sicurezza1957BelgioLussemburgoGermaniaSvizzeraItaliaPrincipato di MonacoAndorraSpagnaRegno UnitoTunnel della ManicaGuyana franceseBrasileSurinameSaint-MartinSint MaartenRegno dei Paesi BassiFrancesiEuropaAmerica centraleCaraibiAmerica meridionaleGuyana franceseAmerica settentrionaleSaint-Pierre e MiquelonAfricaRiunioneOceaniaTerre australi e antartiche francesiUTC+1UTC+2ora legaleUTC-4MartinicaGuadalupaUTC-3UTC+4Eurofranco CFPPolinesia FranceseNuova CaledoniaWallis e Futuna.fr.eu.frdomini di primo livello.re.mq.gp.tf.nc.pf.wf.pm.gf.yt.euUnione europeaValle StrettaNévacheBardonecchiaLa MarsiglieseFile:La Marseillaise Georges THILL Musique de la Garde Républicaine.ogg14 luglioQuarta RepubblicafranceseEuropa occidentaleterritori disseminati su più oceani e altri continentirepubblicacostituzionaleunitariaregime semipresidenzialeParigicapitalefranceseeurofranco Pacificooceano PacificoLiberté, Égalité, FraternitébandieraLa MarseillaiseAlto MedioevoFranchiimpero colonialeUnione Europeapotenza nucleareConsiglio di sicurezza delle Nazioni uniteNATOG7G20zona euroSpazio SchengenConsiglio dEuropaParlamento europeoUNESCOpoliticaeconomicamilitareEuropaoceanicontinentigeopoliticaambasciateconsolatiStati Uniti dAmericabasi militarizona economica esclusivapotenza economica europeaGermaniaRegno Unitopotenza economica mondiale per prodotto interno lordo nominaleparità di potere dacquistoagroalimentazioneaeronauticaautomobileprodotti di lussoturismonucleareINSEEregioni metropolitaneregioni ultramarinecollettività doltre mareNuova CaledoniaUnione europeaGermaniaEuropapotenza colonialeOrganizzazione internazionale della francofoniafrancesediplomazialingue ufficialiingleseOrganizzazione delle Nazioni uniteFrancia metropolitanaMare del NordManicaoceano Atlanticomar MediterraneoBelgioLussemburgoGermaniaSvizzeraItaliaMonacoSpagnaAndorraPireneiAlpimassiccio del Giurafiume RenoActa Eruditorum del 1703: Francia doltremareamministrazione territoriale della Franciacontinente sud-americanoGuyana franceseoceano AtlanticoSaint-Pierre e MiquelonAntilleGuadalupaSaint-MartinSaint-Barthélemyoceano PacificoPolinesia FranceseNuova CaledoniaWallis-et-FutunaClippertonoceano IndianoRiunioneMayotteIsole SparseIsole CrozetSaint-Paul e Nuova AmsterdamPianoro delle KerguelenIsole KerguelenAntartideTerra AdeliaBrasileSurinameGuyana francesePaesi BassiEuropaRussiaUcrainaUnione EuropeaVercingetorigeCesareCesare.: Carlo MagnoLudovico il Pio.: territorioPaleolitico inferioreChilhacAlta LoiraPaleolitico superioreLascauxDordognaNeoliticovillaggioCourthézonVaucluse900 a.C.CeltiGalli680 a.C.AntibesGalliadominazione romana125 a.C.Gallia Narbonense51 a.C.guerra di GalliaImpero romanoIIVI secolocaduta dellImpero romano dOccidenteGalliaAlemanniBurgundiBorgognaFranchiClodoveodinastia merovingia507VIII secoloPipino il BreveregnoCarlo MagnoLudovico il Piogiuramento di Strasburgo842trattato di Verdun843Lotario ISacro Romano Imperogiuramento di StrasburgoCarolingi987Ugo CapetoCapetingiducaconte1792rivoluzione franceserepubblicanaLuigi XVIPlantagenetiguerra dei centanniXII secoloFilippo AugustoPireneicanale della ManicaInghilterraSacro Romano ImperoMedioevoguerra dei centannipeste neraXV secoloLuigi XILuigi XIVHyacinthe Rigaud (1701).: SpagnaAsburgoCarlo VFrancesco IEnrico IIEnrico IVLuigi XIIIRichelieuAmericaJacques CartierFrancescomar dei CaraibiLouisianaSenegalLuigi XIVLuigi XVInghilterraIndiaCanadaLuigi XIV di FranciaDucato di BorgognaRepubblica delle Sette Province Unite1789Rivoluzione franceseNapoleone Bonaparte183018481851Luigi Napoleone BonaparteNapoleone1852Napoleone IIISeconda Repubblica franceseSecondo ImperoRegno UnitoGuerra di CrimeaMedio OrienteItaliaAustriapiemonteSavoiaNizzaPrussia1870SedanAlsazia e LorenaEuropa1871Comune di ParigiTerza Repubblica franceseBelle Époquesconfitta di SedanSecondo Imperoinvasione tedesca del paese1940Panamaantisemitismoaffare DreyfusnazionalismoBoulangerSinistraAfricaIndocinaGermaniarevanscismoRussiaGran Bretagnaattentato di Sarajevoeffetto domino1914ultimatumPrima guerra mondialeFile:French bayonet charge.jpg: 1914Bordeauxfiume Marnatrinceeguerra di trinceaprima battaglia della MarnaVerdunSommeseconda battaglia della Marna1917imperi centraliStati Uniti19181914seconda battaglia della MarnaImpero ottomanoTrattato di VersaillesGeorges ClemenceauCharles De Gaulle150px: 1939battaglia di Francia1940Appello del 18 giugnoCharles de GaulleWehrmachtforesta delle ArdenneBelgioPaesi BassiGermania nazista1940DunkerqueFrancia di Vichy1940Philippe PétainPrima guerra mondialeTerza repubblica6 giugno1944D-DaySbarco in Normandiaseconda guerra mondialeConferenza di PotsdamQuarta Repubblica1946IndocinaAlgeriaComunità europea del carbone e dellacciaio1950Trattato di Roma1957mercato comuneQuinta Repubblica19581950anni cinquantaGermaniaTrattato dellEliseoComunità economica europeaUnione europeaEuropa200510 dicembre1948Dichiarazione universale dei diritti umaniTopografia della Francia.: Zona Economica Esclusiva della Francia.: Francia metropolitanaZona Economica EsclusivaStati Uniti dAmericaLe FigaroBelgioGermaniaLussemburgoSvizzeraItaliaPrincipato di MonacoSpagnaAndorraoceano AtlanticoCanale della ManicaRegno UnitoMare del NordMar MediterraneolavandaMont VentouxProvenzaFile:Mont Ventoux et lavandes by JM Rosier.JPG: Francia metropolitanapaesaggicatene montuoseAlpiPireneiAlpiEuropa occidentaleItaliaMonte Biancolivello del mareCorsicaMassiccio CentraleGiuraVosgiMassiccio armoricanoArdenneLoiraRodanoSvizzeraGaronnaSpagnaSennaRenoMosaMosellaSommeVilaineforma geometricaZone climatiche in Francia: oceanico (verde chiaro); semi-continentale (verde scuro); mediterraneo (giallo e arancio chiaro); alpino (blu e bianco); tropicale (arancio scuro e rosso); equatoriale (viola).: clima oceanicoclima semi-continentaleclima mediterraneoclima alpinoAlpiPireneiMassiccio CentraleGiuraVosgipioggiaclima tropicaleclima equatorialeGuyana franceseclima subpolareSaint-Pierre e MiquelonBeauceVignetiBorgognaLavandulamediterraneaProvenzaClima alpinoParco nazionale del MercantourAlpi francesiCorsicaClima tropicaleBora BoraPolinesia Francesethumb|left|Densità della popolazione (per dipartimento).19602010DESA). Popolazione in milioni di abitanti.2010Francia metropolitanaFrancia metropolitana1801Europatasso di natalitàsaldo migratoriotasso di feconditàpaesepiramide delle etàXXI secolosperanza di vitaCIA World Factbookbaby boom2010INSEEStati Uniti dAmericaRussiaArabia SauditaCanadaGermaniaRegno UnitoSpagna2008Regno UnitoGermaniaSpagnaPaesi BassiSvizzeraUnione europeaMaghrebTurchiaAfrica subsaharianaimmigrazioneXIX secoloEuropaBelgioGermaniaItaliaSpagnaPortogalloGreciaArmeniaPoloniaRomaniaJugoslaviaMaghrebAfrica nerasue ex colonieCinaTurchiaLe FigaroIndocina franceseVietnamzingarirom1999nordafricanaafricanaCattedrale di Notre-Dame a Parigi.: cattolicesimoprotestantiateoprotestantesimo evangelicorivoluzione franceseChiesa cattolicacampagna di scristianizzazioneBerkley Center for Religion, Peace, and World AffairsCotidianulmusulmanobuddistiebreopolitologoScientologyfigli di DioChiesa dellUnificazioneOrdine del Tempio Solaresettethumb|left|Lingue parlate in Franciafrancesebascobretonecatalanocorsoolandesealsazianooccitanofrancoprovenzaletedescolingue regionaliTrattato di Maastricht1994legge ToubonDichiarazione dei diritti delluomo e del cittadinodiritto pubblicodiritto privatoNuova CaledoniaCarta Europea delle lingue regionaliJacques ChiracFrancia metropolitanadipartimentiParigiLioneMarsigliaParigiGuadalupaMartinicaGuyana franceseRiunioneMayotteCorsicametropolitaneUnione europeaDefferre19821983Jean-Pierre Raffarin200320042003decentramentodevoluzione2006AlsaziaBretagnaCatalogna del NordCorsicaFiandrePaesi BaschiOccitania4 ottobre1958Costituzione francese del 1958Francia doltremaremetropolitanametropolitana (in blu).: XIX secoloreferendumFrancia doltremaredipartimenti doltremarecollettività doltremareNuova CaledoniaTerre australi e antartiche francesiUnione europeaGuadalupaMartinicaGuyana franceseRiunioneMayottePolinesia FranceseSaint-Pierre e MiquelonWallis e FutunaSaint MartinSaint BarthelemySaint-Pierre e MiquelonUnione europeaeuroPolinesia Franceseterritori doltremare francesiFranco francese del PacificoTerre australi e antartiche francesiOceano Indianoisole ÉparsesOceano IndianoMadagascarMauritiusClippertonOceano PacificoMessicoPolinesia Francesethumb|Mappa dellorganizzazione territoriale in Francia:unità urbana/agglomerazionearea urbana/metropolitanaLe maggiori città francesi.: INSEEParigiMarsigliaLioneTolosaNizzaNantesMontpellierStrasburgoBordeauxLillaRennesParigiMarsigliaLioneTolosaNizzaNantesMontpellierStrasburgoBordeauxLillaRennesINSEEMarsigliaAix-en-ProvencecittàReimsLe HavreSaint-ÉtienneToloneGrenobleDigioneAngersNîmesVilleurbanneSaint-Denis (Senna-Saint-Denis)Le MansAix-en-ProvenceClermont-FerrandBrestToursLimogesAmiensAnnecyPerpignanBoulogne-BillancourtMetzBesançonOrléansSaint-Denis (Riunione)ArgenteuilMulhouseRouenMontreuilCaenSaint-PaulNancyagglomerazioniToloneGrenobleDouaiLensRouenAvignoneSaint-ÉtienneBéthuneToursValenciennesaree metropolitaneGrenobleRouenToloneDouaiLensAvignoneSaint-ÉtienneToursClermont-FerrandNancyCharles de GaulleRafaleAfghanistancarro armatoLeclercLeclerc'' a Parigi per la parata militare del 14 luglio.: forze armate francesiPresidente della Repubblica franceseArmée de terreesercitoMarine nationalemarina militareArmée de lairaeronautica militareGendarmerie nazionaleMinistero dellInternoantiterrorismointelligenceDirection générale de la sécurité extérieureDirection centrale du renseignement intérieurcoscrizioneLegione straniera franceseConsiglio di sicurezza delle Nazioni Unitestato con armi nucleariTrattato di bando complessivo dei test nucleariTrattato di non proliferazione nuclearedollari statunitensiPILStati Uniti dAmericaCinaRussiaRegno Unitoforza di dissuasione nucleare francesesottomariniclasse Le TriomphantSLBMASMPDassault Mirage 2000NDassault Super Étendardportaereipropulsione nucleareCharles de GaulleRafale F3Exocetcarro armatoLeclercEurofighter TyphoonEurocopter Tigerfregataclasse FREMMaeromobile a pilotaggio remotoDassault nEUROnAirbus A400MFesta nazionale franceseCentro nazionale di ricerca scientificaCommissariato per lenergia atomica e le energie alternativeEuropean synchrotron radiation facilityInstitut Laue-LangevinOrganizzazione europea per la ricerca nucleareUniversità di ParigiSorbona15 gennaio1200Filippo II di FranciaPapa Innocenzo IIIPapa Gregorio IXSenatopalazzo del Luxembourg.: Assemblée nationalepalazzo Borbone.: Repubblicacostituzionalelaicademocraticasemi-presidenzialePresidente della repubblica20031962suffragio universalepotere legislativopotere esecutivoreferendumCostituzioneAssemblée nationaleStati Uniti dAmericaAssemblée nationaleAssemblée nationaleSénat2010SenatoAssemblée nationaleNazioni UniteConsiglio di Sicurezza dellONUvetoOrganizzazione mondiale del commercioSegretariato della comunità del PacificoCommissione dellOceano IndianoAssociazione degli Stati caraibiciOrganizzazione internazionale francofonaOCSEUNESCOInterpolAlliance BaseUfficio internazionale dei pesi e delle misureUnione europeaanni novantaGermaniaUnione europeaPolinesia FranceseIraq2003Stati Uniti dAmericaRegno UnitoCosta dAvorioCiadDebito pubblico francese.: tedescacapitalistaseconda guerra mondialeimprese pubblicheEuropamar MediterraneoCanale della Manicaoceano Atlanticomercato comune europeo1957Unione europea1999ItaliaGermaniacerealigranomaiszuccherovinolattierofruttaimmediato dopo guerra20001988Francia metropolitanauvatonnellateFAOMyansRodano-Alpi.: 200019901999tonno19991999settore secondarioPIL2006forza lavoroLOréalMichelinAlcatel1998Peugeot-CitroenRenaultPMIStati Uniti dAmericareattori nucleariEDFdipartimento di Moselladipartimento di Mosella.: 2005GWe20032005atmosferaEDF1973CO2OCSE2002Unione europeaGermaniaRegno UnitoStati Uniti dAmericaMappa delle esportazioni della Francia: bilancia commercialeeurochampagnevinocognacgranoUnione europeaesportazioniimportazionipaesi europeiAmericaAsiaenergiaNorvegiaArabia SauditaRussiaGran Bretagna2004bilancia commercialetasso di disoccupazione2008Europagovernopartito2008soglia di povertà20072006PILPoissy.: neo-colbertismoseconda guerra mondialesettore terziarioforza lavoroStati Uniti dAmericasettore primarioagricolturapescaPeugeot-CitroënRenaultMichelinAirbusEurocopterArianeSafranSanofi AventisIstituto PasteurTorre EiffelParigi, il monumento più visitato: ParigiTorre EiffelUnescoStati Uniti dAmerica2000Cina2003Torre EiffelMuseo del Louvrereggia di VersaillesMuseo dOrsayArco di TrionfoCentre PompidouMont Saint-MichelCastello di ChambordSainte-ChapelleCastello di Haut-KœnigsbourgPuy de DômeMusée PicassoCarcassonneTGV e Eurostar.: Europa occidentaleSNCFThalysEurostarTGVRegno Unitotunnel sotto la ManicaBelgioAndorraAndorraBelgioGermaniaItaliaLussemburgoMonacoSpagnaSvizzeraRenault2003PeugeotCitroën2004motori dieselbenzinaviadotto di MillauPonte di Normandiaaeroportiaerodromiaeroporto internazionale Charles de GaulleParigiLondra HeathrowAir FranceMarsigliaCanal du Midimar Mediterraneooceano AtlanticofiumeGaronnaParigiSorbonaXVII secoloXVIII secolocinemaLionehollywoodLe FigaroJack LangFesta della musica21 giugnoCoco ChanelChristian DiorYves Saint-Laurentarchitettura goticarococòneoclassicismoimpressionismofauvismocubismosurrealismofotografiaNicéphore Niepce1827Jean FouquetNicolas PoussinClaude LorrainGeorges de La TourneoclassicismoJacques-Louis DavidrococòAntoine WatteauFrançois BoucherJean-Siméon ChardinJean-Honoré FragonardEugène DelacroixThéodore Géricaultarte romanticaJean-Auguste-Dominique IngresimpressionismoÉdouard ManetrealismoGustave CourbetJean-François MilletHonoré DaumierRosa BonheurPierre Puvis de ChavannesGustave MoreauOdilon RedonimpressionismoClaude Monetpittura paesaggisticaen plein airPierre-Auguste RenoirEdgar DegasCamille PissarroGustave Caillebottepost-impressionismoPaul CézannePaul GauguinGeorges SeuratPaul SignacdivisionismoHenri de Toulouse-LautrecNabisPaul SérusierMaurice DenisPierre BonnardEdouard VuillardHenri MatisseFauvismoAndré DerainMaurice VlaminckRaoul DufycubismoPablo PicassoGeorges BraqueFernand LégerRobert DelaunaySonia DelaunayMarcel DuchampdadaismosurrealismoFrancis PicabiaAndré MassonYves TanguyJean DubuffetYves KleinNicolas de StaëlNiki de Saint PhalleGermain PilonJean GoujonLigier RichierPierre PugetFrançois GirardonCoysevoxLuigi XIVGuillaume CoustouJean-Baptiste PigalleEdmé BouchardonEtienne Maurice FalconetJean-Antoine HoudonAuguste RodinsculturaAuguste BartholdiStatua della LibertàNew York17 giugno18851886Jean-Baptiste CarpeauxCamille ClaudelRaymond Duchamp-VillonHenri LaurensJean ArpLouise BourgeoisGiardino alla franceseAndré Le Nôtrearchitettura neogoticaEugène Viollet-le-DucCartesioBlaise PascalPierre de FermatAntoine LavoisierÉvariste GaloisPierre Simon LaplaceSiméon-Denis PoissonGaspard MongeFrançois AragoJoseph LiouvilleAugustin-Louis CauchyGuillaume François Antoine marchese de lHôpitalJoseph FourierÉmile BorelNicolas BourbakiAdrien-Marie LegendreCamille JordanHenri LebesgueCharles HermiteClaude-Louis NavierBenoît MandelbrotFerdinand MonoyerAugustin-Jean FresnelSadi CarnotAndré-Marie AmpèreJean-Baptiste BiotClaude BernardLouis PasteurFélix SavartHenri PoincaréHenri BecquerelMarie CuriePierre CurieLouis-Victor Pierre Raymond de BroglieossigenoidrogenoLegge della conservazione della massaAntoine-Laurent de Lavoisier1826Legge di Ampèreinterazione elettromagneticaAndré-Marie Ampère18 agosto1868elioJules Janssen6 luglio1885vaccino antirabbicoLouis Pasteur28 settembreWorld Rabies Day1896radioattivitàAntoine Henri Becquerel1898radioMarie CuriePierrematematicaPierre de FermatTeoria dei numeriBlaise PascalTeorema di PascalchirurgiaAmbroise ParéOdontoiatriaPierre FauchardbiologiaLamarckismoJean-Baptiste de LamarckstetofonendoscopioRené LaennecomeostasiSindrome di Bernard-HornerClaude Bernardoftalmologiadiottriagrafico MonoyerFerdinand Monoyer20 maggio1983HIVAIDSLuc MontagnierRobert Gallo1º dicembre1981AIDSGiornata mondiale contro lAIDSCharles-Michel de lÉpée4 giugno1783mongolfieraFratelli Montgolfier22 ottobre1797paracaduteAndré-Jacques Garnerin1825BrailleLouis Braille4 gennaioWorld Braille Day23 settembre1913Roland Garros31 marzo1889Torre EiffelGustave EiffelEsposizione universale di Parigi (1889)Vista dalla finestra a Le GrasJoseph Nicéphore Niépce7 gennaio1839fotografiadagherrotipiaLouis Daguerre7 gennaio1839François AragoAccademia francese delle scienzeDaguerrefotografia19 agostoGiornata Mondiale della FotografiadagherrotipiaJoseph Nicéphore NiépceLouis Daguerre1837Robert Doisneau26 novembre1965Asterix24 giugno1982Jean-Loup ChrétienPierre AbélardGiovanni CalvinoJean BodinCartesioBlaise PascalJean-Jacques RousseauMontesquieuVoltaireDenis DiderotJean Baptiste Le Rond dAlembertAuguste ComteHenri BergsonMaurice Merleau-PontyGaston BachelardClaude Lévi-StraussJean-Paul SartreJacques LacanMichel FoucaultGilles DeleuzeJacques DerridaJean-François LyotardJean BaudrillardAbbé Pierre1748Lo spirito delle leggiMontesquieuseparazione dei poteri26 agosto1789Dichiarazione dei diritti delluomo e del cittadino5 settembre1791Dichiarazione dei diritti della donna e della cittadinaOlympe de Gouges10 dicembre1948Dichiarazione universale dei diritti umaniGiornata mondiale dei diritti umaniRivoluzione franceseIl secondo sessoSimone de BeauvoirMolièredrammaturgoattore teatraleComédie-Française.: GoncourtTristano e IsottaLancillotto e il Santo Graalciclo carolingioChanson de RolandChrétien de TroyesGuglielmo IX dAquitaniaFrançois VillonXVI secoloFrançois RabelaisPierre de RonsardJoachim du BellayMichel de MontaigneVictor Hugo, scrittore del XIX secolo.: XVII secoloPierre CorneilleJean RacineMolièreBlaise PascalRené DescartesfavolaJean de La FontainefiabaCharles PerraultIl gatto con gli stivaliCenerentolaLa bella addormentata nel boscoBarbablùFrançois de MalherbeNicolas BoileauXVIIIXIX secoloXVIII secoloVoltaireMontesquieuDenis DiderotJean-Jacques RousseauMarivauxBeaumarchaisromanticismorealismonaturalismosimbolismoVictor HugoI miserabiliRomanticismoAlexandre DumasI tre moschettieriIl Conte di MontecristoGustave FlaubertMadame BovarynaturalismoHonoré de BalzacÉmile ZolaGuy de MaupassantThéophile GautierStendhalsimbolistaCharles BaudelaireI fiori del malePaul VerlaineArthur RimbaudStéphane Mallarméromanzo scientificoJules VerneVentimila leghe sotto i mariIl giro del mondo in 80 giorniXX secoloMarcel ProustLouis-Ferdinand CélineAndré BretonsurrealismoLouis AragonAlbert Camusesistenzialismo ateoJean-Paul SartreesistenzialismoAntoine de Saint-ExupéryIl piccolo principeletteratura per ragazzifumetto2 febbraio1905Bécassine Maurice LanguereauÉmile-Joseph Pinchon29 ottobre1959AsterixRené GoscinnyAlbert Uderzo19 maggio1970BarbapapàAnnette TisonTalus TaylorScuola di Notre-DameArs NovaGuillaume de Machautscuola franco fiammingaJosquin DesprezJean-Baptiste LullyMarin MaraisMarc-Antoine CharpentierFrançois CouperinJean-Philippe RameauHector BerliozGabriel FauréGeorges BizetJacques OffenbachClaude DebussyCamille Saint-SaënsMaurice RavelErik SatieFrancis PoulencArthur HoneggerPierre BoulezCharles TrenetDjango ReinhardtÉdith PiafDalidaCharles AznavourDavid GuettaBob SinclarCaroline LoebCest la ouateAlizéeMoi... LolitaJean-Georges Noverreballetto29 aprileGiornata internazionale della danza28 dicembre1895Fratelli LumiereGeorges MélièsViaggio nella Lunaegittologia1822geroglifici egiziJean-François ChampollionrivoluzioneNapoleone Bonapartetedeschisecolo dei Lumilingua franceseItaliaDe GaulleChurchillbelgaQuiévrainfrontiera franco-belgaCouesnonBretagnaAlsazia-LorenaLigue 1campionato di calcio francesecampionato di calcio francese: calcioLigue 1Paris Saint-GermainMarsigliaLioneBordeauxSaint-EtienneNazionale di calcio della FranciaCampionati mondiali19982018Campionati europei19842000Michel PlatiniJust FontaineRaymond KopaThierry HenryZinédine ZidaneCoppa del MondoSei Nazionicampionato mondialeSuzanne LenglenGrande Slamciclismopallacanestrohockey su ghiaccioCoppa del Mondo di calcio19381998Coppa del Mondo di rugby2007Stade de FranceParigiTour de France24 Ore di Le MansSartheVendée GlobeLes Sables-dOlonnetennisParis MastersOpen di FranciaGrande SlamOlimpiadiPierre de CoubertinGiochi olimpiciXIX secoloseconda Olimpiade1900Comitato Olimpico InternazionaleLosannaolimpiadi estive del 1924Alexandros TouferisEugène-Henri GravelotteMartin FourcadeGiochi della FrancofoniaFisiologia del gustocucina borgheseAnthelme Brillat-SavarinCamembertMarie HarelCapodannoGiornata della lingua francese nelle Nazioni UnitefrancofoniaPasquaLunedì di PasquaFesta del lavoroGiorno della vittoriaseconda guerra mondialeassedio di OrléansAscensionePentecosteFesta nazionale francesePresa della BastigliaAssunzione di MariaOgnissantiprima guerra mondialeNataleIndice di sviluppo umanoCorona dellimperatrice Eugenia di FranciaCorona di Carlo MagnoCorona di Luigi XV di FranciaCorona di Napoleone BonaparteCroce Rossa franceseEmblemi della FranciaLegge ToubonLinea di successione al trono di FranciaPonti medievali in FranciaStoria della FranciaTelevisione in FranciaCategoria:Francia

Categories

wikitext-dom:<empty>