entity
id:109461
revid:101222924
size:18114
Autopsia
OKNo issues detected

Abstract

File:Enrique Simonet - La autopsia 1890.jpg: L'autopsia (chiamato anche esame post mortem), è un esame medico dettagliato e attento del Corpo umano e dei relativi Organo (anatomia) della persona dopo la morte per stabilirne le cause, le modalità ed eventualmente i mezzi che l'hanno causata. Il termine deriva dal Lingua greca αὐτοψία (composto di αὐτός, «stesso», e ὄψις, «vista») e significa «che vede con i propri occhi».Nelle autopsie a scopo giudiziario è anche richiesto di stabilire l'epoca della morte, desumibile dai cosiddetti fenomeni cadaverici.
sections_text:
<empty>
Content:
Storia
Content:File:Rembrandt - The Anatomy Lesson of Dr Nicolaes Tulp.jpg: Le autopsie sono una fonte di informazioni mediche importanti che possono migliorare la salute. Ci sono molte malattie che sono state scoperte o le cui cure sono state aiutate notevolmente tramite gli esami autoptici. Le prime autopsie furono eseguite circa 2500 anni fa nell'antica Grecia, erano comunque casi piuttosto sporadici in quanto la religione antica non consentiva di "aprire" il corpo. La prima dissezione che fu eseguita nell'antica Grecia di cui abbiamo notizia fu quella di Alcmeone di Crotone (V secolo a.C.) che scoprì il nervo ottico anche se non riuscì a capire come funzionava. Di grande interesse è la notizia, riportata da Gaio_Svetonio_Tranquillo, dell'esame autoptico eseguito dal medico Antistio sulla salma di Gaio Giulio Cesare dopo la sua uccisione da parte dei congiurati alle idi di marzo del 44 a.C. Per tutto il resto dell'Roma_(città_antica) e Medioevo non si ha notizia di alcuna dissezione anatomica, fino al 1500 con Andrea Vesalio che, studiando medicina all'Università di Parigi, durante la lezione di anatomia chiese al professore se poteva essere lui a dissecare il cadavere. Per dieci anni fece autopsie e osservò, fino al 1543 quando pubblicò il suo libro de Humani corporis fabrica in cui mette in discussione buona parte dell'anatomia fino a quel momento accettata (cioè quella di Ippocrate e di Galeno). Giovanni Battista Morgagni (1682-1771), professore di anatomia all'Università degli Studi di Padova, pubblica il suo libro De sedibus et causis morborum per anatomen indagatis, in cui raccoglie tutte le dissezioni fatte in tutta la sua carriera. Morgagni conosce i suoi cadaveri, sono i ricoverati nell'ospedale di Padova che disseca per vedere se a sintomi e malattie corrispondono segni anatomici sul corpo. Nasce con Morgagni l'anatomia patologica.
Caratteristiche
Content:File:Autopsy FW Guerin.jpg: L'analisi viene effettuata nei reparti di anatomia patologica o di medicina legale da un medico coadiuvato dal tecnico forense. A tal proposito non va confusa la figura del medico settore (Anatomopatologo o medicina legale) con quella del coroner (mestiere), una figura non esistente in Italia ma operante nei Paesi anglosassoni, che solitamente si occupa solamente del sopralluogo giudiziario e solo in alcuni casi e in alcuni stati si occupa di espletare l'autopsia.L'autopsia non può essere effettuata prima che siano trascorse 24 ore dalla morte, così come recita l'articolo otto del regolamento di polizia mortuaria, salvo i casi previsti dal medesimo articolo (decapitazione o maciullamento) e dai successivi, ovvero nei casi in cui vi sia urgenza di avere una diagnosi: in tali casi è possibile sottoporre la Cadavere a un esame elettrocardiografico sotto osservazione di un operatore designato dalla Direzione Sanitaria, protratto per almeno 20 minuti consecutivi. Se l'esame si rivela esente da risposte di tipo elettrico, si può allora procedere all'attività settoria prima che siano trascorse 24 ore dalla morte. In Italia l'autopsia può essere richiesta dal medico curante che non abbia chiara la causa di morte, dalla Direzione sanitaria (ove la morte sia avvenuta in Ospedale, casa di cura, struttura sanitaria), dal Procuratore della Repubblica o dal Giudice secondo le disposizioni del Codice di procedura penale o dai familiari che si rivolgono a una di queste strutture.
Tipologia
Content:Esistono tre livelli di autopsia:@an0:corpo Le analisi di laboratorio successive, dopo prelievo e studio dei liquidi biologici (quali sangue, urina, bile, Corpo_vitreo, contenuto gastrico) o annessi (quali capelli, Pelo) o ancora di Tessuto_cartilagineo e frammenti dei singoli organi, possono prevedere Test tossicologico, Test microbiologico, Test istologico, Test citologico e Test genetico.
Scopi delle autopsie
Content:Uno scopo dell'autopsia è determinare la storia clinica e conseguentemente la causa della morte come ultimo nella concatenazione di eventi patologici. L'esame del cadavere può rivelare molte cose: l'ora della morte, le modalità. Inoltre tatuaggi e denti possono consentire di scoprire l'identità di uno sconosciuto.Anche se il motivo principale per effettuare un'autopsia è determinare la causa della morte, questa ha altri benefici:@an0:malattie genetiche@an0:ricerca In più, ci sono i benefici legali di indagine su omicidio, su sospetti omicidi, su morti inspiegate o sospette e sulle morti apparenti o quelle fetali (docimasia). Gli studi indicano, infatti, che anche quando la causa della morte è sembrata chiara, la persona in effetti ha avuto circostanze mediche che non erano visibili in vita.
Procedimento
Content:L'autopsia si compone di un esame esterno e di un esame interno.Con l'esame esterno si osservano gli indumenti, la presenza di lacerazioni dei tessuti o di imbrattamenti e si rileva ogni altro dato relativo a essi. Una volta spogliato il cadavere gli indumenti vengono osservati e studiati singolarmente. È importante documentare fotograficamente tutti questi passaggi. Si passa poi all'esame esterno della salma, che giace nuda sul tavolo settorio, che prevede la raccolta di dati inerenti alle caratteristiche somatiche generali, agli imbrattamenti sul corpo del cadavere, all'annotazione su un apposito modulo di ogni tipo di ferita o abrasione più o meno grave, a tutti gli elementi utili all'identificazione (i connotati cioè le caratteristiche somatiche normali e comuni alla specie umana come i capelli, i peli, le unghie, gli occhi; contrassegni e caratteristiche anomale, di ordine patologico come cicatrici o amputazioni, o di altra natura, come i tatuaggi), e infine si rilevano i fenomeni cadaverici.In taluni casi è opportuno far precedere la dissezione (anatomia) da radiografie del corpo o di parti dello stesso, per esempio per localizzare schegge o proiettili ritenuti ovvero rilevare lesioni ossee. Normalmente eseguita a freddo, l'autopsia, nel caso di trapianto, è effettuata in contemporanea al prelievo degli organi del donatore.File:Streptococcus pneumoniae meningitis, gross pathology 33 lores.jpg: @an0:corpo@an0:osso pubico@an0:faccia@an0:metodo di Rokitansky@an0:formalina@an0:vasi sanguigni Dopo segue l'Esame intraoperatorio dei pezzi più interessanti e l'eventuale Tossicologia forense.
Strumenti utilizzati
Content:La tecnica autoptica trova il suo primo regolamento italiano nella Circolare del 30 giugno 1910 del Ministro (Cesare Fani) di Grazia e Giustizia e dei Culti. In questa circolare è contenuta la procedura attraverso cui si espleta l'autopsia. Con il passare degli anni nuove procedure e tecnologia mediche hanno un po' rivoluzionato il processo autoptico, tanto che si sta discutendo e si è in parte prodotto recentemente un documento medico forense europeo sulla tecnica autoptica.@an0:chirurgo@an0:cesoie@an0:ossa@an0:malattia da prioni@an0:calotta cranica
L'autopsia nella Procedura Penale italiana
Content:Ai sensi dell'art. 116 delle Codice di procedura penale allorché dalla morte di una persona si profila un sospetto di reato il Procura della Repubblica accerta la causa della morte. Se necessario, il pubblico ministero dispone l'autopsia. Sotto il profilo giuridico l'accertamento autoptico potrà avvenire sotto due forme. Nel primo caso potrà trattarsi di un accertamento tecnico non ripetibile vale a dire di un accertamento del pubblico ministero avente un oggetto (in questo caso il cadavere) il cui stato è soggetto a modificazione (in questo caso, i putrefazione post mortem). In questo caso, ai sensi dell'art. 360 del codice di procedura penale il pubblico ministero avvisa senza ritardo l'indagato, la persona offesa dal reato e i loro difensori del giorno, dell'ora fissati per il conferimento dell'incarico e della facoltà di nominare Consulenza tecnica (processo civile)#Consulente_tecnico_di_parte.Questo è molto importante in quanto i summenzionati soggetti processuali potranno fin da quel momento aver voce nel procedimento, avere nozione dei dati medico legali attinenti al fatto di reato nonché, eventualmente, rassegnare delle osservazioni a mezzo dei consulenti tecnici. L'indagato può peraltro, prima del conferimento dell'incarico, formulare riserva di richiedere l'incidente probatorio. In tal caso il pubblico ministero dispone che non si proceda agli accertamenti, salvo che questi, se differiti, non possano essere più compiuti. Le summenzionate disposizioni assicurano un ampio esercizio del diritto alla difesa (sia dell'indagato che delle persona offesa) in Principio del contraddittorio e parità fra le parti.Ai sensi dell'art. 360 comma 5 del codice di procedura penale qualora il pubblico ministero abbia ordinato accertamenti tecnici malgrado la richiesta d'incidente probatorio formulata dall'indagato e in assenza delle condizioni d'urgenza di cui al quarto comma, i risultati di tali accertamenti non possono essere utilizzati nel dibattimento. Norma questa che opportunamente salvaguarda il diritto alla difesa e al Equo processo, sebbene non nella massima ampiezza, in quanto tali atti trovano ingresso nell'udienza preliminare e potrebbero assumere valenza di prova nel giudizio abbreviato. Ai sensi dell'art. 73 disposizioni di attuazione del codice di procedura penale il pubblico ministero deve, di regola, scegliere i propri consulenti tecnici fra le persone iscritte all'albo dei Perizia presso il Tribunale.
Voci correlate
Content:
Altri progetti
Content:
Collegamenti esterni
Content:Categoria:Anatomia patologica

Links

References

Enrique Simonet, olio su tela, 1904: corpoorganimortegrecofenomeni cadavericiRembrandt, olio su tela, 1632: saluteantica GreciaAlcmeone di Crotonenervo otticoSvetonioGiulio Cesareetà romanamedioevaleAndrea VesalioUniversità di ParigiIppocrateGalenoGiovan Battista MorgagniUniversità di Padovaanatomia patologicaAutopsia, di F.W. Guerin: anatomia patologicamedicina legalemedicotecnico forenseAnatomopatologomedicina legalecoronersopralluogo giudiziarioregolamento di polizia mortuariadecapitazionemaciullamentodiagnosisalmaesame elettrocardiograficoDirezione Sanitariamedico curantecausa della mortemorteregime ospedalierostruttura sanitariaProcuratore della RepubblicaCodice di procedura penalecorpotestasangueurinabileumor vitreocontenuto gastricocapellipelicartilaginitest tossicologicimicrobiologiciistologicicitologicigeneticimalattie geneticheistruzionericercaomicididocimasiadissezionetrapiantomeningite pneumococcicaFile:Streptococcus pneumoniae meningitis, gross pathology 33 lores.jpg: corpotavoloacciaioYspallasternosternoosso pubicoombelicofacciagabbia toracicaclavicolasternopiastra sternalemetodo di Rokitanskycervellomidollo spinaleformalinafecistomacovasi sanguigniesame istologicoesame tossicologicoCesare Faniforbicienterotomiaclamp vascolarecraniocervellocraniocervellochirurgobaseballcesoiepinzaossamalattia da prionicalotta cranicaossodisposizioni di attuazione del codice di procedura penaleprocuratore della repubblicapubblico ministeroaccertamento tecnico non ripetibilefenomeni putrefattivicodice di procedura penalepubblico ministeroindagatopersona offesaconsulenti tecniciincidente probatoriocontraddittoriogiusto processoudienza preliminaregiudizio abbreviatoperitiTribunaleAnatomia patologicaMedicina forenseCategoria:Anatomia patologicaCategoria:Medicina legale

Categories

wikitext-dom:<empty>