entity
id:2437872
revid:104101425
size:155099
Friedrich Nietzsche
OKNo issues detected

Abstract

Considerato tra i massimi filosofi e scrittori di ogni tempo, ebbe un'influenza controversa, ma indiscutibile, sul pensiero filosofico, letterario, Politica e scientificoAd esempio sulla psicoanalisi di Sigmund Freud e anticipando la morte del principio causa-effetto, tra i temi cardine della fisica del Novecento. del mondo occidentale nel XX secolo. La sua filosofia, in parte riconducibile al filone delle Filosofia della vita, considerata da alcuni uno spartiacque fra la filosofia tradizionale e un nuovo modello di riflessione, informale e provocatorio.Gonçal Mayos Solsona, In ogni caso, si tratta di un pensatore unico nel suo genere, sì da giustificare l'enorme influenza da lui esercitata sul pensiero posteriore.Scrisse vari saggi e opere aforistiche sulla morale, la religione (in particolare quella Cristianesimo), la società moderna, la scienza, intrise di una profonda lucidità e avversione alla metafisica e da una forte carica critica, sempre sul filo dell'ironia e della parodia. Nella sua filosofia si distingue una prima fase "wagneriana", che comprende La nascita della tragedia e le Considerazioni inattuali, in cui il filosofo combatte a fianco di Richard Wagner per una "riforma mitica" della cultura tedesca.Questa fase sarà poi abbandonata e rinnegata con la pubblicazione di Umano, troppo umano – nella stagione cosiddetta "illuministica" del suo pensiero –, per culminare infine, pochi anni prima del crollo nervoso che metterà fine alla sua attività – probabile conseguenza di una patologia Neurologia Malattia ereditaria – in una terza fase, prominente del suo pensiero, dedicata alla trasvalutazione dei valori e al Nichilismo#Nietzsche, costellata dai concetti di oltreuomo, eterno ritorno e volontà di potenza, fase che ha il suo apice (e inizio) con la pubblicazione del celeberrimo Così parlò Zarathustra.
sections_text:
<empty>
Content:
Biografia
Content:
Anni giovanili
Content:File:Carl Ludwig Nietzsche.jpg: Friedrich Wilhelm Nietzsche nasce a Röcken, villaggio della Prussia meridionale (Sassonia-Anhalt) nei pressi di Lipsia, il 15 ottobre 1844; viene chiamato così in onore del re Federico Guglielmo IV di Prussia il quale compiva quarantanove anni proprio nel giorno della nascita di Nietzsche. Successivamente il filosofo abbandonò il suo secondo nome "Wilhelm".Kaufmann 1974, pag. 22 Il primo nome, Friedrich, fu anche un omaggio al nonno Friedrich August Nietzsche, morto nel 1826.Appartiene a una stirpe di Pastore (religione), è primogenito di Carl Ludwig Nietzsche, reazionario monarchico già precettore alla corte di Altenburg, e di Franziska Oehler, figlia anche lei di un pastore luterano. Nel 1846 e nel 1848 nascono altri due figli, Elisabeth Förster-Nietzsche e Joseph (quest'ultimo morto nel 1850, per un'improvvisa febbre cerebrale non meglio specificata).File:Franziska.jpg: Il 27 luglio 1849 muore il padre, dopo un anno di "apatia cerebrale" (secondo Elisabeth dovuta a una caduta, secondo altri probabilmente un tumore cerebrale, un ictus, l'epilessia del lobo temporale o la stessa malattia cerebrale che avrebbe poi colpito il figlio, i cui primi segni si erano manifestati due anni prima). In seguito a tali disgrazie la famiglia si trasferisce nella vicina Naumburg (Saale) ove convive con la nonna materna di Nietzsche e due sorelle nubili di suo padre. Dopo la morte della nonna nel 1856, la famiglia si trasferì in una propria casa, ora Nietzsche-Haus, un museo e centro studi.Qui Friedrich inizia gli studi di lettere classiche e religione; frequenta la scuola pubblica maschile e poi, successivamente, una scuola privata, dove stringe amicizia con Gustav Krug e Wilhelm Pinder, i suoi primi amici ognuno dei quali proveniva da famiglie di tutto rispetto. In casa apprende la musica e il canto. Si impegna in composizioni musicali vocali e strumentali, compone poesia, legge Johann Wolfgang von Goethe e George Gordon Byron.Nel 1854 ha iniziato a frequentare il Domgymnasium di Naumburg, ma già distintosi per le sue non comuni doti intellettuali, avendo mostrato particolari talenti sia in musica sia nel campo linguistico, viene ammesso come allievo a Schulpforta, un complesso collegiale riconosciuto a livello internazionale. Inizia così a frequentare il liceo (Gymnasium) Landesschule di Pforta come interno beneficiante di una borsa di studio ecclesiastica. Qui studia tra il 1858-1864, sperimentando per la prima volta la lontananza dall'ambiente familiare, diventando prima amico di Paul Deussen (futuro indologo di fama) e in seguito di Carl von Gersdorff; troverà anche il tempo per lavorare sulle sue prime originali composizioni poetiche e musicali.Nel 1860 insieme agli amici Krug e Pinder che lo avevano raggiunto per studiare anche loro a Pforta, fonda l'associazione Germania, con la quale si propone di sviluppare i suoi interessi letterari e musicali. Per questa associazione scrive alcuni saggi, come Fato e volontà e Libertà della volontà e fato, visibilmente ispirati dalla lettura di Fato e altri saggi di Ralph Waldo Emerson, specie quelli inclusi in Condotta di vita (1860), un'opera che è stata recentemente ritenuta fondamentale nella genesi del pensiero di Nietzsche. In questo periodo Nietzsche comincia a soffrire di un male che lo tormenterà tutta la vita, l'emicrania.File:Nietzsche1861.jpg: Frequenta anche il vecchio poeta bohémien Ernst Ortlepp, un ex allievo di Pforta che ora vive gironzolando nei dintorni. Assieme a Ortlepp, eccentrico, blasfemo e spesso ubriaco, conosce l'opera del poeta allora quasi sconosciuto Friedrich Hölderlin, che verrà presto considerato il preferito dal ragazzo; compone anzi un saggio in cui scrive che il poeta pazzo ha sollevato la coscienza all'idealità più sublime: l'insegnante che gli ha corretto il compito, pur dandogli un buon voto, gli consiglia però vivamente di occuparsi in futuro di scrittori più sani, più lucidi, in definitiva "più tedeschi"Hayman, Ronald Nietzsche: A Life Critical, pag. 42. Oxford University Press, 1980. Ortlepp verrà infine trovato morto in un fosso, dove probabilmente era caduto, in stato di ubriachezza, battendo la testa.Il particolarmente accurato studio qui condotto delle lingue classiche e dell'antico ebraico, lo mettono in grado di leggere importanti fonti primarie; dopo gli esami finali all'ormai diciannovenne viene consegnato un attestato finale che gli assegna un giudizio eccellente in religione, tedesco e latino, un buono in greco e un sufficiente in francese e invece uno scarso in ebraico, matematica e disegno; nel commento conclusivo del corpo docente si legge: "la commissione esaminatrice gli ha rilasciato, ora che lascia la regia scuola territoriale per studiare filologia e teologia all'università di Bonn, il certificato di maturità e lo congeda nella speranza che un giorno applicandosi sempre con serietà e coscienziosità possa conseguire buoni risultati nella sua professione".Horst Althaus Nietzsche. Una tragedia borghese Bari 1994, pag.40-41Conclusi gli studi secondari nel 1864, comincia gli studi nella facoltà teologica all'Università di Bonn per volere materno, studi che regge per appena una sessione, dopodiché s'iscrive assieme all'amico e compagno di studi Deussen alla Burschenschaft (corporazione studentesca) della Franconia (regione). Già nei suoi saggi sul fato degli anni immediatamente precedenti sosteneva che la ricerca storica ha oramai screditato gli insegnamenti centrali della religione. Nello stesso periodo legge la Vita di Gesù di David Friedrich Strauß la quale sembra aver avuto un profondo effetto sul giovane. Scrivendo alla sorella, profondamente devota, una lettera a riguardo della propria perdita della fede, afferma: "se si vuol lottare per la pace dell'anima, si deve credere; ma se vuoi esser un devoto della verità, allora devi domandare".File:Frankonia Bonn 1865.jpg: Nel 1865 si iscrive all'Università di Lipsia per continuare a seguire le lezioni di filologia classica di Friedrich Wilhelm Ritschl, già suo insegnante a Bonn. Studia Teognide e la Suda (enciclopedia), ma è più affascinato da Platone e soprattutto da Ralph Waldo Emerson e Arthur Schopenhauer, che avrebbero influenzato tutta la sua produzione. Soprattutto quest'ultimo, con la sua opera Il mondo come volontà e rappresentazione doveva risvegliare un appassionato e duraturo interesse filosofico.Nel 1866 legge anche la Storia del materialismo di Friedrich Albert Lange; qui le descrizioni della filosofia anti-materialistica di Immanuel Kant, dell'ascesa del materialismo nel continente europeo, della crescente preoccupazione nei riguardi dell'evoluzionismo di Charles Darwin e infine dell'atmosfera generale di ribellione all'autorità tradizionale incuriosirono notevolmente Nietzsche. Conosce nel 1867 Erwin Rohde, futuro autore di Psiche (Rohde) e nel frattempo approfondisce lo studio dell'opera di Diogene Laerzio, Omero, Democrito e del succitato Kant, mentre un suo saggio su Teognide appare nella rivista filologica Rheinisches Museum, diretta da Ritschl.File:Nietzsche187b.jpg: Il 9 ottobre comincia il servizio militare, avendo firmato per un anno come volontario, nel reggimento di artiglieria a cavallo dell'esercito prussiano di stanza a Naumburg (Saale). Nel marzo dell'anno successivo si infortuna seriamente allo sterno; mentre sta mandando il suo cavallo al galoppo colpisce violentemente col petto il pomo della sella, strappandosi due muscoli del fianco sinistro: dopo sei mesi trascorsi immobilizzato, a ottobre si congeda anticipatamente. Tornato a Lipsia, l'Università lo premia per il suo saggio sulle fonti di Diogene Laerzio e lo assume come insegnante privato. L'8 novembre 1868 conosce Richard Wagner in casa dell'orientalista Hermann Brockhaus.
Professore a Basilea
Content:Grazie all'appoggio di Ritschl, il 13 febbraio 1869 ottiene la cattedra di lingua e letteratura greca dell'Università di Basilea come filologo classico, non avendo ancora completato né il proprio dottorato né ricevuto alcun certificato di abilitazione all'insegnamento; il 28 maggio tiene la prolusione d'insediamento sul tema Omero e la filologia classica, mentre l'Università di Lipsia gli concede la laurea sulla base delle sue pubblicazioni nel Rheinisches Museum. All'età di 25 anni Nietzsche chiede l'annullamento della sua precedente cittadinanza prussiana e diventa apolide:Ottiene la risposta ufficiale in un documento datato 17 aprile 1869, commentato da Curt Paul Janz (Friedrich Nietzsche: Biographie, volume 1. Munich: Carl Hanser, 1978): Von diesem Tage an war Nietzsche also staatsrechtlich kein Preusse und kein Deutscher mehr, sondern... staatenlos, oder, wie der Terminus damals in der Schweiz lautete, heimatlos, was auf Nietzsche besonders zutrifft, und er blieb es... Er wurde und blieb Europäer. [Traduzione:"Da quel giorno in poi Nietzsche, in conformità alla legge dello Stato, non era più prussiano e nemmeno tedesco, ma... apolide, o secondo la terminologia usata in Svizzera a quel tempo, "senza-patria", particolarmente appropriata per Nietzsche; e lo rimase... Divenne e rimase Europeo".] lo rimarrà ufficialmente per il resto dei suoi giorni.File:Fritz Luckhardt - Richard y Cosima Wagner (9 de mayo de 1872, Viena).jpg: Dal 17 maggio aveva cominciato a frequentare, nella villa di Tribschen, sul lago dei Quattro Cantoni nei pressi di Lucerna, Richard Wagner e Cosima Wagner, rimanendone fortemente colpito: «Ciò che imparo laggiù, che vedo e ascolto e intendo, è indescrivibile. Schopenhauer, Goethe, Eschilo e Pindaro vivono ancora». Nel periodo fra il 1869 e il 1870 collabora, come correttore di bozze (e più in generale come informale segretario-factotum), alla redazione di un'autobiografia di Wagner,Richard Wagner, Mein Leben — pubblicato da F. Bruckmann, 1911 (prima edizione) destinata a non vedere la luce prima del 1911,Nota 31 al testo di Genealogia della morale, pag. 171 ma alla cui conoscenza il filosofo allude apertamente, e con ironia, in uno scritto degli anni 1880: Anche dopo la rottura ideologica con Wagner, conserverà sempre grande stima per Cosima, considerandola, tra le sue conoscenze, l'unica persona al suo stesso livello intellettuale."C'è un unico caso in cui io riconosco un mio pari - [...] Frau Cosima Wagner è di gran lunga la natura più nobile" (Ecce Homo, cap. 1, par. 3) e ancora: "di gran lunga la voce suprema che abbia sentito in fatto di gusto" (ibidem, cap. 2, par. 3). All'inizio del 1870 Nietzsche tiene a Basilea alcune conferenze ("Il dramma musicale greco", "Socrate e la tragedia"), che anticipano il suo primo volume, La nascita della tragedia (1872). A Basilea conosce il già famoso storico Jacob Burckhardt e stringe amicizia col vicino di stanza alla pensione in cui risiede, il professore di teologia Franz Camille Overbeck, che gli rimarrà vicino fino alla morte e sarà grande estimatore delle sue opere, nonostante la sua posizione accademica rendesse la cosa alquanto imbarazzante, considerate le vedute di Nietzsche in materia di religione. Conosce anche l'opera di Afrikan Špir e ne rimane profondamente influenzato. Allo scoppio della guerra franco-prussiana (1870-1871) chiede di essere temporaneamente esonerato dall'insegnamento per partecipare, come infermiere addetto al trasporto dei feriti, alla guerra. Dopo appena poche settimane passate al fronte contrae però la difterite e un principio di dissenteria, tanto che deve venire a sua volta curato ed è quindi congedato. Osserva con pacato scetticismo e un certo distacco la nascita dell'impero tedesco per opera di Otto von Bismarck.Nella sua risposta polemica intitolata Filologia del futuro l'allora ancor giovane ma già affermato Ulrich von Wilamowitz-Moellendorff critica fortemente la mancanza di metodologia accademica utilizzata da Nietzsche per scrivere la Nascita della tragedia dallo spirito della musica, per seguire un approccio invece molto più speculativo; solamente Rohde, già insegnante a Kiel, e Wagner ne difendono la forma schierandosi al suo fianco; osservando il profondo isolamento in cui s'è venuto a trovare in quest'occasione all'interno della comunità filologica, tenta senza successo di passare di ruolo come professore di filosofia. File:Friedrich Nietzsche-1872.jpg: Nel frattempo scrive La visione dionisiaca del mondo, abbozza La tragedia e gli spiriti liberi e un dramma intitolato Empedocle, in cui vengono anticipati con molta chiarezza molti dei temi che verranno in seguito ripresi nelle opere della maturità. Fra il 1873 e il 1876 scrive le quattro Considerazioni inattuali le quali rappresentano un orientamento sempre più volto a una forte critica culturale del suo tempo: "David Strauss, il confessore e lo scrittore"; Sullutilità e il danno della storia per la vita; "Schopenhauer come educatore" e infine "Richard Wagner a Bayreuth". Nel 1873 cominciava anche ad accumulare le note che sarebbero state pubblicate postume sotto il titolo di La filosofia nellepoca tragica dei greci.Le Inattuali sfidano la Cultura della Germania allora in via di sviluppo sul solco dell'esempio dato e delle linee suggerite da Schopenhauer e Wagner; incontrò in questo momento Malwida von Meysenbug e Hans von Bülow, e iniziò anche una stretta amicizia e collaborazione con Paul Rée, studioso di filosofia di origine ebraica il quale a partire dal 1876 lo influenzò positivamente nel respingere il pessimismo tragico che pervadeva i suoi primi scritti, volgendosi così a un fase "illuministica".Rimasto profondamente deluso dal Festival di Bayreuth del 1876, dove la banalità degli spettacoli e la bassezza del pubblico lo respinsero intimamente, Nietzsche comincia ad allontanarsi sempre più dal vecchio maestro Wagner, anche se la rottura ufficiale vi sarà solo con la pubblicazione di Umano, troppo umano ("Un libro per spiriti liberi").
Il lavoro come filosofo indipendente
Content:Per motivi di salute (emicranie frequenti e dolori agli occhi, possibili sintomi della malattia che lo colpirà più tardi), ma anche indubbiamente per dedicarsi con assiduità ininterrotta alla sua attività filosofica, Nietzsche all'età di 34 anni (pressappoco la stessa età in cui suo padre fu colpito dalla propria malattia, cosa che angosciava Nietzsche) abbandona l'insegnamento. Gli viene riconosciuta una modesta pensione che costituirà, da quel momento in poi, l'unico suo reddito. Inizia la sua esistenza da perfetto apolide, coi suoi pellegrinaggi da viandante senza casa e senza patria. . File:Nietzsche paul-ree lou-von-salome188.jpg: Nietzsche si è spostato spesso da un luogo all'altro per trovare climi che potessero essere più favorevoli per la sua salute cagionevole e visse così fino al 1889 come autore indipendente in diverse città. Ha trascorso molte estati in località montane o termali, soprattutto a Sils Maria (dove si può trovare ancora oggi la sua abitazione, aperta a visite e soggiorni) - vicino a Saint Moritz - nella parte alta della valle dell'Engadina in Svizzera. Ha trascorso invece preferibilmente i suoi inverni nelle città italiane, sulla riviera ligure a Genova e Rapallo, infine a Torino. Sue altre mete frequenti e amatissime Venezia e la francese Nizza.Nel 1881, quando la Francia occupò la Tunisia, aveva intenzione di recarsi a Tunisi per vedere l'Europa da fuori, ma poco dopo ha abbandonato una tale idea, probabilmente per motivi di salute. Occasionalmente tornò a Naumburg per visitare la sua famiglia, e, soprattutto in questo periodo, lui e la sorella continuarono ad avere periodi di conflitto e di ripetute riconciliazioni. Durante un breve viaggio in traghetto a Messina e Taormina frequenta "l'Arcadia" locale e inizia a scrivere Così parlò Zarathustra.Durante la Pasqua del 1882 incontra a Roma, tramite la comune amica e nota scrittrice femminista Malwida von Meysenbug, Lou von Salomé una giovane studentessa russa in viaggio d'istruzione attraverso l'Europa. Si danno appuntamento presso la Basilica di San Pietro in Vaticano e Nietzsche la saluta con queste parole: «Da quali stelle siam caduti per incontrarci qui?». A maggio, durante una gita sul lago dOrta passa alcune ore di intimità con questa ragazza ventunenne "intelligentissima". In seguito, la Salomé non ricordò se avesse baciato il filosofo, del quale comunque rifiutò una proposta di matrimonio (come del resto quella dell'amico di entrambi Paul Rée, che le aveva presentato Nietzsche e con il quale si era formato una sorta di rapporto triadico filosofico-sentimentale).Questo incontro, proseguito poi attraverso due anni di intensi scambi affettivi e culturali, è molto particolare, in quanto si tratta di una delle rare esperienze sentimentali-affettive di Nietzsche con una donna di cui si abbia conoscenza. Nietzsche continuò poi a frequentare i due amici, reiterando proposte di matrimonio alla Salomé e baciandola due volte di seguito in pubblico, cosa che provocò la gelosia della sorella Elisabeth e il disappunto della madre Franziska, che ritenevano Lou una donna frivola e inadatta. In seguito lei si allontanò da Nietzsche e Ree, terminando questa sorta di amore platonico, sposando poi Carl Andreas e avendo numerose relazioni, come quella con Freud e con Rainer Maria Rilke. Questa delusione spinse Nietzsche a continuare alacremente il lavoro sullo Zarathustra, che portò a termine nel 1885.
L'ultimo periodo e il collasso mentale
Content:File:NietzscheHouseTurin.jpg: File:Nietzsche-mae.jpg: Nel 1888, con già molte pubblicazioni alle spalle Nietzsche si trasferì a Torino, città che apprezzò particolarmente, e dove scriverà LAnticristo (saggio), Il crepuscolo degli idoli ed Ecce Homo (Nietzsche) (pubblicato postumo).Nel 1889 avvenne infine il famoso Crollo psicotico di Nietzsche, probabile effetto di una patologia Neurologia: è datata 3 gennaio 1889 la prima crisi di follia in pubblico; mentre si trovava in piazza Carignano, nei pressi della sua casa torinese, vedendo il cavallo adibito al traino di una carrozza fustigato a sangue dal cocchiere,Il raccapriccio per un cavallo frustato a sangue dal suo padrone era un tema già trattato da Dostoevskij – autore che Nietzsche stimava – in alcune pagine di Delitto e castigo. Inoltre, in Schopenhauer come educatore citato in Ditadi 1994, pp. 875-876 – affronta il tema della crudeltà contro gli animali: "Gli uomini più profondi hanno sempre provato compassione per gli animali [...]. È certo una pena ben grave vivere così, come una bestia, tra fame e cupidigia, e senza giungere mai ad alcuna consapevolezza di questa vita; né si potrebbe pensare sorte più dura di quella della bestia da preda che è spinta nel deserto da un tormento che la rode al massimo; di rado è appagata, ma se lo è, lo è solo nel momento in cui l'appagamento diventa pena, cioè nella lotta dilaniante con altri animali o per l'avidità e la sazietà più disgustose. Essere così ciecamente e stoltamente attaccati alla vita, senza alcuna prospettiva di un premio superiore, ben lontani dal sapere che così si è puniti e perché, bensì anelare a questa pena, come a una felicità con la stoltezza di una orribile brama – questo significa essere una bestia [...]. Finché si aspira alla vita come a una felicità, non si è ancora sollevato lo sguardo al di sopra dell'orizzonte della bestia, si vuole soltanto con maggiore consapevolezza ciò che la bestia cerca spinta da cieco istinto. Ma così succede a noi tutti per la maggior parte della vita: in genere non usciamo dalla bestialità, noi stessi siamo le bestie che sembrano soffrire senza senso". abbracciò l'animale, pianse, finendo per baciarlo; in seguito cadde a terra urlando in preda a spasmi. Per molti è un episodio leggendario e Nietzsche si sarebbe piuttosto limitato a fare vistose rimostranze e schiamazzi per i quali venne fermato e ammonito dalla polizia municipale.Anacleto Verrecchia dubita che sia effettivamente avvenuto l'abbraccio: La catastrofe di Nietzsche a Torino (Torino: Einaudi, 1978) alle pag. 208 e 211 ricostruisce la genesi di questo mito, non riportandolo ad altra bibliografia precedente che a un anonimo articolista della Nuova Antologia del 16 settembre 1900, undici anni dopo il fatto.Le cause non sono mai state chiarite con certezza, ma sono state ipotizzate diverse possibilità: Sifilide#Sifilide terziaria secondo i medici che lo ebbero in curaLeonard Sax, What Was the Cause of Nietzsche's Dementia?, Journal of Medical Biography 11 (2003): 47-54 Una Malattia sessualmente trasmissibile, per la precisione la sifilide allo stadio terziario (neurosifilide), per lungo tempo la teoria più accreditata; tuttavia, il medico Leonard Sax si discostò da quest'ultima ipotesi;cfr. e Non essendo stata eseguita l'autopsia, solo un'analisi dei resti o un test del DNA sui famigliari potrebbe dare una risposta. L'avrebbe contratta anni prima (1865) in una presunta visita a un bordello di Colonia (Germania), che in realtà, stando alla testimonianza di Paul Deussen si sarebbe conclusa “in bianco”). Secondo altri la malattia sarebbe stata contratta per presunti rapporti omosessuali. Vedi: Joachim Köhler, Nietzsche. Il segreto di Zarathustra, (Zarathustras Geheimnis), un libro pubblicato originariamente nel 1992 dal giornalista ed ex-editore Joachim Kohler e due anni dopo in italiano da Rusconi Editore e l'opera di Rüdiger Safranski, Nietzsche. Biografia di un pensiero, uscita in Germania nel 2000 e tradotta in Italia nel 2001., con "paralisi generale dell'insano"; tumore cerebrale a lenta progressione, ipotizzato da Leonard Sax (meningioma); un insieme di diverse patologie psichiche e neurologiche, secondo E.M. Cybulska e R. Schain: psicosi maniaco-depressiva (disturbo bipolare), malattia psichiatrica di cui probabilmente soffriva fino dalla gioventù, con, secondo D. Hammond, avvelenamento da mercurioDayan, L; Ooi, C (October 2005). "Syphilis treatment: old and new". Expert opinion on pharmacotherapy. 6 (13): 2271–80. PMID 16218887. doi:10.1517/14656566.6.13.2271.Hammond, David (2013). Mercury Poisoning: The Undiagnosed Epidemic. p. 11., usato come farmaco per la presunta sifilideIl mercurio avrebbe causato negli anni ictus e demenza vascolare; cfr. Cybulska, EM (August 2000). "The madness of Nietzsche: a misdiagnosis of the millennium?". Hospital Medicine. 61 (8): 571–75. PMID 11045229. doi:10.12968/hosp.2000.61.8.1403.; demenza frontotemporale ereditaria precoce, secondo M. Orth e M.R. TrimbleIn particolare la variante comportamentale detta malattia di Pick, che provoca nelle prime fasi disinibizione e labilità emotiva; Encefalomiopatia mitocondriale con acidosi lattica ed episodi tipo ictus (MELAS), ipotesi diagnostica proposta da C. Koszka; CADASIL genetica (sindrome CADASILAcronimo per Cerebral autosomal dominant arteriopathy with subcortical infarcts and leukoencephalopathy, in italiano "arteriopatia cerebrale autosomica dominante con infarti sottocorticali e leucoencefalopatia", una malattia neurologica e vascolare incurabile che causa ripetuti micro-Infarto cerebrale, provocando dapprima emicrania (di cui soffriva dagli anni 1860), e in seguito demenza, confusione mentale e Apatia (psicologia), sintomi riscontrati in Nietzsche, ma anche in suo padre, data l'ereditarietà della patologia. Tale patologia e i relativi geni sono stati identificati in molte famiglie con origini tedesche. Secondo molti anche il compositore ebreo tedesco Felix Mendelssohn ne era affetto. o demenza ereditaria con infarti cerebrali multipli), ipotizzata da Hemelsoet e Devreese, patologia che causa numerosi micro-ictus.. Acta Neurol Belg 108 (1): 9–16. PMID 18575181]In particolare, la CADASIL è considerata ipotesi accreditata poiché è una sindrome ereditaria per via paterna (a differenza della MELAS), e occorre ricordare che sia il padre sia il nonno di Nietzsche morirono per una malattia cerebrale non identificata.Patrick McNamara, Dementia [3volumes]: [ThreeVolumes], p. 64Secondo alcuni, in un ambito meno medico e più filosofico, la causa che lo spinse al crollo fu l'enorme sforzo creativo cui si sottopose negli anni precedenti. Sempre nello stesso periodo, Nietzsche scrive delle lettere ad amici e conoscenti che sono solitamente classificate sotto il nome di Biglietti della follia: in essi la sua crisi mentale appare ormai in uno stato avanzato, anche se lo stile non è affatto diverso da quello classico. Uno dei biglietti è indirizzato al re dItalia Umberto I di Savoia, suo coetaneo (moriranno lo stesso anno) che Nietzsche apostrofa come "mio figlio"«Al mio amato figlio Umberto. La mia pace sia con te! Martedì verrò a Roma e voglio vederti insieme a Sua Santità il Papa. Il Crocefisso», forse a causa di una leggera somiglianza fisica.Viene ricoverato dall'amico Franz Camille Overbeck, teologo protestante e suo ex insegnante, a causa del suo stato alterato, che passava da momenti di esaltazione a tristezza profonda, prima in una clinica psichiatria a Basilea (Svizzera) in cura dal dottor Wille, che gli diagnostica una "paralisi progressiva" di incerta origine e ipotizza per la prima volta la sifilide sulla base probabilmente di dati anamnesici erronei (l'affermazione del confuso Nietzsche di aver contratto "due volte" la lue nel 1866, e l'anisocoria pupillare ereditata dalla madre e presente dall'infanzia, che i medici scambiano per il segno neurologico sifilitico detto segno di Argyll Robertson); viene trasferito poi dalla madre a Naumburg (Assia) (Assia, Germania), poi a Jena, in clinica dal dottor Otto Binswanger (esperto di paralisi e demenza, il quale conferma la diagnosi di Wille) e nella casa della madre (1890), per esser assistito da lei stessa e da due infermieri. La sorella Elisabeth tenterà poi di nascondere la diagnosi ipotizzata in manicomio attribuendo la follia a uso di sonniferi e altri farmaci, come morfina, oppio e cloralio assunti per l'emicrania negli anni precedenti.Nei primi tempi pare abbastanza lucido, ma irritabile e senza più interesse per la filosofia e la scrittura, che pare non comprendere. Dopo il suicidio del marito (giugno 1889), la sorella Elisabeth Förster-Nietzsche ritorna dal Paraguay nel 1893 e decide di occuparsi del fratello e della sua opera. Già dal 1892 Nietzsche gradualmente amnesia, e non riconosce le persone, salvo certi momenti di lucidità. File:Nietzsche in asylum.ogg Nietzsche trascorre il suo tempo in un mutismo quasi totale, passeggiando con amici o suonando il pianoforte, fino all'aggravarsi delle condizioni fisiche (numerose paralisi, forse accentuate dalle eccessive dosi di farmaci per tenere sotto controllo gli attacchi di follia); talvolta parla con gli ospiti, ma è assente e i suoi ragionamenti spesso confusi. Nel 1893 Paraplegia delle gambe, ed è costretto a spostarsi con una sedia a rotelle, mentre dal 1894 soffre di Afasia, indici di danni cerebrali e spinali diffusi, anche se Sax racconta di una visita di un amico a Nietzsche nel 1899 in cui, secondo la testimonianza, il filosofo era ancora in grado di comunicare, in certi momenti, e non era incosciente, anche se poco reattivo, almeno fino all'ultimo anno di vita (pur all'oscuro del grande dibattito che i suoi scritti cominciavano a suscitare in Europa). Dopo il 1895 visse in stato semi-catatonico, rispondendo solo se sollecitato dalla sorella o dai familiari. Nel 1897 muore di tumore la madre, e nel 1898 e 1899 è colpito nuovamente da ictus.File:Nietzsche Olde 08.JPG: Trasferitosi nel 1897 assieme a Elisabeth nella casa di Weimar (Turingia, Germania), dove la sorella ha fondato il Nietzsche-Archiv (a cui collabora un giovane Rudolf Steiner), vi muore di polmonite il 25 agosto 1900. Nonostante il suo dichiarato e profondo ateismo, per volontà di parenti e amici viene seppellito con cerimonia religiosa nel cimitero di Röcken.Massimo Fini, Nietzsche, l'apolide dell'esistenza, pag. 399Quanto la malattia abbia influenzato il pensiero filosofico di Nietzsche è materia di discussione fra gli studiosi da sempre. La natura della sua follia rimane ancora parzialmente un mistero, data la plausibilità di tutte le ipotesi. Nei frammenti teorizzava l'Comportamento autodistruttivo della reputazione tramite una follia volontaria come una forma di ascesi superiore. Come molti hanno ipotizzato,ad esempio, Fini nell'op. cit. la causa del collasso nervoso, come detto anche prima, fu forse l'enorme tensione, insopportabile per la sua mente, dovuta allo sforzo creativo e filosofico svolto negli anni precedenti, come accenna egli stesso in un famoso aforisma:
Il pensiero di Nietzsche
Content:File:Nietzsche 1862b.JPG: La filosofia di Nietzsche prende le mosse dal suo complesso retroterra culturale, specialmente di filologo classico, ammiratore della tragedia greca e poi entusiasta estimatore della nuova musica post-romantica di Wagner, della quale si fa promotore sul piano estetico e filosofico, scorgendo in essa una spinta per la rinascita dello spirito tedesco. A ciò si connette strettamente un intenso studio delle Presocratici, ad esempio quella di Eraclito, e una loro affermazione rispetto all'egemonia tradizionale dell'impianto socratico-platonico.Fondamentale per la formazione del giovane Nietzsche è altresì la lettura, nel 1866-67, de Il mondo come volontà e rappresentazione di Schopenhauer, incontro definito dal filosofo "caso divino". Così, in una riflessione registrata in una pagina autobiografica, Nietzsche ricorda la prima lettura del capolavoro schopenhaueriano:
La fase "tragica" e wagneriana
Content:
Apollineo e dionisiaco
Content:File:Portrait of Friedrich Nietzsche.jpg: Nella sua prima vera opera di argomento filosofico, La nascita della tragedia (1872), la tragedia greca viene vista come la massima espressione dello slancio vitale o "spirito dionisiaco", istintivo e irrazionale, che si coniuga e nello stesso tempo si contrappone a quello spirito apollineo, che rappresenta l'ordine e la razionalità. Il pensiero apollineo e quello dionisiaco sono perciò così definiti: Ne La nascita della tragedia, Nietzsche individua per la prima volta in Socrate il corruttore della tragedia attica, e nella sua influenza sul tragediografo Euripide l'origine del prevalere dello spirito apollineo su quello dionisiaco, espresso dalla vecchia tragedia di Sofocle ed Eschilo. La corruzione dello spirito tragico è da Nietzsche considerata come l'originaria decadenza cui si deve una visione astratta e intellettualizzante della vita e della morale, determinata dall'"intellettualismo etico" socratico.Altrettanto forte è l'avversione di Nietzsche nei confronti di Platone, che egli considera autore di una concezione del mondo fondata sull'idealità metafisica e sul disprezzo nei confronti della realtà tangibile. Da Platone egli ritiene esser nata quella continuità ideologica che lega Parmenide a Platone e poi Plotino, il cristianesimo (definito "platonismo per il popolo") fino all'idealismo tedesco dell'Ottocento.Nietzsche attacca, quindi, i tradizionali valori fondamentali della società (della metafisica, del Cristianesimo, della democrazia), sostenendo la natura meramente metafora e prospettica di qualsiasi principio trascendente e della stessa morale, così come di ogni concezione tradizionale. Il suo obiettivo era di smascherare la falsità e l'ipocrisia del sistema culturale su cui si fondava l'Europa dei suoi tempi e in particolare il mondo germanico, ma tutta la storia dell'Occidente è vista come un lungo processo di decadenza dell'uomo, come negazione della vita, quando invece l'affermazione della libertà avrebbe dovuto essere il destino dell'uomo.I grandi valori della cultura occidentale, quali la verità, la scienza, il progresso, la religione, sono così da smascherare nella loro mancanza di fondamento e nella loro natura di mera finzione. C'è nell'uomo una sostanziale paura verso la creatività della vita e la volontà di potenza, che produce valori collettivi sotto la cui giurisdizione la vita viene disciplinata, regolata, schematizzata.Un tale nichilismo è tuttavia soggetto, nelle opere di Nietzsche, a una caratterizzazione più profonda e problematica, che egli giunge a delineare in due aspetti fondamentali. La prima forma di nichilismo, il nichilismo passivo (di cui un esempio è ravvisato in Schopenhauer) coincide con la perdita di fiducia dell'uomo europeo verso i valori della propria civiltà; coincide con la "diminuzione vitale", caratterizzata diversamente come perversione della volontà di potenza. Con nichilismo attivo, invece, Nietzsche intende l'atteggiamento che, fattosi forte di una demolizione dei vincoli metafisici che sopprimevano la forza vitale, si propone come creatore di nuove tavole di valori attraverso la loro trasvalutazione.Deve tenersi presente che le determinazioni che portano Nietzsche al nichilismo derivano dal convincimento della necessità del distacco oggettuale e relazionale che portano da un lato all'affermazione non di un valore determinato ma di valori fluenti che sono alla base della trasvalutazione e che dall'altro consentono nell'analisi della oggettività di disceverare l'oggetto e l'altro ma nello stesso tempo di racchiudere il pensiero in sé stesso a realizzare proprio attraverso tale distacco la volontà di potenza.È attraverso tale chiusura del pensiero in sé stesso che viene determinato il nichilismo di Nietzsche anche in quanto costituente la scissione dell'interno dall'esterno e attraverso cui si realizza la possibilità di cogliere l'opposizione dicotomica nel pensiero tra razionale in quanto sistematico e irrazionale in quanto nichilistico e distruttivo, rispetto alla quale dinamica si coglie una prospettiva della distinzione e del pari operativismo di nichilismo esteriore e di nichilismo interiore, processo in cui il nichilismo interiore correlato, tramite il dionisiaco, all'istinto ossia alla soddisfazione pone nello stesso tempo la relazione alla volontà di potenza fattori che si relazionano all'esaltazione del dionisiaco come irrazionale anche in quanto fattore non comprimibile e dunque enucleante appieno la possibilità di realizzare la volontà di potenza.Da tale aspetto fondamentale di Nietzsche connotante il distacco oggettuale e la relazione con l'altro deriva anche il suo apprezzamento, da un lato, della caratteristica della assenza di compassione, che è uno dei fondamenti a base della trasvalutazione e che se non così fondata entrerebbe in contraddizione con il suo nichilismo e dall'altro il suo apprezzamento per i passi biblici e per l'ebraismo che si fondano sulla giustizia divina e in particolare sulla legge dell'"occhio per occhio e dente per dente" cui si unisce appunto quel distacco alla cui base vi è un'assenza di affettività che consente l'affermazione del valore del momento in rispondenza alla volontà di potenza e alla necessità di esistenza dell'esterno anche come altro-soggetto.File:Rohde Gersdorff Nietzsche-2.JPG: L'uomo, per Nietzsche, ha dovuto illudersi per dare un senso all'esistenza, in quanto ha avuto paura della verità, non essendo stato capace di accettare l'idea che "la vita non ha alcun senso", che non c'è nessun "oltre" di essa e che va vissuta con desiderio e libero abbandono pieno di "fisicità". Se il mondo avesse un senso e se fosse costruito secondo criteri di razionalità, di giustizia e di bellezza, l'uomo non avrebbe bisogno di auto-illudersi per sopravvivere, costruendo metafisiche, religioni e morali. L'umanità occidentale, passata attraverso il cristianesimo, percepisce ora un senso di vuoto, trova che "Dio è morto", cioè che ogni costruzione metafisica vien meno davanti alla scoperta che il mondo è un caos irrazionale. Fino a che non sorgerà l'Oltreuomo, cioè un uomo in grado di sopportare l'idea secondo cui l'Universo non ha un senso, l'umanità continuerà a cercare dei valori assoluti che possano rimpiazzare il vecchio dio (inteso come qualsiasi tipo di realtà ultraterrena e non come semplice entità quale potrebbe essere il Dio cristiano); dei sostituti idolatrici quali, ad esempio, lo Stato, la scienza e il denaro. La mancanza, però, di un senso metafisico della vita e dell'universo fa rimanere l'uomo nel nichilismo passivo, o disperazione Nichilismo. È tuttavia possibile uscire dal nichilismo comprendendo questa visione e riconoscendo che è l'uomo stesso la sorgente di tutti i valori e delle virtù della volontà di potenza (nichilismo attivo). L'uomo, ergendosi al di sopra del caos della vita, può generare propri significati e imporre la propria volontà. Chi riesce a compiere questa impresa è l'Oltreuomo, cioè l'uomo che ha compreso che è lui stesso a dare significato alla vita. Attraverso le tre metamorfosi dello spirito, di cui parla nel primo discorso del testo Così parlò Zarathustra, Nietzsche mostra come il motto "Tu devi" vada trasformato dapprima nell'"Io voglio", e infine in un sacro "Dire di sì", espresso dalla figura del fanciullo giocondo.Ovviamente il nichilismo attivo non giustifica i modelli valoriali proposti nel corso dei secoli per dare senso alla realtà, poiché questi non sono altro che il frutto dello spirito apollineo e, pertanto, non corrispondono all'effettiva essenza dell'uomo, che è spirito dionisiaco, ossia legato inscindibilmente a quei "valori" (vitalità, potenza) intrinseci alla sua natura terrena:
Per una "rinascita" del tragico in Germania
Content:Nel primo testo filosofico di Nietzsche La nascita della tragedia del 1872, che è anche una messa a fuoco della sua cultura classica e della mitologia greca, egli concentra la sua attenzione sulle origini del teatro nell'antica Grecia. Si serve di e teorizza perciò due concetti-base, che diverranno poi "ideologici" per lo stesso autore e portatori di numerosi valori, lo spirito dionisiaco e lo spirito apollineo. Il dionisiaco (dal dio Dioniso) in quanto “ebbrezza” rappresenta l'elemento dell'affermazione della vita, della spontaneità, dell'istinto umano, della giocosità e raffigurerà nelle successive opere la volontà di potenza. È l'impulso che esprime la forza vitale propria dell'oltreuomo nella sua totale libertà, l'ebbrezza che trova la sua manifestazione più compiuta nella musica e nella danza.File:Friedrich Nietzsche - 1864.jpg: Il "dionisiaco" gioca dialetticamente con il proprio contraltare, l'"apollineo", ovvero l'armonia delle forme e del vivere. Quando Dioniso vive è Apollo a dormire, viceversa quando Apollo si rappresenta ed è in superficie, Dioniso è "sotterraneo". Il dionisiaco è un continuo ciclo "vita-morte-vita", attraverso il quale tutte le arti sono state create e si sono modificate. L'apollineo è la luce del giorno razionalizzata nell'arte plastica degli scultori dell'epoca classica. L'"apollineo" rappresenta anche la ratio umana che porta equilibrio nell'uomo, che è capace di concepire l'essenza del mondo come ordine e che lo spinge a produrre forme armoniose rassicuranti e razionali. Senza di esso, nell'uomo ci sarebbe un'esplosione di emozioni incontrollate e bisognose di essere controllate.Molto complesso è lo studio che il filologo Nietzsche fa delle arti greche e della tragedia in particolare. Nel "ditirambo" del coro tragico greco era insito lo spirito dionisiaco (Nietzsche lo chiama appunto "ditirambo dionisiaco"). Nella parola come sempre Nietzsche ricerca la chiave per l'interpretazione della realtà e per portare in luce ciò che i concetti hanno di arcano dentro. In quanto filologo, ancor prima che filosofo, è sempre il "verbo" il suo primo amore. Dal ditirambo, che è il nucleo del “coro”, al testo poetico in cui è scritto il dramma, si svolge la continua alternanza dei due dèi greci Apollo e Dioniso, fino alla suprema e sublime armonia.L'analisi delle origini della tragedia greca, scorre lungo il testo nietzschiano attraversando tutta la storia di questo lungo percorso, da Archiloco a Euripide, passando per Eschilo e Sofocle fino alla sua stessa fine: la morte della tragedia avvenne per mano di Socrate ovvero di ciò che il filosofo ha rappresentato per la grecità e le sue espressioni artistiche. Ma come la tragedia ebbe origine dalla musica, Nietzsche auspica che allo stesso modo possa rinascere. Da qui la critica profonda e sentita all'“Opera”, in quanto genere artistico in cui vivono inconciliabili contraddizioni di carattere estetico e filosofico. Forte è l'esortazione del filosofo a ideali artisti della sua epoca affinché ritrovino e ridestino l'ebbrezza dionisiaca insita nella musica e su di essa, assieme al mito tragico, costruiscano una nuova epoca tragica:
La fase "illuministica"
Content:
Contro Socrate, Platone e il cristianesimo
Content:File:Röcken (Lützen), grave group Friedrich Nietzsche.jpg: Secondo Nietzsche la decadenza è il rifiuto dell'amore per la vita e della creatività, della spontaneità del vivere naturale e nello stesso tempo "tragico", dunque dello spirito dionisiaco. Per lui colui che per primo ha condizionato negativamente la civiltà occidentale verso questo annullamento della vita è stato Socrate: l'errore di Socrate è di aver sostituito alla vita il pensare alla vita e la conseguenza di ciò è il non-vivere.Socrate ritiene che la ragione sia l'essenza dell'uomo e che le passioni, residuo di animalità, possano e debbano essere dominate. Per Socrate una vita fondata sulla ragione è una vita felice, mentre una vita dominata dalle passioni è destinata a dolorosi conflitti e turbamenti. Anche Platone ha indirizzato la vita verso un mondo astratto e irreale, e in questo processo di decadenza si inserisce poi il Cristianesimo. Quest'ultimo ha prodotto un modello di uomo malato e represso, in preda a continui sensi di colpa che avvelenano la sua esistenza, dettati dal motto cristiano del continuo pentimento e della richiesta implorata di salvezza e perdono.Perciò l'uomo cristiano, al di là della propria maschera di serenità, è psichicamente tormentato, nasconde dentro di sé un'aggressività rabbiosa contro la vita ed è animato da risentimento contro il prossimo. Nietzsche crea in questo periodo le metafore del guerriero e del sacerdote: il primo rappresenta il manifestarsi della volontà di potenza, il secondo invece, timoroso dei propri mezzi, costituisce il "sottomesso" che a una morale dei forti, antepone una morale dei deboli, facilmente accessibile, che costituisce la negazione vera e propria dell'incondizionata gioia di vivere.Più che con la figura di Gesù (verso cui manifesta simpatia, considerandolo un "santo anarchico, sia pure un po' idiota") Nietzsche è polemico contro il Cristianesimo, in quanto religione dei «poveri di spirito», fondata sul risentimento e sulla cattiva coscienza. L'idiozia del Cristo non deve però caricarsi di una sola accezione negativa: "idiota" è l'individuo che non partecipa della collettività, del modus intellegendi condiviso, e sposta la sua attenzione verso la propria interiorità abbandonando la realtà. Il filosofo accusa la religione cristiana di creare questo equivoco e di essere uno pseudo-umanesimo, colpevole di «agire pietosamente verso tutti i malriusciti e i deboli».L'anticristo, Adelphi, 1970, p. 169, Opponendosi alla vera filantropia e all'aggressività naturale della Selezione naturale: «I deboli e i malriusciti devono perire, questo è il principio del nostro amore per gli uomini.»cit. L'anticristo, Adelphi, 1970, p. 169 Egli contesta soprattutto il fatto che «l'individuo fu considerato dal cristianesimo così importante, posto in modo così assoluto, che non lo si poté più sacrificare, ma la specie sussiste solo grazie a sacrifici umani».(Frammenti postumi 1888-1889, vol. VIII, tomo III, 15 [110], Adelphi, 1974, pp. 257-258) A questo proposito afferma anche che «"L'uomo è cattivo", così parlano con mio conforto i più saggi. Ah se fosse pur vero anche oggi! Giacché il male è la migliore energia dell'uomo».Così parlò Zarathustra, parte 4, Dell'uomo superiore Nonostante questo, Nietzsche dichiara relativi e falsi i concetti di bene e male, che dovranno essere superati, in quanto «quel che si fa per amore, è sempre al di là del bene e del male.»Friedrich Nietzsche, Al di là del bene e del male, aforisma 153, capitolo IV "Sentenze e intermezzi".In Così parlò Zarathustra egli dichiara invece: Da ciò la proposta di Nietzsche di una trasmutazione o inversione dei valori. Si proclama egli stesso il "primo immoralista" della storia; egli non intende tuttavia proporre l'abolizione di ogni valore o l'affermazione di un tipo di uomo in preda al gioco sfrenato degli istinti, ma contrappone ai valori antivitali della morale pessimistica tradizionale una nuova tavola di valori a misura del carattere terreno dell'uomo. Per Nietzsche l'uomo è nato per vivere sulla Terra, la sua esistenza è interamente corpo, realtà sensibile. Infatti Zarathustra afferma: io sono corpo tutto intero e nient'altro. L'anima, secondo Nietzsche, è solo un'immagine metaforica e semplicistica della ricchissima varietà di desideri, inclinazioni e sensazioni che attraversano il corpo in ogni istante: questa rivendicazione della natura terrestre dell'uomo è implicita nell'accettazione totale della vita che è propria dello spirito dionisiaco e dell'immagine dell'oltreuomo. La Terra non è più l'esilio e il deserto dell'uomo, ma la sua dimora gioiosa.
Il periodo "illuministico"
Content:Questo percorso, che inizia con Umano, troppo umano (1878-1880), coincide con l'avvento della scrittura aforistica, e risulta caratterizzato dal ripudio dei vecchi maestri, come Schopenhauer e, in particolare, Richard Wagner. Nietzsche rinnega la stima e l'amicizia personale col musicista, di cui tanto aveva ammirato Tristano e Isotta (Wagner) in quanto simbolo dell'umana lotta nel tentativo di convivere coi propri impulsi annullandosi nella materia, al di fuori da qualsiasi concetto religioso. Ora lo accusa di essere diventato un tipico decadente, che col Parsifal (opera) ricade nel più becero e arcaico misticismo, quale ridicola rappresentazione di un mondo fasullo e immaginario.In questo periodo, il filosofo abbandona la "metafisica da artista", per privilegiare la scienza. Considererà l'arte come il residuo di una cultura mitica. Il redentore della cultura non sarà più l'artista o il genio (come invece pensava Wagner) ma il filosofo educato dalla scienza. Sarà Illuminismo,Da cui l'ammirazione verso Voltaire che si riscontra in questo periodo. nel senso che si troverà impegnato in un'opera di critica della cultura tramite la scienza, che egli ritiene sia un metodo di pensiero, piuttosto che un insieme di tutte le scienze particolari. Un metodo critico di tipo storico e genealogico, perché non esistono realtà immutabili e statiche, ma ogni cosa è l'esito di un processo che va ricostruito.I concetti base di questo periodo sono lo spirito libero e la filosofia del mattino. Lo spirito libero si identifica con il viandante, cioè con colui che grazie alla scienza riesce a emanciparsi dalle tenebre del passato, inaugurando una filosofia del mattino che si basa sulla concezione della vita come transitorietà e come libero esperimento senza certezze precostituite.
La fase nichilistica e della volontà di potenza
Content:
La morte di Dio
Content:File:Friedrich Nietzsche drawn by Hans Olde.jpg: L'affermazione della libertà e della spontaneità presuppone il superamento dei condizionamenti, delle regole, degli obblighi derivanti dalle credenze religiose o comunque dal riferimento a entità metafisiche. Ma comporta anche una conseguenza che pochi hanno la forza sufficiente per affrontare: assumersi la piena e definitiva responsabilità di ogni decisione, di ogni azione. Ogni comportamento è soggetto a una decisione individuale in quanto non esistono più valori trascendenti sui quali appiattirsi in modo conformistico. I contemporanei di Nietzsche dimostrano in mille circostanze di non essere più guidati dalla fede come poteva accadere agli uomini del Medioevo ma, per non essere obbligati ad affrontare le proprie responsabilità, non vogliono riconoscerlo neppure di fronte a sé stessi.Celebre è la figura dell'uomo folle ne La gaia scienza, che gira in pieno giorno con una lanterna accesa, urlando "Cerco Dio!", attirandosi così lo scherno dei presenti. Alla richiesta di spiegazioni l'uomo afferma che Dio è morto, ovvero che nessuno crede più veramente. Ma nell'atto stesso di compiere questa affermazione si trova di fronte allo scetticismo e all'indifferenza, quando non alla derisione. Egli stesso si definisce come il "testimone" di un omicidio compiuto dall'intera umanità. E allora: "Vengo troppo presto" egli ammette, poiché gli uomini non sono ancora pronti ad accettare questo cambiamento epocale. I valori tradizionali sono sempre più pallidi, sempre più estranei alla coscienza, ma i nuovi valori, quelli della gioiosa accettazione della vita e della fedeltà alla terra, sono ancora al di là dell'orizzonte: "Questo enorme evento è ancora per strada e sta facendo il suo cammino".L'annuncio della morte di Dio ha una straordinaria efficacia retorica e forse anche per questo non è stato sempre compreso a fondo: taluni interpreti si sono limitati a leggerlo come l'ennesimo attacco al Cristianesimo e non ne hanno percepito la profondità e la complessità. Infatti Nietzsche con questa affermazione intende annunciare la fine di ogni realtà trascendente, indipendentemente dal culto che predichi tale realtà. Egli considera ciò come il compimento di un processo nichilistico necessario, le cui radici si ritrovano nell'atto di omissione e di oblio del dionisiaco, che ha consentito all'apollineo, nel corso della secolarizzazione, di trovare modelli metafisici ragionevoli, capaci di giustificare il "senso dell'essere", ma che prima o poi, secondo l'autore tedesco, avrebbero dovuto fare i conti con la vera essenza vitale della natura umana, quale, appunto, il dionisiaco, ossia ciò che lega alla terra e alla vita.Nietzsche è anche considerato, e non senza buoni motivi, come uno dei precursori dell'esistenzialismo ateo moderno per alcuni elementi etici che lo anticipano, per quanto questo si caratterizzi per aspetti di pessimismo esistenziale che in Nietzsche sono in gran parte assenti.
L'oltreuomo
Content:File:Nietzsche-Stein 01.jpg: Nietzsche, radicalizzando il "plus man" Ralph Waldo Emerson e la critica emersoniana del culto degli eroi di Thomas Carlyle, ma ispirandosi anche al Singolo di Søren Kierkegaard e allUnico di Max Stirner, propugna l'avvento di un nuovo tipo di uomo, Individualismo e capace di liberarsi dai pregiudizi e dai vecchi schemi, di smascherare con il metodo genealogico l'origine umana troppo umana dei valori, nonché di farsi consapevole creatore di valori nuovi: l'oltreuomo. Non sarebbe corretto definire un uomo del genere superuomo: super indica sopra, quindi "super-uomo" vuol dire "colui che è sopra gli uomini" e li schiaccia. Secondo l'interpretazione di Gianni Vattimo, introdotta nel suo testo Il soggetto e la maschera, il termine oltre-uomo, "colui che ha superato l'uomo ed è andato oltre la sua condizione", rispecchia meglio il concetto espresso dal filosofo di Röcken, oltre a essere la traduzione letterale del tedesco Über-Mensch, mentre super-uomo dovrebbe essere tradotto come Oben-Mensch.La parola "über" (equivalente all'italiano e al latino "iper"; cfr. ), in tedesco ha molti significati, tra cui "oltre", mentre è meno usata per il significato "sopra"/"super", dove sono più comunemente utilizzati "oben" e "auf"; dizionario italiano-tedesco: L'interpretazione di Gianni Vattimo è però contestata dal filosofo Domenico Losurdo, il quale contesta Nietzsche affermando esplicitamente che egli appoggiasse una società schiavitù comandata dal Superuomo aristocratico, talvolta argomentando che gli schiavi venivano trattati meglio dei moderni operai e accusandolo anche di appoggio all'eugenetica.Domenico Losurdo, Nietzsche, il ribelle aristocratico, Bollati Boringhieri Editore, Torino 2002 Questa moralità aristocratica degli scritti degli ultimi anni, accreditata soprattutto dal nazismo, è spesso invece considerata, dalla maggioranza dei commentatori, come una metafora della superiorità dell'uomo-filosofo sull'uomo comune, anziché come una reale proposta di società Tradizionalismo (filosofia), come intesa sia da filosofi di sinistra (politica), come Losurdo stesso, sia da pensatori di estrema destra come Julius Evola e Alfred Baeumler, sia da intellettuali critici come Gilbert Keith Chesterton, che interpretano Nietzsche in fondamentalismo. L'interpretazione letterale di testi che fanno così ampio uso di metafore, come quella di Nietzsche difensore dello schiavismo, è stata invece contestata da molti studiosiPaola Sirigu, Nietzsche. L'immoralista sublime, p.537 e pensatori che si sono definiti "nietzscheani", come Michel Onfray.M. Onfray, Nietzsche e la costruzione del Superuomo. Controstoria della filosofia VII Più che di precursore del nazismo e sostenitore di una società che sottometta i deboli, da molti critici è invece visto come un elitismo indifferente e aristocratico.L'oltreuomo, secondo la comune interpretazione (Vattimo, Giorgio Colli, Mazzino Montinari), non schiaccia invece gli altri ma procede al di là delle convenzioni e dei pregiudizi che attanagliano l'uomo. Esso ha dei valori differenti da quelli della massa degli uomini, quella massa che ha aderito alla filosofia dei sacerdoti e degli imbonitori per farsi schiava di essi. Egli solo è in grado di non sostituire ai vecchi idoli quelli nuovi, ma fondare il nuovo mondo, e l'uomo attuale non è altro che "una corda tesa tra la scimmia e l'oltreuomo" stesso, secondo le parole di Nietzsche. L'oltreuomo è colui che ha compreso che è lui stesso a dare significato alla vita e fa sua la cosiddetta "morale aristocratica" che dice "sì" alla vita e al mondo. L'oltreuomo è discepolo di Dioniso poiché accetta la vita in tutte le sue manifestazioni, nel piacere del divenire inteso come alternanza di vita e morte. Affronta la vita con "pessimismo coraggioso", unisce il fatalismo alla fiducia e si è liberato dai logori concetti del bene (filosofia) e del male attraverso un'elitaria indifferenza a valori etici che considera morti.Di qui l'ammirazione di Nietzsche sia per la tragedia greca (in particolare Eschilo), quale mezzo educativo all'Eroe tragicità della vita, sia per il Prometeo istinto dell'uomo rinascimentale (l'uomo universale) che nella sua completezza teorica e pratica sapeva tendere oltre l'"umano troppo umano"; con una magnificenza creatrice, culturale e politica, che quell'Pulsione vitale, "al di là del bene e del male", comporta. Per lui, e ai suoi tempi, ancora incarnato in particolare da Napoleone Bonaparte e Johann Wolfgang von Goethe.Per l'oltreuomo ogni istante è il centro del suo tempo di cui è sempre protagonista. L'eterno ritorno, cioè l'eterna ripetizione, è la dottrina che Nietzsche mette a capo della nuova concezione del mondo e dell'agire umano. Per Nietzsche ogni momento del tempo, cioè l'attimo presente, va vissuto in modo spontaneo, senza continuità con passato e futuro, perché passato e futuro sono illusori: infatti ogni momento si ripete identico nel passato e nel futuro, come un dado che, lanciato all'infinito (poiché il tempo è infinito), darà un numero infinito di volte gli stessi numeri, in quanto le sue scelte sono un numero finito. Il vero oltreuomo è, in conclusione, colui che danza in catene liberamente e con leggiadria; è lo spirito libero tout court.
L'eterno ritorno
Content:Nietzsche elabora un suo modo di intendere il tempo liberandolo dal trascendente e quindi dalla fiducia nell'avvenire. In Così parlò Zarathustra (nel capitolo Della visione e dell'enigma, §2), Zarathustra (protagonista dell'opera) racconta di aver avuto una visione mentre scalava un monte. L'eterno ritorno dell'uguale, più spesso detto soltanto eterno ritorno, significa che l'universo rinasce e rimuore in base a cicli temporali fissati e necessari, ripetendo eternamente un certo corso e rimanendo sempre sé stesso.In senso più specifico, l'eterno ritorno è uno dei capisaldi della filosofia di Friedrich Nietzsche. Il ragionamento che sta dietro al semplice – ma spesso incompreso – concetto di Nietzsche è il seguente: in un sistema finito, con un tempo infinito, ogni combinazione si ripeterà necessariamente infinite volte. Ad esempio, tirando infinite volte tre dadi a sei facce, ognuna delle 216 combinazioni comparirà infinite volte. Mentre è spiegato in termini poetici ne La gaia scienza e Così parlò Zarathustra, egli lo spiega in termini quasi scientifici nei Frammenti postumi, e questa formulazione ha affascinato molti fisica teorica e matematici successivi:Roger Penrose: Rüdiger Vaas: "Ewig rollt das Rad des Seins": Der 'Ewige-Wiederkunfts-Gedanke' und seine Aktualität in der modernen physikalischen Kosmologie. In: Helmut Heit, Günter Abel, Marco Brusotti (eds.): Nietzsches Wissenschaftsphilosophie. de Gruyter: Berlin, New York 2012, S. 371-390. ISBN 978-3-11-025937-7Alex Vilenkin, Many Worlds in One. New York: Hill and Wang 2006Max Tegmark (2003). "Parallel Universes". In "Science and Ultimate Reality: from Quantum to Cosmos", honoring John Wheeler's 90th birthday. J. D. Barrow, P.C.W. Davies, & C.L. Harper eds. Cambridge University Press (2003).Barreira, Luis (2006). "Henri Poincaré recurrence: old and new". In Zambrini, Jean-Claude. XIVth International Congress on Mathematical Physics. World Scientific. pp. 415–422.
Il mito dell'eterno ritorno nello ''Zarathustra''
Content:File:Nietzsche187a.jpg: Nel capitolo dello Zarathustra intitolato La visione e l'enigma, Nietzsche introduce sotto forma di mito il pensiero dell'eterno ritorno dell'uguale (già evocato nel capitolo Della redenzione, allorché Zarathustra si rifiuta di enunciare ciò che insegna alla volontà, ossia il volere a ritroso),Cfr. la nota 134 a pagina 408 dell'edizione Adelphi dello Zarathustra, la quale chiarisce il seguente passaggio: «A questo punto avvenne che Zarathustra improvvisamente si fermasse: pareva uno che fosse terrorizzato all'estremo». Montinari spiega che qui «Zarathustra rinuncia ad enunciare ciò che insegna alla volontà, ‘il volere a ritroso', la dottrina dell'eterno ritorno». attraverso il dialogo tra il profeta e il nano, personificazione dello spirito di gravità: «Tutte le cose diritte mentono. Ogni verità è ricurva, il tempo stesso è un circolo» è l'opinione del nano. Questa prima interpretazione è però giudicata come troppo superficiale («Tu, spirito di gravità! – replica infatti Zarathustra – non prendere la cosa troppo alla leggera!»)F. Nietzsche, Così parlò Zarathustra. Un libro per tutti e per nessuno [1885], III, 46, 2, trad. di M. Montinari, Adelphi, Milano 2012, p. 184. e portatrice di una generica professione di fede nella circolarità e insensatezza del tutto (nichilismo passivo)G. Vattimo, Introduzione a Nietzsche, Laterza, Roma-Bari 2011, p. 94, nota 20: «Nietzsche attribuisce al nichilismo un duplice possibile senso: un senso passivo o reattivo, nel quale il nichilismo riconosce l'insensatezza del divenire e di conseguenza sviluppa un senso di perdita, di vendetta e di odio per la vita; e un nichilismo attivo che è proprio dell'oltreuomo, il quale si installa esplicitamente nell'insensatezza del mondo dato per creare nuovi valori».. Nella seconda parte però, Zarathustra espone la sua controinterpretazione della visione della porta che aggiunge caratteri essenziali alla prima interpretazione del nano. La novità di questa controinterpretazione consiste nel fatto che Zarathustra va a fondo e tocca l'argomento decisivo che pone il punto di svolta dal nichilismo passivo al nichilismo attivo. Non solo tutto ciò che diviene deve essere già stato vissuto, ma soprattutto la porta stessa, l'attimo presente, deve già essere stata in passato. Si è dunque raggiunto il piano di passaggio dal nichilismo passivo al nichilismo attivo, quindi dall'eterno ritorno come pensiero paralizzante, all'eterno ritorno come liberazione dal simbolico (viene confutata in parte la prima interpretazione del nano). L'attimo è compreso nell'eterno circolo di passato e futuro.Successivamente, Zarathustra è come ridestato dall'ululato di un cane che gli permette di cambiare scena. Egli vede il cane quasi chiedere aiuto vicino a un pastore, che è come soffocato da un serpente, la cui testa esce dalla sua bocca. Il serpente, nello specifico, indica l'eterno ritorno ed è come se il pastore fosse soffocato da questa concezione dell'eterno circolo del tempo. Un gesto fondamentale, fa tornare il sorriso sulle sue labbra, ormai non più sofferenti del pastore ("mai prima al mondo aveva riso un uomo, come lui rise!"): questi infatti aveva morso e staccato la testa al serpente, indicando così allegoricamente l'accettazione dell'eterno ritorno. È importante sottolineare come l'accettazione dell'eterno ritorno sia dovuta a una decisione del pastore: se questi non avesse mai morso la testa al serpente, non sarebbe mai stato in grado di accettarlo e di istituirlo. Vi è quindi un attimo in cui il pastore istituisce, cioè vuole, il ripetersi eterno della vita e dell'istante.Volendo l'istante la questione si è spostata al presente, l'uomo che ha riso è l'uomo che ha lasciato fluire ciò che lo soffocava alla gola e che ha preso a mettere fuori quanto aveva dentro; l'uomo che ride è l'uomo che parla il suo peso. C'è da dire di più. Continuando a leggere l'aforisma della Gaia Scienza già citato si troverà che chi ha riso è rinato, ed è rinato alla luce dell'eternità, nel senso che quando il pastore si accorge che può volere qualcosa che neanche il tempo può scalfire, perché il suo presente è destinato a ripetersi comunque in eterno, allora capisce anche che vale la pena volere.Solo se l'attimo che l'uomo vive è immenso, cioè ingloba in sé tutto il suo significato, si può volerlo sempre di nuovo. L'uomo che può volere l'eterno ritorno è un uomo felice, a cui la vita dà attimi “immensi”, come testimonianza piena di esistenza e significato. In quest'opera è possibile vedere il ruolo di Nietzsche come "difensore" di un tempo qualitativo, qualificato nella sua densità dai contenuti vissuti. Famosa la definizione dell'"imperativo categorico" di Nietzsche: "vivere in modo da poter desiderare di rivivere questa stessa vita in ripetizione eterna".citato in Mazzino Montinari, Che cosa ha detto Nietzsche Correlata alla tematica dell'eterno ritorno e quindi al principio del movimento è la trasvalutazione dei valori che da alcuni è stata intesa come capovolgimento dei valori.Il capovolgimento reca in sé l'affermazione di un valore ulteriore. Mentre la trasvalutazione è legata al fluire del valore stesso senza preminenza di alcuno in particolare, e quindi al superamento del valore. Riprendendo Nietzsche quando parla di Eraclito, l'unico filosofo a cui si sente legato, afferma che il movimento reca in sé la possibilità dell'annientamento. Tradotto in termini filosofici e legato questo concetto a quello caro a Nietzsche della trasvalutazione, non vi può essere una morale né un valore assoluto ma valori istintuali che si annientano nel movimento. Se non fosse così si considererebbe Nietzsche un moralista o un idealista.
Complessità del pensiero di Nietzsche
Content:File:Stamp Germany 2000 MiNr2131 Friedrich Nietzsche.jpg: La particolarità del pensiero di Nietzsche, la sua unicità, ha sempre generato nella critica degli interrogativi. Una delle domande che ci si è posti nella storia della critica a Nietzsche è la considerazione su qual è il "vero" Nietzsche ovvero quale fosse il suo reale intento e cosa volesse comunicare nelle sue opere ovvero quanto di ciò che ha lasciato è filtrabile in maniera lucida separandolo dalla parabola discendente della sua malattia mentale.Mazzino Montinari, Che cosa ha veramente detto Nietzsche Pubblicato da Ubaldini, 1975 ISBN 88-340-0339-X, 9788834003398La sua filosofia, infatti, è in bilico tra la negazione totale della cultura e del pensiero occidentale (si veda la sua critica al razionalismo, importantissimo nella filosofia occidentale) e la creazione di un nuovo sistema di valori, incentrati sulla figura dell'Oltreuomo, sull'eterno ritorno e sulla volontà di potenza. Nietzsche, infatti, voleva senza dubbio eliminare il campo da ogni "mito", che appartenesse alla morale religiosa (da lui definita "morale dei vinti") o alla filosofia, con i miti laici di progresso, razionalismo, positivismo e idealismo. Tuttavia è lecito domandarsi se questa volontà distruttrice dei valori sia solo fine a sé stessa, frutto di un orientamento Nichilismo, o sia la base necessaria da cui far partire la creazione di un nuovo sistema di valori.La filosofia di Nietzsche propone notevoli spunti di riflessione, che in parte spiegano la difficoltà di quest'autore di essere pienamente compreso nel suo tempo, nell'XIX secolo, e la sua successiva riscoperta nel XX secolo. È il caso di ricordare che il Novecento vede l'arrivo alla ribalta di un esistenzialismo molto lontano da quello di Kierkegaard e che per molti aspetti Nietzsche è un anti-Kierkegaard in aperta concorrenza con la sua visione del mondo. Lo "scacco" kierkegaardiano per Nietzsche diventa il pretesto per una via a una vittoria sul destino di cui l'Oltreuomo si fa profeta.Il pensiero di Nietzsche, se da un lato è la negazione di quelle correnti di pensiero basate sull'ottimismo metafisico e deterministico dell'idealismo hegeliano è anche contro l'ottimismo scientistico. Di esso era portatore il positivismo, con la sua idea di continuità del progresso. Incentrato il primo sul "tutto è bene" perché "così deve andare" necessariamente, l'ideale di progresso del secondo gli suona ingenuo e falso.Sotto un altro punto di vista, per quanto Il mondo come volontà e rappresentazione sia uno dei testi chiave per la formazione di Nietzsche, egli ha poco della semplice considerazione pessimistica della realtà, propria di Schopenhauer. La sua filosofia, infatti, rifiuta ogni passiva accettazione della realtà, sia nel senso del "tutto è bene" hegeliano e sia quella del "tutto progredisce" positivistico e neppure il "tutto è sofferenza", di Schopenhauer. Essa, rivela piuttosto una sorta di titanismo romantico, ma in una nuova Weltanschauung (Visione del mondo) che è post-romantica.
Nietzsche e l'Italia
Content:File:FriedrichNietzscheTurin.jpg: Notevole importanza rivestì per Nietzsche il contatto con la cultura e l'ambiente italiani, che in più di un'occasione fecero da stimolo alle sue riflessioni filosofiche.Tilmann Buddensieg, L'Italia di Nietzsche. Città, giardini e palazzi, trad. di L. Novati, Scheiwiller, 2007 ISBN 978-88-7644-531-6. Nietzsche amava soggiornare in Italia, dove si recava spesso per curare i suoi malanni e dove sosteneva di ritemprarsi. Egli definiva il carattere italico come «il più fine» per la sua capacità di sapersi esprimere argutamente e con paradossi, «il più ricco» per la creatività e la varietà delle scenografie urbane e «il più libero» dai condizionamenti metafisici e religiosi.Mario Perniola, introduzione a L'Anticristo, in Nietzsche. Edizioni integrali, Newton, Roma 2011 ISBN 978-88-541-4034-9. Perniola individua il risvolto negativo delle qualità attribuite da Nietzsche all'Italia in quello Scetticismo filosofico diffuso che degenera nel qualunquismo. In Italia Dio era già morto prima, e in maniera più definitiva, che altrove. Del genio italico diceva: Nietzsche contrapponeva in particolare la cultura italiana a quella tedesca, ravvisando in quest'ultima un oscurantismo e un moralismo che, sorto con Martin Lutero e permeando di sé l'età moderna, aveva finito per prevalere su Roma. Nietzsche riteneva perciò che la teologia Protestantesimo fosse peggiore di quella Cattolicesimo,«Si deve essere più duri contro i protestanti che contro i cattolici» (Nietzsche, in Legge contro il cristianesimo, da L'anticristo, Adelphi, Milano 2008). ravvisando nella mentalità dei popoli meridionali, dalle radici essenzialmente antica Grecia, una maggiore attitudine all'ozio, un'apertura mentale agli aforismi e ai paradossi, nonché un'indulgenza verso le passioni e gli istinti.Edoardo Vitale, articolo sulla rivista L'Alfiere, parz. consultabile . A Napoli sperimentò come la bellezza non «affascina tutta in un colpo, ma esercita una presa che si insinua lentamente»; Genova gli procurò «una felicità malinconica vivere in mezzo a questa confusione di stradicciole, di voci: un'ebbrezza di vita». Venezia lo indusse talmente a struggersi per la musica di Richard Wagner che «quando cerco un'altra parola per musica, trovo sempre soltanto la parola Venezia». A Roma si identificò nel gesto donante, triste e inappagato, della statua del Fontana del Tritone. A Firenze constatò come il «grande stile» di Palazzo Pitti sarebbe rimasto ineguagliato dalle epoche successive della Controriforma, mentre di Torino tessé l'elogio della pianificazione urbana e del nuovo stile emergente di architettura.Nietzsche conobbe anche, a Basilea, durante un viaggio nel 1871, Giuseppe Mazzini, il capo dei Giovine Italia, che gli fece un'ottima impressione. Era nota pure la sua ammirazione per Niccolò Machiavelli e il suo Il Principe.Definiti, assieme a Tucidide, "terapia contro il platonismo" (Alfredo Oriani, Gennaro Maria Barbuto, Niccolò Machiavelli, pag. 42, 1997). È significativo che l'ultimo Nietzsche creativo, prima della malattia, lavorerà a Torino fino alla sua crisi, che lo coglierà proprio nella città piemontese nel gennaio 1889, quando venne riportato in Germania (a Torino è ancora visibile la targa che commemora la permanenza dell'artista in una casa del centro durante la scrittura di Ecce Homo).
Nietzsche e la politica
Content:File:Friederich Nietzsche.jpg: Benché sostanzialmente poco interessato alla politica, Nietzsche espresse anche opinioni riguardanti la gestione dello Stato e della società. Nietzsche difende spesso i valori pagano-aristocratici contro quelli cristiano-democratici, in quanto per lui i valori cristiani rispecchiano una visione falsa e nichilistica della vita che porta alla corruzione e al disgregamento della società. Quindi è stato avvicinato talvolta a un pensiero reazione (politica) nostalgico. Tuttavia il fatto che egli detesti ogni organizzazione statale moderna, nonché il suo rifiuto dell'autorità, lo hanno fatto considerare un filosofo antipolitica. Nietzsche più che farsi politico denuncia tutti gli ideali politici del suo tempo. Egli Anarchismo e Friedrich Nietzsche anche al pensiero anarchico e individualista.Sebbene il filosofo tedesco abbia criticato l'anarchismo,In Al di là del bene e del male (6.2:126), l'autore parla di "cani anarchici" il suo pensiero si dimostrò influente per molti pensatori all'interno di quello che può essere definito come movimento anarchico.Spencer Sunshine, Infatti, "c'erano molte cose che attiravano gli anarchici a Nietzsche: il suo odio per lo Stato, il suo disgusto per la Comportamento del gregge, il suo LAnticristo (saggio), la sua diffidenza nei confronti dell'effetto del mercato e dello Stato sulla produzione culturale, il suo desiderio Superomismo, ossia il desiderio di un nuovo essere umano che non doveva essere Moralità signore-servo e portatore di nuovi valori. Ciò potrebbe essere il risultato dell'associazione, in questo periodo, tra le idee del filosofo e quelle di Max Stirner."Nietzsche's possible reading, knowledge, and plagiarism of Max Stirner's The Ego and Its Own (1845) has been a contentious question and frequently discussed for more than a century now." in ; vd. Orig. apparso in tedesco: Nietzsches initiale Krise. In: Germanic Notes and Reviews, vol. 33, n. 2, fall/Herbst 2002, pp. 109-133 L'associazione tra Nietzsche e l'anarchia dura tuttora, in alcuni ambienti filosofici, ad esempio in Michel Onfray.Molto discusso, come detto, è l'uso fatto degli scritti di Nietzsche da parte del fascismo e del nazismo, basandosi sulle interpolazioni e le opere curate dalla sorella, nazista e antisemita convinta. Nietzsche fu l'unico vero filosofo che Benito Mussolini studiò in maniera approfondita, restando da lui (oltre che da Stirner) fortemente ammaliato in gioventù. Dalla sua dottrina del Oltreuomo egli trasse il senso da dare alla "rivoluzione fascista" che si sarebbe accinto a compiere di lì a poco.. Adolf Hitler invece visitava spesso il museo di Weimar dedicato a Nietzsche, e si faceva ritrarre fotograficamente mentre ostentava la contemplazione del busto del filosofo e, nel 1943, regalò a Mussolini un'edizione completa di lusso dellopera omnia di Nietzsche. File:Elisabeth förster 1894a.JPG: Nel periodo fra le due guerre mondiali, alcuni nazisti impiegarono intensivamente vari espedienti per promuovere la propria ideologia, e segnatamente Alfred Baeumler nella sua interpretazione de volontà di potenza.Bachofen und Nietzsche (1929); Nietzsche der Philosoph und Politiker (1931)La vasta popolarità di Nietzsche tra i nazisti scaturì in parte dai deliberati sforzi di Elisabeth Förster-Nietzsche, sorella del filosofo che ne curò le pubblicazioni dopo Friedrich Nietzsche#Lultimo periodo e il collasso mentale, divenendo peraltro a un certo punto un'aperta simpatizzante del partito nazionalsocialista (tanto che, quando nel 1935 morì, il Führer partecipò ai suoi funerali).Per di più, Mazzino Montinari, nel corso della pubblicazione di opere postume di Nietzsche durante gli Anni 1960, scoprì che Elisabeth, "creando" — per così dire — La volontà di potenza mediante l'attività di revisione redazionale di frammenti postumi, ne aveva tagliato degli estratti, cambiato l'ordine, aggiunto titoli di sua invenzione, inserito passaggi di altri autori copiati da Nietzsche come se fossero stati scritti da Nietzsche stesso, e così via.Mazzino Montinari, "La Volonté de puissance" n'existe pas, Editions de lEclat, 1996 In definitiva si può dire che il vero pensiero di Nietzsche consideri lo Stato come un idolo sostitutivo del vecchio Dio (per questo non formula una sua proposta politica per i contemporanei, come fece Karl Marx), quindi da uccidere anch'esso, perché sorga infine l'oltreuomo. A causa dell'associazione tra il nazismo e Nietzsche (derivante anche da alcuni passi de L'anticristo in cui esalta il forte sul debole), le sue opere saranno di fatto proibite in Germania Est sotto il regime comunista (1949-1990) e la tomba del filosofo abbandonata e dimenticata, fino al successivo restauro.Massimo Fini, Nietzsche: l'apolide dell'esistenza, pag. 15-18
Opinione di Nietzsche sulla pena di morte
Content:Nietzsche contestò il concetto filosofico di libero arbitrio e la funzione rieducativa della pena, considerando la morte del criminale come l'unico atto che restituisce dignità al suo gesto (come il suicidio nella morale greco-romana), assolvendolo dalla colpa e liberandolo dall'umiliazione del pentimento, imposto dalla morale cristiana: Ne la Genealogia della morale (1887), Nietzsche sostenne che il valore della pena non debba essere quello di destare il senso di colpa né di rieducare il criminale, ma soltanto quello di punire in chiave extramorale «un cagionatore di danni, un irresponsabile frammento di fatalità». Separando nettamente il diritto dalla morale, e ribaltando la prospettiva di Cesare Beccaria in chiave diametralmente opposta, Nietzsche considerò positivamente la situazione in cui il criminale si senta moralmente sollevato dal proprio gesto allorché si trovi «nell'impossibilità di avvertire come riprovevole la sua azione, la specie del suo atto in sé: vede infatti esercitata al servizio della giustizia esattamente la stessa specie di atti e quindi approvata, esercitata con tranquilla coscienza»Friedrich Nietzsche, Genealogia della morale..Pur non prendendo esplicitamente posizione a favore della pena di morte, il pensiero di Nietzsche risulta fortemente avverso a quegli stessi principi filosofici che, in occidente, portarono alla progressiva abolizione della pena capitale e all'idea dei diritti umani. Il suo pensiero è considerato tuttora di grande attualità da parte di coloro che non riconoscono il fondamento filosofico di tali diritti.Slavoj Žižek, Contro i diritti umani, Il Saggiatore, Milano 2005.Al momento però di esprimere un giudizio sull'applicazione pratica della pena capitale nel mondo a lui contemporaneo, egli sembra schierarsi contro, attaccando quello che non è indice di energia spirituale dell'oltreuomo, ma un freddo rituale dello stato borghese, che egli giudica più colpevole dell'assassino stesso:
Nietzsche e Hegel
Content:Per Hegel c'è la Storia, per Nietzsche la genealogia. Nel pensiero di Nietzsche, nonostante il suo confronto con Georg Wilhelm Friedrich Hegel sia raramente esplicitato nelle opere, prevale una radicale contestazione dell'Georg Wilhelm Friedrich Hegel: i più rilevanti punti di distanza fra i due filosofi tedeschi possono essere individuati nel diverso atteggiamento nei confronti della dialettica, oggetto di una critica aggressiva da parte di Nietzsche, essendo vista da lui come una pretesa del pensiero di ridurre la caoticità della vita e del mondo entro categorie fisse e stabili, e in particolar modo in una visione sistematica della filosofia, che era invece un tratto centrale dell'opera di Georg Wilhelm Friedrich Hegel.Nella sua Sullutilità e il danno della storia per la vita Nietzsche fa esplicito riferimento alla filosofia hegeliana come la maggior causa di una diffusa idolatria del fatto nella cultura tedesca. Per Nietzsche, infatti, il tentativo di categorizzare e insieme divinizzare il processo storico annienta la forza vitale propria di ogni uomo e veicola una concezione della storia epigonale e giustificatrice. La filosofia di Georg Wilhelm Friedrich Hegel è ritenuta da Nietzsche un tradimento in danno alla vita, in quanto tentativo di fermare ciò che non si può fermare (la vita, dinamica per antonomasia) in un sistema di pensiero.Analogo è il giudizio di Nietzsche nei confronti dei Positivismo: rei di spiegare la realtà mediante leggi Meccanicismo fisse, essi restano afflitti dallo stesso errore di Hegel ed epigoni. Nietzsche è distante dal pensiero di Hegel anche in ordine alla supposizione hegeliana che esista una forza meramente Razionalità manifestantesi nella storia, che tratterebbe gli uomini come banali strumenti della propria astuzia.Nietzsche ripudia la "tirannide della ragione sugli uomini" (per usare le sue parole), per cui biasima Socrate, Platone, Cartesio, gli Illuminismo e anche i positivisti del suo tempo. Questo atteggiamento di profonda messa in discussione del filone Razionalismo-idealistico confluito in Hegel e Immanuel Kant (idealismo che per Nietzsche comprende anche il cristianesimo) della filosofia occidentale comporta allo stesso tempo una ridiscussione totale della tradizione metafisica, di cui Hegel si ritiene invece l'ultimo elaboratore.Sussistono nondimeno talune analogie con alcuni aspetti dell'illuminismo. Malgrado il suo netto orientamento antirazionalista, è possibile accostare il pensiero di Nietzsche ad alcuni autori illuministi - nonché osservare un profondo retroterra di tipo razionalista, o meglio razionale, in alcune delle sue convinzioni e dei suoi ragionamenti - per quanto riguarda il rifiuto generale della metafisica e dell'ascesi; è tra l'altro significativo che egli abbia dedicato la sua opera Umano, troppo umano a Voltaire. L'ideale ascetico è visto in particolare da Nietzsche come una minaccia alla forza vitale insita nell'uomo. Più che di rifiuto del razionalismo, vi è quindi un rifiuto dell'idealismo.Luigi Cataldi, Il razionalismo di Nietzsche: filologia e teoria della conoscenza negli scritti giovanili. Edizioni scientifiche italiane, 1983
Nietzsche e Kierkegaard
Content:Nietzsche può essere accomunato a Søren Kierkegaard: entrambi hanno un orientamento prettamente esistenziale ed entrambi sono considerati precursori dell'esistenzialismo novecentesco. Nietzsche però non condivide il cinismo della vita che porta inevitabilmente alla disperazione, e impedisce all'uomo di accettare con gioia l'esistenza, oltre a non condividere le credenze cristiane di Kierkegaard.
Rapporti con altri autori
Content:File:Nietzsche3l philolog-gesell-leipzig.jpg: Sulle basi ut supra è incentrata la polemica contro la religione in generale e il cristianesimo in particolare: anche queste istanze rinnegano la forza vitale innata in ciascuno. La condanna colpisce anche Arthur Schopenhauer, seppur ammirato in gioventù da Nietzsche. Quest'ultimo imputa al suo vecchio maestro di aver generato l'ennesima morale, fondata sulla Pietà (teologia) e, in ultima analisi, sull'ascesi.Nietzsche, a ogni modo, è influenzato da alcuni concetti di Schopenhauer: ammette l'idea di una forza Irrazionalità, respingendone la nozione sinistra che ne aveva prospettato Schopenhauer e la rinomina volontà di potenza, annoverandola quale forza benevola, esemplificata essenzialmente dal suo famoso oltreuomo. Il forte interesse giovanile verso Schopenhauer, portò Nietzsche a leggere i discepoli di quest'ultimo, e cioè Eduard von Hartmann, Julius Bahnsen e Philipp Mainländer.Egli, tuttavia, non pensava che, questi autori, fossero autentici prosecutori del messaggio schopenhaueriano. Parla difatti di Mainländer, dopo aver affermato in uno scritto giovanile "È ora di riscoprirlo!", ne La gaia scienza (Die fröhliche Wissenschaft), nel seguente modo: "Sarebbe possibile considerare Mainländer, dilettante e precocemente senile, turiferario sentimentale e apostolo della verginità, come un vero e proprio tedesco?!... Né Bahnsen, né Mainländer e né, in particolare, Eduard von Hartmann, danno una sicurezza in materia di gestire la questione se il pessimismo di Schopenhauer, il suo orrore di guardare a un Dio privato, stupido, cieco, folle, e a un discutibile Mondo, insomma il suo onesto sguardo d'orrore, non sia stato soltanto un caso eccezionale tra i tedeschi, ma possa essere, bensì, considerato come un tema generalmente tedesco" (§ 357).Tuttavia, occorre notare che Nietzsche stesso mutuò proprio da Mainländer, la celebre espressione "Dio è morto" (sebbene con intenti diversi, significando la morte di Dio per Nietzsche un surplus di vitalismo immanente): la morte progressiva di Dio - dalla "superessenza unitaria" all'"essenza fenomenica nel molteplice", presente nel mondo attuale, sino alla "dissoluzione nullificante" - è, difatti, il cuore della filosofia stessa di Mainländer. Particolare importanza ebbe poi per Nietzsche la scoperta di Stendhal e di Dostoevskij (quest'ultimo definito, nel Crepuscolo degli idoli, «l'unico psicologo da cui avrei qualcosa da imparare»). In una lettera indirizzata a Franz Overbeck (febbraio 1887) scrive: L'ultimo Nietzsche, prima della malattia, si appassionò peraltro al Lev Tolstoj della "conversione" (lo stesso Tolstòj che lo definì «un vivace tedesco posseduto da manie di grandezza, con idee limitate, folle»Lev Tolstoj, Che cos'è la religione e quale ne è l'essenza?, in Il bastoncino verde: scritti sul cristianesimo, Servitium, Sotto il Monte, 1998, p. 122. ISBN 88-8166-085-7.). Nietzsche lo «leggeva e compulsava avidamente, riconoscendo in lui lo stesso mito al quale anch'egli si sentiva forzato: la consumazione del confine tra "arte" e "vita", tra "volontà" e "realtà"».Igor Sibaldi, Introduzione, in Lev Tolstoj, Tutti i racconti, volume primo, Mondadori, Milano, 2005, p. L. ISBN 88-04-55275-1. Altre influenze di Nietzsche furono i citati Ralph Waldo Emerson, Voltaire, Max Stirner. Nietzsche lesse e stimò anche la poesia e la filosofia Pessimismo leopardiano e nichilista di Giacomo Leopardi, che, come lui, vedeva, almeno in parte, nelle illusioni dell'arte e dei miti il mezzo per sottrarsi a una vita di dolore e al grigio presente.Paolo Ruffilli, Introduzione alle Operette Morali di G. Leopardi, Garzanti, 1985Friedrich Nietzsche, Intorno a Leopardi, Editore Il melangolo, Pagine 199, raccolta di passi in cui Nietzsche parla di LeopardiNietzsche, che pure ben può dirsi avversario del positivismo, è in parziale sintonia con il darwinismo e più in particolare con le categorie di «lotta per la vita», «selezione naturale» e «survival of the fittest». by John S. Wilkins Egli però dilata questo assunto al di là della mera sopravvivenza: secondo Nietzsche c'è un «darwinismo» selettivo anche nella società umana: gli individui mirano a conseguire il predominio e la supremazia, sotto lo stimolo della «volontà di potenza». Darwin sarà d'altronde aspramente criticato da Nietzsche per il suo ottimismo progressista. Inoltre, Nietzsche critica Darwin per la preponderanza da lui data all'ambiente esterno quale causa dell'evoluzione«NB. Contro la teoria dell'influenza dell'ambiente e delle cause esterne: la forza interna è infinitamente superiore; molte cose che sembrano un influsso dall'esterno, son solo il suo adattamento dall'interno. Esattamente gli stessi ambienti possono venire interpretati e sfruttati in modi opposti: non ci sono fatti.» 2[175] Frammenti postumi 1885/1887 - Adelphi«Darwin sopravvaluta fino all'inverosimile l'influsso delle "circostanze esterne"; l'essenziale del processo vitale è proprio l'enorme potere creatore di forme dall'interno, che usa, sfrutta le "circostanze esterne".» 7[25] Frammenti postumi 1885/1887 - Adelphi e alla sopravvivenza quale fondamentale istinto vitale;– la «filosofia da mercante del signor Darwinismo sociale#Origine e sviluppo: assoluta mancanza di un ideale, al di fuori di quello dell'uomo medio».(234) 10[118] Frammenti postumi 1887/1888 - Adelphi Altra sua critica a Darwin fu quella sui concetti di «individuo» e «specie» come erano creduti: «I concetti di "individuo" e di "specie" sono egualmente falsi e dovuti alla prima impressione. "Specie" esprime solo il fatto che una quantità di esseri simili si presentano nello stesso tempo e che il ritmo di crescita ulteriore e di mutamento è per molto tempo rallentato, sicché le piccole continuazioni e gli accrescimenti di fatto non vengono molto in considerazione (una fase di sviluppo, in cui lo svilupparsi non diventa visibile, sicché sembra che si sia raggiunto un equilibrio, e viene resa possibile la falsa rappresentazione che si sia qui conseguito uno scopo– e che ci sia stato uno scopo nello sviluppo..)».(97) 9[144] Frammenti postumi 1887/1888 - AdelphiNella sua critica all'idealismo e a Kant, alle presunte "fantasie Metafisica", all'"immoralità" della morale e alla retorica filosofica accademica, Nietzsche può essere considerato il più autorevole precursore dell'etologia,«Elaborate l'una indipendentemente dall'altra, le teorie di Lorenz e di Riedl si erano mosse in una medesima direzione, entrambe ribaltando uno dei dogmi più resistenti dell'evoluzionismo classico: il dogma dell'unidirezionalità della selezione. Entrambe sostanziando, con osservazioni e ricerche empiriche oltre che con riflessioni teoriche, un'intuizione che già Nietzsche, un secolo prima aveva espresso con molta chiarezza: il darwinismo tradizionale ha sopravvalutato "fino all'inverosimile l'influsso delle circostanze esterne; l'essenziale del processo vitale è proprio l'enorme potere creatore di forme dall'interno che usa, sfrutta le circostanze esterne".» "LA TEORIA EVOLUZIONISTICA DELLA CONOSCENZA ILLUSTRATA ATTRAVERSO CINQUE LIBRI" di M. Celentano dell'epistemologia evoluzionistica,«È probabile vi siano innumerevoli specie di vita e, conseguentemente, anche di rappresentazioni. «Il vero per noi», vale a dire ciò che ci rende possibile l'esistenza in base all'esperienza e il processo è così antico, che è impossibile trasformare il nostro pensiero. A ciò si riducono tutti gli a priori.» (11[136] Frammenti postumi 1881-Adelphi) «Vi son stati innumerevoli modi cogitandi, ma si son conservati solo quelli che portavano avanti la vita organica...» (11[52] Frammenti postumi 1881 - Adelphi) «Nella catena morfologica degli animali, si sviluppa il sistema nervoso e, più tardi, il cervello: si sviluppa il sentire, come, più tardi, si sviluppa il creare immagini e il pensare.» (25[325] Frammenti postumi 1884 - Adelphi) «L'apparato conoscitivo [...] come mezzo dell'apparato della nutrizione.» (25[377] Frammenti postumi 1884 - Adelphi) «NB. Il principio di conservazione dell'individuo (ovvero la paura della morte) non può essere dedotto da sensazioni di piacere e dispiacere, bensì esso è qualcosa che dirige, è una valutazione, che si trova già alla base di tutte le sensazioni di piacere e dispiacere. Solo quelle attività intellettuali che conservavano l'organismo hanno potuto conservarsi; e nella lotta degli organismi queste attività intellettuali si sono continuamente irrobustite e raffinate.» (25[427] Frammenti postumi 1884 - Adelphi). nonché della psicoanalisi, e la sua opera contribuì a renderla in seguito possibile:Dalle teorie di Nietzsche partono linee di sviluppo «che portano alla dottrina degli istinti di Freud e di Pareto e al loro metodo di considerare il pensiero umano come un dispiegamento e prodotto di meccanismi istintuali» (K. Mannheim, Sociologia della conoscenza nell'opera di Nietzsche, Enciclopedia Feltrinelli - Fischer. Nietzsche ha prodotto influssi di assoluto rilievo in svariati ambienti e su numerose personalità della letteratura e della politica del XX secolo. È inevitabile, a tal proposito, riferirsi a Stefan George, così come in Italia a Gabriele DAnnunzio, che nel suo lavoro mostrò di aver manifestamente recepito il mito delloltreuomo, con la conseguente esaltazione, ai limiti del titanismo, di orgoglio e volontà. Nietzsche venne talora considerato tra i precursori del nazionalsocialismo, anche se l'interpretazione del suo pensiero fornita dal filosofo nazista Alfred Baeumler è tuttora dibattuta e considerata controversa.Evidenti influenze del pensiero di Nietzsche sono altresì riscontrabili nell'originale metafisica concreta di Pavel Aleksandrovič Florenskij; nella psicoanalisi di Sigmund Freud e in quella di Carl Gustav Jung (psicologia analitica)Jung considerava Così parlò Zarathustra come il libro che lo influenzò di più e la sua lettura, da giovane, lo colpì moltissimo: «Come per il Faust (Goethe) di Goethe, si trattò di un'esperienza terribile» (C.G. Jung, Ricordi, sogni, riflessioni,1962, p. 139.; nella filosofia "eraclitea" di Alfred Baeumler, così come più in generale nella cosiddetta Konservative Revolution della sfera culturale tedesca tra le due guerre, attraverso tra gli altri Oswald Spengler, Ernst Jünger, Thomas Mann e lo stesso Martin Heidegger; o ancora nel futurismo italiano, nell'individualismo moderno, nell'oggettivismo (Ayn Rand) della romanziera russo-americana Ayn Rand, e più recentemente nel transumanesimo e nel postmodernismo critico.Tra gli autori contemporanei che apertamente rivendicano la propria filiazione nietzscheana troviamo tra gli altri Guillaume Faye, Alain de Benoist (fondatore della Nuova Destra) e l'Anarchico-Edonismo Michel Onfray.Onfray, nel suo sostegno a una politica di "sinistra dionisiaca" di tipo libertario, da lui contrapposta alla "sinistra del ressentiment" (di tipo marxista-leninista, ad esempio) afferma di essere per l'appunto un "nietzscheano di sinistra", categoria a cui accosta anche Albert Camus: «essere nietzschiano vuol dire questo: vuol dire di sì a tutto quello che la vita propone, invece essere nietzschiano di sinistra è dire di sì a tutto quello che dice di sì alla vita, ma dire di no a tutto quello che dice di no alla vita» ( ) Va rammentata, del resto, la notoria affinità spirituale che legava il pittore Giorgio de Chirico al pensatore che qui si commenta. Nietzsche influenzò anche lo scrittore rumeno Emil Cioran che prese da lui il suo pessimismo e nichilismo, radicalizzando.
Altre critiche al pensiero di Nietzsche
Content:File:Röcken (Lützen), the grave of Friedrich Nietzsche.jpg: Critiche del pensiero di Nietzsche arriveranno dalla corrente esistenzialista del Novecento, in particolare da Martin Heidegger per il quale centro della riflessione filosofica è un nuovo corso metafisico sul Dasein. In particolare Heidegger criticherà i concetti di volontà di potenza e oltreuomo come perdita di valori fondamentali da parte dell'individuo; nonostante ciò Heidegger riprenderà da Nietzsche alcune idee, come l'analisi del nichilismo.Forti critiche a Nietzsche saranno pronunciate dalle correnti Spiritualismo, Neoidealismo e religiose, ad esempio dal Chiesa cattolica Gilbert Keith Chesterton, il quale sosterrà anche la non novità delle idee nicciane in dure prese di posizione:
Opere
Content:
Cronologia
Content:@an0:La nascita della tragedia dallo spirito della musica ovvero Grecità e pessimismo@an0:Aurora. Pensieri sui pregiudizi morali@an0:Così parlò Zarathustra. Un libro per tutti e per nessuno@an0:Al di là del bene e del male. Preludio di una filosofia dell'avvenire@an0:Il crepuscolo degli idoli, ovvero Come filosofare a colpi di martello@an0:L'Anticristo@an0:Ecce Homo@an0:La volontà di potenza: saggio di una trasvalutazione di tutti i valori
Collane di opere di Nietzsche
Content:
Edizione italiana delle opere di Friedrich Nietzsche
Content:Condotta sull'edizione critica dei testi originali stabilita da Giorgio Colli e Mazzino Montinari: : I.1: Scritti giovanili 1856-1864, versione di Mario Carpitella, notizie e note di Giuliano Campioni e Mario Carpitella, Milano, Adelphi, 1998. ISBN 88-459-1358-9. : I.2: Scritti giovanili 1865-1869, a cura di Giuliano Campioni e Mario Carpitella, Milano, Adelphi, 2001. ISBN 88-459-1587-5. : III.1: La nascita della tragedia; Considerazioni inattuali, I-III, versioni di Sossio Giametta e Mazzino Montinari, Milano, Adelphi, 1972. : III.2: La filosofia nell'epoca tragica dei Greci e Scritti dal 1870 al 1873, versione di Giorgio Colli, Adelphi, Milano 1973. : III.3.1: Frammenti postumi 1869-1874, a cura di Mario Carpitella, versione di Giorgio Colli e Chiara Colli Staude, Milano, Adelphi, 1989. ISBN 88-459-0725-2. : III.3.2: Frammenti postumi 1869-1874, a cura di Mario Carpitella, versione di Giorgio Colli e Chiara Colli Staude, Milano, Adelphi, 1992. ISBN 88-459-0884-4. : IV.1: Richard Wagner a Bayreuth; Considerazioni inattuali, IV; Frammenti postumi (1875-1876), versioni di Giorgio Colli, Sossio Giametta e Mazzino Montinari, Milano, Adelphi, 1967. : IV.2: Umano, troppo umano, I; Frammenti postumi (1876-1878), versioni di Sossio Giametta e Mazzino Montinari, Milano, Adelphi, 1965. : IV.3: Umano, troppo umano, II; Frammenti postumi (1878-1879), versioni di Sossio Giametta e Mazzino Montinari, Milano, Adelphi, 1967. : V.1: Aurora e Frammenti postumi (1879-1881), versione di Ferruccio Masini e Mazzino Montinari, Milano, Adelphi, 1964. : V.2: Idilli di Messina; La gaia scienza; Frammenti postumi (1881-1882), versioni di Ferruccio Masini e Mazzino Montinari, Milano, Adelphi, 1965. : VI.1: Così parlò Zarathustra. Un libro per tutti e per nessuno, versione di Mazzino Montanari, Milano, Adelphi, 1968. : VI.2: Al di là del bene e del male; Genealogia della morale, versioni di Ferruccio Masini, Milano, Adelphi, 1968. : VI.3: Il caso Wagner; Crepuscolo degli idoli; L'Anticristo; Ecce homo; Nietzsche contra Wagner, versioni di Ferruccio Masini e di Roberto Calasso, Milano, Adelphi, 1970. : VI.4: Ditirambi di Dioniso e Poesie postume (1882-1888), versioni di Giorgio Colli, Milano, Adelphi, 1970; 1982. : VII.1.1: Frammenti postumi 1882-1884, versione di Leonardo Amoroso e Mazzino Montinari, Milano, Adelphi, 1982. : VII.1.2: Frammenti postumi 1882-1884, versione di Leonardo Amoroso e Mazzino Montinari, Milano, Adelphi, 1986. : VII.2: Frammenti postumi 1884, versione di Mazzino Montinari, Milano, Adelphi, 1976. : VII.3: Frammenti postumi 1884-1885, versione di Sossio Giametta, Milano, Adelphi, 1975. : VIII.1: Frammenti postumi 1885-1887, versione di Sossio Giametta, Milano, Adelphi, 1975. : VIII.2: Frammenti postumi 1887-1888, versione di Sossio Giametta, Milano, Adelphi, 1971. : VIII.3: Frammenti postumi 1888-1889, versione di Sossio Giametta, Milano, Adelphi, 1974.
Epistolario
Content:: I, 1850-1869, versione di Maria Ludovica Pampaloni Fama, Milano, Adelphi, 1976. : II, 1869-1874, versione di Chiara Colli Staude, Milano, Adelphi, 1976. : III, 1875-1879, versione di Maria Ludovica Pampaloni Fama, Milano, Adelphi, 1995. ISBN 88-459-1172-1. : IV, 1880-1884, versione di Maria Ludovica Pampaloni Fama e Mario Carpitella, Milano, Adelphi, 2004. ISBN 88-459-1833-5. : V, 1885-1889, versione di Vivetta Vivarelli, Milano, Adelphi, 2011. ISBN 978-88-459-2630-3.
Opere di Friedrich Nietzsche nella collana "Piccola Biblioteca Adelphi"
Content:I seguenti volumi sono pubblicati nella collana di Adelphi, Milano, con copertina gialla (tra parentesi il n. della collana): @an0:Così parlò Zarathustra. Un libro per tutti e per nessuno@an0:L'Anticristo. Maledizione del Cristianesimo@an0:Aurora. Pensieri sui pregiudizi morali@an0:Ditirambi di Dioniso e Poesie postume, autunno 1988@an0:Crepuscolo degli idoli, ovvero Come si filosofa col martello@an0:Genealogia della morale. Uno scritto polemico@an0:Schopenhauer come educatore@an0:David Strauss. L'uomo di fede e lo scrittore@an0:Ecce homo. Come si diventa ciò che si è
Altre opere di Friedrich Nietzsche in italiano
Content:
Glossario dei termini filosofici
Content:; Amor fati @an0:latino@an0:Spinoza@an0:Emerson ; Apollineo (spirito) ; Arte ; Cristianesimo ; Dionisiaco (spirito) ; Morte di Dio @an0:Zarathustra ; Nichilismo @an0:platonico ; Razionalismo ; Volontà di potenza
Note
Content:
Bibliografia
Content:cognome:Finknome:Eugenwkautore:Eugen Finktitolo:La filosofia di Nietzscheeditore:Marsilioanno:1999isbn:978-88-317-0017-7cognome:Heideggernome:Martinwkautore:Martin Heideggercuratore:Franco Volpititolo:Nietzscheeditore:Adelphianno:1994ed:5isbn:978-88-459-1186-6cognome:Löwithnome:Karlwkautore:Karl Löwithcuratore:S. Venutititolo:Nietzsche e l'eterno ritornoeditore:Laterzacittà:Roma-Barianno:2010annooriginale:1982edizione:4isbn:978-88-420-4993-7@an0:Il cane di Zarathustra - Tutto Nietzsche per tutti
Nietzsche nella cultura di massa
Content:
Film
Content:@an0:Al di là del bene e del male
Musica
Content:@an0:Così parlò Zarathustra@an0:Zarathustra@an0:Dio è morto@an0:Nice (Nietzsche) che dice@an0:Nitro
Letteratura
Content:@an0:Elettra
Fumetti e Graphic Novel
Content:
Videogiochi
Content:
Voci correlate
Content:
Altri progetti
Content:
Collegamenti esterni
Content:@an0:de@an0:vol. 1@an0:vol. 2@an0:vol. 3@an0:vol. 4@an0:vol. 5@an0:vol. 6@an0:vol. 7@an0:vol. 8@an0:vol. 9@an0:vol. 10@an0:vol. 11@an0:vol. 13@an0:vol. 14@an0:vol. 16@an0:vol. 17@an0:vol. 18@an0:vol. 19@an0:vol. 20@an0:vol. 21@an0:vol. 22@an0:vol. 23@an0:http://www.thenietzschechannel.com/@an1:Collected text in English and German with Nietzsche's music, correspondence and noteslingua:en, de@an0:http://www.nietzschesource.org@an1:Nietzsche Source: Versione elettronica dell'edizione critica Colli/Montinari — Edizione in facsimile delle opere e dei manoscritti di Nietzsche a cura di P. D'Ioriolingua:en, de, fr, it@an0:http://www.hypernietzsche.org/nnc/@an1:Nietzsche News Center (NNC), il portale dell'attualità nietzscheanalingua:en, fr, de, it@an0:http://www.centronietzsche.net/@an1:Centro Interdipartimentale di studi 'Colli-Montinari' su Nietzsche@an0:http://www.intratext.com/Catalogo/Autori/AUT275.HTM@an1:Friedrich Nietzsche@an0:http://www.lsr-projekt.de/poly/itnietzsche.html@an1:La crisi iniziale di Nietzsche e il paragone con Stirner@an0:http://www.nietzschehaus.ch/@an1:Portale della Nietzsche Haus in Nuova Engadinaid:Nietzsche, Friedrichcname:Friedrich Nietzsche Categoria:Friedrich Nietzsche Categoria:Accademici tedeschi Categoria:Aforisti tedeschi Categoria:Apolidi Categoria:Compositori romantici Categoria:Filosofi atei Categoria:Grecisti tedeschi Categoria:Oppositori della pena di morte Categoria:Compositori tedeschi del XIX secolo Categoria:Studenti dellUniversità di Bonn

Links

Zambrano e Nietzsche, il cammino del linguaggio (trad. di Federico Sanguinetti).Pietro Citati, Lou Salomé la bambina mangiauominiThe madness of Dionysus -- six hypotheses on the illness of Nietzsche.Consultabile quiIl caso NietzscheNietzsche e FreudFurious Frederich: Nietzsche’s neurosyphilis diagnosis and new hypothesesOrth M., Trimble MR., Friedrich Nietzsches mental illness--general paralysis of the insane vs. frontotemporal dementia.P.G. Milanesei, Il caso Nietzsche, Gruppo di Neuroteoretica, Pavia & Brain Connectivity Center, IRCCS Fondazione Istituto Neurologico Nazionale C. Mondino, PaviaKoszka C., Friedrich Nietzsche (1844-1900): a classical case of mitochondrial encephalomyopathy with lactic acidosis and stroke-like episodes (MELAS) syndrome?«Friedrich Nietzsche», Stanford Encyclopedia of PhilosophyHemelsoet D, Hemelsoet K, Devreese D (March 2008), The neurological illness of Friedrich NietzscheIl re e il nichilista, un mistero coi baffiDiego Fusaro, NietzscheFriedrich Nietzsche: il pensiero in breveDizionario italiano: IperSopraÜberrecensione ed estrattiJulius Evola (a cura di Diego Fusaro)Leterno ritornoSono infiniti i Big Bang che hanno fatto il mondoquiMazzini e i doveri delluomoNietzsche politico o impoliticoNietzsche and the AnarchistsBernd A. Laska: La crisi iniziale di Nietzsche. Un nuovo chiarimento della questione Nietzsche e Stirner.Renzo de Felice, Mussolini il rivoluzionario, Einaudi, 2004Evolution and philosophy - Does right make right?Filosofi in rivolta: Onfray e il gramscismo di CamusILN Picture LibraryIl cane di Zarathustra - Tutto Nietzsche per tuttivol. 1vol. 2vol. 3vol. 4vol. 5vol. 6vol. 7vol. 8vol. 9vol. 10vol. 11vol. 13vol. 14vol. 16vol. 17vol. 18vol. 19vol. 20vol. 21vol. 22vol. 23

References

tedescosaggistacompositorefilologopoliticopsicoanalisiSigmund FreudNovecentoXX secolofilosofie della vitaGonçal Mayos SolsonamoralereligionecristianascienzametafisicaironiaparodiaLa nascita della tragediaConsiderazioni inattualiRichard WagnerUmano, troppo umanoneurologicaereditariatrasvalutazione dei valorinichilismo attivooltreuomoeterno ritornovolontà di potenzaCosì parlò ZarathustraCarl Ludwig Nietzsche, padre di Friedrich: RöckenPrussiaSassonia-AnhaltLipsia1844Federico Guglielmo IV di Prussia1826pastori protestantiAltenburg18461848Elisabeth18501850 circa): 1849tumore cerebraleictusepilessia del lobo temporaleNaumburgmusicacantopoesieGoetheByronRalph Waldo EmersonCondotta di vitaemicrania1861, all'età di 17 anni: Ernst OrtleppFriedrich Hölderlinfonti primarie1864Università di BonnBurschenschaftFranconiaDavid Friedrich StraußfedeFranconia1865; Nietzsche è in seconda fila, seduto, di profilo, con la mano destra sulla tempia: 1865Università di LipsiaFriedrich RitschlTeognideSuidaPlatoneArthur SchopenhauerIl mondo come volontà e rappresentazioneImmanuel KantmaterialismoevoluzionismoDarwin1867Erwin RohdePsicheDiogene LaerzioOmeroDemocrito1868, in uniforme da artigliere: servizio militarereggimentoartiglieriacavalloesercito prussianoNaumburgsterno1868Richard WagnerorientalistaHermann Brockhaus1869Università di BasileaapolideCosimaRichard WagnerVienna1872): Tribschenlago dei Quattro CantoniLucernaRichardCosima Wagnercorrettore di bozzeanni 1880Genealogia della moraleLa nascita della tragediaJacob BurckhardtteologiaFranz Camille OverbeckAfrikan Špirguerra franco-prussianadifteritedissenteriaimpero tedescoOtto von BismarckUlrich von Wilamowitz-MoellendorffKielNietzsche nel 1872: Considerazioni inattualiSullutilità e il danno della storia per la vitaLa filosofia nellepoca tragica dei grecicultura tedescaMalwida von MeysenbugHans von BülowPaul RéepessimismoFestival di BayreuthUmano, troppo umanoapolideLou Von SaloméPaul Rée e Nietzsche nel 1882: Sils MariaSaint MoritzEngadinaSvizzeraGenovaRapalloTorinoVeneziaNizzaMessinaTaorminaPasqua1882RomaMalwida von MeysenbugLou von SaloméBasilica di San Pietrolago dOrtaPaul Réeamore platonicoFreudRainer Maria Rilke1885TorinoPiazza Carlo AlbertoPiazza Carlo Alberto: Nietzsche e la madre Franziska (1892): 1888TorinoLAnticristoIl crepuscolo degli idoliEcce Homo1889crollo mentaleneurologica1889folliapiazza CarignanoDostoevskijDelitto e castigopolizia municipaleAnacleto VerrecchiaNuova Antologianeurosifilidemalattia venereasifilideLeonard SaxColoniaPaul DeussenJoachim KöhlerNietzsche. Il segreto di ZarathustraRüdiger Safranskitumore cerebralemeningiomapsicosi maniaco-depressivaavvelenamento da mercurioictusdemenza vascolaredemenza frontotemporalemalattia di Pickencefalomiopatia mitocondrialearteriopatia cerebraleinfarti cerebraliemicraniademenzaconfusione mentaleapatiaFelix MendelssohnictusBiglietti della folliare dItaliaUmberto I di SavoiaFranz Camille OverbeckpsichiatricaBasileaSvizzeraanisocoriapupilla di Argyll RobertsonNaumburgAssiaGermaniaJenaOtto Binswangerparalisidemenza1890morfinaoppiocloralioElisabeth Förster NietzscheParaguay18931892perde la memoriathumb|left|Nietzsche nellultima fase della malattia, in una ricostruzione cinematografica ricavata da fotografie originali scattate a Weimar (tratta dalle ultime sequenze del film I giorni di Nietzsche a Torino, di J. Bressane, Brasile, 2001).mutismopianoforteparalisi1893perde lusosedia a rotelle1894perdita della parola18991895189718981899ictus1899, un anno prima della morte: 1897WeimarTuringiaGermaniaNietzsche-ArchivRudolf Steinerpolmonite1900ateismoautodistruzioneascesi1862File:Nietzsche 1862b.JPG: tragedia grecafilosofie presocraticheEraclitoSchopenhauerRitratto di Nietzsche: La nascita della tragedia1872tragedia grecaspirito dionisiacoapollineoSocrateEuripideSofocleEschiloPlatoneParmenidePlotinocristianesimoidealismo tedescometafisicaCristianesimodemocraziametaforicavolontà di potenzaSchopenhauerErwin RohdeCarl von Gersdorff1871File:Rohde Gersdorff Nietzsche-2.JPG: Dio è mortoOltreuomonichilistaCosì parlò Zarathustraspirito apollineodionisiacoInno alla GioiaBeethovenmisteri eleusiniLa nascita della tragediaLa nascita della tragediaspirito dionisiacospirito apollineoDioniso1864File:Friedrich Nietzsche - 1864.jpg: tragediaditirambotragedia grecaArchilocoEuripideSculture presso la tomba di Nietzsche a Röcken, rappresentanti il filosofo e sua madre; la lapide non è il sepolcro di Nietzsche (che si trova accanto al muro), ma un monumento: SocratePlatoneGesùfilantropialotta per lesistenzaCosì parlò ZarathustraUmano, troppo umano18781880SchopenhauerWagnerTristano e IsottaParsifalilluministaVoltaireFriedrich Nietzsche, disegno di Hans Olde, da serie di fotografie dello stesso autore (1899).: Dio è mortoLa gaia scienzaLa gaia scienzaesistenzialismo ateoLa pietra alla memoria di Nietzsche: emersonianoCarlyleKierkegaardMax StirnerindividualistaoltreuomoGianni VattimoDomenico Losurdoschiavisticaaristocraticoeugeneticanazismotradizionalesinistraestrema destraJulius EvolaAlfred BaeumlerGilbert Keith Chestertonmaniera letteraleMichel OnfraynazismoelitarioaristocraticoSchadenfreudehitlerianiPrimo LeviColliMontinariscimmiaDionisopessimismofatalismobenemaletragedia grecaEschiloeroicaprometeicorinascimentaleuomo universaleimpulsoNapoleoneGoetheeterno ritornodemoneLa gaia scienzatempofisicimatematiciRoger PenroseMax TegmarkPoincaréNietzsche nel 1875: Mazzino MontinariEraclitoFrancobollo commemorativo tedesco emesso per il 110º anniversario della morte di Nietzsche: malattia mentaleMazzino MontinarirazionalismonichilistaOttocentoXX secoloKierkegaardpositivismotitanismoWeltanschauungAntonio RubinoTorinopodestà1944 per il centenario della nascita: ItaliascetticismoqualunquismoMartin Luteroetà modernaRomaCesare BorgiaRinascimentopapatoteologiaprotestantecattolicaellenicheNapolibellezzaGenovaVeneziaRichard WagnermusicaTritoneFirenzePalazzo PittiControriformaTorinoarchitetturaBasilea1871Giuseppe Mazzinirepubblicani italianiNiccolò MachiavelliPrincipeTucidideAlfredo Oriani1889Edvard MunchFile:Friederich Nietzsche.jpg: reazionarioantipoliticoè stato spesso associatoanarchicoanarchismoAl di là del bene e del malecondotta sociale irrazionale del greggeanti-cristianesimomercatoculturasuperomistané padrone né schiavoMax StirnerMichel OnfrayfascismonazismoBenito MussolinisuperuomoAdolf HitlerWeimarElisabeth Förster-Nietzsche (1894): Alfred BaeumlerLa volontà di potenza19291931Elisabeth Förster-Nietzscheil suo tracollo psichicoMazzino Montinarianni sessantaMazzino MontinariEditions de lEclatKarl MarxGermania EstcomunistaMassimo Finilibero arbitrioCosì parlò ZarathustraGenealogia della moraleNietzscheCesare BeccariaGenealogia della moralepena di mortediritti umaniSlavoj ŽižekUmano, troppo umanoStoriagenealogiaHegelhegelismodialetticaHegelseconda considerazione inattualeHegelpositivistimeccanicisticherazionaleSocratePlatoneCartesioilluministirazionalisticoImmanuel KantmetafisicaascesiUmano, troppo umanoVoltaireSøren KierkegaardesistenzialismocinismoFriedrich Wilhelm RitschlFile:Nietzsche3l philolog-gesell-leipzig.jpg: ut suprareligioneArthur SchopenhauermoralepietàirrazionaleEduard von HartmannJulius BahnsenPhilipp MainländerLa gaia scienzaDio è mortoStendhalDostoevskij1887Memorie del sottosuoloRouge et NoirGianlorenzo PaciniTolstòjIgor SibaldiRalph Waldo EmersonVoltaireStirnerpessimistaGiacomo Leopardidarwinismoselezione naturaleSpencerspecieidealismoKantmetafisichemoraleretoricaetologiaepistemologia evoluzionistapsicoanalisiXX secoloStefan GeorgeGabriele DAnnunzionazionalsocialismoAlfred BaeumlerPavel Aleksandrovič FlorenskijpsicoanalisiSigmund FreudCarl Gustav Jungpsicologia analiticaFaustGoetheKonservative RevolutionOswald SpenglerErnst JüngerThomas MannMartin HeideggerfuturismoindividualismooggettivismoAyn RandtransumanesimopostmodernismoGuillaume FayeAlain de BenoistNouvelle DroiteanarcoedonistaMichel Onfraylibertarioressentimentmarxista-leninistaAlbert CamusGiorgio de ChiricoEmil CioranRöcken, dietro la casa natale, accanto alla sorella e al padre. Visibile anche la lapide della madre.: esistenzialistaNovecentoMartin Heideggersenso dellesserevolontà di potenzaoltreuomonichilismospiritualisteidealistecattolicoGilbert Keith Chestertoncompassione1919Riccardo TerzoRiccardo il GobboLa nascita della tragedia dallo spirito della musica ovvero Grecità e pessimismoConsiderazioni inattualiUmano, troppo umanoAurora. Pensieri sui pregiudizi moraliGli Idilli di MessinaLa gaia scienzaCosì parlò Zarathustra. Un libro per tutti e per nessunoAl di là del bene e del male. Preludio di una filosofia dellavvenireGenealogia della moraleIl caso WagnerIl crepuscolo degli idoli, ovvero Come filosofare a colpi di martelloLAnticristoEcce HomoNietzsche contro WagnerLa volontà di potenza: saggio di una trasvalutazione di tutti i valoriGiorgio ColliMazzino MontinariMario CarpitellaSossio GiamettaFerruccio MasiniRoberto CalassoAdelphiSullutilità e il danno della storia per la vitaSossio GiamettaGiorgio ColliCosì parlò Zarathustra. Un libro per tutti e per nessunoMazzino MontinariMario CarpitellaAl di là del bene e del maleFerruccio MasiniLa nascita della tragediaLa gaia scienzaLAnticristo. Maledizione del CristianesimoAurora. Pensieri sui pregiudizi moraliMario BortolottoUmano, troppo umanoUmano, troppo umanoDitirambi di Dioniso e Poesie postume, autunno 1988Crepuscolo degli idoli, ovvero Come si filosofa col martelloGenealogia della morale. Uno scritto polemicoSchopenhauer come educatoreDavid Strauss. Luomo di fede e lo scrittoreEcce homo. Come si diventa ciò che si èRoberto CalassoGiuliano CampioniFederico GerratanaChiara Colli StaudeVivetta VivarelliMaria Cristina Fornariamor fatilatinoSpinozaEthicaEmersonApolloGrecia anticaDionisoNichilismoOltreuomoZarathustraIperuranioplatonicoilluminismoSocrateoltreuomoAgalmaMimesis EdizioniLeonardo Vittorio ArenaGeorges BatailleAlberto Giovanni BiusoGiorgio ColliGilles DeleuzeNietzsche e la filosofiaElémire ZollaMassimo FiniKarl JaspersNietzsche. Il segreto di ZarathustraDomenico LosurdoRealino MarraFederica MontevecchiMichel OnfrayUmberto ReginaAntonio SantoriEmanuele SeverinoGianni VattimoAl di là del bene e del male1977Liliana CavaniI giorni di Nietzsche a Torino2001When Nietzsche Wept2007Il cavallo di Torino2011Béla TarrCosì parlò ZarathustraRichard StraussVieri TosattiDavid BowieThe Supermen1970The Man Who Sold The WorldDandy WarholsZarathustra1973rock progressivoMuseo RosenbachGucciniNomadiDio è mortoNice (Nietzsche) che diceZucchero FornaciariOro, incenso e birraBlind GuardianNitroTrent ReznorNine Inch NailsThe Downward SpiralGabriele DAnnunzioElettraLaudiLe lacrime di NietzscheIrvin YalomJosef BreuerMichel OnfrayCosì parlò ZarathustraWatchmenAlan MooreDave GibbonsRessentimentRisentimentoFatoEterno ritornoEpistemologia evoluzionisticaSuperomismoCategoria:Friedrich NietzscheCategoria:Accademici tedeschiCategoria:Aforisti tedeschiCategoria:ApolidiCategoria:Compositori romanticiCategoria:Filosofi ateiCategoria:Grecisti tedeschiCategoria:Oppositori della pena di morteCategoria:Compositori tedeschi del XIX secoloCategoria:Studenti dellUniversità di BonnCategoria:Pre-esistenzialisti

Categories

wikitext-dom:<empty>