entity
id:2508155
revid:103205761
size:152470
Parma
OKNo issues detected

Abstract

Parma (Associazione fonetica internazionale: , ; Pärma in dialetto parmigiano) è un Comune (Italia) di 197130 abitanti, capoluogo dell'provincia di Parma e seconda città dell'Emilia-Romagna per popolazione dopo il capoluogo regionale Bologna.Antica capitale del ducato di Parma e Piacenza (1545-1859), la Città dItalia#Emilia-Romagna di Parma è Università di Parma dall'XI secolo.Sito Università di È inoltre sede dal 2002 dell'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA); dal 1956 del Magistrato per il Po, oggi Agenzia Interregionale per il fiume Po (AIPO); dal 1990 dell'Autorità di bacino distrettuale del fiume Po (AdbPo); e dal 1994 di un Reparto Investigazioni Scientifiche (RIS) dei Arma dei Carabinieri, con competenza sull'Italia settentrionale. Vi ha inoltre sede Crédit Agricole Cariparma, già Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza.Tutti gli anni nel mese di ottobre si tiene il Festival Verdi. Nel dicembre 2015 Parma ha ricevuto il riconoscimento di "Città creativa UNESCO per la Gastronomia".Il nome di Parma è inoltre legato all'Parma (Ohio) che sorge nello stato dell'Ohio, a breve distanza da Cleveland; chiamata originariamente Greenbrier, la località fu rinominata nel 1826 su proposta del medico David Long, che durante la sua visita al ducato emiliano era rimasto "impressionato dalla grandezza e bellezza" della città italiana.Il 16 febbraio 2018 la città è stata nominata capitale italiana della cultura per l'anno 2020.
sections_text:
<empty>
Content:
Geografia fisica
Content:Situata nel Nord Italia, nella parte occidentale dell'Emilia, tra gli Appennini e la Pianura Padana, la città è divisa in due dal Parma (torrente), affluente del Po che, appena prima di entrare nel cuore del centro storico, riceve le acque dell'affluente Baganza. La Parma è un torrente, quindi un corso d'acqua a regime mutevole, che alterna le piene tumultuose della stagione invernale, quando prende il nome di Parma voladora, alle desolate secche estive.All'inizio dell'XIX secolo lo stesso letto del torrente fu ristretto entro alte mura, il "lungoparma" appunto, che consegnano alla città un profilo continuo.
Territorio
Content:Per mettere in sicurezza il territorio di Parma dai rischi idrogeologici di una piena del torrente Parma, nel 2005 è stata creata una Bacino di espansione, pochi chilometri a sud del centro urbano, in località Marano. L'invaso può arrivare a contenere dodici milioni di metri cubi d'acqua: si tratta del bacino più grande della regione, diventandone effettivamente il terzo lago per estensione durante gli eventi di piena del torrente. È costituito da una barriera lunga oltre 260 metri e alta 24. Il territorio comunale è interamente pianeggiante e due corsi d'acqua ne delimitano parte dei confini, ad ovest il Taro (fiume) e ad est il torrente Enza, che marca anche la separazione dalla vicina provincia di Reggio Emilia. Le prime propaggini dell'Appennino Parmense si trovano circa a 15 chilometri in direzione sud, al di fuori del territorio comunale, nei comuni limitrofi di Traversetolo, Lesignano de Bagni, Langhirano, Felino (Italia), Sala Baganza e Collecchio.
Clima
Content:Il clima di Parma è tipicamente continentale: le estati sono calde e afose con temperature diurne di circa 30°C (il 6 agosto 2003 è stato stabilito il nuovo record dal 1878 come giornata più calda in assoluto; la temperatura massima è stata di 39,3°C), punteggiate da temporali anche forti sulla bassa pianura. Gli inverni sono rigidi con temperature minime spesso al di sotto dello zero (il record fu raggiunto il 10 gennaio 1985 quando la temperatura scese a -25°C nel centro della città e nelle campagne circostanti si registrò -33°C), mentre nell'inverno del 2011 si registrarono -24°C. Le nevicate sono molto frequenti sull'Appennino, mentre in città e sul settore pianeggiante cadono mediamente ogni inverno circa 35- 40cm di neve. In autunno è frequente il fenomeno della nebbia, specie a nord della Via Emilia e verso il fiume Po. Il mese più piovoso è ottobre con una media di 91mm, il più secco è il mese di luglio con una media di 36mm (medie mensili riferite al periodo 1961-1990).In base alla media trentennale 1961-1990, la temperatura media del mese più freddo, gennaio, si attesta a +1,3°C; quella del mese più caldo, luglio, è di circa +24,4°C. Le precipitazioni medie annue si attestano a 777mm, con minimi relativi in estate e in inverno, picco massimo in autunno e massimo secondario in primavera. L'eliofania assoluta media annua fa registrare il dato medio di 6,4 ore giornaliere, con massimo di 10,2 ore medie giornaliere in luglio e minimo di 2,6 ore medie giornaliere in dicembre. :* Classificazione climatica: zona E, 2289 Gradi giorno :* Diffusività atmosferica: bassa, Ibimet CNR 2002
Origini del nome
Content:Secondo numerosi storici, il toponimo deriverebbe dallo Parma (scudo) utilizzato dall'esercito Romano, che probabilmente richiamava la forma del primo nucleo cittadino. Secondo altri studiosi, avrebbe invece un'origine più antica, derivata dai gentilizi etruschi Parmnie, al femminile Parmni, dall'antroponimo Parme. Le due tesi apparentemente contraddittorie sono sintetizzate dal linguista Massimo Pittau, che ritiene che la voce Lingua latina parma/parmae fosse un prestito linguistico della lingua etrusca e che l'Etruschi utilizzasse già lo stesso scudo metallico di forma circolare. Non viene da tutti esclusa nemmeno un'indefinita origine Lingua ligure antica o Lingue celtiche del toponimo lingua latina. Esiste infine l'ipotesi che il nome derivi dal Parma (torrente) che l'attraversa."Il nome della città non si può disgiungere, anzi deriva dal nome del fiume Parma che scorre attraverso la città. E il nome del fiume è ligure; e proviene dalla voce mediterranea Pala, Para più il formante o suffisso locativo mediterraneo in (a)ma. Para significa costa di monte, dirupo montano. Parma idronimo significherebbe il fiume montano." Cfr. Guglielmo Capacchi, Castelli parmigiani, Parma 1979, p. 444..
Nome degli abitanti
Content:Benché per secoli gli abitanti della città e del suo territorio siano stati indifferentemente chiamati parmigiani o parmensi, soprattutto dal XX secolo è molto diffuso l'uso di indicare con il primo soltanto i nativi o residenti di Parma e con il secondo esclusivamente quelli della provincia di Parma, detta per l'appunto Parmense.
Storia
Content:File:Vaenius - Alexander Farnese.png: Le più antiche tracce della presenza dell'uomo nel territorio di Parma risalgono al neolitico antico, compreso all'incirca tra il 5600 e il 5000 a.C., ma all'epoca la zona risultava scarsamente abitata; la situazione mutò dopo il 5000 a.C., quando si svilupparono vari insediamenti riferibili alla cultura dei vasi a bocca quadrata.Durante l'età del bronzo antico, tra il XVIII secolo a.C. e il XVII secolo a.C., furono fondati alcuni villaggi ascrivibili alla cultura di Polada, ma fu con l'inizio dell'età del bronzo medio, a partire dal XVI secolo a.C., che si diffusero nel territorio numerosi insediamenti terramaricoli.Benché non esistano tracce testimoniali, per alcuni storici e secondo una menzione di Tito Livio, Parma sarebbe stata fondata dagli Etruschi,Quaderni Parmensi, di Gianfranco Stella (1988). che si insediarono nell'Emilia occidentale tra il VII secolo a.C. e il VI secolo a.C. Successivamente, verso il IV secolo a.C., la regione venne occupata dai celti Boi.Con la progressiva conquista del Nord Italia da parte dei Civiltà romana, nel 183 a.C. Parma divenne una colonia romana e ad ognuna delle 2.000 famiglie installate vennero affidati lotti di terra in prossimità della via Emilia, dalla quale, a est della città, partiva un Cardine (storia romana) della centuriazione che si insinuava lungo la valle del Parma (torrente), dando origine alla strada delle cento miglia, che collegava Parma a Luni attraverso il passo del Lagastrello. Col trascorrere degli anni, la fedeltà dimostrata nei confronti dell'Impero valse alla città il titolo di Augusta Parmensis.In tempi successivi, la crisi dell'Impero Romano causerà anche a Parma la perdita di una certa stabilità e floridezza economica fino al culmine di una decadenza demografica, che nel 377 obbligò l'imperatore Graziano a stabilire nella zona una tribù di barbari, i Taifali. Seguirono periodi di alternanza tra benessere e decadenza: ai saccheggi di Attila del 452, si contrappose, dopo il 502, la rinascita ad opera di Teodorico il Grande; alle successive conseguenze drammatiche causate dalle guerra gotica (535-553) ci fu nuovamente il rifiorire durante il breve periodo bizantino (539-568), che valse a Parma l'appellativo di "Crisopoli" (Città d'oro).Fu in seguito, con l'arrivo dei Longobardi nel 593, che Parma divenne per la prima volta un centro militare e amministrativo, la capitale di un ducato in cui risiedeva una delle figlie del re Agilulfo. I Franchi succedettero ai duchi longobardi e nell'879 Carlomanno di Baviera accordò al vescovo Guibodo il potere temporale sulla città. Ai saccheggi provocati nel IX secolo dalle invasioni dei Magiari, seguì un periodo di pace e crescita demografica. In questa fase Parma continuò ad essere governata da una lunga serie di conti-vescovi fino al XII secolo, quando la città divenne un Comune medievale, amministrato da un podestà (medioevo) e da un capitano del popolo. Nel 1160 Federico Barbarossa sottomise i parmigiani obbligandoli a dichiarare fedeltà all'Impero, ma l'autorità imperiale verrà sconfitta nella battaglia di Legnano del 1174 dalle città riunite nella Lega Lombarda (tra cui Parma). Nel 1183 la Pace di Costanza ristabilì l'autonomia cittadina.Nella lunga contesa tra guelfi e ghibellini, che dominò la vita politica italiana dal XII al XIV secolo, Parma si schierò dapprima coi ghibellini, favorevoli all'Imperatore, e successivamente con i guelfi, dopo la battaglia di Borghetto del Taro (nei pressi dell'attuale Castelguelfo (frazione)). Seguì un periodo di dominazione straniera: Parma fu sottoposta al dominio milanese dei Visconti dal 1346 al 1447, salvo un breve intermezzo, tra il 1404 ed il 1409, in cui il potere passa nelle mani di Ottobuono de Terzi. Ai Visconti, succederanno gli Sforza ma anche le dominazioni francesi.Nel 1521 l'esercito pontificio e spagnolo, dopo un Primo assedio di Parma (1521), sconfisse i francesi e la città fu conquistata. Nel 1545 il papa Paolo III (nato Alessandro Farnese), creò il Ducato di Parma affidandolo al figlio illegittimo Pier Luigi Farnese e la famiglia farnesiana mantenne il governo ducale fino al 1731, facendo di Parma una piccola capitale italiana, ricca delle opere di grandi artisti quali il Correggio (pittore) ed il Parmigianino.Ai Farnese succedettero i Borbone con l'Infante di Spagna Carlo III di Spagna, figlio di Elisabetta Farnese e di Filippo V di Spagna. Nel 1734, in seguito allo scoppio della guerra di successione polacca e alla conquista borbonica delle Due Sicilie, Carlo I venne riconosciuto Re di Napoli, ma fu obbligato a cedere nel 1735 il ducato di Parma all'imperatore Carlo VI dAsburgo, senza prima dimenticarsi di spogliare Parma di tutte le raccolte di famiglia conservate nei palazzi e portarle con sé a Napoli.Nel 1926 furono trasferiti a Parma, presso la Galleria nazionale di Parma e la sede del municipio, e a Piacenza, al Palazzo Farnese (Piacenza), 138 dipinti farnesiani provenienti dal Museo di Capodimonte di Napoli come risarcimento delle presunte usurpazioni operate da Carlo di Borbone due secoli prima. Nel 1748 il ducato di Parma e Piacenza, con l'aggiunta di Guastalla, tornò ai Borbone con la stipula del Trattato di Aquisgrana (1748), che pose fine alla guerra di successione austriaca; Filippo I di Parma fondò la dinastia dei Borbone di Parma, che contribuì a rendere Parma un faro culturale in Europa. Nel 1802 Napoleone Bonaparte annetté il ducato alla Francia, trasformandolo in semplice dipartimento (dipartimento del Taro).Solo con l'abdicazione di Napoleone, avvenuta nel 1814, e il successivo Congresso di Vienna, venne ristabilito il Ducato di Parma, Piacenza e Guastalla, affidato temporaneamente agli Asburgo. Maria Luigia dAustria, sposa di Napoleone e figlia dell'imperatore Francesco I dAustria, divenne in questo modo la nuova duchessa della città e, malgrado gli episodi rivoluzionari del 1831, conservò il potere fino alla sua morte, avvenuta nel 1847, senza però il potere di trasmettere il trono ad eredi. Nello stesso anno i Borbone-Parma tornano a governare il ducato, dapprima con Carlo II di Parma (1847-1849), al quale succedette il figlio, Carlo III di Parma (1849-1854), pugnalato a morte per strada il 26 marzo 1854 da un attentatore rimasto sconosciuto, e infine con Roberto I di Parma che, essendo troppo giovane per governare, ebbe la reggenza assicurata dalla madre Luisa Maria di Borbone-Francia (1819-1864). Roberto I venne deposto nel 1859, ad undici anni, quando, allo scoppio della seconda guerra di indipendenza, la madre preferì fuggire nel Regno Lombardo-Veneto, in attesa dell'esito della guerra. Con l'Armistizio di Villafranca il Regno di Sardegna annetté il Ducato dopo un plebiscito celebrato nel 1860. Il ramo dei Borbone-Parma prospera tuttora e, dal 1964, i nipoti di Roberto sono Granduchi del Lussemburgo.Nel 1922 la città di Parma si distinse per aver combattuto le milizie fasciste comandate da Italo Balbo erigendo barricate in numerosi quartieri della città. Il 23 aprile 1945 iniziò la ritirata delle truppe nazi-fasciste da Parma e il 24 aprile un gruppo di cittadini prese provvisoriamente in consegna il quotidiano locale Gazzetta di Parma, con lo scopo di cederlo al Comitato di Liberazione Nazionale; infine, il 26 aprile, partigiani e truppe alleate fecero il loro ingresso in città. Per i sacrifici delle sue popolazioni e per la sua attività nella lotta partigiana durante la seconda guerra mondiale Parma è tra le Città decorate al Valor Militare per la Guerra di Liberazione e insignita della Medaglia dOro al Valor Militare. Durante l'Assemblea Costituente ci fu il tentativo, da parte del sen. Giuseppe Micheli e di alcuni politici, di creare la regione Lunezia, avente come capoluogo Parma: la proposta dapprima venne approvata, ma in seguito venne sospesa con l'articolo Mortati.
Simboli
Content:
Stemma
Content:File:Coat of arms of Parma.svg Lo stemma del Comune è costituito da uno scudo con croce azzurra in campo oro, sormontata da corona ducale e contornata dal motto: Hostis turbetur quia Parmam virgo tuetur che significa "tremino i nemici perché la Vergine protegge Parma". La frase fu coniata in occasione della vittoria dei parmigiani nel 1248 sulle truppe assedianti guidate dall'imperatore Federico II di Svevia.
Gonfalone
Content:File:Parma-Gonfalone.png: Il Gonfalone del Comune consiste in un drappo con croce azzurra in campo oro recante l'iscrizione: "aurea Parma" che richiama l'antica denominazione che i bizantini avevano coniato per la città: "Crisopoli".
Onorificenze
Content:È tra le Città decorate al Valor Militare per la Guerra di Liberazione perché è stata insignita della Medaglia d'Oro al Valor Militare il 9 settembre 1947 per i sacrifici delle sue popolazioni e per la sua attività nella lotta partigiana durante la seconda guerra mondiale.
Monumenti e luoghi d'interesse
Content:In città sono repertoriati 330 beni culturali, tra i quali 34 archeologici e 296 architettonici.Carta del Rischio del Patrimonio Culturale dell'ICR, dati al 2006.
Architetture religiose
Content:File:Piazza Duomo Parma 2009-08.jpg: File:Battistero di Parma 20081206-03.jpg: I principali monumenti religiosi per cui la città è nota sorgono nei pressi di piazza Duomo: il Duomo di Parma, consacrato nel 1106, che, considerato fra le maggiori opere dell'architettura romanica in Italia, al suo interno conserva la Deposizione dalla croce (Antelami), bassorilievo del 1178 di Benedetto Antelami, oltre agli importanti affreschi rinascimentali della Assunzione della Vergine (Correggio), opera del Correggio (pittore), e delle tre navate; il Battistero di Parma dell'Antelami, consacrato nel 1270, che, interamente rivestito in marmo rosa di Verona, è arricchito da affreschi e sculture risalenti al XIII secolo e XIV secolo; la rinascimentale abbazia di San Giovanni Evangelista, nel cui grande complesso si ammirano la chiesa con facciata marmorea tardo manierista di Simone Moschino, ricca internamente di affreschi rinascimentali, tra cui la celeberrima Cupola di San Giovanni a Parma dipinta dal Correggio, e l'Antica Spezieria di San Giovanni, costituita da quattro sale contenenti ancora oggi gli arredi dell'epoca. File:Parma, San Giovanni Evangelista 01.JPG: File:Correggio, Camera di San Paolo, Parma 02.jpg: Non lontano si trovano inoltre il Monastero di San Paolo (Parma), la cui Camera della Badessa presenta una volta ad ombrello interamente affrescata dal Correggio, e la basilica di Santa Maria della Steccata, che, considerata uno degli esempi più significativi in Italia di chiese a pianta centrale della prima metà del XVI secolo, presenta al suo interno notevoli affreschi rinascimentali, tra cui le Tre vergini savie e tre vergini stolte, capolavoro realizzato dal Parmigianino. File:Madonna della Steccata.jpg: File:Chiesa della SS Annunciata.JPG: Degne di nota sono inoltre: la Architettura neoclassica Chiesa di San Pietro (Parma), del Ennemond Alexandre Petitot; la architettura barocca Chiesa di San Vitale (Parma), con lo scenografico Monumento Beccaria; la barocca Chiesa di SantAntonio Abate (Parma) progettata da Ferdinando Galli da Bibbiena; l'antica Chiesa di San Sepolcro (Parma); l'imponente chiesa di San Francesco del Prato, costruita in epoca architettura gotica; l'adiacente piccolo Oratorio dellImmacolata Concezione (Parma); la gotica Chiesa di Santa Maria del Carmine (Parma); la piccola Chiesa di Santa Maria degli Angeli (Parma), ricca di affreschi cinquecenteschi e seicenteschi. File:Parma chiesa di santa maria del quartiere 03.JPG: File:Certosa Paradigna.jpg: Nel quartiere Oltretorrente sorge la monumentale Chiesa della Santissima Annunziata (Parma) di Giovan Battista Fornovo, considerata uno dei monumenti più significativi del Manierismo sperimentale della seconda metà del XVI secolo, ad insolita pianta ellittica con dieci absidiole disposte a raggiera.Non lontano si trovano anche: la barocca piccola Chiesa di Santa Maria delle Grazie (Parma), con affreschi di Sebastiano Galeotti; l'oratorio di SantIlario all'interno dell'Ospedale Vecchio, dedicato al patrono cittadino; l'ex Chiesa di San Francesco di Paola (Parma), di cui si conserva ancora solo la facciata barocca contornata da due torri dette "dei Paolotti"; la romanica Chiesa di Santa Croce (Parma); la barocca chiesa di Santa Maria del Quartiere di Giovan Battista Aleotti, caratterizzata dalla grande cupola con magnifici affreschi del Paradiso, opera di Pier Antonio Bernabei.All'esterno dell'area urbana sorgono due notevoli complessi monastici: l'abbazia di Valserena (nota anche come "Certosa di Paradigna"), oggi sede del Centro studi e archivio della comunicazione, la cui imponente chiesa conserva gli interni in stile architettura gotica lombardo; la Certosa di Parma (nota anche come "Certosa di Parma"), oggi sede della Scuola di Formazione e Aggiornamento della Polizia Penitenziaria, che conserva tuttora importanti opere d'arte.Nelle frazioni sono infine degne di nota: la Pieve di San Pancrazio Martire (Parma) a San Pancrazio Parmense, che conserva colonne e capitelli d'epoca storia romana e romanica; la romanica pieve di San Geminiano a Vicofertile, che mantiene gli originari capitelli figurati risalenti al XII secolo-XIII secolo ed un fonte battesimale architettura medievale; la romanica Pieve dei Santi Ippolito e Cassiano (Parma) a Gaione, che contiene reperti archeologici di rilievo.
Architetture militari
Content:File:Entrata della Cittadella.JPG: File:Porta San Francesco Parma.JPG: Il principale edificio di carattere militare conservato in città è la Cittadella di Parma, imponente fortezza pentagonale oggi al centro dell'omonimo quartiere; costruita alla fine del XVI secolo da Smeraldo Smeraldi per volere del duca Alessandro Farnese, il suo ingresso principale è incorniciato da una facciata monumentale in marmo di Carrara progettata nel 1596 da Simone Moschino; cessate le originarie funzioni difensive, nel secondo dopoguerra fu trasformata in un grande parco pubblico, molto frequentato dai parmigiani.In città è inoltre presente il piccolo Torrione Visconteo (Parma), situato di fronte al Palazzo della Pilotta (Parma) sul lato opposto del Parma (torrente); fu costruito da Bernabò Visconti nel XIV secolo.Per quanto riguarda le Urbanistica di Parma, Parma fu per millenni circondata da una cerchia muraria, nei secoli modificata ed ampliata; tuttavia nei primissimi anni del XX secolo fu deciso l'abbattimento dell'intera cinta, di cui si conservano solo alcune parziali tracce e due delle cinque Porte: l'antica Porta San Francesco (Parma) al termine di strada Nino Bixio, affiancata dal 1866 dalla monumentale Barriera Bixio; l'elegante edificio Farnese della rinascimentale Porta Santa Croce (Parma) a lato dell'omonimo piazzale. Non restano invece tracce di Porta San Barnaba (Parma) a barriera Garibaldi, mentre sono conservati nel Cortile della Rocchetta del Palazzo della Pilotta (Parma) la facciata farnesiana di Porta San Michele (Parma) a barriera Repubblica e lo stemma dei Borbone di Parma che sormontava la facciata di Porta Nuova (Parma) a barriera Farini.Nelle frazioni si trovano inoltre alcune architetture fortificate, a testimonianza delle numerose strutture difensive che in epoca medievale punteggiavano il territorio; tra esse si hanno il torrione di Baganzola, il torrione di Beneceto, il torrione di Vicomero, la torre degli Alberi e il castello di Panocchia.
Architetture civili
Content:
Palazzi
Content:File:Pilotta da Parco Ducale.jpg: File:Parma - Italy - July 7th 2013 - 04.jpg: I principali palazzi cittadini vennero edificati nei secoli in cui Parma fu capitale del Ducato di Parma. Tra essi spicca per importanza l'enorme complesso monumentale del Palazzo della Pilotta (Parma), edificato per i duchi Farnese a partire dal 1580 quale contenitore di tutti i servizi della Corte e dello Stato; vi si accede attraverso un imponente scalone a forbice coperto da cupola progettato da Simone Moschino; oggi è sede della Galleria Nazionale di Parma, del Teatro Farnese, del Museo archeologico nazionale di Parma, della Biblioteca Palatina (Parma), del Museo Bodoniano e dell'istituto dArte Paolo Toschi.Sullo stesso piazzale della Pace, oltre ai Architettura neoclassica Palazzo della Provincia (Parma) e Palazzo dellIntendenza di Finanza (Parma), sorge anche il Palazzo di Riserva (Parma), costruito a partire dal 1673, che si presenta oggi con le caratteristiche facciate in stile Luigi XV a nord ed ovest, accanto all'ala neoclassica progettata dal Ennemond Alexandre Petitot oggi sede del museo Glauco Lombardi; costola dell'edificio è il Palazzo di Riserva (Parma), in puro stile liberty. File:994ParmaPalazzoDucale.JPG: File:Palazzo Eucherio Sanvitale.JPG: Oltrepassato il Parma (torrente), all'interno del Parco Ducale (Parma) si trova il Palazzo del Giardino (Parma), edificio di Corte costruito dal 1561 su progetto del Jacopo Barozzi da Vignola ed ancora oggi ricco di importanti affreschi e stucchi seicenteschi; nello stesso parco sorge anche il architettura rinascimentale Palazzetto Eucherio Sanvitale, che conserva al suo interno frammenti di un affresco del Parmigianino. Non lontano si erge inoltre l'enorme edificio monumentale dell'Ospedale Vecchio, raro esempio di architettura ospedaliera di epoca rinascimentale. File:915ParmaPalazzoComune.JPG: File:Parma - Palazzo del Governatore.jpg: Nella centrale piazza Garibaldi, sede del potere comunale in epoca medievale, si trovano ancora oggi vari edifici che ne sono testimonianza: il rinascimentale Palazzo del Comune (Parma), contenente numerose opere di valore ed attuale sede di rappresentanza dell'amministrazione comunale cittadina; il Palazzo del Podestà (Parma), costola del precedente, caratterizzato dalle eleganti trifore architettura medievale; l'antico Palazzo del Governatore (Parma), ristrutturato in stile neoclassico dal Ennemond Alexandre Petitot ed oggi centro di esposizione permanente di arte moderna e contemporanea. Accanto alla neoclassica Chiesa di San Pietro (Parma), sorge inoltre il Architettura neorinascimentale Palazzo della Cassa di Risparmio (Parma) con l'annesso Ex palazzo della Camera di commercio (Parma), con le pregevoli sale liberty e Art déco. File:Parma Vescovado GS P1010452 c.JPG: File:921ParmaPalazzoRangoniFarnese.JPG: Spostandosi in piazza Duomo, si erge il Palazzo vescovile (Parma), antichissima residenza vescovile caratterizzata dalle trifore duecentesche e dai loggiati rinascimentali, ancora oggi sede della diocesi di Parma e del Museo diocesano di Parma; nelle vicinanze sorge inoltre il Seminario maggiore (Parma), che conserva della struttura rinascimentale il porticato con loggiato sovrastante della facciata, chiusi nel XIX secolo.Tra gli antichi palazzi pubblici cittadini, sono degni di nota anche: il Palazzo dellUniversità (Parma), imponente edificio del XVI secolo, attuale sede centrale dell'Università degli Studi di Parma; il barocco Palazzo delle Orsoline (Parma); il Palazzo del Tribunale (Parma); il neoclassico Palazzo Imperiale dellArena, grande edificio ricco di importanti affreschi e sede del Convitto Nazionale Maria Luigia; il settecentesco palazzo delle Carrozze, sede dell'unità di lingue dell'Università degli Studi di Parma; l'elegante Casinetto Petitot, tra i primi eleganti Cafè italiani costruiti in epoca neoclassica; l'imponente Palazzo Giordani (Parma), in stile liberty, sede degli uffici della Provincia di Parma; il Architettura neogotica Seminario minore (Parma); la Casa madre dei Missionari Saveriani, sede del Museo darte cinese ed etnografico.In città sono infine numerosi i palazzi nobiliari di pregio: il settecentesco Palazzo Dalla Rosa Prati; l'imponente Palazzo Sanvitale, oggi sede del museo Amedeo Bocchi; il rinascimentale Palazzo Cusani (Parma), attuale sede della Casa della Musica; il Palazzo Tirelli (Parma), caratterizzato dalle ampie finestre rinascimentali in cotto; il neoclassico Palazzo Dazzi; il barocco Palazzo Rangoni Farnese, con l'imponente portale costituito da due pseudo Telamone (architettura) che sorreggono il balcone, oggi sede della Prefettura (Italia); il settecentesco Palazzo Marchi, con facciata in finto bugnato; il Palazzo Bossi Bocchi, oggi sede del museo Fondazione Cariparma; il neoclassico Palazzo Soragna, attuale sede dell'Unione Parmense degli Industriali; il rinascimentale Palazzo Tarasconi; l'ottocentesco Palazzo Carmi, con l'imponente facciata neoclassica; il barocco Palazzo Pallavicino, contenente pregevoli affreschi di Sebastiano Galeotti ed attuale sede del Tribunale Amministrativo Regionale; il quattrocentesco Palazzo Boselli.
Ville
Content:File:Villino Bonazzi (Parma) - facciata.JPG: File:Villa Malenchini.jpg: In ambito urbano sono numerosi i villini e le ville d'epoca liberty, sorti nei primi anni del novecento soprattutto nelle zone a sud-est del centro storico, attorno a viale Campanini e alla Cittadella di Parma. Tra essi è degno di nota il Villino Bonazzi, costruito nel 1911 dall'architetto Mario Stocchi Monti e considerato tra i più tipici del liberty italiano. Nella periferia sud si trovano le Architettura neoclassica Villa Picedi al termine di viale Rustici e Villa Avogadro in strada Farnese, edificate originariamente in aperta campagna.Spostandosi fuori città, si trovano varie ville nobiliari di pregio: all'estremità ovest di Parma, nei pressi di San Pancrazio Parmense, la neoclassica Villa Levi-Tedeschi, caratterizzata da un imponente pronao e da un'alta torretta; a Gaione la neoclassica Villa Paganini, circondata da un ampio parco, appartenuta al violinista Niccolò Paganini; a Carignano (Parma) la cinquecentesca Villa Malenchini (Parma) al centro di un parco romantico di 15 ettari, caratterizzata dalla struttura Architettura rococò del portale d'ingresso e dagli importanti affreschi rinascimentali di Cesare Baglioni delle sale interne; a Vigatto la neobarocchetta Villa Meli Lupi con l'annessa neogotica Villa Magawly-Cerati e il grande parco all'inglese; a Marore la neoclassica Villa Petitot dell'architetto Ennemond Alexandre Petitot, che ospita ancora un teatrino dell'epoca interamente affrescato; a Porporano la neoclassica Villa Simonetta (Parma), caratterizzata da due alte facciate timpanate uguali e contrapposte; a San Prospero Parmense la neoclassica Villa Mattei (Parma), ristrutturata forse dal Petitot.
Teatri
Content:File:Teatre Regio (Parma).jpg: File:Parma-teatro-farnese-in-national-gallery.jpg: La città di Parma è universalmente nota per la musica lirica. L'edificio più rappresentativo in tal senso è il architettura neoclassica Teatro Regio (Parma), teatro dopera cittadino, considerato uno tra i più importanti teatri di tradizione in Italia; fu costruito dal 1821 dall'architetto Nicola Bettoli per volere della duchessa Maria Luisa dAsburgo-Lorena; l'interno si sviluppa su quattro ordini di palchi e loggione, decorati da Girolamo Magnani, e conserva l'antico sipario dipinto di Giovan Battista Borghesi. File:0340271236 auditorium paganini 2.JPG: File:PAARCO.JPG: L'altro teatro storico per cui la città è conosciuta è il ligneo Teatro Farnese, situato all'interno del Palazzo della Pilotta; considerato uno dei primi teatriDopo il Teatro Olimpico di Andrea Palladio ad essere dotato di un arco di proscenio permanente, fu il primo teatro europeo a scena mobile; fu costruito dal 1617 da Giovan Battista Aleotti quale teatro di Corte per i duchi Farnese; distrutto da un bombardamento aereo del maggio 1944, fu ricostruito nel secondo dopoguerra secondo i disegni originali.Un piccolo teatro ottocentesco, progettato dall'architetto Nicola Bettoli per volere della duchessa Maria Luigia, è situato all'interno del Palazzo Imperiale dellArena.Alle porte del centro storico, all'interno del Parchi e giardini di Parma#Parco Falcone Borsellino e Parco Primo Maggio (ex Eridania) sorge poi l'Auditorium Niccolò Paganini, progettato dall'architetto Renzo Piano e inaugurato nel 2001 recuperando le precedenti strutture industriali dello zuccherificio Eridania.In città sono presenti inoltre altri teatri degni di nota: il Teatro Due, sovrastato da un recente anfiteatro all'aperto da 780 posti, considerato un punto di riferimento nel panorama teatrale nazionale e internazionale; il Teatro al Parco, all'interno delle palazzine costruite tra il 1939 e il 1941 per ospitare esposizioni fieristiche nel Parco Ducale (Parma), da anni sede della "Compagnia delle Briciole"; l'enorme auditorium Palacassa, all'interno del quartiere fieristico; il costruendo Teatro Giovannino Guareschi, destinato a proporre stagioni di teatro popolare parmigiano interamente in dialetto parmigiano.Nella frazione di Marore la Villa Petitot conserva infine un raro esempio di teatrino privato settecentesco ancora integro, disegnato dall'architetto Ennemond Alexandre Petitot in stile neoclassico.
Monumenti
Content:File:Monumento alla Vittoria.JPG: File:Parma - monumento a Giuseppe Verdi.jpg: La città conserva ancora alcune tracce della sua antica origine Storia romana; tra queste, sotto l'attuale strada Mazzini sono visibili i resti del Pons Lapidis (noto anche come "Ponte Romano"), inizialmente edificato in muratura in età Augustea ma ricostruito in pietra da Teodorico il Grande nel 493. File:Monumento parco ducale di Parma - 2.JPG: File:Tempiodarcadia.jpg: Il centro cittadino ospita inoltre una serie di monumenti di notevole pregio: in piazzale Dalla Chiesa, di fronte alla Stazione di Parma, il bronzeo monumento a Vittorio Bottego, eseguito nel 1907 dallo scultore Ettore Ximenes; in viale Toschi, alle spalle del Palazzo della Pilotta (Parma), l'alto obelisco del Monumento alla Vittoria (Parma), realizzato nel 1917 dallo Ximenes su progetto dell'architetto Lamberto Cusani; in piazzale della Pace l'ara centrale dello scomparso Monumento a Giuseppe Verdi (Parma), eseguito nel 1913 interamente in granito e bronzo dallo Ximenes, parimenti su progetto di Lamberto Cusani; nello stesso piazzale il Monumento al partigiano (Parma), creato nel 1954 dallo scultore Marino Mazzacurati su progetto dell'architetto Guglielmo Lusignoli; sull'antica Monastero di San Paolo (Parma) in strada Melloni il Monumento ai Caduti di tutte le guerre (Parma), eseguito nel 1961 da vari scultori su progetto dell'architetto Mario Monguidi; al centro di piazza della Steccata, il monumento al Parmigianino, realizzato nel 1879 dallo scultore Giovanni Chierici; nella centrale piazza Garibaldi, davanti al Palazzo del Governatore (Parma), il Monumento a Giuseppe Garibaldi (Parma), creato nel 1893 dallo scultore Davide Calandra; nella stessa piazza, in una nicchia del Palazzo del Comune (Parma), il monumento al Correggio, realizzato nel 1870 dallo scultore Agostino Ferrarini; a ridosso dello stesso palazzo, verso la Chiesa di San Vitale (Parma), la copia dell'antico monumento a Ercole e Anteo (noto a Parma anche come I du brasè), realizzato dall'artista fiammingo Teodoro Vandersturck tra il 1684 e 1687 e conservato in originale al centro del cortile di Palazzo Cusani (Parma). File:Monumento a Filippo Corridoni - Parma.JPG: File:Arco di San Lazzaro 02.JPG: Spostandosi nel quartiere Oltretorrente, il Parco Ducale (Parma) ospita, oltre a numerosi vasi e statue neoclassiche dello scultore Jean-Baptiste Boudard, due significativi monumenti: la grande Fontana del Trianon (Parma), realizzata tra il 1712 ed il 1719 dall'architetto e scultore Giuliano Mozzani per il giardino della Palazzo Ducale (Colorno) e posizionata sull'isolotto al centro della peschiera del Parco Ducale nel 1920; il Tempietto dArcadia, realizzato in forma di rovina nel 1769 su progetto dell'architetto Ennemond Alexandre Petitot.Sempre nello stesso quartiere, appena oltre il Ponte di Mezzo (Parma) sorge al centro di una piccola piazza l'alto monumento a Filippo Corridoni, costruito secondo il gusto Art déco fra il 1925 e il 1927 dallo scultore Alessandro Marzaroli, su progetto dell'architetto Mario Monguidi.All'esterno del centro storico, lungo via Emilia Est, sorge un importante manufatto, l'Arco di San Lazzaro (Parma), arco trionfale a tre fornici costruito nel 1628 secondo il gusto Architettura barocca ma più volte risistemato, fino a conferirgli l'attuale veste Architettura neoclassica.Degno di nota è infine il neoclassico Cimitero della Villetta, costruito a pianta ottagonale nel 1817 per volere della duchessa Maria Luisa dAsburgo-Lorena; ospita numerose tombe monumentali dedicate a personaggi illustri, tra i quali Niccolò Paganini, Ildebrando Pizzetti, Carlo Alberto Dalla Chiesa, Giuseppe Cenni, Lino Maupas, Giancarlo Rastelli e Pietro Barilla.
Monumenti scomparsi
Content:File:Palazzo del Governo Parma.jpg: File:Munumento a Verdi Parma 1920.jpg: Al pari di molte altre realtà, anche Parma nel corso dei secoli ha irrimediabilmente perduto numerosi monumenti per svariate ragioni. I più significativi sono: in piazza Garibaldi la Torre civica (Parma) del 1287, probabilmente la torre più alta d'Italia con i suoi stimati 130 m di altezza, crollata improvvisamente nel 1606 distruggendo anche il Palazzo del Comune (Parma) del 1281; in piazzale della Pace il neoclassico Palazzo Ducale (Parma) dell'architetto Nicola Bettoli ed il Teatro Reinach del 1871, danneggiati dai bombardamenti aerei anglo-americani del 1944 ed in seguito abbattuti; in piazzale Dalla Chiesa il maestoso Monumento a Giuseppe Verdi (Parma) del 1913, danneggiato dai bombardamenti della seconda guerra mondiale ed in seguito abbattuto, conservandone solo l'ara centrale spostata successivamente in piazzale della Pace; in piazza Ghiaia le neoclassiche Beccherie del 1838, demolite nel 1928 dal sindaco Giovanni Mariotti per la creazione del Lungoparma; le Urbanistica di Parma che cingevano l'intera città e tre delle cinque Porte, rase al suolo dallo stesso sindaco Mariotti all'inizio del XX secolo per consentire alla città una più facile espansione.
Aree naturali e vivibilità urbana
Content:
Parchi ed aree verdi
Content:File:Parco Ducale Parma.JPG: File:Ingresso della cittadella.JPG: File:Orto Botanico di Parma - garden.JPG: Sul territorio comunale sono presenti numerosi parchi, giardini ed aree verdi, alcuni di notevole pregio storico e architettonico. Tra essi spiccano per importanza: l'antico Parco Ducale (Parma), ristrutturato nelle forme attuali nel XVIII secolo; la Cittadella di Parma, imponente fortezza pentagonale del XVI secolo trasformata nel secondo dopoguerra in grande parco pubblico; i Monastero di San Paolo (Parma), creati nel XIX secolo all'interno del monastero di San Paolo; il seicentesco Orto botanico di Parma, con il settecentesco giardino allitaliana e le serre architettura neoclassica del Ennemond Alexandre Petitot. File:958ParmaCameraSPaolo.JPG: Un'importante arteria ecologica per la città è inoltre rappresentata dagli alvei dei due torrenti che la attraversano: il Parma (torrente), che la seziona in due parti da sud a nord; il Baganza, che confluisce nell'altro immediatamente a sud del centro storico. File:Lungoparma.jpg: La percentuale di verde urbano sulla superficie comunale nel 2007 risultava pari all'1,8% (ossia circa 4,68km²), mentre ammontava a 26,6m² il verde urbano per ogni abitante. Secondo il rapporto Ecosistema Urbano 2014, nel 2013 il verde fruibile pro-capite nell'area urbana risultava pari a 30,8m² per abitante, mentre la percentuale della superficie delle differenti aree verdi sul totale della superficie comunale ammontava al 3,9%. Nel 2014 il "patrimonio verde" della città era costituito da 3.200.000m² di aree verdi fruibili dalla cittadinanza e 40.000 risultavano gli alberi presenti, dotati di caratteristiche diverse in rapporto alla specie ed anche all'età, con percentuale di alberi danneggiati rispetto alla totalità del patrimonio arboreo in carico al Comune molto ridotta ed in particolare molto inferiore all'1%. Le aree verdi attrezzate nel 2014 ammontavano complessivamente a 146, suddivise disomogeneamente fra i vari quartieri. A Parma nel 2014 erano presenti in totale 34 aree per cani inserite all'interno di parchi di quartiere o nelle vicinanze di aree giochi per i bimbi, a fronte di 16.000 animali iscritti all'anagrafe apposita.Per quanto riguarda la gestione delle aree verdi pubbliche, il Comune ed Iren di concerto hanno avviato negli ultimi anni il progetto "Kyoto Forest", che si occupa contemporaneamente di conservare il patrimonio arboreo esistente e di aumentarlo in maniera sensibile; sono di conseguenza previsti piantumazioni ed abbattimenti delle piante che hanno terminato il proprio ciclo vitale, contestualmente alla sostituzione di ogni pianta abbattuta.
Vivibilità urbana
Content:La qualità dell'aria non è sempre buona: le polveri sottili (PM10), benché negli ultimi anni siano leggermente diminuite, superano spesso i valori permessi; inoltre, il 2014 ha visto ancora la città primeggiare in Emilia-Romagna con 70 sforamenti dei livelli di PM10, il doppio del consentito. Al contrario, la raccolta differenziata, che attualmente avviene attraverso il contestato sistema porta a porta serale, raggiunge valori di ottima qualità, avendo superato il 70% alla fine del 2014. A Parma, ove la percentuale degli spostamenti in bicicletta è elevata, la rete ciclabile si è notevolmente estesa negli ultimi anni, raggiungendo nel 2012 valori di 46,93km ogni 100km² di superficie comunale, con un incremento del 40,3% rispetto al 2008; allo stesso tempo, la città detiene il primato in Regione sull'estensione delle aree pedonali, che nel 2012 avevano raggiunto valori di 81,84m² ogni 100 abitanti, con un incremento del 23,8% rispetto al 2008. In particolare, alla fine del 2014 l'estensione della rete ciclabile era pari a 123km, mentre le aree pedonali occupavano l'8% del centro storico e le zone a traffico limitato ne costituivano il 39%, con la previsione di una loro ulteriore estensione a breve; nello stesso tempo, le zona 30 erano pari al 20% dell'intera area comunale. La "Classifica delle città italiane per qualità ambientale" del 2013, redatta a seguito di un'indagine di Ambiente Italia (Istituto di ricerca), Il Sole 24 Ore e Legambiente considerando ben 125 indicatori, posiziona Parma al terzo posto fra le città di medie dimensioni, anticipata solo da Trento e Bolzano.
Società
Content:
Evoluzione demografica
Content:Parma è terza in Italia (analisi Censis 2010) per aumento della popolazione residente, grazie alla tenuta del tasso di natalità, alla diminuzione di quello della mortalità e all'aumento del tasso migratorio, con un ringiovanimento dell'età media e un'alta percentuale di residenti stranieri. Sulla base della procedura DMA (Dynamic Metropolitan Areas), che consiste nel partire dai centri con oltre 50.000 abitanti e nell'aggregarvi i comuni contigui che abbiano almeno un tasso del 15% di pendolarismo per lavoro o studio verso di loro, l'area metropolitana di Parma viene considerata DMAs di livello B con una popolazione complessiva di 444.395 abitanti (dati dic. 2008, il dato sui flussi pendolari è desunto dal Censimento 2001 dell'Istat).
Evoluzione al XXI secolo
Content:Dalle prime 2.000 famiglie della colonia romana del 183 a.C., la valenza strategica territoriale della città le permise anche dopo il 774 di essere prescelta quale zona d'insediamento da molti immigrati al seguito di Carlo Magno.Reti Medievali Rivista, V - 2004/1. Nel 1400 si giunse a circa 12000 cittadini e nel 1545 Parma era considerata una città di medie dimensioni con 19.592 abitanti censiti.Censimento disposto da Pier Luigi Farnese nel 1545 e riportato nel libro di Luigi Alfieri Parma la vita e gli amori edizione Battei. Una grave carestia sopraggiunta nel 1551 ne ridusse il numero a 17000, ma poco più di vent'anni più tardi, nel 1573, grazie al ruolo affermato di capitale di un ducato, il numero degli abitanti raggiunse i 26000 e nel 1630, grazie alle "grandi opere" edilizie che attiravano manovalanza, toccò i 46000, per poi ridursi a 30000 dopo la terribile epidemia di peste dello stesso anno. Durante il governo di Maria Luigia, (durato dal 1814 al 1847), il numero degli abitanti passò a 45000, e nel 1861, anno della proclamazione del Regno dItalia, a Parma vivevano 47.428 abitanti, costituenti il 18,5% dei cittadini della provincia, che posizionavano la città alla ventesima posizione nel Paese.Ufficio Centrale di Statistica, Popolazione presente ed assente per comuni, centri e frazioni di comune. Censimento 31 dicembre 1871, vol. I, Roma Stamperia Reale, 1874 e MAIC.Dieci anni dopo il capoluogo perse quasi 2.000 abitanti attestandosi a quota 45.511, un'involuzione in controtendenza rispetto alle altre città italiane. Il declino demografico proseguì anche negli anni successivi, attestando la popolazione nel 1881 a 45.217 abitanti e posizionando la città come ventiseiesimo capoluogo italiano.Direzione Generale della Statistica, Censimento della popolazione del regno d'Italia al 31 dicembre 1881, vol. I, Roma Tipografia Bodoniana, 1883. Il declino demografico fu l'effetto della chiusura dello Stato e della corte ducale, che provocò la perdita di molte attività economiche causando un conseguente decadimento sociale ed economico. Nel 1901 il Comune di Parma era costituito quasi interamente da territorio urbano con una popolazione di 47.000 abitanti, mentre il successivo censimento, avvenuto attorno al 1911, evidenziava una prima ripresa demografica dalla fine del periodo ducale, contando circa 57.000 abitanti.Con gli inizi del nuovo millennio, grazie ai flussi migratori, il numero di residenti nel territorio comunale è cresciuto costantemente fino alla fine del 2012, mentre è calato nel corso del 2013 per poi tornare nuovamente a crescere nel 2014.
Etnie e minoranze straniere
Content:Secondo le analisi dell'ufficio statistica comunale, a fine 2015 gli stranieri regolari residenti in città risultavano 30.687 (dei quali 14.348 maschi e 16.339 femmine), tornando a crescere dopo il calo subito nel corso del 2013. Il peso sul totale della popolazione si attestava al 15,9% a livello comunale, distribuito in vario modo nei diversi quartieri, che alla fine del 2013 registravano rispettivamente valori del 24,4% (Oltretorrente), 22,2% (Pablo), 20,1% (Parma Centro), 19,3% (San Leonardo), 13,9% (Molinetto, San Pancrazio Parmense e Montanara), 13,5% (San Lazzaro), 11,7% (Cortile San Martino), 11,6% (Lubiana), 11,3% (Cittadella), 10,9% (Golese) e 9,0% (Vigatto). Per quanto riguarda l'età, a fine 2014 le fasce comprese tra i 25 ed i 39 anni di età risultavano le più ampie, seguite immediatamente dalla classe 0-4 anni, che spiccava rispetto alle classi immediatamente successive, testimoniando l'incremento delle nascite verificatosi negli ultimi anni. Per quanto riguarda la composizione familiare, il 42,2% delle famiglie straniere risultava composto da una persona, il 18,4% da due, il 16,1% da tre, il 13,5% da quattro, il 6,1% da cinque ed il restante 3,8% da sei o più.Al 1º gennaio 2018 le nazionalità maggiormente rappresentate erano:
Religione cattolica
Content:Sono numerose le famiglie religiose sorte a Parma e tuttora fiorenti: le Suore Orsoline Missionarie del Sacro Cuore di Gesù, fondate nel 1575 e riformate da Maria Lucrezia Zileri dal Verme nel XIX secolo; le Maestre Luigine, sorte verso il 1755 ad opera di Rosa Orzi ed unite alle Suore Domenicane della Beata Imelda; le Ancelle dellImmacolata (Parma), fondate da Anna Maria Adorni per l'assistenza alle donne traviate e alle ragazze pericolanti; le Piccole Figlie dei Sacri Cuori di Gesù e Maria, fondate nel 1865 da Agostino Chieppi; la Pia Società di San Francesco Saverio per le Missioni Estere, fondata nel 1895 da Guido Maria Conforti, di cui esiste il ramo femminile delle suore della Società Missionaria di Maria, fondata da Celestina Bottego e Giacomo Spagnolo.I monaci Ordine di San Benedetto dell'Abbazia di San Giovanni Evangelista (Parma) sono presenti in città dal 983 e il loro monastero fu riformato nel 1852 dai Congregazione Sublacense. A Parma sorgono anche i monasteri claustrali delle Carmelitane Scalze (presso Santa Maria Bianca), fondato nel 1635 a istanza di Margherita Aldobrandini con religiose provenienti da Cremona, e delle Clarisse Cappuccine (presso Chiesa di Santa Maria degli Angeli (Parma)), fondato nel 1682 per volere di Ranuccio II Farnese con alcune monache provenienti da Guastalla.I frati minori vennero introdotti a Parma nel 1220 da san Francesco dAssisi e in seguito si divisero nei rami degli Ordine dei Frati Minori, presso la Chiesa della Santissima Annunziata (Parma), e dei conventuali, presso Chiesa di San Francesco del Prato (poi ridotti all'Oratorio dellImmacolata Concezione (Parma)).I Carmelitani Scalzi, già presenti dal 1623, tornarono definitivamente a Parma nel 1881 e officiano la Chiesa di Santa Teresa del Bambin Gesù (Parma); i Società Salesiana di San Giovanni Bosco giunsero presso la Chiesa di San Benedetto (Parma) nel 1889 e vi fondarono un collegio maschile, al quale si aggiunse poi quello femminile delle Figlie di Maria Ausiliatrice; i Fratelli delle Scuole Cristiane aprirono la loro prima sede a Parma nel 1836; gli Congregazione delle Sacre Stimmate di Nostro Signore Gesù Cristo giunsero in città nel 1876 e dal 1969 hanno la cura della parrocchia delle Sacre Stimmate; i Preti del Sacro Cuore di Gesù di Bétharram hanno la cura della parrocchia di Sant'Andrea, fondata nel 1977.A Parma sono presenti anche: le Figlie della Croce, Suore di SantAndrea, introdotte nel 1851 da Luisa Maria di Borbone-Francia (1819-1864); le Suore Ancelle del Santuario, nate a Piacenza e attive presso la casa di cura "Città di Parma"; le Suore della Divina Provvidenza per lInfanzia Abbandonata, provenienti da Piacenza, giunte nel 1924 per il servizio nell'ospizio di San Giuseppe; le Suore Orsoline Figlie di Maria Immacolata, dedite all'assistenza ospedaliera.
Istituzioni, enti e associazioni
Content:Nel corso degli anni a Parma si sono insediati numerosi organismi di ricerca e controllo in particolare legati al settore agro-alimentare e scientifico. Già sede dell'Agenzia Interregionale per il fiume Po (AIPO) (ex Magistrato per il Po) e dell'Autorità di bacino distrettuale del fiume Po, nel dicembre del 2003 Parma è divenuta sede dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA), una delle più importanti Agenzie dellUnione europea di controllo dell'Unione europea.La posizione geografica e la presenza di una prestigiosa università hanno inoltre consentito lo sviluppo di altre importanti strutture pubbliche, punti di riferimento per aree geografiche che oltrepassano i confini provinciali, come l'Ospedale Maggiore di Parma, che nel corso degli anni è divenuto uno dei principali poli ospedalieri della regione Emilia-Romagna, il Consorzio italiano per la sicurezza e la ricerca sulla qualità degli alimenti, il Consorzio Interuniversitario di Tecnologie Farmaceutiche Innovative (TEFARCO), la Stazione Sperimentale per lIndustria delle Conserve Alimentari (SSICA) o i laboratori di ricerca, innovazione e consulenza legati all'industria alimentare SIQUAL e TECAL. Grazie all'indotto economico dovuto alla stretta collaborazione tra questi organismi e l'industria locale, a Parma si sta sviluppando parallelamente un importante settore legato alla congressistica e al turismo d'affari con conseguenti ripercussioni sull'economia locale, sul tenore di vita rappresentato dalla presenza in città di numerosi scientifici e funzionari e sullo sviluppo di alcune infrastrutture quali l'Aeroporto di Parma, la rete viaria, l'industria alberghiera.
Cultura
Content:File:Stendhal.jpg: File:Casanataletoscanini.jpg: File:Andrea Appiani, Giambattista Bodoni.jpg: Le aristocratiche tradizioni ed una certa raffinatezza della vita sociale caratterizzano l'anima cittadina che si evidenzia in particolare con la passione dei parmigiani nei confronti della musica e dell'Opera, da secoli molto seguite ed apprezzate da vari strati della popolazione.Il primo letterato nativo di Parma di cui si abbia notizia fu Gaio Cassio Parmense (I secolo a.C.), appartenente ad una delle famiglie romane fondatrici della città e autore di tragedie ed elegie, ma la storia parmense si è col tempo arricchita del contributo intellettuale di numerosi artisti, poeti e pittori che ne hanno determinato l'intenso fervore nei confronti di multiformi interessi culturali, confermato dalla presenza in città di numerosi teatri, musei, manifestazioni e rassegne internazionali nel campo dell'arte e degli scambi commerciali. Benedetto Antelami, il Parmigianino, Antonio Allegri, Ireneo Affò, Giovanni Bodoni con i Fratelli Amoretti, Ferdinando Paër, Macedonio Melloni, Giuseppe Verdi, Arturo Toscanini, Ennemond Alexandre Petitot, Étienne Bonnot de Condillac ed Attilio Bertolucci sono solo alcune delle personalità legate a Parma che hanno lasciato un'impronta importante nelle tradizioni artistiche e culturali cittadine.Parma fu magnificata da Stendhal (al secolo Henri Beyle), che la visitò per la prima volta nel 1814 e la sognò nelle pagine della sua Chartreuse de Parme (La Certosa di Parma (romanzo)); successivamente fu desiderata da Marcel Proust nel suo Du côté de chez Swann (La strada di Swann).Nel XVIII secolo lo sviluppo dell'arte e delle istituzioni cittadine contribuirono a definire Parma l'"Atene d'Italia", mentre oggi, grazie al nuovo ruolo attribuitole all'interno dell'Unione europea con l'assegnazione di un'Autorità europea per la sicurezza alimentare, la città sta cercando di riaffermare l'antica tradizione di piccola capitale. Il 16 febbraio 2018 è stata proclamata capitale italiana della cultura per l'anno 2020.
Istruzione
Content:
Biblioteche
Content:File:Salalettura Palatina.jpg: Nel giugno del 1912 il Comune di Parma, tramite l'acquisto della Biblioteca Popolare Circolante, pose le premesse per l'avvio di un servizio bibliotecario comunale, che tuttavia si concretizzò in maniera definitiva soltanto nel 1973, attraverso l'apertura della Biblioteca Ugo Guanda, allora posta sotto la centralissima piazza Garibaldi. In seguito incrementatesi negli anni, le Biblioteche Comunali, comprendenti i patrimoni, i servizi e le attività delle strutture comunali, dal 31 dicembre 2013 sono gestite direttamente del Comune di Parma come Servizio Biblioteche:@an0:Biblioteca Civica Mario Colombi Guidotti@an0:Biblioteca di Agricoltura Antonio Bizzozero@an0:Biblioteca Ugo Guanda@an0:Monastero di San Paolo@an0:Monastero di San Paolo@an0:Parco Ducaleurl: http://www.biblioteche.comune.parma.it/alice/it-IT/Presentiamoci.aspxtitolo:Presentiamociaccesso:3 agosto 2015urlmorto:nourlarchivio:https://web.archive.org/web/20151003172821/http://www.biblioteche.comune.parma.it/alice/it-IT/Presentiamoci.aspxdataarchivio:3 ottobre 2015 Ad esse si aggiunge la prestigiosa Biblioteca Palatina (Parma), di proprietà statale, sita in piazza della Pilotta 3 all'interno del Palazzo della Pilotta (Parma).Numerose sono poi le biblioteche dell'Università di Parma, dislocate nelle varie sedi dei Dipartimenti.Si annovera infine la Biblioteca Germinal, gestita dal Centro studi movimenti, sita in via Saragat 33/a (c/o Casa Bagnaresi).L'Archivio di Stato di Parma custodisce i documenti e gli atti pubblici a partire dai periodi farnesiano e borbonico.
Scuole
Content:Hanno sede a Parma numerose scuole di ogni ordine e grado, di cui 51 Scuola dellinfanzia, 36 Scuola primaria in Italia e 20 Scuola secondaria di primo grado in Italia; le Scuola secondaria di secondo grado in Italia si dividono in 13 licei (2 artistici, 2 classici, 5 scientifici, 1 linguistico, 2 delle scienze umane e 1 musicale e coreutico), 11 istituti tecnici (5 a indirizzo economico e 6 a indirizzo tecnologico), 7 istituti professionali (4 dei servizi e 3 dell'industria e dell'artigianato) e 2 percorsi di studio sperimentali di durata quadriennale. Tra queste, si distinguono per antichità il convitto nazionale Maria Luigia, il liceo ginnasio statale Gian Domenico Romagnosi, il liceo scientifico statale Guglielmo Marconi e il liceo artistico statale Paolo Toschi. In città è inoltre presente la "Scuola per l'Europa", che dispensa un insegnamento multilingue.
Università
Content:File:Unipr.png: La città è sede dell'Università degli Studi di Parma, fondata nell'XI secolo, da alcuni anni annoverata fra i 500 migliori istituti al mondo dalla Classifica accademica delle università mondiali (ARWU), che nel 2014 posizionava inoltre il Dipartimento di Matematica e Informatica fra i migliori 150 Dipartimenti di Matematica al mondo.In città è inoltre presente dal 2003 il Collegio Europeo di Parma, istituto di formazione superiore post-universitaria nel campo del diritto, dell'economia e delle politiche dell'Unione europea, analogo a quello di Bruges in Belgio.L'educazione superiore artistica è affidata all'Accademia di belle arti di Parma e al Conservatorio Arrigo Boito.
Musei
Content:Il sistema museale parmense comprende differenti tipologie, molte delle quali incentrate sulla storia, l'arte, le tradizioni culturali ed enogastronomiche del territorio. Spesso le strutture ospitanti sono situate all'interno di prestigiosi palazzi e importanti edifici cittadini, tra cui il Palazzo della Pilotta, il Palazzo di Riserva, l'Monastero di San Paolo (Parma), la basilica di Santa Maria della Steccata, il Palazzo vescovile (Parma), l'abbazia di San Giovanni Evangelista, il Palazzo Cusani (Parma), l'Ospedale Vecchio e l'abbazia di Valserena.
Media
Content:
Stampa
Content:La città è sede di uno dei più antichi quotidiani d'Italia (assieme alla Gazzetta di Mantova, fondata nel 1664): la Gazzetta di Parma (disponibile anche nella versione online www.gazzettadiparma.it), fondata nel 1735, è il più diffuso quotidiano in città e provincia, con una media autodichiarata di 42088 copie vendute ogni giorno tra il 2008 e il 2009 e una media giornaliera di 233000 lettori.In città sono pubblicati alcuni settimanali, tra i quali Vita Nuova (rivista) della Diocesi di Parma, fondato nel 1919.Tra le pubblicazioni mensili, dal 1999 la casa editrice parmigiana Edicta pubblica il mensile Il Mese Parma, dedicato ad attualità, economia, sport e tempo libero relativi a Parma e provincia di Parma. Grazie al sostegno di Comune, Provincia, Università degli Studi di Parma, Fondazione Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza e numerosi altri enti cittadini, le copie della rivista vengono distribuite gratuitamente sull'intero territorio provinciale.Fondata da Glauco Lombardi e Giuseppe Melli nel 1912, è tuttora in pubblicazione la rivista Aurea Parma, quadrimestrale dedicato alla storia, alla letteratura ed all'arte edito da Diabasis; si pone come obiettivi lo studio del passato e del presente della città e delle sue manifestazioni artistiche e intellettuali.La Camera di Commercio di Parma pubblica dal 1869 la rivista quadrimestrale Parma economica, che si occupa dell'analisi economica, ma anche di attualità e cultura, relativamente a Parma e provincia, senza trascurare tuttavia il contesto nazionale ed internazionale.In città ha anche sede la redazione locale del quotidiano la Repubblica (quotidiano), che pubblica la sola edizione online parma.repubblica.it.
Emittenti televisive
Content:A Parma sono presenti più emittenti televisive: @an0:Teleducato Parmaurl: http://parma.repubblica.it/cronaca/2016/01/27/news/teleducato_e_tv_parma_cosa_succede_nell_emittenza_televisiva_locale-132165704/titolo:Teleducato e Tv Parma, cosa succede nell'emittenza televisiva localepubblicazione:Repubblica.itdata:27 gennaio 2016accesso:14 ottobre 2016urlmorto:nourlarchivio:https://web.archive.org/web/20161018230546/http://parma.repubblica.it/cronaca/2016/01/27/news/teleducato_e_tv_parma_cosa_succede_nell_emittenza_televisiva_locale-132165704/dataarchivio:18 ottobre 2016@an0:È TV Parmaurl: http://www.millecanali.it/bologna-epilogo-per-rete-7-e-tv/titolo:Bologna: epilogo per Rete 7 - È Tv?pubblicazione:Millecanalidata:25 aprile 2016accesso:14 ottobre 2016urlmorto:nourlarchivio:https://web.archive.org/web/20161019004005/http://www.millecanali.it/bologna-epilogo-per-rete-7-e-tv/dataarchivio:19 ottobre 2016
Arte
Content:
Archivio Giovani Artisti
Content:Parma è coinvolta in prima persona nella valorizzazione e promozione della creatività giovanile. L'#Collegamenti esterni è un servizio offerto dal Comune di Parma che si rivolge a tutti i giovani che operano nel campo delle Arti Visive, delle Arti Applicate, delle Immagini in movimento e della Letteratura, al fine di documentare, offrire servizi ed organizzare attività promozionali. Realizza iniziative direttamente o con la partecipazione a manifestazioni artistiche in Italia e all'estero, volte a favorire una costante circolazione di informazioni ed eventi, attraverso scambi nazionali ed internazionali e l'adesione a reti, quali il GAI (Associazione per il Circuito Giovani Artisti Italiani) e la Bjcem (Associazione Biennale dei Giovani Artisti dell'Europa e del Mediterraneo).
Archivio delle Istituzioni e delle Associazioni Culturali
Content:Il Comune di Parma ha censito ed organizzato in una #Collegamenti esterni tutte le libere associazioni e le istituzioni che si occupano di promuovere ed organizzare eventi culturali nella città.
Musica
Content:
Parma Capitale della Musica
Content:File:Parma Opera e Biciclette.jpg: File:Arturo Toscanini2.jpg: Con lo scopo di affermare l'importanza e la centralità della musica nella vita culturale di Parma, nel 2004 il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e il Comune di Parma costituirono la Fondazione Parma Capitale della Musica; la struttura fu poi sciolta nel 2008 per i mancati trasferimenti economici da parte dei fondi Arcus.La "Fondazione Teatro Regio di Parma", istituita nel gennaio del 2002, si propone di valorizzare l'antica tradizione del teatro lirico italiano, organizzando inoltre importanti stagioni concertistiche e di danza svolte nel Teatro Regio (Parma) e nel recente Auditorium Niccolò Paganini.Altra importante istituzione cittadina è la Casa della Musica, nata nel 2002 per iniziativa del Comune di Parma e divenuta poi Istituzione nel 2005; ospitata tra le mura del quattrocentesco Palazzo Cusani (Parma), conserva oggetti, fotografie, manifesti e video della tradizione musicale e teatrale di Parma, dal XVII secolo ai giorni nostri.A brevissima distanza, negli spazi dell'ex Chiesa di Santa Elisabetta (Parma), ha inoltre sede la Casa del Suono, che si prefigge di creare la sintesi di un percorso storico e culturale legata all'ascolto della musica, dal fonografo a cilindri ai moderni mezzi di riproduzione e diffusione sonora.In città ha infine sede il prestigioso ed antico Conservatorio Arrigo Boito, istituito nel lontano 1819 dalla duchessa Maria Luisa dAsburgo-Lorena.
Musica classica
Content:File:Verdi.jpg: File:Paganini.jpeg Già nel XVI secolo la musica iniziò ad avere un ruolo importante per la città: fin da allora la corte Farnese, sensibile all'importanza sociale di quest'arte, si occupò di favorire l'insegnamento della musica e del liuto ai principi e ai paggi. Nel 1570 agli ospiti della Paggeria vennero impartite lezioni di canto da Giulio Buonaggiunta e di liuto da Galeazzo Cacciardino. Nel 1601 fu fondato il collegio dei Nobili, tra le cui materie di insegnamento furono sempre presenti la musica e la danza. Nel 1603 fu istituita la "Compagnia dei violini", in un periodo in cui questo strumento non aveva ancora assunto un ruolo specialistico nello svolgimento delle opere teatrali, mentre nel 1757 venne fondata la "Reale Scuola di Ballo", di cui fu nominato direttore Pierre Delisle, accompagnato da una compagnia di attori francesi che soggiornò alla corte fino al 1758, recitando opere di classici (Pierre Corneille, Jean Racine e Molière) e di moderni sia nel Monumenti scomparsi di Parma#Teatro Ducale che in quello bibienesco di Colorno. Qualche anno più tardi, nel 1768, nei locali che sarebbero stati in seguito occupati dal Conservatorio musicale, la "Reale Direzione Generale degli Spettacoli" istituì la "Reale Scuola de' Cantanti" o "Scuola di Canto ad uso del Ducale Teatro", il cui insegnamento si prefiggeva di formare dei cantanti per le occorrenze dei cori negli spettacoli teatrali e con lo scopo dichiarato di rendere utilità al ducato.La vera cultura musicale si affermò tuttavia solo tra la fine del Settecento e i primi decenni dell'Ottocento. Crocevia politico e culturale tra Parigi e Vienna, Parma, tra le cui mura cittadine vivevano nel XVIII secolo circa 4.000 francesi, divenne infatti un vero e proprio laboratorio per lo sviluppo della musica e del ruolo dell'orchestra. In particolare, l'attività in seno all'Orchestra ducale del celebre musicista Niccolò Paganini, voluto dalla stessa reggente dell'epoca, la duchessa Maria Luisa dAsburgo-Lorena, influenzò le prime disposizioni di quello che in seguito sarebbe divenuto il concetto moderno di orchestra. Proprio intitolato al grande maestro Paganini, sorge oggi, a due passi dal centro, un Auditorium Niccolò Paganini da 780 posti dotato di sofisticati impianti tecnologici ed acustici che ne assicurano la massima funzionalità, progettato dell'architetto Renzo Piano ed inaugurato nel 2001. Oggi a Parma ha sede l'"Orchestra Regionale dell'Emilia Romagna", fondata nel 1975; dal 2002 essa partecipa come nucleo costitutivo permanente della "Filarmonica Arturo Toscanini", grande compagine dedicata al grande maestro parmigiano. In città sono poi presenti fin dalla loro fondazione nel 1990 "I fiati di Parma", unica orchestra da camera stabile italiana di strumenti a fiato. Nel 2014 fu inoltre fondata in città l'"Orchestra dell'Opera Italiana", riunendo un gruppo di musicisti proveniente da varie orchestre italiane ed in particolare dalla prestigiosa "Orchestra e Coro del Teatro Regio di Parma", a sua volta presente in città da tempo immemorabile. Strettamente connesso a quest'ultima è il "Orchestra e Coro del Teatro Regio di Parma", che negli ultimi anni si esibisce nel Teatro Regio con la "Filarmonica Arturo Toscanini". Ad esso si aggiunge dal 1978 il coro "Voci di Parma", con repertorio composto principalmente da brani di polifonia sacra, canti popolari e musica lirica. In città ha infine sede la "Corale Giuseppe Verdi di Parma", nata nel 1905, che si occupa sia dell'attività concertistica sia delle incisioni discografiche.
Musica ''rock''
Content:Il Musica rock parmigiano ha i suoi primi esponenti già negli anni 1960 e anni 1970 con il gruppo storico degli "Snakes" e dei I Corvi (gruppo musicale), che rimane una delle band più rappresentative del beat italiano. A loro si aggiungono "The Rangers", precursori del genere Musica beat, i "Baronetti", i "Gref 84", i "Moschettieri" e i "Gentlemen". Più tardi si affermano i "Gemini 4", gli "Acqua Fragile" (Gino Campanini, Piero Canavera, Maurizio Mori, Franz Dondi e Bernardo Lanzetti, che passerà poi alla Premiata Forneria Marconi). Negli anni 1980 si afferma sulla scena nazionale il cantante Scialpi, che rimane il fenomeno principale in ambito di musica leggera che Parma ha saputo produrre.
Musica bandistica
Content:A Parma, presso il Centro Culturale Argonne nel Quartiere Molinetto, ha sede il Corpo bandistico municipale Giuseppe Verdi di Parma, ossia la Banda Cittadina, fondato già nel 1946.
Cucina
Content:File:Parmigiano reggiano piece.jpg: File:Parmaschinken BMK.jpg: Parma e la sua provincia di Parma sono famose nel mondo per i loro prodotti alimentari e per la loro cucina, in particolare per il formaggio Parmigiano-Reggiano e per il Prosciutto di Parma. Questi prodotti sono tutelati dai rispettivi consorzi di produzione che ne certificano l'origine e la qualità. La pasta prodotta a Parma, confezionata con semola di grano duro, fu conosciuta e apprezzata già nel XVI secolo sulla mensa dei duchi Farnese.Il vino di maggior produzione nella provincia di Parma è il lambrusco, vino rosso scuro dal moderato tenore alcolico che non supera i 10-11 gradi. Sui colli del parmense si produce anche la "Malvasia dei Colli di Parma" (DOC), vino da pasto o da dessert, fermo o frizzante di bassa gradazione alcolica (10,5º). La "Fortanina" è vino tipico della Bassa parmense, un tempo assai diffuso, prodotto in quantitativi limitati nella zona di San Secondo Parmense.
Eventi
Content:In città si svolgono regolarmente numerose manifestazioni culturali e tra esse figurano appuntamenti di rinomanza mondiale quali il "Festival Verdi", che si svolge ogni anno nel mese di ottobre, dedicato alle opere del grande compositore Giuseppe Verdi (nato a Roncole Verdi il 10 ottobre 1813).Numerosi appuntamenti dedicati alla musica, alla danza e al teatro, dai repertori classici al contemporaneo, si annoverano tra le rassegne annuali principali e di maggiore distinzione, cui si aggiungono iniziative culturali dedicate alla letteratura e al giornalismo, oltre all'annuale "Festival dell'architettura".Un appuntamento folkloristico cittadino che trae la sua origine nel XIV secolo è poi il "Palio di Parma", celebre competizione che si svolge ogni anno nel mese di settembre, incentrata sulla staffetta fra le 5 squadre rappresentanti le 5 antiche porte cittadine.
Geografia antropica
Content:
Urbanistica
Content:
Quartieri
Content:File:Quartieri di Parma 5.jpg: Dal 2002, in seguito all'abolizione delle 7 Circoscrizioni in cui era suddivisa la città dal 1979, il Comune di Parma risulta suddiviso in 13 Quartieri, che dal 2010 non hanno più funzioni istituzionali ed elettive: @an0:San Pancrazio
Frazioni
Content:Sono numerose le frazioni che sorgono ai margini dell'area urbana: Alberi (Parma), Baganzola, Baganzolino, Beneceto, Borghetto (o Castelnovo a mane), Botteghino, Carignano (Parma), Casalbaroncolo, Casaltone, Case Vecchie, Casello, Castelnovo (Parma), Cervara, Coloreto, Corcagnano, Cornocchio, Crocetta, Eia (Parma), Fognano (Parma), Fraore, Fraore, Gaione, Il Moro, Malandriano, Marano (Parma), Mariano (Parma), Marore, Martorano, Moletolo, Panocchia, Paradigna, Pedrignano, Pilastrello, Pizzolese, Pontetaro, Porporano, Ravadese, Roncopascolo, San Donato (Parma), San Martino, San Pancrazio Parmense, San Prospero Parmense, San Ruffino (Parma), Santa Elisabetta, Scarzara, Ugozzolo, Valera (Parma), Viarolo, Vicofertile, Vicomero, Vicopò, Vigatto, Vigheffio, Vigolante.
Economia
Content:Alla tradizione culinaria, già fortemente radicata nella cultura del buon vivere emiliano, si è affiancata in queste terre una moderna industria agro-alimentare. Sul terreno dell'economia Parma si distingue tra tutte le città italiane per la singolarissima compenetrazione tra agricoltura e industria. Gli agricoltori parmensi producono derrate per la trasformazione industriale: pomodoro, pisello e mais dolce per le industrie conserviere, latte per le industrie casearie, prima tra le altre la produzione del Parmigiano Reggiano.L'industria meccanica parmense vanta il primato nazionale nella produzione di impianti per la trasformazione industriale delle derrate agricole: apparecchiature per l'industria delle conserve, impianti di trasformazione del latte, impianti per la macellazione. È per questi primati che Parma vanta il titolo di primo polo agroalimentare padano, un titolo che ha rilevanti conseguenze per la cultura e le istituzioni.Ciò detto, è importante anche menzionare che, sebbene Parma sia una delle zone più ricche d'Italia, è anche fra le zone a più alto costo della vita, con una grande sproporzione fra i redditi dei lavoratori dipendenti e quelli dei lavoratori autonomi, forbice peraltro in netto aumento e che reca forte malessere nelle numerose famiglie a reddito fisso.
Il distretto agro-alimentare
Content:Parma è situata al centro di un'importante rete agro-alimentare mondiale di scambi, meritando l'appellativo di «food valley heart». La regione è conosciuta per le produzioni di latte e prodotti derivati di qualità (formaggio parmigiano reggiano, di salumi prosciutto di Parma, culatello di Zibello, salame di Felino, spalla di San Secondo), di conserve vegetali, di pasta e di prodotti cotti al forno. Il distretto agroalimentare parmigiano comprende Parma e 29 comuni limitrofi alla città, e risulta baricentrico rispetto ad un'area di circa 2.411km². Vi trovano impiego il 15% degli addetti del settore agro-alimentare. Il panorama aziendale si compone di: 326 prosciuttifici, 5.500 allevamenti, 163 macelli, 189 aziende produttrici (con 3.000 addetti) e 1.380 aziende del lattiero-caseario (con 7.500 addetti). Il distretto, per il quale la produzione e lavorazione della carne di suino costituisce un connotato tra i più tipici del panorama storico-economico alimentare, produce l'80% del prosciutto crudo della regione, mentre l'export ammonta complessivamente a 2.500 miliardi annui di prodotti.Il territorio ospita numerose aziende del settore agro-alimentare ed industriale tra loro collegate che consentono di definire l'area parmense come un distretto di filiera, in cui convergono i prodotti agricoli e zootecnici da trasformare e da cui si proiettano, anche al di fuori dell'ambito nazionale, i prodotti trasformati, gli impianti per la trasformazione e la tecnologia in generale. Tali aziende rappresentano la metà del fatturato industriale e artigianale della città, ossia 7,6 miliardi di euro su 15,6 miliardi di euro (dati 2002).Come previsto nel documento unico di programmazione sottoscritto dalla Regione Emilia-Romagna, dalla Provincia di Parma, dal Comune di Parma e dalle rappresentanze delle organizzazioni economiche e sociali a Parma verrà insediato un Tecnopolo all'interno del campus universitario, composto da centri di ricerca che opereranno in diversi settori industriali:
La tutela dei prodotti locali
Content:In merito al numero delle denominazioni tutelate ed i prodotti certificati (DOP - denominazione di origine protetta, IGP - indicazione geografica protetta e STG - specialità tradizionale garantita), Parma si colloca prima provincia nel settore agroalimentare di qualità. Parma eccelle nella classifica delle province per Primato qualitativo sulla base di due tipi di indicatori: fatturato di ogni singolo prodotto rispetto alla superficie della zona di produzione ricadente nella provincia rispetto al numero di aziende produttrici ubicate nella provincia stessa, mentre il secondo è calcolato considerando il numero delle certificazioni ricadenti nell'area provinciale rispetto al totale nazionale.Studio condotto nel dicembre 2004 dalla di Siena per conto del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali.
I dati economici e occupazionali
Content:Globalmente, le imprese attive nel 2004 erano 41.435, in progressione del 1,2% rispetto all'anno precedente con una forza lavorativa di 188.000 unità.Se nel 2004 le esportazioni verso l'estero dalla provincia di Parma ammontavano a 3 miliardi e 326 milioni di euro, nel 2007 sono salite a 4 miliardi 348 milioni di euro. Particolarmente significativo, nell'export 2007, l'incremento verso gli Stati Uniti dAmerica dove, nonostante l'euro forte, la percentuale è aumentata dal 2% del 2006 al 22% del 2007, in particolare nei settori della meccanica e dell'alimentare. Il mercato principale per i prodotti del territorio resta tuttavia l'Europa, che assorbe il 73% del valore totale.Dati del rapporto sull'economia della provincia di Parma nel 2007, studio presentato il 9 maggio 2008, dalla Camera di commercio di Parma in collaborazione con Unioncamere Emilia-Romagna. Globalmente, la crescita nel 2007 rispetto al 2006 è stata pari all'11,8% del fatturato, all'8,8% della produzione, al 10,6% dell'export, al 6,1% degli investimenti (rispetto al fatturato) e al 3,4% dell'occupazione: l'industria parmense consente all'economia di questo territorio di viaggiare a ritmi europei, con una sostanziale piena occupazione e un tasso di disoccupazione tra i più bassi d'Italia. Nel 2006 sono stati creati 3.000 posti di lavoro in più nei servizi, è cresciuta l'occupazione femminile e quella dei lavoratori nella fascia di anni 55-64.Nel dettaglio, l'occupazione femminile è aumentata nella fascia di età 15-64 anni, passando dal 57,5% del 2005 al 61,4% nel 2006, mentre la disoccupazione femminile, risalita in modo preoccupante, scende dal 6,0% nel 2005 al 3,2% nel 2006, percentuale che supera di quattro punti gli obiettivi di Lisbona; contemporaneamente il tasso di occupazione per i lavoratori anziani (di 55-64 anni) è passato dal 36,6% al 40,3%, mentre il territorio continua a vantare uno dei valori di disoccupazione più bassi del Paese con tasso complessivo che si riduce dal 4,1% del 2005 al 2,7% del 2007 (nel 2004 era al 3,6%).Dati del “Rapporto sul mercato del lavoro 2007” realizzato dall'Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Parma (Oml).Secondo i dati Istat relativi al 2007 la provincia di Parma si attesta per la seconda volta al primo posto in Italia per tasso di occupazione confermando la capacità di reazione del "Sistema Parma"” alle sollecitazioni dei mercati, alla competizione internazionale ed al crack Parmalat del 2003. Ha un lavoro il 72,4% della popolazione in età compresa tra i 15 e 64 anni, pari a 200.000 persone.Sempre nel 2007, il territorio ha saputo mantenere l'ottavo posto nella graduatoria delle province con il maggior Pil pro capite attestandosi a 32.388 euro per abitante.Fonte ISTAT 2007. Nell'anno 2009 si sono persi 1458 posti di lavoro ma il trend si è capovolto tra luglio 2009 e giugno 2010. L'attività imprenditoriale nel periodo 2007-2010 registra un saldo positivo del 4% (in controtendenza rispetto a regione e nazione). Nel 2008 il 7,9% dell'imprenditoria locale era straniera, un dato che colloca Parma al terzo posto in regione. L'export, dopo la brusca contrazione del 2009, segna nel 2010 un importante +22,9% a livello provinciale contro il 3,8% regionale. Il Censis colloca la realtà geo-economica di Parma al 12º posto in Italia.
Le multinazionali
Content:
Settore alimentare
Content:A Parma e nelle sue vicinanze hanno sede due grosse Multinazionale del settore alimentare: Barilla S.p.A. e Parmalat S.p.A. Secondo la speciale classifica stilata nel 2006 da "Il Reputation Institute" di New York, la Barilla è risultata, tra le multinazionali mondiali, la migliore azienda in base alla reputazione, essendo la più conosciuta nel mondo. Parmalat si è piazzata al 22º posto.
Altri settori
Content:Parma è anche sede di grosse multinazionali del settore chimico-farmaceutico tra le quali l'inglese Glaxo (l'altra sede italiana si trova a Verona) e la Chiesi Farmaceutici, un'azienda nata in città nel 1935 e che conta nel mondo 22 filiali dirette, 3 impianti produttivi e quattro centri di ricerca. Rimane importante per il tessuto economico locale la presenza dell'industria vetraria rappresentata dalle sedi delle multinazionali Bormioli Luigi S.p.A (sede a Parma), specializzata nella produzione in vetro di flaconi per profumeria e articoli per la tavola e Bormioli Rocco & Figli S.p.A., fondata a metà dell'XIX secolo da Rocco Bormioli. Il Gruppo "Bormioli Rocco & Figli" possiede 9 stabilimenti (uno per il vetro ed uno per gli stampi situati in provincia), 3 atelier di decorazione e 11 outlet. Opera in oltre 100 paesi, con circa 3.000 dipendenti.
Turismo
Content:Parma fa parte del circuito "Città dell'arte della pianura padana", un'associazione che riunisce 12 capoluoghi del nord Italia. In città sono presenti 30 alberghi e tre residenze turistico-alberghiere. Dagli inizi dell'anno 2000 ai primi del 2007, le presenze in queste strutture sono aumentate dell'11%, passando da 365.000 a 408.000, il numero di camere è lievitato del 70%, passando da 870 a 1.478, alle quali si aggiungeranno le possibili 700 previste dai progetti di apertura di nuovi alberghi.Federalberghi fonte giornalistica del 30 marzo 2008.Istituto Nazionale di Statistica Rilevazione del Movimento dei Clienti negli Esercizi Ricettivi Circoscrizione (capoluogo, APT o AASCT, Altri comuni) Parma Sezione 1. Considerando anche le altre 57 strutture ricettive cittadine, nel 2006 si sono censite globalmente 465000 presenze delle quali 315000 provenienti dall'Italia e 150000 dall'estero, in particolare da Francia, USA, Regno Unito e Germania, nazioni che da sole, hanno totalizzato 65000 presenze.Istituto Nazionale di Statistica Rilevazione del Movimento dei Clienti negli Esercizi Ricettivi 2006 Circoscrizione (capoluogo, APT o AASCT, Altri comuni) Parma Sezione 1.
Terme
Content:In provincia di Parma è ubicato uno dei più noti ed importanti poli termali italiani: Salsomaggiore Terme e Tabiano Terme. Di rilievo è anche il centro termale con acque sulfuree-solfate e salsobromoiodiche di Monticelli Terme, frazione del Comune di Montechiarugolo. Queste terme sono in funzione dal 15 maggio 1927 con la costruzione dello stabilimento termale che si trova in un grande parco secolare di conifere esteso 35 ettari.
Fiere di Parma
Content:Il quartiere fieristico è situato a ridosso dell'Autostrada A1 (Italia) a Baganzola, vicino alle frazioni di Roncopascolo ed Eia (Parma) e occupa una superficie di 300000m², di cui 100000 adibiti a superficie espositiva coperta e attrezzata. Le principali manifestazioni sono Cibus (salone internazionale dell'alimentare), Cibus Tec (meccanica e impiantistica alimentare), Dolce Italia (dolciario), Mercanteinfiera ed Emporium (modernariato, antichità e collezionismo), Gotha (antiquariato), Bagarre (collezionismo e antichità) e il Salone del camper (collezionismo, motori, autocaravan e caravan).
Artigianato
Content:Per quanto riguarda l'artigianato, Parma è rinomata, oltre al settore agro-alimentare, per la produzione di ceramiche e per i laboratori di abbigliamento, scarpa e Borsa (oggetto) in cuoio.
Infrastrutture e trasporti
Content:
Strade
Content:Parma è ben servita sotto il profilo stradale. Sono due le autostrade che si collegano alla città: l'Autostrada A1 (Italia) Milano-Bologna, tramite l'uscita "Parma", e l'Autostrada A15 (Italia) Parma-La Spezia, tramite l'uscita "Parma Ovest".Le principali vie di accesso sono: la strada statale 9 Via Emilia, che percorre l'intero nucleo urbano da est ad ovest; la strada statale 62 della Cisa a sud; la strada statale 343 Asolana a nord.Un anello di tangenziali cinge infine l'intera città.
Ferrovie
Content:Parma è posta sulla ferrovia Milano-Bologna. Dalla stazione di Parma si diramano le linee per Ferrovia Pontremolese, ferrovia Parma-Brescia e ferrovia Parma-Suzzara, quest'ultima di competenza delle Ferrovie Emilia Romagna. Dal dicembre del 2010, l'interconnessione di Parma collega l'impianto ferroviario alla ferrovia Milano-Bologna (alta velocità).
Aeroporti
Content:La città è servita dall'Aeroporto di Parma, aperto al traffico passeggeri nazionale e internazionale.
Mobilità urbana
Content:Il trasporto urbano viene gestito dalla TEP, Parma, che fornisce alla città 17 linee diurne, 2 notturne e il servizio pronto bus attivo dalle 20 fino all'una del mattino; è inoltre attiva una Rete filoviaria di Parma di quattro linee, che sostituì nel 1953 una Rete tranviaria di Parma attivata nel 1899.
Tranvie
Content:Oltre alla rete urbana, Parma fu servita tra il 1892 e il 1954 da un'estesa rete di tranvie interurbane: @an0:Parma-Langhirano@an0:Parma-San Secondo-Zibello-Busseto@an0:Parma-Soragna-Busseto@an0:Parma-Traversetolo/Montecchio@an0:Parma-Fornovo@an0:Parma-Marzolara
Amministrazione
Content:
Consolati
Content:A Parma sono presenti i consolati onorari di Francia, Bulgaria e Lituania.
Gemellaggi
Content:La città è gemellata con: @an0:Slovenia@an1:Lubiana@an2:1964@an0:Francia@an1:Tours@an2:1979@an0:Germania@an1:Worms@an2:1984@an0:Cina@an1:Shijiazhuang@an2:1987@an0:Ungheria@an1:Seghedino@an2:1988@an0:Francia@an1:Bourg-en-Bresse@an2:1990Ha un patto d'amicizia con: @an0:Italia@an1:Castel Giorgio@an2:1977@an0:Spagna@an1:Guadalajara (Spagna)Guadalajara@an2:1979@an0:Italia@an1:San Vito Lo Capo@an2:1983@an0:Argentina@an1:Rosario (Argentina)Rosario@an2:2000
Scambi internazionali
Content:L'Agenzia per l'internazionalizzazione creata dalla Provincia di Parma ha realizzato accordi turistico-commerciali e culturali con le città di Manchester e Stockton (California) nel 1998, Reutlingen nel 2002 e Cluj-Napoca nel 2003.
Sport
Content:
Note
Content:
Bibliografia
Content:anno:1792autore:Ireneo Affòtitolo:Storia della città di Parmacittà:Parmaeditore:Stamperia Carmignanicid:Affòurl: http://books.google.it/books?id=oSvDKaLCTVoCanno:1835autore:Giuseppe Vallardititolo:Itinerario d'Italia o sia: Descrizione di CXXXVI viaggi per le strade più frequentate sì per posta che altrimenti alle principali Città d'Italiaeditore:Vallardicittà:Milanoedizione:22annooriginale:1815url: http://books.google.it/books?id=eGUPAAAAYAAJcid:Vallardi 1815anno:1931autore:Antonino Sorrentinotitolo:La Regia Galleria di Parmaeditore:IPZScittà:Romacid:Sorrentino 1931anno:1952autore:Géza de Francovichtitolo:Benedetto Antelami architetto e scultore e l'arte del suo tempoeditore:Electacittà:Milano-Firenzecid:Francovich 1952anno:1972autore:Gianni Capellititolo:Parma. Una città da vederecittà:Collecchioeditore:Artegrafica Silvacid:Capelli 1972anno:1978titolo:Parma, la città storicaeditore:Silvacittà:Parmacuratore:Vincenzo Banzola, Mirella Marini Calvanicid:Banzola - Calvani 1978anno:1979autore:Marzio Dall'Acquacoautori:Marzio Lucchesicittà:Parmaeditore:Albertellititolo:Parma città d'orocid:Dall'Acqua - Lucchesi 1979anno:1979-80autore:Paolo Conforticoautori:Carlo Castagneti, Olga Hainess, Ezio Pellegrinititolo:Le mura di Parmaeditore:Batteicittà:Parmacid:Conforti 1979anno:1982autore:Baldassarre Molossicoautore:Aldo Curtititolo:Parma anno zeroeditore:Grafiche Stepcittà:Parmacid:Molossi 1982anno:1988autore:Tiziano Marchesellititolo:Le strade di Parmaeditore:Benedettinacittà:Parmacid:Marcheselli 1988anno:1988annooriginale:1982autore:Jürgen Schulztitolo:Gli edifici di Parma nell'età comunaleeditore:Tecnograficacittà:Parmacid:Schulz 1988anno:1992annooriginale:1978titolo:Parma medievale: economia e società nel parmense dal Tre al Quattrocentoautore:Roberto Grecieditore:Batteicittà:Parmacid:Greci 1992anno:1994autore:Cecil Gouldtitolo:Il Parmigianinoeditore:Mondadoricittà:MilanoISBN:88-04-38916-8cid:Gould 1994anno:1994annooriginale:1977autore:Eberhard Horsttitolo:Federico II di Sveviacittà:Milanoeditore:Rizzolicid:Horst 1994ISBN:88-17-11621-1anno:1994titolo:Storia di Parmaautore:Gustavo MarchesiISBN:88-7983-672-2città:Romaeditore:Newton Comptoncid:Marchesi 1994anno:1996titolo:Il Palazzo della Pilotta a Parma. Dai servizi della corte alle moderne istituzioni culturaliautore:Lucia Fornari Schianchicittà:Milanoeditore:Franco Maria Riccicid:Fornari Scianchi 1996anno:1997titolo:Parma 1943, 8 settembreautore:Mario Zannonieditore:PPScittà:Parmacid:Zannoni 1997anno:2000-02curatore:Giancarlo Gonizzititolo:I luoghi della storia. Atlante topografico parmigianoeditore:PPScittà:Parmacid:Gonizzi 2000anno:2001curatore:Laura Quagliolotitolo:Emilia Romagna: Bologna, le città d'arte, il Po e la Riviera adriatica, la pianura e l'Appenninoeditore:Touringcittà:MilanoISBN:88-365-2346-3cid:Touring 2001anno:2002titolo:Parmaautore:Gianni Guadalupicoautori:Marzio Dall'Acqua, Francesca Grignaffinieditore:Franco Maria Riccicittà:MilanoISBN:88-216-0670-8cid:Guadalupi 2002anno:2003titolo:Il teatro del conflitto. La Compagnia del Collettivo di Parma nella stagione dei movimenti. 1968-1976autore:Margherita Becchettieditore:Odradekcittà:Romacid:Becchetti 2003ISBN:88-86973-52-7anno:2003titolo:Via Emilia: percorsi inconsueti fra i comuni dell'antica strada consolareautore:Antonio Saltinicoautori:Maria Teresa Salomoni, Stefano Rossi Cescaticittà:Bologna-Milanoeditore:Il Sole 24 ORE-EdagricoleISBN:88-506-4958-4cid:Saltini 2003anno:2006titolo:Parma. Città d'arteeditore:OGBcittà:BolognaISBN:88-6078-044-6cid:Parma città d'arte 2006anno:2006annooriginale:1999autore:Cristina Lucchinititolo:Palazzi di Parma. Segrete architetturecittà:Parmaeditore:BatteiISBN:88-7883-019-4cid:Lucchini 2006anno:2006autore:Tiziano Marchesellititolo:Parma di una voltaeditore:Grafiche Stepcittà:ParmaISBN:88-7898-043-9cid:Marcheselli 2006anno:2007titolo:Le osterie parmigiane da ieri a oggieditore:Monte Università ParmaISBN:88-7847-144-5cid:Osterie parmigiane 2007anno:2007autore:Paolo Conforticoautori:Giuseppe Rizzardi Polinititolo:Parma tra neoclassico e romanticoeditore:Tipolitotecnicacittà:Sala BaganzaISBN:88-901185-0-4cid:Conforti 2007anno:2007autore:Gustavo Marchesicuratore:Guido Contititolo:Toscanini e Parmaeditore:Monte Università ParmaISBN:88-7847-118-6cid:Marchesi 2007anno:2008autore:William Gambettacuratore:Roberto Montalititolo:Le due città. Parma dal dopoguerra al fascismo (1919-1926)città:Parmaeditore:Silvacid:Montali 2008ISBN:88-7765-158-Xcapitolo:E le pietre presero un'anima. Le barricate del 1922pp:73-89anno:2009-13url: http://www.storiadiparma.ittitolo:Storia di Parmacuratori:Domenico Vera, Bruno Adorni ''et al.''editore:Monte Università ParmaISBN:88-7847-293-Xcid:Storia di Parmaanno:2011curatore:Fiorenzo Sicuri, Roberto Montalititolo:Storia di ieri : Parma dal regime fascista alla Liberazione, 1927-1945editore:Diabasiscittà:Reggio EmiliaISBN:88-8103-760-2cid:Storia di ieri
Voci correlate
Content:
Altri progetti
Content:
Collegamenti esterni
Content:@an0:http://www.comune.parma.it@an1:Comune di Parma@an0:http://www.unipr.it@an1:Università di Parmaurl: http://www.europeancollege.it/index.php?IDL=1&IDA=2titolo:Collegio Europeo di Parmaurlmorto:sìurlarchivio:https://web.archive.org/web/20110704183033/http://www.europeancollege.it/index.php?IDL=1&IDA=2dataarchivio:4 luglio 2011@an0:http://www.parmacultura.it@an1:Il portale della cultura del Comune di Parmaurl: http://wikimapia.org/#lat=44.7991343&lon=10.329895&z=13&l=2&m=a&v=2titolo:Parma dal satellite su Wikimapia@an0:Mappa di Parma@an0:http://www.parmacultura.it/it-it/culturagiovanile.aspx@an1:Archivio Giovani Artisti sul portale della cultura del Comune di Parma@an0:http://www.parmacultura.it/it-it/associazioni.aspx@an1:Archivio delle Istituzioni e delle Associazioni Culturali sul portale della Cultura del Comune di Parma@an0:http://biblioteche.comune.parma.it/BibParma/Cartografia/ANNI.HTM#A1200@an1:Approfondimenti sull'evoluzione urbanisticaurl: http://www.francescocorni.com/disegni.php?s_titolo=&s_tipo=&s_citta=Parma&s_regione=&s_area=&disegniPageSize=titolo:Rappresentazioni grafiche dello sviluppo urbanistico della città@an0:http://www.pianificazioneterritoriale.comune.parma.it/cgi-bin/allegati/TipoTavole/PSC%20-%20Piano%20Strutturale%20Comunale/Norme%20del%20PSC/Norme%20Tecniche%20Attuazione_Var.134-08.pdf@an1:Piano Strutturale Comunale 2006 - Norme tecniche di attuazioneformato:pdf@an0:http://www.adbpo.gov.it/it@an1:Autorità di bacino distrettuale del fiume Po@an0:http://thecampanileproject.org/campanile/index.php/emilia-romagna/parma@an1:Parma su The Campanile Project@an0:https://www.skylinewebcams.com/it/webcam/italia/emilia-romagna/parma/piazza-garibaldi.html@an1:Parma - Piazza Garibaldi live webcam

References

Federico PizzarottiLista civicaVedi sezioneCollecchioFelinoFontanellatoFontevivoGattaticoRELanghiranoLesignano de BagniMontechiarugoloNocetoSala BaganzaSissa TrecasaliSorbolo MezzaniTorrileTraversetoloSantIlario dEnzasantIlario di PoitiersIreneo Affò1266Carlo I dAngiòghibellinoOberto II PallavicinoAFIdialetto parmigianoGuglielmo Capacchicomune italianocapoluogoomonima provinciaEmilia-RomagnaBolognaducato di Parma e Piacenza15451859cittàsede universitariaXI secolo2002EFSA1956PoAIPO1990Autorità di bacino distrettuale del fiume Po1994Reparto Investigazioni ScientificheCarabinieriItalia settentrionaleCrédit Agricole CariparmaFestival Verdi2015Città creativaUNESCOomonima città statunitenseOhioCleveland1826capitale italiana della culturaAttilio BertolucciNord ItaliaEmiliaAppenniniPianura Padanatorrente ParmaPoBaganzaOttocento2005cassa di espansionefiume TaroEnzaprovincia di Reggio EmiliaTraversetoloLesignano de BagniLanghiranoFelinoSala BaganzaCollecchioClassificazione sismica2003187819852011AppenninoinvernoautunnoVia EmiliaPoottobreluglio19611990temperaturagennaioluglioprecipitazioniestateinvernoautunnoprimaveraeliofanialugliodicembre19611990Classificazione climaticaGGDiffusività atmosfericascudo rotondoesercito RomanogentilizietruschiantroponimoMassimo Pittaulatinaprestitolingua etruscaantico popololigurecelticalatinizzatotorrente omonimoLa CertosaMarcel ProustXX secolosua provinciaAlessandro FarneseOtto Vaenius (ca. 1585). 3º Duca di Parma e figlio di Ottavio (nipote di papa Paolo III), fu considerato uno dei più grandi capitani del suo secolo.: neoliticocultura dei vasi a bocca quadrataetà del bronzoXVIIIXVII secolo a.C.cultura di PoladaXVI secolo a.C.terramaricoliTito LivioEtruschiEmiliaVIIVI secolo a.C.IV secolo a.C.celtiBoiNord ItaliaRomani183 a.C.via Emiliacardotorrente Parmastrada delle cento migliaLunipasso del LagastrelloImpero Romano377GrazianoTaifaliAttila452502Teodoricoguerre gotiche539568Longobardi593AgilulfoFranchi879CarlomannoGuibodoIX secoloMagiariXII secololibero comunepodestàcapitano del popolo1160Federico Barbarossabattaglia di Legnano1174Lega Lombarda1183Pace di Costanzaguelfi e ghibelliniXIV secoloCastelguelfoVisconti1346144714041409Ottobuono de TerziSforzaLa disfatta degli Svevi: 1247Federico II di SveviaguelfighibelliniNocetoLioneFognano1248Federico IIBorgo San Donnino1521assedio di tre giorni1545papa Paolo IIIDucato di ParmaPier Luigi Farnese1731CorreggioParmigianinoBorboneInfante di SpagnaCarlo IElisabetta FarneseFilippo V di Spagna1734guerra di successione polaccaconquista borbonica delle Due Sicilie1735Carlo VI dAsburgoGalleria nazionalePalazzo FarneseMuseo di Capodimonte1748GuastallaTrattato di Aquisgranaguerra di successione austriacaFilippoBorbone-Parma1802Napoleone BonaparteFranciadipartimento del Taro1814Congresso di ViennaAsburgoMaria Luigia dAustriaFrancesco I18311847Carlo II18471849Carlo III18491854Roberto ILuisa Maria di Borbone-Francia1859seconda guerra di indipendenzaRegno Lombardo-VenetoArmistizio di VillafrancaRegno di Sardegnaplebiscito18601964Granduchi del Lussemburgo1922Italo Balbo1945La Gazzetta di ParmaComitato di Liberazione Nazionalepartigianiseconda guerra mondialeCittà decorate al Valor Militare per la Guerra di LiberazioneMedaglia dOro al Valor MilitareGiuseppe MicheliEmilia Lunensethumb|left|Stemma del Comune1248Federico IISalimbene de AdamGonfalone: bizantini1947Piazza Duomo: Cupola del Battistero: Duomo1106architettura romanica in ItaliaDeposizione dalla croce1178Benedetto AntelamicupolaCorreggioBattistero1270VeronaXIIIXIV secoloabbazia di San Giovanni EvangelistamanieristaSimone MoschinocupolaAntica SpezieriaChiesa di San Giovanni Evangelista: Camera di San Paolo: monastero di San PaoloCamera della Badessabasilica di Santa Maria della SteccataItaliapianta centraleXVI secoloTre vergini savie e tre vergini stolteParmigianinoBasilica della Steccata: Chiesa della Santissima Annunziata: neoclassicachiesa di San Pietro ApostoloPetitotbaroccachiesa di San Vitalechiesa di SantAntonio AbateFerdinando Galli da Bibbienachiesa di San Sepolcrochiesa di San Francesco del Pratogoticaoratorio dellImmacolata Concezioneex chiesa di Santa Maria del Carminechiesa di Santa Maria degli AngeliCupola di Santa Maria del Quartiere: L'abbazia di Valserena: Oltretorrentechiesa della Santissima AnnunziataGiovan Battista FornovoManierismoXVI secolochiesa di Santa Maria delle GrazieSebastiano Galeottioratorio di SantIlarioOspedale Vecchiochiesa di San Francesco di Paolachiesa di Santa Crocechiesa di Santa Maria del QuartiereGiovan Battista AleottiPier Antonio Bernabeiabbazia di ValserenaCentro studi e archivio della comunicazionegoticocertosa di San GirolamoPolizia Penitenziariapieve di San PancrazioSan Pancrazio Parmenseromanapieve di San GeminianoVicofertileXIIXIII secolomedievalepieve dei Santi Ippolito e CassianoGaioneIngresso principale della Cittadella: Porta San Francesco: CittadellaXVI secoloSmeraldo SmeraldiAlessandro Farnesemarmo di Carrara1596Simone Moschinosecondo dopoguerraTorrione VisconteoPalazzo della PilottatorrenteBernabò ViscontiXIV secolomura cittadineXX secoloPorta San Francesco1866farnesianoPorta Santa CrocePorta San BarnabaPalazzo della PilottaPorta San MicheleBorbonePorta Nuovatorrione di Baganzolatorrione di Benecetotorrione di Vicomerotorre degli Albericastello di PanocchiaPalazzo della Pilotta: Palazzo di Riserva: DucatoPalazzo della PilottaFarnese1580Simone MoschinoGalleria Nazionale di ParmaTeatro FarneseMuseo archeologico nazionale di ParmaBiblioteca PalatinaMuseo Bodonianoistituto dArte Paolo Toschipiazzale della Paceneoclassicipalazzo della Provinciapalazzo dellIntendenza di FinanzaPalazzo di Riserva1673stile Luigi XVPetitotmuseo Glauco Lombardipalazzo delle PostelibertyPalazzo del Giardino: Palazzetto Eucherio Sanvitale: torrente ParmaParco DucalePalazzo del Giardino1561VignolarinascimentalePalazzetto Eucherio SanvitaleParmigianinoOspedale VecchioPalazzo del Comune: Palazzo del Governatore: palazzo del Comunepalazzo del Podestàmedievalipalazzo del GovernatorePetitotchiesa di San Pietro Apostoloneorinascimentalepalazzo della Cassa di Risparmioex palazzo della Camera di commerciodécoPalazzo Episcopale: Palazzo Rangoni Farnese: Palazzo Episcopalediocesi di ParmaMuseo diocesanoSeminario maggioreXIX secolopalazzo dellUniversitàXVI secoloUniversità di ParmaPalazzo delle Orsolinepalazzo del TribunalePalazzo Imperiale dellArenapalazzo delle CarrozzeUniversità degli Studi di ParmaCasinetto PetitotPalazzo GiordanineogoticoSeminario minoreCasa madre dei Missionari SaverianiMuseo darte cinese ed etnograficoPalazzo Dalla Rosa PratiPalazzo Sanvitalemuseo Amedeo BocchiPalazzo CusaniCasa della MusicaPalazzo TirelliPalazzo DazziPalazzo Rangoni FarnesetelamoniPrefetturaPalazzo MarchiPalazzo Bossi Bocchimuseo Fondazione CariparmaPalazzo SoragnaPalazzo TarasconiPalazzo CarmiPalazzo PallavicinoSebastiano GaleottiTribunale Amministrativo RegionalePalazzo BoselliVillino Bonazzi: Villa Malenchini: libertynovecentoCittadellaVillino Bonazzi1911neoclassicheVilla PicediVilla AvogadroSan Pancrazio ParmenseVilla Levi-TedeschiGaioneVilla PaganiniNiccolò PaganiniCarignanoVilla Malenchiniparco romanticorococòrinascimentaliCesare BaglioniVigattoVilla Meli LupiMaroreVilla PetitotEnnemond Alexandre PetitotVilla SimonettaSan Prospero ParmenseVilla MatteiTeatro Regio: Teatro Farnese: neoclassicoTeatro Regioteatro doperaItalia1821Nicola BettoliMaria LuigiaGirolamo MagnaniGiovan Battista BorghesiAuditorium Niccolò Paganini: Teatro al Parco: Teatro FarnesePalazzo della PilottaTeatro OlimpicoAndrea Palladioproscenio1617Giovan Battista AleottiFarnese1944secondo dopoguerraConvitto nazionale Maria LuigiaParco EridaniaAuditorium Niccolò PaganiniRenzo Piano2001zuccherificioEridaniaTeatro DueTeatro al Parco19391941Parco DucalePalacassaTeatro Giovannino Guareschilingua dialettaleMaroreVilla PetitotEnnemond Alexandre PetitotMonumento alla Vittoria: Ara centrale del Monumento a Giuseppe Verdi: romanaPons Lapidisetà AugusteaTeodorico493Fontana del Trianon: Tempietto d'Arcadia: stazione ferroviariamonumento a Vittorio Bottego1907Ettore XimenesPalazzo della Pilottamonumento alla Vittoria1917piazzale della Pacemonumento a Giuseppe Verdi1913monumento al Partigiano1954Marino MazzacuratiGuglielmo Lusignolitorre di San Paolomonumento ai Caduti di tutte le guerre1961monumento al Parmigianino1879palazzo del Governatoremonumento a Giuseppe Garibaldi1893Davide Calandrapalazzo del Comunemonumento al Correggio1870Agostino Ferrarinichiesa di San Vitalemonumento a Ercole e AnteoTeodoro Vandersturck16841687Palazzo CusaniMonumento a Filippo Corridoni: Arco di San Lazzaro: OltretorrenteParco DucaleJean-Baptiste BoudardFontana del Trianon17121719Giuliano MozzaniReggia di Colorno1920Tempietto dArcadia1769PetitotPonte di Mezzomonumento a Filippo Corridonidéco19251927Alessandro MarzaroliArco di San Lazzaro1628barocconeoclassicacimitero monumentale della Villetta1817Maria LuigiaNiccolò PaganiniIldebrando PizzettiCarlo Alberto Dalla ChiesaGiuseppe CenniPadre Lino MaupasGiancarlo RastelliPietro BarillaIl Palazzo Ducale negli anni '30 del Novecento: Il monumento a Giuseppe Verdi nel 1920: Torre civica12871606palazzo del Capitano del Popolo1281piazzale della PacePalazzo DucaleNicola BettoliTeatro Reinach18711944monumento a Giuseppe Verdi1913seconda guerra mondialepiazza GhiaiaBeccherie18381928Giovanni MariottiLungoparmamura900Parco Ducale: Cittadella: Orto Botanico: Parco DucaleXVIII secoloCittadellaXVI secolosecondo dopoguerraGiardini di San PaoloXIX secoloOrto botanicogiardino allitaliananeoclassichePetitotGiardini di San Paolo: torrente Parmatorrente BaganzaLungoparma: 2007201320142014IrenPM102014Regione20122008201220082014zone a traffico limitatozone 302013Il Sole 24 OreLegambienteTrentoBolzanoarea metropolitana183 a.C.774Carlo Magno140015451545155115731630Maria Luigia181418471861proclamazione del Regno dItalia1871187418811883Ministero dellinterno1865Carlo Verga19011911201220132014201520132013OltretorrenteSan PancrazioGoleseVigatto2014MoldaviaRomaniaAlbaniaFilippineNigeriaTunisiaUcrainaMaroccoGhanaCinaSuore Orsoline Missionarie del Sacro Cuore di Gesù1575Maria Lucrezia Zileri dal VermeXIX secolo1755Suore Domenicane della Beata ImeldaAncelle dellImmacolataAnna Maria AdorniPiccole Figlie dei Sacri Cuori di Gesù e Maria1865Agostino ChieppiPia Società di San Francesco Saverio per le Missioni Estere1895Guido Maria ConfortiSocietà Missionaria di MariaCelestina Bottegobenedettiniabbazia di San Giovanni9831852sublacensiCarmelitane ScalzeSanta Maria Bianca1635Margherita AldobrandiniCremonaClarisse CappuccineSanta Maria degli Angeli1682Ranuccio II FarneseGuastalla1220Francesco dAssisiosservantichiesa della Santissima AnnunziataSan Francesco del Pratooratorio dellImmacolata ConcezioneCarmelitani Scalzi16231881chiesa di Santa Teresa del Bambin GesùSalesianichiesa di San Benedetto1889Figlie di Maria AusiliatriceFratelli delle Scuole Cristiane1836Stimmatini18761969Preti del Sacro Cuore di Gesù di Bétharram1977Figlie della Croce, Suore di SantAndrea1851Luisa Maria di Borbone-FranciaSuore Ancelle del SantuarioPiacenzaSuore della Divina Provvidenza per lInfanzia Abbandonata1924Suore Orsoline Figlie di Maria ImmacolataAgenzia Interregionale per il fiume PoAutorità di bacino distrettuale del fiume Po2003Autorità europea per la sicurezza alimentareagenzieUnione europeaOspedale Maggiore di ParmaConsorzio italiano per la sicurezza e la ricerca sulla qualità degli alimentiStazione Sperimentale per lIndustria delle Conserve AlimentariaeroportoHenri BeyleLa Certosa di Parma'': Casa natale di Arturo ToscaniniFile:Casanataletoscanini.jpg: Giovanni Battista BodoniFerdinando I di Borbone-ParmaBodoniFile:Andrea Appiani, Giambattista Bodoni.jpg: OperaGaio Cassio ParmenseI secolo a.C.elegieBenedetto AntelamiParmigianinoil CorreggioIreneo AffòGiovanni Battista BodoniFratelli AmorettiFerdinando PaërMacedonio MelloniGiuseppe VerdiArturo ToscaniniEnnemond Alexandre PetitotÉtienne Bonnot de CondillacAttilio BertolucciHenri Beyle1814La Certosa di ParmaMarcel ProustLa strada di SwannXVIII secoloUnione europeaimportante agenzia comunitariacapitale italiana della culturaGiorgio CalabreseAutorità Europea per la Sicurezza Alimentare2003José Manuel Durão BarrosoCommissione europea2008Collegio Europeo di ParmaSala lettura della Biblioteca Palatina: 191219732013Biblioteca Civica Mario Colombi GuidottiOspedale VecchioBiblioteca di Agricoltura Antonio BizzozeroOspedale VecchioOspedale VecchioBiblioteca Umberto BalestrazziOspedale VecchioBiblioteca Ugo GuandaMonastero di San PaoloMonastero di San PaoloParco DucaleBiblioteca PalatinaPalazzo della PilottaUniversità di ParmaArchivio di Stato di Parmadellinfanziaprimariesecondarie di primo gradoscuole secondarie di secondo gradoconvitto nazionale Maria Luigialiceo ginnasio statale Gian Domenico Romagnosiliceo scientifico statale Guglielmo Marconiliceo artistico statale Paolo ToschiLogo dell'Università degli Studi di Parma: Università degli Studi di ParmaXI secoloClassifica accademica delle università mondiali20142003Collegio Europeo di ParmaUnione europeaBrugesBelgioAccademia di belle artiConservatorio Arrigo BoitoPalazzo della PilottaPalazzo di Riservaex monastero di San Paolobasilica di Santa Maria della Steccatapalazzo vescovileabbazia di San Giovanni EvangelistaPalazzo CusaniOspedale Vecchioabbazia di ValserenaSala Baganza19741974Radio Bologna per laccesso pubblico1975Elvio UbaldiPremio SantIlario2005Gazzetta di Mantova1664Gazzetta di Parma1735Vita NuovaDiocesi di Parma19191999provinciaUniversità degli Studi di ParmaCariparmaGlauco Lombardi1912Camera di Commercio1869la RepubblicaTv ParmaGazzetta di Parma1974Corte Costituzionale1978Teleducato ParmaPiacenzaÈ TV ParmaArchivio Giovani ArtistiBjcembanca datiLe passioni dei parmigiani: l'opera e la bicicletta: Arturo ToscaniniOltretorrentela sua casa natale è diventata un museola sua casa natale è diventata un museo dedicato al grande direttore d'orchestra: 2004Ministero per i beni e le attività culturaliMinistero delle infrastrutture e dei trasporti20082002principale teatro cittadinoAuditorium Niccolò PaganiniCasa della Musica20022005Palazzo CusaniSeicentochiesa di Santa ElisabettaConservatorio di Musica Arrigo Boito1819Maria LuigiaGiuseppe Verdiottobrefestivalfestival di rinomanza mondiale dedicato alle sue Opere: Niccolò Paganinicimitero della VillettaIldebrando Pizzetti, unite in un monumento funebre costruito su progetto di Giuseppe CocconcelliXVI secolofarnesiana15701601collegio dei Nobili160317571758CorneilleRacineMolièreTeatro Ducale cittadinoColorno17611768SettecentoOttocentoParigiViennaXVIII secoloNiccolò PaganiniMaria LuigiaauditoriumRenzo Piano200118161975200219902014Orchestra del Teatro Regio di ParmaCoro del Teatro Regio di Parma19781905rockanni sessantasettantaCorvibeatAcqua FragileBernardo LanzettiPFManni ottantaScialpiCorpo bandistico municipale Giuseppe Verdi di Parma1946Parmigiano-Reggiano: Prosciutti di Parma: provinciaParmigiano-ReggianoProsciutto di ParmaBoccaccio1348CinquecentoFarneselambruscoBassa parmenseSan SecondoFestival VerdiGiuseppe VerdiRoncole Verdi1813XIV secoloPalio di ParmasettembreI Quartieri del Comune di Parma: 200219792010OltretorrenteGoleseSan PancrazioVigattoAlberiBaganzolaBaganzolinoBenecetoCarignanoCasaltone di ParmaCastelnovo a seraColoretoCorcagnanoEiaFognanoFraore di GoleseFraore di San PancrazioGaioneMalandrianoMaranoMarianoMaroreMartoranoMoletoloPanocchiaPedrignanoPizzolesePontetaro di ParmaPorporanoRavadeseRoncopascoloSan DonatoSan Pancrazio ParmenseSan Prospero ParmenseSan RuffinoUgozzoloValeraViarolo di ParmaVicofertileVicomero di ParmaVicopòVigattoVigheffioVigolanteLa Duchessa Maria Luigia: Maria Luigiamoti del 1831Chiesa dei CappucciniAsburgo1880stendhalpomodoropisellomaisparmigiano reggianoprosciutto di Parmaculatello di Zibellosalame di Felinospalla di San SecondoLondra1561denominazione di origine protettaindicazione geografica protettaspecialità tradizionale garantita2004SienaMinistero delle politiche agricole alimentari e forestali200420042007Usa20062007200620052006LisbonaIstatprovincia di Parmacrack finanziario Parmalat20032007PilmultinazionaliBarillaParmalat2006New YorkGlaxoSmithKlineVeronaChiesi Farmaceutici S.p.A1935Bormioli LuigiBormioli Rocco & FigliOttocentoRocco Bormiolioutletnord Italia20002007Salsomaggiore TermeTabiano TermeMonticelli TermeMontechiarugolo1927autostrada A1BaganzolaRoncopascoloEiaLuca Cordero di MontezemoloConfindustria2006artigianatoceramicheabbigliamentoscarpeborsepelleautostrada A1MilanoBolognaautostrada A15La Speziastrada statale 9 Via Emiliastrada statale 62 della Cisastrada statale 343 Asolanalinea ferroviaria Milano-Bolognastazione cittadinaLa SpeziaBresciaSuzzaraFerrovie Emilia Romagna2010linea ad alta velocità Milano-Bolognaaeroporto Giuseppe VerdiTEP - Tranvie Elettriche Parmensirete filoviaria1953rete tranviaria189918921954Parma-Langhirano18921940Parma-San Secondo-Zibello-Busseto18931939Parma-Soragna-BussetoParma-Traversetolo/Montecchio18941940Parma-Fornovo19101954Parma-MarzolaraFranciaBulgariaLituaniaManchesterStockton1998Reutlingen2002Cluj-Napoca2003Ireneo AffòBaldassarre MolossiTiziano MarcheselliCecil GouldEberhard HorstTiziano MarcheselliGuido ContiMusei di ParmaAcqua di ParmaDucato di Parma e PiacenzaDuchi di ParmaBattaglia di Parma (XIII secolo)Palio di ParmaGalleria nazionale di ParmaAccademia di belle arti di ParmaUniversità degli Studi di ParmaAeroporto di ParmaLuneziaDialetto parmigianoRinascimento parmenseParmigiano-ReggianoProsciutto di ParmaCongregazione dellabbondanza di ParmaSan Pancrazio ParmenseOpenStreetMapCategoria:Parma

Categories

wikitext-dom:<empty>